Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
lug22


22/07/2014 

L’antropomorfismo è sfuggito di mano, è letteralmente fuori controllo. La verità è che non è colpa di Disney , non poteva certo immaginarsi che si sarebbe creato il paradosso dove l’animale-uomo è più umano dell’uomo-animale, e l’uomo-animale è più bestia della bestia.

Dal suino pensatore del lager che scrisse “Se questo fosse un Suino” [si, ci sono persone che mettono citazioni di Levi in bocca ai maiali, sfogliatevi alcune pagine animaliste su facebook], al cane nordico con doppio pelo col cappottino, alle scarpette per cani, alla forza e determinazione della paperella che attraversa la strada dalla quale l’umanità deve prendere esempio, al gatto che cerca di rianimare il suo amico morto senza neppure aver fatto un corso di pronto soccorso, ragazzi!

… alla gazzella che si concede al ghepardo gentile per farsi mangiare, nella savana dell’adrenalina, dell’istinto e del rispetto, dove non c’è odio ma soltanto amore.

L’antropomorfismo è l’attività preferita dei proprietari degli animali d’affezione, che colmano carenze affettive con i loro pet, poiché  chiaramente non possono comprendere e rispondere certe immense stronzate che dicono i loro padroni, a differenza degli altri uomini, che per questo semplice fatto fanno schifo.

Se solo gli animali potessero capire e parlare…

Visto che disquisire sulle basi di biologia e l’evoluzione morale della nostra società non serve a un fico secco, cambiamo strategia.

Propongo un overdose di Disney miscelata in parti eguali allo snuff movie, una specie di terapia Ludovico, interpretando ben altri comportamenti animali in chiave antropocentrica, nella speranza di farvi spurgare un po’ di fantasia, che sta mandando in necrosi il buonsenso e la visione oggettiva della realtà.

Immagina, sei immerso nel verde, nella quiete totale, cullato dai canti degli uccelli e dei grilli, mentre prepari una collana di fiori per la tua dolce metà.
“scopare! Scopare!” canta il merlo. “scopare!” frinisce il grillo. “trombare” cinguetta il fringuello. “che belli i suoni della natura” pensi tu, intrecciando gli organi sessuali dei papaveri e fantasticando sulle cose che  farai con la tua dolce metà quella sera mentre il vento ti accarezza i capelli, trasportando i semi [in greco spèrma] del tarassaco comune.


E’ uno strano momento quello in cui scopri che la natura è depravazione sessuale, gli animali hanno solo una cosa sola in testa : il sesso. E pensare che quei geni di fagiani e pavoni maschi si sono evoluti solo per fare i fighi con le femmine, trascinandosi il loro lungo, bello e colorato fardello, la coda. Eh si, loro ce l’hanno grosso [il fardello n.d.R] mica come il cervello. Quello si è visto che per cuccare non serve poi molto.
Ognuno a modo suo, il delfino e l’anatra, invece che assecondare troppo i gusti impegnativi delle femmine, hanno deciso di  violentarle. L’anatra è proprio simpatica, prende la femmina con il becco per la collottola e le monta sopra… sembra che la stia affogando. Tutta questa violenza solo per un bacio cloacale con “la lingua” a cavatappi?

Poi ci sono delle femmine a cui i maschi piacciono proprio tanto, delle mangia-maschi. Nel senso che se li mangiano sul serio.
La mantide religiosa, la vedova nera per citarne alcune. Il loro motto è “scopa e uccidi”. Sicuramente prima avevano firmato la carta per la comunione dei beni.

Guardate il ragno pavone  australiano che fatica immane e come rischia la vita per la patata. Un concentrato di imbecillità in 5 mm. Si mette a fare il coglione per fare colpo, si sbraccia, fa segnali, danza, si avvicina, si allontana, esibisce e fa vibrare i lembi della parte posteriore multicolor e ultrafashion… lei invece si limita a guardare lo spettacolino e se gli piace ci sta, altrimenti si pappa il maschio. Bel modo, anche se un po’ drastico, per friendzonare i maschi insistenti, dovremmo pensarci anche noi.

