Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<giugno 2020>
lunmarmergiovensabdom
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293012345
Mensile
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
giu11


11/06/2015 10.50 

Si comincia dalla passeggiata al guinzaglio e generalmente si passa a quella dietro la bicicletta. Attenzione però perché al cane fa male se lo farete passeggiare sull’asfalto. Ovviamente fino a che i polpastrelli non saranno ben assuefatti. In genere, infatti, il cane dorme in posti ristretti e ha pochi metri quadrati per passeggiare e correre in un giardino o un cortile. I suoi polpastrelli saranno delicati e teneri, la ruvidezza dell’asfalto si comporterebbe come una lima sul ferro. Va quindi portato prima su terreni soffici e poi spostato gradualmente anche su piste o strade asfaltate.
 
Quando si dovesse verificare un episodio di quelli sopra descritti raccomando di fare al cane un pediluvio prolungato per dieci minuti con acqua in cui sia stato versato abbondante sale grosso da cucina e un cucchiaio di aceto di vino. Sono rimedi antichi ma funzionano benissimo. Ovviamente si può anche usare una buona pomata consigliata dal medico ma provate per una settimana e anche più il pediluvio due tre volte al giorno.
 
Messo il cane in condizione di correre non vi sembrerà vero di portarlo in campagna per liberarlo finalmente sul suo terreno di lavoro. Per arrivarci però si dovrebbe trasportarlo ma lui non è mai stato caricato in un’automobile o un furgone. Partendo da una situazione del genere s’incontrerebbe in sicure resistenze, depressione e spesso anche reazioni come vomito o diarrea. La paura di una cosa sconosciuta ne combina di tutti i colori fino a terrorizzare. Allora perché non attuiamo una pianificazione di questa necessità? La cosa migliore è costruire esperienze progressive.
 
Dai quattro mesi in poi mettetelo nella gabbia che dovrà trasportarlo assieme ad un soggetto adulto. Chiudete il cancelletto e lasciatelo lì in attesa. La vicinanza del compagno adulto lo rassicurerà e, probabilmente, non manderà guaiti o latrati. In seguito mettete la gabbia in auto, raccomando di lasciare lo sportello aperto in modo che possa vedervi girellare intorno e non sentirsi abbandonato in una prigione. Dopo due o tre volte cominciate a chiudere lo sportello e allontanatevi tornando dopo dieci minuti. Fate attenzione alla sua reazione.
 
Se dovesse essere manifestamente triste o spaventato continuate la lezione a portello aperto e in seguito richiudetelo assieme al suo compagno di viaggio. In pochi giorni, salvo comportamenti anomali, vedrete che lui vi accoglierà festosamente, liberatelo e fategli tante feste e carezze. Questo sarà il momento di procedere oltre. La prossima volta chiudetelo e mettete in moto l’auto ma non spostatevi. Lasciatelo dentro a sentire il rumore dell’auto, potete anche suonare il clacson  o aprire e chiudere uno sportello. Sono tutte esperienze che lui deve fare perché si renda  conto che da questo non gli verrà alcun male.
 
Superato quest’altro esame potete cominciare a muovere l’auto per un breve tragitto. Fermatevi e controllate le reazioni. Procedete se tutto fila liscio. Portatelo in un campo dove sarà liberato per fargli capire che il viaggio serve a portarlo in un luogo di divertimento e svago. Caso mai dovesse sbavare o vomitare attendete e ricominciate da capo. Vorrà dire che il cane ha un temperamento ansioso o nervoso. Preparatevi ad avere pazienza ma non cambiate tipo di addestramento. Col tempo vedrete che lui supererà ogni timore e si adatterà sperando e pensando che la gita è finalizzata alla sua libertà nel campo dove potrà sfogarsi liberamente. Consiglio di portare sempre una bacinella e una tanica d’acqua nell’auto o furgone che usate. L’acqua, specie in autunno/inverno, si potrebbe trovare anche nelle vicinanze ma sapere che vicino all’auto lui sarà rifocillato e dissetato contribuirà molto a cementare i vostri vincoli di amicizia e fiducia. Insomma la sua seconda casa dovrà essere il furgone.
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.62.16
Aggiungi un commento  Annulla 

Cerca nel Blog
Lista dei Blog