Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2019>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mensile
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ago17


17/08/2015 

ANLC Siena critica ProvinciaDiciamolo subito, senza giri di parole, dove gli animalisti/ambientalisti gestiscono i territori la gente muore!

Il caso di Cefalù è emblematico, un Parco regionale (quello delle Madonie) che vede nel Comitato tecnico-scientifico i rappresentanti delle associazioni ambientaliste come Italia Nostra, WWF, Legambiente, CAI, Lipu e altri, non riesce a gestire la fauna selvatica e ci scappa il morto.

In questa vicenda cade anche una leggenda tanto cara agli ambientalisti, quella della introduzione di cinghiali nei boschi da parte dei cacciatori; no cari signori, i cinghiali si riproducono perchè manca il controllo della specie, sempre più zone campestri vengono abbandonate sia dagli agricoltori che dagli allevatori e non vengono più gestite.

Anche in Toscana, la mia terra, conosciamo bene l'emergenza ungulati che è presente ormai da alcuni anni, tanto da far registrare incidenti mortali o con feriti gravi e perfino una tragedia sfiorata con un treno che, nel mio Comune di Massarosa, ha travolto sui binari un branco di cinghiali con il rischio di deragliare.

Le istituzioni preposte (Provincia e Regione) non prendono provvedimenti incisivi per risolvere il problema.
Da cacciatore Doc del cinghiale mi sento di poter fare delle proposte per la soluzione del problema, sia dal punto di vista pratico che da quello regolamentare.
Ci sono tre modalità di intervento oggi in Toscana:
1) la caccia in battuta al cinghiale durante la stagione venatoria
2) la caccia di selezione al cinghiale avviata in alcune province
3) le operazioni di controllo straordinario autorizzate dalle Province alla presenza di guardie venatorie

Il modello attualmente in vigore in Toscana non è più al passo coi tempi perché non è più tollerabile che a pagare i danni degli ungulati siano gli Atc con i soldi anche di chi pratica altre forme di caccia come la stanziale e la migratoria, che dovrebbero avere fondi a loro destinati per migliorare l'habitat dove si deve riprodurre la selvaggina stanziale e sostare quella migratoria.

La caccia di selezione al cinghiale è uno strumento aggiuntivo che va potenziato e applicato su tutto il territorio regionale in maniera uniforme e continuativa, ma di per se inutile ad incidere sui grandi numeri di cui stiamo parlando. Diventerà un valido strumento quando le popolazioni saranno riportate ad una consistenza accettabile.

Le operazioni di controllo straordinario autorizzate dalle province sono un'arma spuntata. Questo tipo di interventi vengono richiesti per problemi di danni alle coltivazioni agricole ma anche per garantire la sicurezza pubblica, ma le modalità sono inadeguate. L'Ispra (l'organo tecnico scientifico del Ministero dell'Ambiente) che deve rilasciare il parere positivo sulle modalità di intervento anche al di fuori dal periodo di caccia tradizionale (ottobre-dicembre o novembre-gennaio) permette sistematicamente il fallimento di tali operazioni con limitazioni assurde e prive di fondamento pratico e scientifico, diventando responsabile diretta delle conseguenze a volte fatali delle proprie decisioni; per questo da molti anni chiediamo la chiusura di questo ente inutile e la creazione di centri di studio regionali che possano rispondere in tempi brevi e con conoscenza approfondita del territorio, alle richieste di intervento straordinarie. Se in una data area molto circoscritta (anche all'interno delle famose zone di ripopolamento e cattura della fauna nobile come fagiano e lepre) si presenta un allarme cinghiali o altri ungulati, noi proponiamo che sia il Sindaco che la Provincia, la Regione o l’ATC  possano intervenire nel giro di 24 ore con l'umica modalità che da sempre offre i maggiori risultati in termini di abbattimento: la caccia in battuta al cinghiale.

Le battute dovranno essere ovviamente segnalate ai cittadini e sorvegliate/coordinate dalle forze dell'ordine (Vigli urbani, Polizia provinciale, Carabinieri, Polizia di Stato ect ect) ed effettuate nei modi e nei tempi tali da garantire sia la massima sicurezza di chi vi partecipa o si trova nelle immediate vicinanze, sia l'ottenimento del risultato, cioè quello di rimuovere il problema.

Porteremo avanti queste proposte in ogni sede preposta a prendere le decisioni, sia a livello locale che nazionale, in particolar modo nella mia Regione (ma anche nel resto d'Italia) siamo alla vigilia della completa rivisitazione dei regolamenti sulla caccia a fronte del passaggio di competenze dalle Province alle Regioni, per cui cercheremo di ridisegnare un modello che porti ancora una volta la Toscana in prima fila sulla gestione della fauna selvatica come lo è stata per tanti anni, un esempio da seguire per le altre regioni italiane.

Con le ricette dei sedicenti amici degli animali non si va da nessuna parte, anzi certi animali privi di controllo diventano assassini ingenerando nella opinione pubblica la falsa idea che vogliano solo uccidere, mentre invece stanno solo seguendo il proprio istinto selvatico.

Ci chiamiamo Libera Caccia ma come potete leggere le nostre sono proposte serie e responsabili e soprattutto che affrontano il problema per risolverlo e non per far si che rimanga tale e quale, permettendo ad alcuni soggetti di lucrarci sopra, proprio come avviene per l'emergenza immigrati dove alcune cooperative si augurano che arrivino in Italia sempre più disperati, così nella caccia ci sono soggetti che si sfregano le mani vedendo esplodere l'emergenza ungulati.


Sisto Dati 
Vice Presidente Nazionale Libera Caccia

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.159
Aggiungi un commento  Annulla 

2 commenti finora...

Re: Emergenza Cinghiali: a rischio la vita umana. Le proposte di Libera Caccia

IL VERO PROBLEMA È CHE I CACCIATORI AUTORIZZATI AD ABBATTERE CINGHIALI SONO MOLTI MENO DI QUELLI AUTORIZZATI AD ABBATTERE.....ALLODOLE!! LA VERA SOLUZIONE STA NELLA LIBERALIZZAZIONE DELLA CACCIA AL CINGHIALE NELLA ABOLIZIONE DEI DISTRETTI (RISERVETTE) DI CACCIA AK CINGHIALE...SI RENDA IL CINGHIALE CACCIABILE DA TUTTI I CACCIATORI E GLI SI DIA LO STESSO CALENDARIO DI CORNACCHIA E ALTRI CORVIDI!! LE SQUADRE HANNO FALLITO, PASTURANO GLI ANIMALI LI LASCIANO PER GLI ANNI FUTURI E SONO CACCIATORI TROPPO VECCHI! Le SQUADRE SONO IL PROBLEMA NON LA SOLUZIONE!!

da Tito Speri  18/08/2015

Re: Emergenza Cinghiali: a rischio la vita umana. Le proposte di Libera Caccia

Se la situazione ungulati è grave la colpa è anche di leggi e regolamenti infami stabiliti in perfetta malafede e al solo scopo di nuocere. Le nefandezze sono scritte nero su bianco e quindi sono perseguibili.
Fino a quando gli amministratori non verranno puniti in modo esemplare non cambierà mai nulla.

da Arrabbiato 63  17/08/2015
Cerca nel Blog
Lista dei Blog