Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
gen26


26/01/2015 

Che il Ministro dell'Ambiente abbia tentato di far passare il suo intervento ideologico sull'attività venatoria come soluzione a procedure d'infrazione comunitaria contro l'Italia è cosa già detta e ridetta, e non starò qui a dilungarmi.

Certo, un Ministro che fonda la sua azione di Governo sull'inganno degli amministrati cacciatori non merita la fiducia né dei cacciatori stessi, né degli ambientalisti intellettualmente onesti, né del Popolo italiano tutto, questo è certo. Ciò detto, cercherò di affrontare qui di seguito la questione sorta sull'anticipazione della chiusura della caccia alla Beccaccia e alle due specie di Turdidi sotto il profilo strettamente giuridico partendo dall'art. 120 della Costituzione.

Recita l'art. 120, comma 2, della Carta che "Il Governo può sostituirsi a organi delle Regioni, ... nel caso di mancato rispetto di norme e Trattati internazionali o della normativa comunitaria...

Tale principio ha trovato attuazione attraverso l'art. 8, comma 4, della L. n. 131/2003, il quale recita che "Nei casi di assoluta urgenza, qualora l’intervento sostitutivo non sia procrastinabile senza mettere in pericolo le finalità tutelate dall’articolo 120 della Costituzione, il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro competente, anche su iniziativa delle Regioni o degli enti locali, adotta i provvedimenti necessari, che sono immediatamente comunicati alla Conferenza Stato-Regioni o alla Conferenza Stato-Città e autonomie locali, allargata ai rappresentanti delle Comunità montane, che possono chiederne il riesame".

Prima di completare il quadro normativo di riferimento, è bene fare attenzione alle due parti sopra evidenziate. La prima, riguardante l'assoluta urgenza del provvedere, mette a nudo l'eccesso di potere del Governo, poiché è intervenuto, addirittura, prima che una procedura d'infrazione fosse stata formulata contro l'Italia; la seconda, cioè la richiesta di riesame, assume enorme importanza per il futuro nell'ipotesi in cui attraverso la ripetizione della stessa procedura i prossimi calendari venatori possano essere riscritti a Roma. Occorre, cioè, che gli Enti locali facciano sentire la propria voce (rectius: le proprie grida) in sede di "Conferenza Stato/Regioni" per chiedere il riesame della procedura adottata ai sensi del citato art 8, comma 4, L. n. 131/2003 e denunciare in tale sede, tra l'altro, l'eccesso di potere sopra segnalato.

Tornando adesso al quadro normativo di riferimento occorre richiamare l'art. 14, comma 15, della L. n. 157/1992 che riguarda la "pianificazione del territorio e la programmazione dell'attività venatoria". Esso così recita: "In caso di inerzia delle regioni negli adempimenti di cui al presente articolo, il Ministro dell'agricoltura e delle foreste, di concerto con il Ministro dell'ambiente, assegna ad esse il termine di novanta giorni per provvedere, decorso inutilmente il quale il Presidente del Consiglio dei ministri provvede in via sostitutiva, previa deliberazione del Consiglio dei ministri su proposta del Ministro dell'agricoltura e delle foreste, di concerto con il Ministro dell'ambiente".

Così riassunto il quadro normativo di riferimento, non c'é chi non veda che l'art. 14, comma 15, della Legge quadro n. 157/1992 si pone quale "Lex  specialis" rispetto all'art. 8, comma 4, L. n. 131/2003 che va, quindi, derogato. In altre parole, in materia faunistico venatoria è consentito allo Stato di sostituirsi alle Regioni, ma solo nell'ipotesi di inerzia di queste nella pianificazione e programmazione. Nessun potere sostitutivo la Legge quadro prevede in tema di calendari venatori.

E si capisce bene il perché. La redazione del Piano Faunistico Venatorio, la costituzione degli AA.TT.CC., il calcolo degli indici di densità venatoria, pretendono un comportamento "attivo" delle Regioni. Se queste rimangono inerti, solo lo Stato è in grado di intervenire assumendosi tutti gli oneri già in capo agli Enti locali.

Ben diversa è, invece, l'ipotesi che riguarda la legittimità dei calendari venatori. Qui non è assolutamente indispensabile un "facere" delle Regioni, e quindi non è necessario alcun (ECCEZIONALE) potere sostitutivo in capo allo Stato. Infatti, basta che qualunque soggetto interessato ricorra al G.A. per vedere immediatamente tutelato il suo interesse attraverso la sospensione del calendario nella parte ritenuta "contra legem".

Per concludere, se la vogliamo mettere in termini calcistici, Galletti è intervenuto sul campo di gioco "a gamba tesa" e l'arbitro, Renzi, non si è accorto (o non se ne è voluto accorgere fate Voi) del fallo.

