Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2019>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mensile
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
set11


11/09/2015 

Che l'Italia non sia il massimo in fatto di gestione, siano esse risorse o problemi, non lo dobbiamo certo venire a ricordare noi. Che il nostro Paese spesso, se non sempre, da ogni problema ne esce con una soluzione tampone per poi dopo anni rendersi conto che probabilmente le scelte fatte in passato hanno solo prodotto ulteriori complicazioni non lo dobbiamo sicuramente affermare noi.
Che il nostro Governo, qualsiasi esso sia, quando ci sia da prendere decisioni anche di un certo spessore debba scontrarsi con un manipolo di ultrà senza arte né parte lo vediamo in continuazione.
Il problema ungulati ne è un esempio eclatante!

La questione del cinghiale, ma oramai anche di caprioli e daini, è una costante che si ripete da anni nella Penisola italiana, una grana che tutti gli amministratori locali e statali conosco molto bene. Certo, la vittima di Cefalù ma anche i gravi incidenti stradali provocati dagli attraversamenti degli ungulati in questi ultimi mesi hanno portato (finalmente!) tutte le Regioni e il Governo a ritenere più che mai necessaria una presa di posizione improcrastinabile.

Giustamente gli Amministratori regionali hanno subito chiesto una più consistente presenza dei cacciatori al fine di produrre un maggior numero di abbattimenti e, soprattutto procedure più snelle per autorizzarne gli abbattimenti. Subito la risposta degli ultrà della domenica: no all'aumento del prelievo! Ci sono metodi meno cruenti tipo la sterilizzazione o il trappolamento.... Dove li sposterebbero questi cinghiali però nessuno lo sà.
E il Governo? Non è dato sapere, visto che abbiamo un Ministro dell'Ambiente che si preoccupa più di farsi scrivere dai suoi funzionari delle lettere per “costringere e terrorizzare ” gli Assessori alla caccia e i Presidenti delle Regioni per 10 giorni in meno di caccia a tordi e beccacce, un Ministro dell'Agricoltura mai pervenuto, un istituto come l'Ispra, che ricordiamo essere deputato ad indicare la migliore gestione della fauna selvatica in Italia, che pur conoscendo bene la questione si defila rilasciando dichiarazioni che poco o nulla servono a dipanare questa matassa, come da anni ci ha purtroppo oramai abituato.

Da cacciatori siamo abituati a questo tipo di situazione, sono oramai decenni che la caccia in Italia è in balia degli eventi, pilotati o meno, e oramai le AA.VV. passano più tempo nelle aule di Tribunale che a parlamentare di attività venatoria, sono anni che i calendari venatori si fanno attraverso gli organi giudiziari e non attraverso gli atti politici e la scienza.

Parliamoci subito chiaro: se qualcuno non vuole sentire le parole Parco, Demanio o Aree sottoposte a divieto di caccia è bene che smetta subito di leggere, ma si ricordi bene che così facendo fuggirà dal problema non affrontandolo di petto e rifiutando de facto che queste aree sono il vero zoccolo di rifugio degli ungulati.
Se analizziamo i dati degli abbattimenti di due Regioni possiamo vedere come nella stagione venatoria 2014/2015 in Liguria sono stati prelevati quasi 26.000 cinghiali e in Umbria circa 18.000. Al tempo stesso possiamo vedere come nei territori sottoposti alla caccia programmata suddivisa in distretti e settori gestiti dalle Squadre cinghialiste, i danni sono piuttosto contenuti o comunque la presenza dei selvatici durante le colture viene minimizzato grazie al pronto intervento dei cacciatori.

E allora il problema da dove viene? Sarebbe semplicistico senza spiegare il perché, soprattutto se detto dai cacciatori, addossare tutto il dilemma  ai Parchi e compagnia bella, ma se  consideriamo che il Territorio Agro Silvo Pastorale è sottoposto ad attività venatoria con prelievi di cinghiale con numeri piuttosto consistenti, cosa resta? E' logico che in quei luoghi dove la caccia è interdetta i selvatici trovano rifugio durante tutto l'arco dell'anno ed anche cibo a volontà, allo stesso tempo trai luoghi preclusi all'attività venatoria dobbiamo aggiungere anche aree dove la caccia è permessa come le Aziende Faunistico Venatorie e le Agro Turistico Venatorie, così come le Zone di Ripopolamento e Cattura le quali al loro interno non prevedono la specie cinghiale.

Gli Amministratori centrali e, soprattutto, l'Ispra dovrebbero a questo punto assumersi le proprie responsabilità e avere il coraggio di prendere il toro per le corna: parlare di attività di prelievo all'interno delle sopracitate aree non deve essere un tabù, ma una oggettiva necessità per far fronte ad un evento di carattere eccezionale. Tra le altre cose dobbiamo anche aggiungere che l'Italia rappresenta probabilmente l'unico Stato al mondo in cui la gestione della Fauna all'interno di Parchi & C. è praticamente impossibile se non qualche abbattimento in selezione che non intacca minimamente lo zoccolo duro della specie.