I gusti son gusti, le cornacchie per esempio sono fottutamente razziste, stessa specie, livrea diversa, ma quando si tratta di scegliere il partner, le cornacchie nere vanno con quelle nere e quelle grigie con quelle grigie. Se il partner della propria razza scarseggia, allora di malincuore si accontentano.
I delfini quando possono, si arrangiano da soli,  decapitano i pesci e si masturbano con il loro cadavere.
Bisogna essere animali intelligenti per far fronte alla carenza di patata, i delfini in fondo non hanno Federica, la mano amica!

I delfini trovano anche altri modi per sballarsi, tra gang bang, stupri e presumibilmente droga. Lo spacciatore-droga sarebbe il pesce palla: i delfini se lo snifferebbero e se lo passano pure tra di loro….

I delfini, quando trombano poco, diventano aggressivi e ammazzano così per sport le focene, le loro cugggine brutte.

Sono anche noti per uccidere i cuccioli della loro stessa specie. Anche gli elefanti marini non scherzano.

E le femmine di criceto, le avete mai viste quando mangiano avidamente i loro piccoli, soprattutto quando essi son malati e deformi o se la loro casa non gli piace? Ho il frigo vuoto, spetta che mi mangio mio figlio. La parete è verniciata male, oggi bambino fritto o cotto?

Manco nella fantasia contorta dei Greci ciò veniva concepito… il dio Crono, essendogli stato profetizzato che uno dei suoi figli lo avrebbe soppiantato, era solito divorarli al momento stesso della loro nascita.

Cioè, non si è mica pappato i piccoli perché erano brutti o la casa era brutta, capito? Neanche la mitologia greca supera le perversioni e la crudeltà della natura.

E i leoni, che furboni! Ammazzano i piccoli della femmina per scoparsela. A lei dopo viene voglia!

La leonessa va in calore e loro la coprono, sostituendo la propria prole a quella del predecessore.  Nel leone e in alcuni roditori , l’uccisione dei piccoli da parte dei maschi adulti che riescono a spodestare il maschio di un branco è una forma di competizione sessuale. Il loro motto è “uccidi e scopa”.

Pensereste mai che dietro il musetto dolce della faina e di altri mustelidi con elevato coefficiente di coccolosità Disney si celi la follia omicida più pura?
Quando riescono a intrufolarsi nei pollai fanno la strage, un genocidio proprio, uccidendo molti più animali di quelli che servirebbero per alimentarsi. Questo fenomeno è noto come surplus killing.

Mi meraviglio che le formiche non abbiano messo il brevetto sull’allevamento e l’agricoltura visto che l’hanno inventata loro. E poi non venite a dirmi che l’allevamento e l’agricoltura non sono naturali.

Le formiche coltivano i funghi di cui si nutrono. Poi quelle bastarde mica usano il biologico.
Trattano i loro funghi con “erbicidi” per tenere le loro coltivazioni di funghi libere dalle erbacce.

Le formiche allevano e mungono gli afidi, quei luridi parassiti che succhiano nutrimento dalle piante.
Esistono anche delle formiche che praticano una pastorizia transumante, spostando continuamente gli afidi, perché ci sia sempre un pascolo abbondante, scegliendo  il foraggio più appetitoso. Si conoscono casi in cui, se il gregge risulta essere di dimensioni eccessive, viene sfoltito con la macellazione di un adeguato numero di capi, destinati poi per l’ alimentazione. (link)

 Ma voi lo sapevate che ci sono alcuni animali che utilizzano la sperimentazione animale? Gli stessi topi.

Quando bisogna testare la sicurezza di nuove fonti alimentari pare che in certi casi si servano di un “assaggiatore” anziano o malato il quale si sacrifica per la sua inesperienza o inabilità: se non mostra sintomi da avvelenamento dopo un certo tempo dall’ingestione tutti gli altri lo seguono.

