Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
gen20


20/01/2015 

A partire dal prossimo anno scolastico, dalla materna alla secondaria superiore, l’educazione ambientale diventerà una materia obbligatoria. Le linee guida di questo importante progetto sono pronte: si studierà il riciclo dei rifiuti, la tutela del mare e del territorio, la biodiversità, l’alimentazione sostenibile, argomento, quest’ultimo, pienamente in linea con il programma per una concezione della natura che protenda ad un interesse più profondo e legato al territorio.

L’idea è del Ministero dell’Ambiente che ha lavorato in sinergia con quello dell’Istruzione per delinearne l’applicazione ai diversi gradi scolastici.

L’appuntamento è importante, direi fondamentale per un approccio alla natura ed alla sua salvaguardia che non dipenda più, come succede adesso, dagli stati emozionali del singolo volontario militante in qualche associazione protezionistica che, tra un album di figurine degli animali della Walt Disney ed un orsacchiotto di peluche che finanzia i già corposi bilanci milionari di certe holding ambientaliste, spiega una realtà non realtà, una natura non natura, una salvaguardia ambientale che non è affatto salvaguardia ma, spesse volte, annientamento della stessa.

L’approccio a questa materia di studio, nel rispetto dei vari gradi scolastici, non può che essere scientifico e quest’ora settimanale di istruzione può veramente cambiare le sorti di un paese che da un punto di vista ambientalistico, si affida ora alle voci dei media, a quelle dei venditori di fumo, dei giornalisti sensazionalistici, di alcuni programmi TV che proiettano documenti che con un minimo di preparazione ambientale, si scoprono palesemente falsi. Studiando la fisica abbiamo imparato che il mondo è governato da leggi dimostrabili scientificamente e, come diceva Popper, una legge vale se resiste agli attacchi di chi, altrettanto scientificamente, ne dimostra il contrario; a differenza del dogma (quel che succede ora con le notizie animaliste buttate in pasto all’opinione pubblica) che viene assunto quale verità assoluta, senza prove e senza possibilità di replica. Insegnando la “scienza della natura” ai nostri figli, essi impareranno ben presto a distinguere il falso dal vero; non saranno più preda di chi ora con aria serafica può permettersi di raccontare quel che vuole, instillando nelle menti una concezione della natura che non trova minima corrispondenza nella realtà.

Sono ottimista e felice di questa svolta educativa, era ora! La mia fiducia deriva dal fatto che è il Ministero dell’Ambiente che ha voluto questa cosa. Lo stesso Ministero che ha emanato ad esempio delle linee guida, approvate scientificamente, per l’eradicazione della nutria, tra le prime specie al mondo a causare perdita di biodiversità; lo stesso Ministero che approva, sempre scientificamente, i piani di controllo degli ungulati, finora chiamati bambi. E’ necessario che a scuola si spieghi perché sono importanti quelle linee guida, perché la nutria va eradicata, cosa causa un sovrannumero di cervi o caprioli in una foresta, perché alcune specie sono cacciabili ed altre no, perché i metodi fantasiosi di cattura non cruenta tanto paventati dagli animalisti non possono essere applicati ed a volte proprio non esistono. Lo dovrà fare, appunto, scientificamente, con personale preparato e libri atti a questo scopo che non smentiscano le linee guida dettate dal Ministero stesso. A queste condizioni non c’è più spazio per i bugiardi perché verranno smentiti dalla “matematica”.

Le nostre associazioni a difesa della Cultura Rurale avranno l’importante compito di vigilare sui testi scolastici e sugli insegnanti affinché venga sempre garantita una preparazione ambientale strettamente legata ai passi che compie la scienza.

In questi termini, la novità potrebbe rappresentare per l’Italia la svolta ambientalista che l’avvicina finalmente agli altri paesi europei e la fa uscire da questa sorta di medioevo ecologico cui era piombata con l’avvento dell’ideologia animalista.
 

Massimo Zaratin

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.13
Aggiungi un commento  Annulla 

9 commenti finora...

Re: Educazione ambientale a scuola: occasione da non perdere!