La caccia di selezione all'interno di queste strutture non è una soluzione soddisfacente, come dimostrano i risultati e, soprattutto i danni prodotti all'agricoltura. Non diciamo neanche che una braccata all'interno di un territorio protetto sia una soluzione praticabile, ma piuttosto una girata con un numero contenuto di cani e cacciatori potrebbe essere una via praticabile e con basso impatto dal punto di vista del disturbo verso altre delicate specie.

Non possiamo neanche restare che basiti difronte alla sterilità con cui le Associazioni agricole stanno affrontando il problema: anziché chiedere a gran voce la soluzione della questione attraverso il riconoscimento che i maggiori danni ai terreni coltivati avvengono laddove sono presenti aree interdette all'attività venatoria si accaniscono contro il cacciatore stesso. Ne è un esempio a dir poco comico la Copagri abruzzese per bocca del suo Presidente Camillo D'amico, il quale attacca duramente la scelta effettuata dai cacciatori di cinghiale del Vastese con capofila il nostro grandissimo Presidente Regionale ANLC Antonio Campitelli. La caccia al cinghiale in questa Regione è stata praticamente estinta da un Assessore regionale che ha portato avanti un disciplinare con mille cavilli e restrizioni che di fatto renderebbe impossibile effettuare una braccata degna di questo nome. Cosa fa la Copagri? Piuttosto che essere solidale con i cacciatori li attacca duramente andando anche oltre, affermando che per il cacciatore l'attività venatoria è “solo” una semplice passione che rispettano, loro, ma per gli agricoltori la loro attività è fonte di reddito. Ovvio che il discorso non fa una piega, nessuno vuol disconoscere che l'agricoltore è il nostro primo interlocutore e benefattore ma fra “amici” ci si aiuta e non si tirano pugnalate alle spalle. Vorremmo ricordare al Presidente di Copagri che la caccia è una CONCESSIONE GOVERATIVA, quindi se vogliono i cacciatori possono CONCEDERSI se scegliere di andare a svolgere la propria passione o no!

Siamo fieri del nostro Presidente Regionale ANLC Antonio Campitelli per questa sua grandissima iniziativa, così come siamo felicissimi che nei blog e nei social network tantissimi selecontrollori si sono dichiarati fuori da un eventuale chiamata ad effettuare abbattimenti in Abruzzo qualora la Regione decidesse di aprire le porte ad estranei per effettuare abbattimenti. Fin quando non si prenderà coscienza che per arginare questa grana bisognerà intervenire anche nelle aree sottoposte a vincolo, il cinghiale così come altri ungulati, la situazione non farà altro che peggiorare.

E gli ambientalisti? Per gli “amici dell'ambiente” (?), la caccia ovviamente non è la soluzione, ma anzi la caccia è il problema dell'aumento del cinghiale. Secondo loro i cacciatori immettono cinghiali in continuazione e soprattutto l'attività venatoria effettuata senza regole come quella per cervidi e bovidi a destrutturato i branchi e quindi costretto le femmine a spostarsi e implementare così ulteriori comunità di suini. Quanto sopra esposto la dice lunga sulla conoscenza della fauna dalle sedicenti Associazioni Ambientaliste, così come non possiamo che restare basiti dai “sedicenti professori” dell'ultima che forti del loro pezzo di carta, hanno gettato all'opinione pubblica verità e soluzioni che neanche il più ignorante degli italiani avrebbe pensato.

Se la caccia non è la soluzione ma il problema bene, ne prendiamo atto. Se per diminuire il numero dei cinghiali l'attività venatoria non è il sistema migliore perfetto, ce ne faremo una ragione. Qualcuno ha detto che ci vuole l'esercito? L'Aviazione? Il Genio civile? Tutto condivisibile....
Ma quando la protesta iniziata dal Presidente Regionale Campitelli nel Vastese si estenderà, e state certi che succederà se non cambieranno le cose, ad altre realtà territoriali i cacciatori questa volta dovranno fare veramente quadrato: niente caccia al cinghiale!!! Che la risolvessero i politici, gli ambientalisti e i “professoroni”.

Concludiamo comunicando a quanti ci leggeranno che questo sarà il primo di alcuni articoli che usciranno per mano dell'Ufficio Tecnico Legislativo ANLC. Articoli che mireranno a portare notizie e informazioni, ma soprattutto quelle verità che i cacciatori DEVONO necessariamente sapere: dal Decreto Galletti al nostro ricorso al Tar in attesa di fissazione dell'udienza, dalla Procedura Eu-Pilot ancora VOLUTAMENTE tenuta aperta dal Ministero dell'Ambiente all'Ispra,  dalle novità e i futuri sviluppi per la caccia in Italia alla questione richiami vivi e deroghe.
Tanta carne al fuoco c'è e, soprattutto tante scomode notizie da troppo tempo sottaciute al mondo venatorio e non solo.


