Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<gennaio 2021>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
feb3


03/02/2015 17.21 

Con il presente parere ci occuperemo di un tema molto importante  e per far ciò utilizzeremo la sentenza della Corte di Cassazione  n. 12948  del 2013.

La predetta sentenza è davvero interessante perché ci permette di   cogliere in maniera chiara le responsabilità del cacciatore durante l’esercizio venatorio.

Quando ci rechiamo a caccia il primo insegnamento da onorare e far onorare  è la prudenza.

E’ evidente che la nostra amata passione si esercita soprattutto con un’ arma da fuoco e non v’è chi non veda come l’arma vada sempre maneggiata con estrema cautela.

Tale semplice norma di buon senso va sempre rispettata perché nessuno deve essere MAI sicuro della propria abilità nel maneggiare le armi.

Gli incidenti purtroppo sono possibili e la giurisprudenza proprio per la peculiarità dell’esercizio venatorio non è particolarmente clemente.

A riprova di ciò ho deciso di affrontare l’argomento che ci occupa richiamando una recente sentenza che affronta in maniera chiara ed esaustiva quanto affermato precedentemente.  
Un cacciatore di Cagliari è stato condannato alla pena di 6 mesi di reclusione per il reato di omicidio colposo perché durante una battuta di caccia inavvertitamente  ha colpito un suo compagno di caccia con un colpo di fucile ferendolo mortalmente.

Avverso tale sentenza, a mezzo del proprio difensore, il cacciatore imputato ha proposto ricorso per Cassazione al fine di evidenziare l’imprevedibilità della condotta perpetrata.
Infatti il ricorrente si duole che la Corte territoriale di Cagliari, pur giudicando imprudente la condotta tenuta dalla vittima in occasione dell’incidente ne abbia escluso l’imprevedibilità ritenendo sussistente il nesso di causalità tra la condotta dell’imputato e l’evento mortale.
Tuttavia la Cassazione in maniera incontrovertibile ha dichiarato il ricorso presentato dall’imputato infondato per i seguenti motivi.

Secondo l'insegnamento della giurisprudenza di legittimità, tra i doveri del cacciatore che partecipi con altri a una battuta di caccia rientra l'obbligo di controllare gli spostamenti dei compagni, prima di sparare all'indirizzo di animali.

Da tanto deriva che non costituisce fatto imprevedibile l'improvviso spostamento di un cacciatore, poiché è caratteristica dell'attività venatoria di gruppo rendere possibili spostamenti, più o meno accentuati, dei partecipanti e quindi situazioni di pericolo per la loro incolumità (Cass., Sez. 4, n. 101/1985, Rv. 171536; Cass., Sez. 4, n. 7029/1982, Rv. 154660).

La Corte inoltre ribadisce che  deve ritenersi senz'altro illegittimo, poiché inaccettabilmente pericoloso, anche nel corso dell'attività di caccia, l'esercizio di attività di fuoco "alla cieca", e cioè contro bersaglio non bene individuato (Cass., Sez. 4, n. 3165/1976, Rv. 135393), costituendo un preciso obbligo del cacciatore quello di tenere sempre conto delle specifiche peculiarità di tempo e di luogo, nonché della probabile "rosa" del tiro, stante il carattere gravemente imprudente dell'esplosione di un colpo ad altezza-uomo, senza accertarsi della sicura assenza di persone nella zona di destinazione (cfr. Cass., Sez. 4, n. 8361/1981, Rv, 150242; Cass., Sez. 4, n. 9942/1980, Rv. 146104).

Deve pertanto ritenersi rivestito di carattere essenziale il dovere del cacciatore, prima di sparare, di accertarsi in modo scrupoloso che sulla traiettoria del colpo non si trovino altre persone.

 Tale dovere, peraltro, deve assumersi in termini di particolare rigore allorché il colpo di fucile viene diretto verso una zona "cieca", quale può essere quella coperta da fitta vegetazione (Cass., Sez. 4, n. 2213/1981, Rv. 148042).

Nel caso di specie, la Suprema Corte ha evidenziato come l' imputato abbia esploso il colpo d'arma da fuoco che attinse la vittima durante la battuta di caccia, senza accertarsi in modo scrupoloso che sulla traiettoria percorsa dal proiettile esploso non vi fosse alcuna persona potenzialmente raggiungibile, ponendo pertanto in essere per propria colpa (benché concorrente con quella della vittima) una situazione di gravissimo pericolo per l'incolumità dei compagni di caccia.

