Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ago14


14/08/2015 

fidc campaniaLa nuova stagione venatoria è ormai alle porte e, come un rituale, si moltiplicano sui blogs lamentele, proteste, commenti e comunicati di varia natura con allusioni ed affermazioni gratuite e, in taluni casi, sibilline, che sarebbe stato meglio risparmiarsi.

Appare strano che nel mentre viene deliberato il calendario regionale 2015-16, documento che Federcaccia ha condiviso responsabilmente nella sua struttura globale, stante anche una situazione di assenza di un interlocutore politico di settore (la nuova giunta regionale si è insediata solo a metà luglio) e la carenza sui dati sui carnieri, taluni, piuttosto che interrogarsi sulle cause dello status della caccia in Campania, non hanno trovato di meglio che inventarsi capi espiatori di scelte condivise.

È pur vero che Federcaccia non ha condiviso e non condivide la scelta di sottrarre specie dall’elenco di quelle cacciabili né la riduzione e diversificazione di periodi di caccia per talune specie migratrici, senza che vi siano specifiche ed acclarate motivazioni scientifiche a sostegno dello status di disagio e sofferenza della/e specie, tali da giustificarne la sospensione ovvero la riduzione del periodo di prelievo. Perplessità abbiamo espresso altresì sull’obbligo di annotare sul tesserino regionale, subito dopo il recupero del capo abbattuto, anche l’avifauna migratoria. Pur tuttavia, ancora una volta responsabilmente, abbiamo convenuto con l’ufficio e con altre associazioni presenti al tavolo, la necessità di tale obbligo, non perché fossimo certi che una semplice prescrizione ci consentisse di avere “tout court” i dati degli abbattimenti, ma unicamente perché la Regione potesse rispondere alla nota “EU PILOT” della commissione europea, offrendo altresì un elemento giustificativo, si fa per dire, a sostegno della scarsità dei dati sui carnieri.

In futuro e fin da oggi ci adopereremo con tutte le nostre risorse a che i cacciatori, piuttosto che esprimere unicamente critiche e condanne, provvedano ad osservare norme e comportamenti, registrando tra l’altro i capi abbattuti sul tesserino regionale, il che al di là di un atto dovuto ed in mancanza sanzionabile, rappresenta un servizio che ciascuno rende a se stesso ed a quelli che vivono la sua stessa passione. Nello stesso tempo lavoreremo perché attraverso studi, ricerche ed azioni di monitoraggio delle specie presenti sul territorio siano rispettati i tempi di prelievo previsti dalla Legge 157/92, sottolineando in ogni caso l’anomalia oggi esistente dei Key Concepts Italiani, palesemente restrittivi nel confronto con paesi omogenei dell’areale geografico mediterraneo, come la Spagna e la Francia, ove il prelievo delle specie beccaccia, tordo e cesena è consentito fino al 20 Febbraio.

Ci avvarremo altresì degli studi e ricerche messi in campo con dedizione, sacrificio e competenza dall’ufficio avifauna migratoria della Federcaccia, che hanno già portato a significativi ed interessanti risultati. La pubblicazione sulla rivista scientifica internazionale “The Ring” degli studi e ricerche effettuate sulla migrazione prenuziale del tordo bottaccio nella regione Lazio, lo studio della specie allodola in Campania, curato dal Dottor Scebba e pubblicato recentemente sulla rivista di ornitologia “Ringing and the migration”, quello di prossima pubblicazione sulla fenologia e migrazione prenuziale della beccaccia, che grazie all’uso di un microtrasmettitore satellitare ha offerto dati, per certi aspetti, sensazionali, impensabili solo qualche anno fa, rappresentano solo l’inizio di un futuro diverso della caccia, fondato sempre più sull’inscindibile binomio di Scienza e Conoscenza.

Nello stesso tempo auspichiamo un sereno confronto con il nuovo governo regionale della Campania per metter a fuoco, unitamente alla unità operativa regionale di riferimento, norme e regolamenti da riscrivere o emendare, eliminando tutte le storture in essi presenti. Federcaccia non avverte affatto “il limite o il peso di essere la più vecchia e datata tra le associazioni venatorie esistenti”, come va affermando qualche illustre personaggio di altra associazione, chiedendone altresì lo scioglimento, anzi essa è orgogliosa e fiera della sua storia, della sua cultura, della sua vetustà, delle sue tradizioni, consapevole del proprio ruolo e, per questo, impegnata in prima linea a realizzare un coinvolgimento unitario di tutte le associazioni venatorie riconosciute e presenti in Campania, tale da creare sinergia operativa e programmi comuni e condivisi, capaci di dare forza e sostegno scientifico alle idee messe in campo, nel confronto con le Istituzioni e con il mondo agricolo ed ambientalista.