In alcune comunità animali vige la dittatura, una specie di monarchia assoluta di stampo matriarcale: per esempio nei formicai e nei termai ci sono le operaie che lavorano gratis, costruiscono il nido raccolgono il cibo e curano le larve. La regina comanda.

Poi ci sono i soldati, che difendono la comunità, sono più grossi e cattivi. Peace&Love un corno! Le formiche vanno in guerra e schiavizzano pure le formiche rivali!

Negli insetti sociali le operaie non solo devono lavorare gratis, spesso sono pure sterili, niente sesso. Dedicano la vita all’allevamento dei figli generati dalla regina e spesso sacrificano la propria vita per proteggere la colonia.
Poi ci sono i maschi il quale unico ruolo è fecondare la femmina. Le api, dopo aver sfruttato sessualmente i maschi, li abbandonano al loro destino a morire di fame e di freddo fuori dall’alveare, che insensibili!

Anche le formiche hanno i loro sballi: esiste un coleottero stafilinide parassita che si chiama lomecusa (prende il nome da una famosa avvelenatrice della Roma antica). L’insetto entra in un qualunque formicaio e mostra ai suoi abitanti i suoi peli posteriori detti tricomi. Questi peletti secernono un liquido zuccherino che alle formiche piace tanto, ma proprio tanto, così tanto che alla fine non ne possono più fare a meno. Ben presto le formiche lomecusomani presentano segni di degenerazione cerebrali, poiché la secrezione ha sulle formiche un potere inebriante e il suo abuso produce dei danni paragonabili a quelli che l’abuso di alcool (o di una droga) produce nella società umane: perdita dell’equilibrio e dell’orientamento, apatia, ecc.

Spero di non avervi traumatizzato troppo.

Sicuramente dopo questa botta, prima di vomitare frasi preconfezionate su quanto gli animali siano moralmente superiori agli uomini ci penserete due volte.
E non sono neanche moralmente inferiori, per dirla tutta.
Parlare di morale nell’”osservazione” del regno animale non ha nessun cazzo di significato. Semplice.
Dobbiamo fare attenzione a non attribuire agli animali alcune caratteristiche prettamente umane o addirittura alcuni modi di essere che  perderebbero ogni significato al di fuori di un determinato contesto sociale, storico e culturale.

Il fatto è che le scelte di questi animali  non hanno nulla a che fare con un’economia schiavista, razzismo, violenza, crudeltà, valori, disuguaglianze storiche tra gruppi, conflitti culturali,  caratteristici, se non esclusivi della storia umana.

Dobbiamo anche renderci conto che, se da un lato tutti gli organismi viventi sulla Terra hanno avuto un’origine comune, dall’altro la diversa storia evolutiva di ciascuna specie e di ciascuna popolazione ha differenziato gli interessi e i comporta
menti: è per questo che io, te, una talpa e un fagiano abbiamo aspirazioni diverse.

“Per separare l’essenziale dall’accessorio sono sempre necessari una grande sensibil
ità, un vigile spirito critico, e una salutare prudenza scientifica.

Paradossalmente, quindi, chi attribuisce agli animali tutte le emozioni e tutti i desideri umani, dimostra non soltanto di conoscere poco la varietà della natura, ma anche di valutare gli animali non per quello che sono, ma soltanto come copie in sedicesimo degli esseri umani. Ciò che veramente dovremmo fare nei confronti degli animali è innanzi tutto di conoscerli e di accettarli per quello che sono, cercando continuamente di cogliere, da un lato, le caratteristiche comuni di tutte le specie, dall’altro quelle peculiari di ciascuna. “ (Renato Massa)

Un esempio di valutazione oggettiva: http://italiaxlascienza.it/main/2014/07/il-mito-dei-delfini-stupratori/

Poi ci sono cose che non c’è dato comprendere. Il coraggio di questa tartaruga ad affrontare con questa foga questa scarpa orribile…
 
 

 

 

 
Giulia Corsini*

* Sul sito di Pro-Test, associazione che si batte per la sperimentazione animale (nata a seguito degli interventi legislativi guidati dalla Brambilla e dalla Lav), di cui è co-fondatrice, si presenta così:  studentessa al quinto anno di Medicina Veterinaria, amante degli animali sin da piccola. E’ a conoscenza del fatto che tutte le cure siano frutto della sperimentazione animale e per questo ha deciso di difenderla con tutta se stessa, per far sì che la disinformazione non impedisca il progresso sia per gli esseri umani che per gli animali.