Un occasione certo da non perdere,però visto che a pensar male si fa peccato ma poi ci si azzecca ,non sarebbe il caso di richiedere una copia di questo libro? magari prima che lo consegnino in tutte le scuole per verificare che non siano piene di fandonie .Ho due figliole dell'età interessata,non vorrei che tutti gli sforzi fin qui fatti diventassero vani

da passatore  20/02/2015

Re: Educazione ambientale a scuola: occasione da non perdere!

gent.mo M.Zaratin
questa è veramente un'occasione da non perdere! sono d'accordo con lei, le cose da dire sarebbero davvero molte, educative per le nuove generazioni, pur nel rispetto delle disparate opinioni. Purtroppo non sono ottimista quanto lei. nel nostro bel paese è abituale che le buone intenzioni iniziali siano distorte e corrotte da chi da più voce alle sue idee. il problema, secondo me è che noi cacciatori ci limitiamo a comunicare e sfogarci fra di di noi, mentre i nostri antagonisti hanno fortemente accesso all'opinione pubblica e le propinano un sacco di ....................
ORA come potremmo fare per aver accesso anche noi all'opinione pubblica, studenti inclusi? come condizionare gli insegnanti, in gran parte anticaccia, a tenere un approccio imparziale sull'argomento?a queste domande non saprei rispondere da solo, e ringrazierei chi avesse proposte da fare.

da lupozoppo  05/02/2015

Re: Educazione ambientale a scuola: occasione da non perdere!

secondo dati eurispes, i vegani in italia sono più o meno dimezzati; da 1,1% allo 0,6%. crescono invece i vegetariani, passati dal 4,9 al 6,4. ma come ha fatto notare una ricerca di slowfood, la maggior parte di questi eccentrici lo fa per dimagrire. altro che filosofia di vita. la chiamerei filosofia del giro-vita.

da bombolo  27/01/2015

Re: Educazione ambientale a scuola: occasione da non perdere!

non ci sarà niente da fare quando andrà in porto la gran porcata. i politici tutti che ci ritroviamo, meritano solo la fucilazione alla schiena per altissimo TRADIMENTO nei confronti della patria e degli ITALIANI!!!l MEDITATE GENTE MEDITATE. i bolscevici ora come ora esistono solo nella nostra ormai morente ITALIA. SALUTE A TUTTI WWW LA CACCIA ALLA FACCIACCIA DI CHI CI VUOLE MORTI. (quegli scemi idioti che non sanno se un animale ha la coda davanti o dietro) salute a tutti e tante belle cose carlo.

da carlo48 xbretonre  25/01/2015

Re: Educazione ambientale a scuola: occasione da non perdere!

Potrebbe essere l'occasione buona per riabilitare correttamente la figura del cacciatore moderno in linea con i tempi. Questo sarà possibile se le associazioni venatorie sapranno fare tesoro di una simile iniziativa mobilitandosi per partecipare alla stesura dei testi di riferimento e alla preparazione del personale insegnante. Contrariamente se questa mobilitazione non avvenisse, suppongo che sarà dura e a quel punto dovremmo prendercela con le associazioni venatorie e i politici di riferimento rendendo a Cesare quello che è di Cesare !!!

da bretonre  25/01/2015

Re: Educazione ambientale a scuola: occasione da non perdere!

questa è l" ultima sporcacciata all"italiana. ho 46 licenze, ne ho sentite e viste di tutti icolori contro di noi. se và in porto questa m...a è la volta buona che in poco tempo, la caccia non esisterà piu. guardate che mafia ci governa. salute a tutti .

da carlo48  24/01/2015

Re: Educazione ambientale a scuola: occasione da non perdere!

Purtroppo ha ragione Pasquino, l'idea è buona, il problema è chi sarà chiamato a tradurla in pratica, cioè gli insegnanti, caro Massimo!

da 100%cacciatore  24/01/2015

Re: Educazione ambientale a scuola: occasione da non perdere!

Sicuramente insegneranno per prima cosa ...che i cacciatori sono tutti assassini....come hanno già fatto da 20 anni a questa parte,e poi chi si sentirà in grado di insegnare agli altri questa materia? La maggior parte di questi signori....non sa' distinguere un pero da una quercia A!

da Pasqino  23/01/2015

Re: Educazione ambientale a scuola: occasione da non perdere!

Ti leggo ottimista e mi fà piacere. Ho solo una domanda : il ministro, per i futuri testi da consagnare agli alunni, chiederà parere al wwf oppure ad acr? Da questo potremmo capire in che direzione andrà l'insegnamento che verrà profuso ai giovani studenti.

da igor radere  21/01/2015
Cerca nel Blog
Lista dei Blog