Purtroppo fino ad oggi è prevalso spesso il conflitto piuttosto che l’incontro, il sotterfugio piuttosto che la lealtà, il personalismo piuttosto che il lavoro comune, il che sicuramente non ha giovato alla nostra causa, tant’è che idee e proposte, pur valide e significative, sono state talora ingiustamente ed inopinatamente contrastate e disattese.

Siamo pronti a recepire tutte le critiche ed i suggerimenti che provengono dalla base dei cacciatori e non solo, purché siamo improntati alla correttezza ed al buon senso; siamo pronti altresì a farci da parte, se è il caso, in presenza di chi meglio e più di noi sa interpretare il futuro della caccia, ricordando però, prima a noi stessi, e poi a quelli che con noi condividono la passione per la caccia, che delegare è facile, ma questo non ci esime affatto dall’offrire tutta la collaborazione e la cooperazione necessaria a dimostrare alla società intera che il nostro mondo è una realtà che non solo chiede, ma attua e realizza interventi di gestione e rispetta responsabilmente le prescrizioni previste.

A TUTTI I MEMBROTTI DELLA CAMPANIA E NON SOLO, “IN BOCCA AL LUPO” PER LA PROSSIMA STAGIONE VENATORIA!


Federcaccia Campania

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.62.70
Aggiungi un commento  Annulla 

5 commenti finora...

Re: E’ tempo di apertura e… di riflessioni

Caro jamesin da una pianta di patate non nascerà mai un'anguria. Capisci a me

da ciao  16/08/2015

Re: E’ tempo di apertura e… di riflessioni

Io mi rivolgo alla figlia della Fidc non alla mamma ! Anche se la mamma dovrebbe insegnare l'educazione ai figli... O no ! Ciao, ciao

da jamesin  16/08/2015

Re: E’ tempo di apertura e… di riflessioni

jamesin a mamma fidc non si risponde male e non la si maltratta. Cordialità

da Ciao  15/08/2015

Re: E’ tempo di apertura e… di riflessioni

"siamo pronti altresi a farci da parte"......ecco,finalmente avete individuato la soluzione...Bravi

da ilgermano56  14/08/2015

Re: E’ tempo di apertura e… di riflessioni

... siamo pronti altresì a farci da parte, se è il caso, in presenza di chi meglio e più di noi sa interpretare il futuro della caccia------ Ma questa cosa sarebbe, una provocazione ? Ecco... Visto che siete già disposti, a mio modesto avviso non sarebbe-meglio che vi faceste gentilmente da parte e non solo voi ? A mio modesto avviso. i sostituti peggio di così non possono fare a interpretare il futuro della caccia . Mi piacerebbe sapere poi cosa sta a significare interpretare il futuro della caccia visto ogni anno le restrizioni che ci si affibia. Ma vi siete resi conto in Campania ed in special modo in provincia di Salerno come siamo messi ? Oltretutto tanto per dirne una, avete permesso che Natura 2000 abbia fatto un calendario venatorio tutto proprio che oltre a permettere divieti che nella 157 sono inesistenti ha anche istituito ZPS e sic al di fuori dei parchi, sempre in provincia di Salerno, prendendosi il poco territorio montano rimastoci. E cosa poi si crede di salvare mettendo in queste aree ZPS e SIC la caccia fino alle ore 12 ? Io per questa gestione, a caccia non ci posso più andare, perche per quasi 18 anni dopo la legge 394 sui parchi hanno permesso di cacciare nelle aree contigue ! Da tre anni a questa parte a qualcuno è venuto in mente che esistevano le aree contigue al parco del cilento e le hanno vietate ai non residenti in queste aree, che sono andate a sommarsi all’immenso territorio vietato dal parco e con la buona pace di tutti e con tutti i cinghiali che si stanno moltiplicando, permettendo una discriminazione tra cacciatori della stessa provincia ! Per questo il cacciatore Salernitano e costretto (se ha soldi da spendere) ad andare fuori provincia, e vi sembra una cosa fatta bene ? Ma avete mai visto la cartografia delle aree protette sul sito CampaniaCaccia ? Siete padroni comunque di restare al vostro posto e lo sapete benissimo, ma andate a contarvi le tessere che fate ogni anno. Chiedo venia per aver detto quello che quasi tutti i cacciatori Campani e Salernitani vocificano per strada e nei bar. Un cordiale saluto

da jamesin  14/08/2015
Cerca nel Blog
Lista dei Blog