Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
gen18


18/01/2015 

"Mettere in discussione le regole è la regola della scienza. E’ la sua forza, altrimenti saremmo ancora all’età della pietra"
 
Umberto Veronesi


Ci sono voluti un bel po’ di anni, ma piano piano la verità si sta facendo strada: al solito gli italiani ci devono prima sbattere la faccia; oppure chiudono la stalla dopo che i buoi sono usciti. E’ sempre stato così in questo Paese di indecisi, pavidi, ipocriti e opportunisti.

Sto parlando del Lupo in Italia. La verità, pur solo tra le righe e magari anche inconsapevolmente, l’ha finalmente enunciata il massimo esperto italiano: il Prof. Luigi Boitani dell’Università romana “La Sapienza”, in un’intervista rilasciata il 13 gennaio scorso al sito Gaianews.it. Non è ancora tutta, ma è già qualcosa.

Ecco cosa ha detto Boitani… o fatto capire.

Domanda: quanti lupi ci sono in Italia? Sintesi della risposta: non lo sappiamo. Esistono solo stime locali. Ma come, sono oltre quarant’anni che si studiano i lupi, che si contano, si censiscono con tutti i metodi possibili (analisi di avvistamenti diretti e indiretti, wolfhowling, DNA), spendendo certamente milioni di euro di fondi europei e non solo, ed ora ci vengono a dire che non lo sanno!? E allora, come la mettiamo con le annuali cifre date ogni anno come “ufficiali” dal WWF (e fatte proprie anche da alcune autorità) sbandierate su tutti i giornali, pubblicazioni e siti Internet? Cos’erano, cosa sono, una balla? Numeri sparati a caso? Stime senza alcun riscontro scientifico? In pratica, quasi cinquant’anni di indagini per concludere che non si sa quanti lupi ci sono in Italia!

OK, ne prendiamo atto. Boitani sostiene che in Italia non si sa quanti lupi ci siano. E allora io dico, quando non si sa quanti animali ci sono in un territorio, regione o nazione, allora si stima quanto meno se essi sono troppi o sono pochi, e lo si fa attraverso la constatazione dei danni che essi arrecano; e se i danni dei lupi sono troppi (si parla di milioni di euro ogni anno) vuole dire che i lupi sono certamente troppi. Anche questa è scienza, la stessa che mi hanno insegnato ad utilizzare eminenti professori dell’Università di Monaco di Baviera quando si parlava di cervi e caprioli. La logica mi dice che se questa regola vale per i cervidi, deve per forza valere anche per i lupi.

Nel 2010 chi scrive tentò una stima partendo dai cosiddetti dati “certi ed ufficiali” (numero della popolazione di partenza, nel 1970; natalità nota; mortalità presumibile). Prendendo per buoni quei dati certi – in realtà in difetto al ribasso – e facendo anche tutti calcoli al ribasso (cosa che dovrebbe rendere la stima ancora più credibile), ottenni una cifra di 4.500 lupi. Nessuno l’ha mai formalmente contestata; eppure era basata su un calcolo ben preciso, un calcolo che se fatto da altri sarebbe stato, e sarebbe ancora, definito “scientifico” (o sono scienza solo i calcoli che fanno quelli che godono di lauti stipendi nelle università? Quelli che non mettono in discussione mai nulla? Che anzi, sono loro a dare “le carte”, a fare da mazzieri?).

Domanda: è in crescita (“espansione”) la popolazioni di lupi? Risposta: non è in crescita (“espansione”) nelle Appennini, ma lo è nelle Alpi. Questa però Boitani ce la deve spiegare! Se il lupo nelle Alpi è di provenienza appenninica quale effetto della sua espansione come lui e tutti gli altri da anni vanno sostenendo, e se il collegamento Appennini-Alpi è ormai da anni considerato concluso, come si spiega oggi l’illogica cessazione dell’espansione? Autocastrazione dei lupi appenninici? Calo del desiderio? Quindi, diversa prolificità delle due popolazioni? “Muro di Berlino” in Liguria? E, soprattutto, perché Boitani le considera due popolazioni? Allora è forse vero quello che io vado sostenendo da anni, cioè che i Lupi delle Alpi non sono mai giunti dall’Appennino e che le due popolazioni esistono e sono state geograficamente divise per quasi un ventennio (e prova ne è il “vuoto” di tutta la Provincia di Savona e gran Parte di quelle di Genova ed Imperia negli anni del cosiddetto “ritorno naturale”). E che ci dice sul diverso aspetto fenotipico ed il diverso carattere comportamentale nei rapporti con l’uomo; tutte cose che, per quanto noto, nessuno si è mai preso la briga di studiare: mentre da anni in tanti si sprecano in ormai inutili ricerche di biologia. Che si tema una verità che rischia di divenire scomoda? Si pensi a quale figura i tanti studiosi e loro sostenitori farebbero il giorno che si scoprisse, e venisse infine dimostrato inconfutabilmente, che i lupi delle Alpi non hanno mai avuto origini italiane!

