Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<gennaio 2021>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
giu15


15/06/2015 

Da un po' di tempo seguo sui social, il dibattito relativo alla promozione, tra i banchi di scuola, della cultura riferita alla caccia ed alla gestione faunistica. Tra i contro, c’è chi sostiene  che ai bambini non si possa in alcun modo parlare di morte o uccisione di un animale, che la cosa li turberebbe a tal punto da dover far passar loro, interi pomeriggi in compagnia di uno psicologo, e…. chi più ne ha più ne metta!

Io personalmente, sono fermamente convinta, invece, che parlare di gestione faunistico ambientale e conseguente prelievo venatorio, non e’ e non deve esprimere solamente il concetto di abbattimento di un animale (che e’ invece diretta conseguenza di una attenta  gestione delle popolazioni e dell’ambiente, svolta di fatto dai cacciatori), bensi’ quello di trasmettere la conoscenza delle specie selvatiche presenti sul territorio, della loro biologia, i rapporti che le legano all’uomo e della gestione delle medesime e del loro habitat, attuata anche per mezzo del prelievo venatorio!

I ragazzi di oggi sono di fatto sempre più distanti da quella cultura rurale, a volte dura ma ricca di valori e di concretezza, che ha caratterizzato la nostra generazione. Lo stesso si puo' dire per la conoscenza, anche se non precisa, che tutti noi avevamo della fauna selvatica, essendo in grado di riconoscere perlomeno il passero e il merlo. In classe, a scuola, si parlava tranquillamente di animali, nidi visti, fionde del nonno, battute di pesca che i ragazzi organizzavano il sabato per la domenica mattina. Oggigiorno invece è spesso la stessa scuola (o meglio alcuni insegnanti) che indirizza l’istruzione sull’argomento, inprontata ad un pensiero comune, basato unicamente sul rispetto e sull’amore nei confronti della natura e degli animali, ma mai si parla della concreta gestione dei medesimi perché di fatto non si conosce…nulla sull’argomento!
 
E quindi può succedere che il bambino che ha un padre o un nonno che vanno a caccia, debba sentirsi dire dal suo insegnante che sono degli assassini! Sarebbe questa una buona educazione? Il vero cacciatore ha un rapporto di rispetto con la natura e con gli animali, una conoscenza profonda e costante dell'ambiente che frequenta - magari da decenni -, non e' un torturatore ne' assassino ma ha un ruolo gestionale sempre piu' importante e condiviso. Proviamo a dialogare senza preconcetti o presunzioni di sorta, oppure la tolleranza delle diversità e' un valore valido solo per alcuni argomenti? Per questo motivo mi piacerebbe riuscire ad organizzare e promuovere, con l’aiuto dell’Associazione che rappresento, delle giornate informative presso le classi delle scuole elementari e medie della Provincia di Treviso, iniziativa poi da diffondere, con l’aiuto di soci volontari o professionisti che ne abbiano volontà e capacità.
 
Concludo portando l’esempio della giornata del 20 giugno prossimo, organizzata nella Riserva alpina di Sernaglia della Battaglia, presso il centro addestramento cani Brait, dove si svolgera' una festa per i ragazzini del paese e dintorni, alla quale parteciperanno i figli dei cacciatori ed i loro amici. Meglio forse trascinarli una giornata al centro commerciale a rompersi le scatole o sottoporli a tre ore di macchina con le cuffiette e un super telefonino che tiene loro compagnia mentre genitori distratti o preoccupati li tengono "sedati"?


Wilma Vettorel
Presidente Sezione ARCICaccia - Mareno di Piave

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.68.65.124
Aggiungi un commento  Annulla 

4 commenti finora...

Re: La gestione ambientale ed il prelievo venatorio: perchè non li portiamo a scuola?

Bisogna mangiare piu' carne alla brace troppe verdure fanno male sono piene di nitrati

da Hensyret  30/07/2015

Re: La gestione ambientale ed il prelievo venatorio: perchè non li portiamo a scuola?

Forse sarebbe meglio e utile essere piu' precisi chiedendo che su questo articolo(lo faccio io ma solo pro forma perche' credo in pochi potranno o sapranno rispondere)commentino gli insegnanti o chi ne conosca da vicino qualcuno per sapere cosa accadrebbe a quel docente(preciso che,oviamente non e' il mio caso) che,favorevole all'attivita' venatoria, la volesse portare a conoscenza, con tutto il contesto sull'ambiente,ai propri allievi.Si tornerebbe di colpo ad una inquisizione con annesso rogo.Ne ho la certezza;la nostra e' la societa' del ".. ne sono certo perche' l'hanno detto a Forum";esposti al ministero PU,raccolte firme ecc...

da Pietro 2  17/06/2015

Re: La gestione ambientale ed il prelievo venatorio: perchè non li portiamo a scuola?

Grande Marco.Infinite colpe alla sinistra per questa tragica deriva culturale.
convengo in toto per quanto dici.
E siccome dall'altro lato vi è men che nulla ..........

da massi  16/06/2015

Re: La gestione ambientale ed il prelievo venatorio: perchè non li portiamo a scuola?

No meglio sparare in un giochino virtuale ai talebani, co opzione sulle armi atomiche nel caso si mettese male, ma al fagiano no proprio no!!!!!!

da Annibale  15/06/2015
Cerca nel Blog
Lista dei Blog