Sta ora alla capacità organizzativa dei cacciatori porre le basi affinché tali falli non accadano più; sta sempre a loro trovare la forza per mettere "fuori gioco" chi intende giocare una "sporca" partita.


Giovanni Di Giunta
(Sindacato Nazionale Cacciatori)

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.78.248
Aggiungi un commento  Annulla 

16 commenti finora...

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Rimane il problema: quando c'è da produrre ricorsi o resistere nei tribunali, chi ci va? le private? Gli ambientalisti l'hanno capito da tempo, bisogna strigliare e far funzionare le associazioni e non ricordarsi di loro solo quando c'è da ritirare i tesserini.

da SANDRO LEVAN  05/02/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

cari Andrea Taccini e Mauro Roma: sono molto d'accordo con voi. a monte di tutte le malversazioni di cui noi cacciatori siamo stati oggetto fin dagli anni 70 c'è il nostro individualismo, un'aberrante interpretazione dell'associazionismo ecc. CE LO MERITIAMO! E CE LO SIAMO MERITATI DA 40 ANNI A QUESTA PARTE!
COME REAGIRE? mi pare interessante la proposta di Mauro: defezionare dalle AAVV. e anche quella di Andrea : comunicare. Resta il problema di come farlo efficacemente.
si potrebbe forse fare una sorta sorta di catena di S. Antonio via mail? vi sembra un'idea percorribile?
che cosa comunicare? a chi?
in merito a questa ed altre mille domande che mi pongo gradirei avere il vostro parere
grazie

da lupozoppo  05/02/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Mi sono STUFATO di porgere l'altra guancia per far capire ai sordi quelloche non vogliono sentire ,dobbiamo passare alla vera azione tipo fare ass private tipo la"polizza del cacciatore " Assitalia POi dovranno le AAVV convincerci di tornare da loro se inizieranno a agire legalmente contro questi soprusi !! E a tutelarci veramente e a restiturci i nostri diritti sanciti dalle leggi attuali e sopratutto ricordare il colore politico di questi signori quando si va al voto !!! Faccio un conto semplice. 800.000 cacciatori circa se solo la meta di loro senza contare le loro famiglie ,si sarebbero ricordato della rossa animalara forse le ultime elezione potevano andare in modo diverso. NON SIAMO POCHI e purtroppo pensiamo piu al benessere del paese che alla ns passione !

da Mauro Roma  02/02/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Buonasera a tutti, vorrei solo prendere spunto dalla vicenda "galletti", che è solo l'ultima disgrazia che colpisce noi cacciatori per dire che: CE LO MERITIAMO!
Noi tutti ed in primis le varie associazioni dei cacciatori non ci siamo ancora resi conto che urge educare la stragrande parte della popolazione sulle tante virtù della nostra amata caccia.
OCCORRE COMUNICARE! che cosa?: che cacciare vuol dire PRELEVARE cioè attingere alla selvaggina per prendere delle prede che sicuramente verranno mangiate con la consapevolezza, che ormai non esiste quasi più, che si tratta di alimenti sani, no ogm, senza veleni chimici e che possono essere dati a dei bambini con molta più tranquillità di quelli che si comprano nei supermercati;
Che cacciare significa controllo e salvaguardia del territorio;
Che non cacciare significa pagare milioni di euro di danni all'agricoltura che potrebbero essere impiegati per scuole, asili nido, ospedali ecc.;
Che L'INDOTTO creato dalla caccia equivale a migliaia di posti di lavoro e che cambiando politica e iniziando ad investire promuovendo l'attività venatoria se ne potrebbero creare altri e tanti.
Se volete posso continuare, ma credo che sia sufficiente per dire che solo facendo questa necessaria e continua comunicazione si possono sostituire i futuri "Galletti" con tanti fagiani, colomacci e cinghiali!
Che le associazioni non si limitino solo a prendere soldi ma inizino ad andare caccia... di consensi!
Un caro saluto ai miei colleghi

da andrea taccini  01/02/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Tutto giusto, sono d'accordo. Ma sono cose che ce le diciamo da 40 anni, prima al bar ora su google.
Il treno è passato per noi cacciatori nel 1990, quando non costituimmo un partito.Da allora in poi sempre peggio. Il treno è ormai passato per noi cacciatori, restano invece le nostre associazioni venatorie, quelle stesse che ci hanno venduti per piccoli interessi