Intanto qui in Val Bormida i lupi sono ormai presenti ovunque, e con segnalazioni sempre più frequenti prossime al cuneese e alla Francia (è dell’altro ieri la predazione su un cinghiale, qui, a poche centinaia di metri da dove scrivo) e sporadiche verso il genovese (segno di uno spostamento da ovest verso est). Lupi molto più grandi di quelli appenninici, e molto meno schivi dell’uomo (ormai non passa quasi giorno senza che qualcuno non ne segnali gli avvistamenti, confermando sempre il loro atteggiamento poco o per niente timoroso dell’uomo: cosa che stranamente non avviene o avviene raramente in Appennino). Caratteri che fanno appunto pensare ad una diversa popolazione. Ora Boitani ce lo conferma: anche la crescita numerica (“espansione”) è diversa. Ma allora, forse siamo di fronte ad una sottospecie o fenotipo diverso! O no? Perché in tal caso qualcuno (forse lo stesso Boitani) ci dovrà spiegare come mai in Appennino il lupo avrebbe smesso di crescere (perché ogni espansione animale, quando non sporadica – si veda il caso dell’Orso marsicano –  è sempre conseguenza di una crescita numerica) mentre sulle Alpi continua a farlo. Solo per una maggiore disponibilità di territorio da occupare? Forse che i lupi in assenza di territori in cui espandersi cessano di… scopare? E, allora, come mai ciò non avviene nei recinti dove lo spazio a loro disposizione è notoriamente ridotto? E poi, come mai il lupo si sta espandendo – crescita numerica – in tutti i Paesi in cui vive (e che crescita!), meno che nell’Appennino? Qui siamo di fronte a schizofrenia scientifica!

Povera opinione pubblica, costretta a subire una informazione di parte che poi si scontra con la realtà dei fatti! E poveri allevatori, costretti a pagare loro il diritto all’esistenza di un bene comune, perché di soldi per i danni ce ne sono sempre pochi, ma non mancano mai quelli per le ricerche. Come se i lupi vivessero di ricerche e non già di pecore e vitelli e, sempre più spesso, di cani.

E, a proposito dei cani, sempre Boitani ci dice del problema degli ibridi; quelli che secondo alcuni deriverebbero da accoppiamenti con lupi – peccato che benché di cani in Italia se ne abbandonino purtroppo tanti, di canilupo abbandonati e raro sentirne parlare. E allora, da dove spuntano questi ibridi? Che ci sia lo “zampino” dei famosi Lupi delle Alpi? E come mai gli “esperti” del DNA ci dicono di saperli distinguere dal lupo, mentre non sono poi in grado di distinguere il lupo appenninico da quello dell’Europa centrale e/o dell’Est? Certo, qualcuno se la cava sostenendo che non c’è alcuna differenza (salvo poi essere smentito da altri che sostengono una diversa specificità per il Lupo appenninico e l’importanza di preservarla: e qui siamo anche noi d’accordo!). Eppure tutto questo in Italia è “scienza”, e guai a metterla in discussione; dimenticando che scienza è anche mettere in discussione ciò che altri sostengono di aver dimostrato!


Murialdo, 18 Gennaio 2015
                                                    
Franco Zunino
Segretario Generale Associazione Italiana Wilderness

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.62.117
Aggiungi un commento  Annulla 

2 commenti finora...

Re: GRAZIE Prof. BOITANI!

gent.mo F. Zunino
la problematica da lei esposta è molto interessante.
Purtroppo è difficile accedere a banche dati in base alle quali fare deduzioni possibilmente logiche.
Per ciò che concerne gli ibridi le posso solo riferire quanto appreso durante un corso da me frequentato nel 1992. Secondo le stime i cani rinselvatichiti, nella sola regione Marche, sarebbero stati circa 20 000?! e sarebbero stati altresì ritenuti il maggior ostacolo all'espansione del lupo. il dato (20 000!!!) mi sembra un po' inverosimile, tuttavia proveniva da fonte autorevole, o per lo meno accreditata come tale.
Ora però mi domando dove siano finiti tutti quei cani, se non si siano riprodotti, se si siano ibridati coi lupi.
Quest'ultima ipotesi non sarebbe impossibile, nel qual caso potrebbe essere verosimile che in 20 e più anni gli ibridi abbiano assunto un fenotipo lupoide.
Tuttavia a questo punto dovremmo essere in presenza d'una popolazione di lupi/lupoidi ben più numerosa di quella presunta.
cordiali saluti

da lupozoppo  05/02/2015

Re: GRAZIE Prof. BOITANI!

lo hai detto inizialmente siamo un paese di pavidi, ipocriti, opportunisti, a tutte le domande che poni rispondono i ... mazzieri che danno le carte...e più sparano cazzate piu' diventano grandi giocatori.

da argo  22/01/2015
Cerca nel Blog
Lista dei Blog