L’imputato peraltro nel proprio ricorso ha sottolineato che la vittima non ha indossato indumenti cromatici specifici che avrebbero potuto evitare il tragico evento.

Sennonchè gli Ermellini hanno statuito che “deve ritenersi del tutto privo di rilievo il motivo di ricorso illustrato dall'imputato con riguardo alle caratteristiche cromatiche degli indumenti indossati dalla persona offesa nel corso della battuta di caccia, essendo aliunde emersa la grave sottrazione dell'imputato agli obblighi cautelari sullo stesso incombenti ai fini del regolare e sicuro svolgimento dell'attività venatoria in corso, avendo potuto, l'eventuale utilizzazione di vesti mimetiche, da parte della vittima, indurre al più il dubbio sulla natura della figura in movimento, ma non già alcuna sicura certezza sulla natura non umana del bersaglio".

La sentenza testè citata, pertanto, riprende ormai integralmente un concetto giurisprudenziale ormai univoco richiamato appunto in numerose sentenze: tra i doveri del cacciatore rientra l’obbligo di controllare gli spostamenti dei compagni prima di sparare all’indirizzo di animali.

 Pertanto non può invocarsi l’ imprevedibilità nel caso di improvviso spostamento di un cacciatore poiché caratteristica dell’attività venatoria di gruppo è rendere possibili spostamenti più o meno accentuati dei partecipanti e quindi situazioni tali di pericolo per la loro incolumità.  

 

 

 

 

 Vai al profilo dell'Avvocato Luca Cecinati in Amici di BigHunter

Vai agli altri interventi:

 

Locazione e/o comodato di armi da caccia ed errori giudiziari

NOZIONE DI ESERCIZIO VENATORIO

ABBATTIMENTO DI SPECIE CACCIABILE IN PERIODO VENATORIO NON CONSENTITO

 LEGGIAMO LA NOSTRA ASSICURAZIONE VENATORIA

TAGLIARE LE CANNE DEL FUCILE DA CACCIA E' LEGALE?

 I POTERI DELLA VIGILANZA VENATORIA VOLONTARIA

OMESSA CUSTODIA DI ARMI

LA TABELLAZIONE DELLE AREE PROTETTE

 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.62.151
Aggiungi un commento  Annulla 

2 commenti finora...

Re: RESPONSABILITA’ DEL CACCIATORE

il comportamento nella caccia al cinghiale come in tutte le altre cacce deve mettere al primo posto il nostro collega per tutelarlo e tutelarci, e visto l'esiguo numero di incidenti venatori denota che non siamo così sprovveduti, ma adesso mi chiedo ed il comportamento di quei 20 animalari che hanno picchiato un cacciatore.......quello non è stato un incidente, nell'oltraggio vi era anche la premeditazione, con efferatezza, la pagheranno o d'ora in poi facciamo da soli?

da dardo  05/02/2015 7.27

Re: RESPONSABILITA’ DEL CACCIATORE

Diciamocela tutta, la verità. Quante volte ci è capitato di trovarsi alla posta, nella battuta al cinghiale, e sentire "fischiare" palle vicino !!!. Di certo, presi a volte dalla foga di AVER VISTO un animale, può venire spontaneo pensare solo al tiro e non considerare OBBLIGHI di attenzione nei confronti degli altri cacciatori. E si deve AVER VISTO prima di sparare !!!. Ciò non significa che sia giustificato, tutt'altro. L'attenzione e il rispetto delle norme e dei nostri compagni cacciatori DEVE assolutamente rivestire un ruolo di primaria importanza e se già con indumenti ad alta visibilità la distrazione è sempre dietro l'angolo.......figuriamoci con abbigliamento mimetico.....ben nascosti onde evitare di essere visti da una preda. ATTENZIONE, solo una grande attenzione e concentrazione a quel che stiamo facendo possono ridurre i pericoli di incidenti, ma a volte non basta per cui, colleghi, OCCHIO !!! Non siete MAI soli !!!!

da Stefano P.  03/02/2015 22.17
Cerca nel Blog
Lista dei Blog