da Giorgio 53  01/02/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Buonasera a tutti, vorrei solo prendere spunto dalla vicenda "galletti", che è solo l'ultima disgrazia che colpisce noi cacciatori per dire che: CE LO MERITIAMO!
Noi tutti ed in primis le varie associazioni dei cacciatori non ci siamo ancora resi conto che urge educare la stragrande parte della popolazione sulle tante virtù della nostra amata caccia.
OCCORRE COMUNICARE! che cosa?: che cacciare vuol dire PRELEVARE cioè attingere alla selvaggina per prendere delle prede che sicuramente verranno mangiate con la consapevolezza, che ormai non esiste quasi più, che si tratta di alimenti sani, no ogm, senza veleni chimici e che possono essere dati a dei bambini con molta più tranquillità di quelli che si comprano nei supermercati;
Che cacciare significa controllo e salvaguardia del territorio;
Che non cacciare significa pagare milioni di euro di danni all'agricoltura che potrebbero essere impiegati per scuole, asili nido, ospedali ecc.;
Che L'INDOTTO creato dalla caccia equivale a migliaia di posti di lavoro e che cambiando politica e iniziando ad investire promuovendo l'attività venatoria se ne potrebbero creare altri e tanti.
Se volete posso continuare, ma credo che sia sufficiente per dire che solo facendo questa necessaria e continua comunicazione si possono sostituire i futuri "Galletti" con tanti fagiani, colomacci e cinghiali!
Che le associazioni non si limitino solo a prendere soldi ma inizino ad andare caccia... di consensi!
Un caro saluto ai miei colleghi

da andrea taccini  01/02/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Buonasera a tutti, vorrei solo prendere spunto dalla vicenda "galletti", che è solo l'ultima disgrazia che colpisce noi cacciatori per dire che: CE LO MERITIAMO!
Noi tutti ed in primis le varie associazioni dei cacciatori non ci siamo ancora resi conto che urge educare la stragrande parte della popolazione sulle tante virtù della nostra amata caccia.
OCCORRE COMUNICARE! che cosa?: che cacciare vuol dire PRELEVARE cioè attingere alla selvaggina per prendere delle prede che sicuramente verranno mangiate con la consapevolezza, che ormai non esiste quasi più, che si tratta di alimenti sani, no ogm, senza veleni chimici e che possono essere dati a dei bambini con molta più tranquillità di quelli che si comprano nei supermercati;
Che cacciare significa controllo e salvaguardia del territorio;
Che non cacciare significa pagare milioni di euro di danni all'agricoltura che potrebbero essere impiegati per scuole, asili nido, ospedali ecc.;
Che L'INDOTTO creato dalla caccia equivale a migliaia di posti di lavoro e che cambiando politica e iniziando ad investire promuovendo l'attività venatoria se ne potrebbero creare altri e tanti.
Se volete posso continuare, ma credo che sia sufficiente per dire che solo facendo questa necessaria e continua comunicazione si possono sostituire i futuri "Galletti" con tanti fagiani, colomacci e cinghiali!
Che le associazioni non si limitino solo a prendere soldi ma inizino ad andare caccia... di consensi!
Un caro saluto ai miei colleghi

da andrea taccini  01/02/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Caro amico, Tu sei quello che sparla continuamente senza sapere le cose e, cosa più importante, che lo fa senza avere il coraggio di firmare con il proprio nome e cognome, o meglio che ha il coraggio di parlare solo in forma anonima, per cui ti meriti solo di essere mandato a [email protected]@re, senza se e senza ma!

da SANDRO LEVAN  30/01/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Levan ,ma la libera caccia e la stessa il cui presidente è stato beccato a bracconare??davvero un ottimo pulpito per richieste di legalità ..non v'è che dire!!

da Flash  29/01/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Mi sarei aspettato quasi un coro,viste le grida di pianto con conseguente stracciamento vesti.Pero' so di essere un tipo con poca pazienza quindi,ho fiducia.Un po' come chi vive sperando...

da pietro 2  29/01/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Per ora la sola Libera Caccia ha intrapreso un'azione legale contro il provvedimento "Galletti". Poi staremo a vedere.

da SANDRO LEVAN  29/01/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Queste le giuste eccezioni; ma,domanda: chi le solleva?Chi impugna?

da Pietro 2  29/01/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Disamina perfetta!

da Inforziato  28/01/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Complimenti per l'articolo, leggendolo sembra sia tutto molto chiaro. Perchè siamo arrivati a questo punto?
A me sembra che le nostre associazioni hanno sempre paura di "schiacciare i piedi a qualcuno" nel difendere i diritti dei cacciatori, sicuramente sbaglierò ma i fatti dicono altro.

da Johnny  28/01/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

Complimenti al Sindacto Naz. Cacciatori. Le Regioni e le Associazioni queste cose non le sapevano? Insomma noi ne facciamo sempre, ma sempre le spese. L'unica soluzione fare l'assicurazione da privati, poi si vedrà.

da Giovanni  27/01/2015

Re: Incostituzionale l'intervento Galletti

ottimo alvoro. andrebbe diffuso capillarmente a tutte le organizzazioni locali. di tutte le aavv. perchè i dirigenti locali lo facessero pervenire ad assessori regionali e parlamentari del proprio collegio. chiedendo loro ragione di una subalternità da pecoroni a un potere che ha raggiunto livelli vomitevoli.

da da. vico  27/01/2015
Cerca nel Blog
Lista dei Blog