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.63.136
Aggiungi un commento  Annulla 

5 commenti finora...

Re: Disney, Waffa...

A parte il fatto che Giulia è una di quelle persone, ed in particolare di quegli italiani, chiedo scusa per il campanilismo, che mi fanno sperare che non sia ancora tutto perduto. Per il resto, almeno per me e non certo per sminuire il mirabile scritto di Giulia, che vivo non a contantto ma dentro l'ambiente naturale da quando sono nato, mi pare tutto di una normalità e semplicità disarmanti. Trovo persino difficle pensare che certe "cose" debbano essere spiegate, evidenziate ad UMANI adulti. Infatti anch'io da naturalista fai da te in erba ritenevo che il gatto era crudele a giocare con il topo, che la gazza era cattiva a smenbrare i piccoli di ogni genere che gli capitavano a tir di becco o di zampa, e così, via. Poi sono cresciuto ed ho capito. Uno dei primi grandi insegnamenti sulle "cose" della vita mi giunse come un fulmine nell'animo, ai mei 17 anni e pochi mesi, quando lasciò questa terra senza alcun preavviso un mio Amico, un mio Mentore. Da quel giorno capii che tutto è importante su questa terra ma alcune "cose" sono infinitamente più importanti di altre. E da quel giorno smisi di piangere quando se ne andava un animale a cui ero affezionato. Un cane, un gatto o altri, selvatici, di quelli che ero solito allevare. Continuavo certamente a soffrire nel mio animo, caratteristica prettamente umana ed inevitabile ....a meno che uno non si trasformi in una...bestia.... ma le mie lacrime andarono e vanno sempre e soltanto ai miei simili che le sanno ....comprendere, o almeno spero sappiano farlo. Mi pare giusto così. Non c'entra nulla?? Forse no ma tant'è. Ancora complimenti Giulia.

da Ezio  24/07/2014

Re: Disney, Waffa...

me la son letta tutta dun fiato........

complimenti

da massimiliano  23/07/2014

Re: Disney, Waffa...

Esopo,mi auguro che tu NON appartenga alla schiera dei detrattori tout court delle tesi esposte dalla redattrice dell'articolo,ma ne sia un esponente di picco e per diverse ragioni;una su tutte la tranquillita' sugli oppositori a certe linee di pensiero che in completa simbiosi e osmosi con un pressapochismo figlio di un nozionismo da poltrona di barbiere,fa' aprire bocca a casaccio,cosi',senza comprendere appieno cio' che e' scritto per manifesta lacuna cognitiva.

da Pietro 2  22/07/2014

Re: Disney, Waffanculo

oh bimba, va bene che le favole le raccontano da quando il mondo è mondo, va bene che disnei e hanna e barbera (e i giapponesi) hanno tralignato dalla pur turpe fantasia dei miti, ma un conto sono le favole e un conto le cazzate. che la cornacchia grigia, ne dico una, vada con la cornacchia grigia e la cornacchia nera vada con la nera non è come credi, o come spiritosamente (???) ci vorresti far credere. rileggiti un po' darwin, poi mendel, poi lorenz. poi se hai ancora un po' di tempo, insisti con wilson. ci troverai tali e tanti spunti, che anche la tua non comune (un po' malata?) fantasia ne godrà. anche noi, probabilmente, ne troveremo pure qualche giovamento. chissà.

da esopo  22/07/2014

Re: Disney, Waffanculo

Grande Giulia!

da massimo zaratin  22/07/2014
Cerca nel Blog
Lista dei Blog