Luca Stincardini
Ufficio Tecnico Legisla Fauna Selvatica - ANLC
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.78.212
Aggiungi un commento  Annulla 

6 commenti finora...

Re: CINGHIALE, SCOMODE VERITA'

Ho sbagliato blog..scusate...

da Marco Firenze  13/09/2015

Re: CINGHIALE, SCOMODE VERITA'

Una domanda fra meccanici: devo far integrare del metallo in una area ristretta di circa 1,3 x 0.4 mm e pensavo alle saldatrici laser di precisione, viso che non alterano il trattamento termico circostante alla sadatura, oltre ad integrare proprio il metallo con le stesse caratteristiche fisico-chimiche. La saldatura laser è un campo che manca alla mia esperinza, non è che hai avuto esperienza in merito? Se sì sai dove andare qui in Toscana, perchè io ho trovato solo su Milano ed in Emila Romagna. Grazie, Marco
P.S. MI è venuto in mente prchè ho letto della saldatura del castello dell'HK...la saldatura laser sarebbe perfetta...ho visto quel che può fare e sono rimasto sbalordito (si trattava di un restauro sul bronzo e visto che sono curioso, chiedendo agli addetti mi hanno detto che si può fare per qualunque metallo)

da Marco Firenze x Marco Benecchi  13/09/2015

Re: CINGHIALE, SCOMODE VERITA'

ettore1158, se si guarda ai parchi da un' altra ottica, cioe' non dall' ottica di semplice cacciatore, si spiega molto facilmente: arrestare l' abusivismo e lo sfruttamento selvaggio del territorio. Non e' un caso che siano proprio le zone piu' afflitte da questi problemi ad avere piu' parchi (in termini di percentuale della superficie totale). Per cui si fa di tutto per tenere certe irregolarita' ben insabbiate.....
Purtroppo i problemi, a mio avviso, hanno a che fare con le diminsioni solo in mod marginale. Sono la superficialita', l' ignoranza, la cattiva gestione ed il magna-magna tipico degli italiani che hanno causato il loro fallimento.

da Flagg  12/09/2015

Re: CINGHIALE, SCOMODE VERITA'

Perfettamente d'accordo con l'articolo in questione,pero' secondo me andava aggiunta una cosa per quanto riguarda i parchi: ci si e' dimenticati di dire che in tutte le regioni i parchi sono oltre la soglia che la legge prescrive e questo si aggiunge al problema stesso di cui si parlava.Se i parchi fossero stati istituiti nelle giuste dimensioni per legge, sicuramente i problemi sarebbero almeno minori perche' l'opera di noi cacciatori sarebbe andata ad intaccare anche quelle aree che oggi sono in surplus.Permettetemi un ultima cosa ; come mai non c'e' mai stata una indagine penale sul problema percentuale parchi?c'e' qualcuno che voglia rispondermi? grazie e un saluto.

da ettore1158  12/09/2015

Re: CINGHIALE, SCOMODE VERITA'

Mi spiace ma molte volte sono anche i cinghialai il problema dato che si oppongono a prescindere ad iniziative di controllo. Tipicamente, loro vogliono tutto per se' e solo durante la stagione venatoria. Le Aziende Faunisitche pure hanno le loro colpe perche' qualche volta i cinighiali che hanno in esubero nei loro recinti li rilasciano senza permesso eccome. Inoltre quello che non si dice mai e' che la caccia in battuta come si pratica oggi (ovvero veri e propri eserciti) e' di forte disturbo sia per il resto della fauna che per gli altri cacciatori non interessati al cinghiale che non sono di certo una minoranza. Non va assolutamente bene che le squadre debbano avere dei territori, sulla carta LIBERI, assegnati dove di fatto possono andare solo loro quando tutti gli altri PAGANO esattamente le stesse tasse. Bisogna assolutamente ritornare indietro di 30 anni quando il cinghiale era ben presente ma solo nelle aree veramente vocate ma non NOCIVO, c' erano meno boschi e piu' agricoltura e le squadre erano di meno e piu' piccole (tutti amici) perche' si praticava per passione e non per la ciccia e/o il "gusto" di sparacchiare. Quella era La caccia al cinghiale non le sparatorie di oggi.

da Flagg  11/09/2015

Re: CINGHIALE, SCOMODE VERITA'

Ah, l'ufficio legislativo che diramava comunicati invitando a prendere spunto dalle linee guida della Federcaccia?

da Renzo M.  11/09/2015
Cerca nel Blog
Lista dei Blog