Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2019>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mensile
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mag2


02/05/2014 7.18 


 
 
Maggio è il mese in cui la migrazione si calma, le coppie sono formate, i nidi sono pronti e ci si prepara alla deposizione ed alla cova delle uova.

In questo Mese la specie più facile da incontrare durante le nostre gite fuori porta, nei parchi cittadini o al lago, è la Folaga. Questi uccelli della famiglia dei Rallidi, risultano sedentari e nei parchi cittadini poco diffidenti.

E’ invece una specie migratrice e come la maggior parte degli uccelli migratori si sposta solo di notte. Nonostante le ali corte e arrotondate riesce a coprire anche grandi distanze.
Nel nostro paese la Folaga è pressoché stanziale, popola le aree palustri, prediligendo le acque calme e ricche di vegetazione come ad esempio i canneti.

Praticamente onnivora, si nutre di germogli, piccoli pesci, insetti e di tutto quello che riesce a trovare.
Il becco è di color avorio e nei maschi è particolarmente sviluppato verso il cranio risaltandone il piumaggio completamente nero.

In questo periodo la femmina ha già deposto le uova che variano da 3 a 12; queste, vengono covate per circa 23 giorni. Il nido, rotondo robusto e incredibilmente galleggiante, viene costruito nel folto della vegetazione acquatica, dove, una volta schiuse le uova, i pulcini lo condivideranno con entrambi i genitori per circa due mesi, raggiungendo l’età adulta al massimo nel mese di Agosto.
Come per tutte le specie cacciabili, anche in questo caso, sono costretto, per evidenti motivi  a dover dare una brutta notizia alle più crudeli voci che ci gridano contro. Da Settembre a Gennaio, nessun cacciatore, in nessun caso, si troverà mai davanti a dei piccoli o a soggetti in attività riproduttiva.
A caccia, riesce a far impazzire il miglior cane, fingendo di essere impacciata nasconde un’agilità incredibile, spesso ci chiediamo come facciano questi uccelli ad essere così abili a muoversi e nuotare tra la fitta vegetazione, una peculiarità che contraddistingue i rallidi,  dovuta alle dita palmate ed alle zampe allungate che gli permettono di essere unici.
Snobbata da tanti e amata da molti, la folaga prevede tecniche di caccia molto avvincenti ed emozionanti; ricordo le battute di caccia a questo rallide fatte da bambino, insieme a mio padre e mio zio; mio nonno le snobbava, preferiva in questo caso, andare a cercare il coniglio dietro casa.
Partivamo presto per raggiungere le zone di caccia, oltre duecento chilometri ci attendevano, arrivavamo sul posto quando era ancora buio, in assoluto silenzio ci appostavamo lungo questi grandi pantani siracusani: ricordo l’odore del caffè appena preso, la sagoma appena distinguibile  di mio padre in piedi ad ascoltare l’abbaiare dei cani in lontananza e la quiete che avvolgeva il primo mattino.

Ad un certo punto, senza un’ orario preciso, qualcuno, il più intrepido, magari dall’altra parte del pantano, sanciva l’inizio dei giochi, le prime folaghe, le più esperte, disturbate dal rumore degli spari ed avvolte dall’oscurità volavano via indisturbate sopra le nostre teste. Sentirle volare era un’emozione incredibile, il cuore che mi batteva  tumultuoso in petto e i miei occhi che cercavano senza successo di inquadrarne la forma. Rammarico e rabbia mi attraversavano, “Perché hanno sparato? E’ ancora buio!!! Perché non carichi il fucile?” dicevo a mio padre.

Lui, calmo e cosciente, mi rispondeva: “E’ ancora presto, stai tranquillo, vedrai che riusciremo a tornare a casa soddisfatti”. Era vero. Ma rimanevo furioso, avessi preso quel cacciatore …

Ormai, le nostre giornate a folaghe sono passate, quel pantano oggi è un’ ospedale mai finito, la selvaggina ovviamente sparita, con i predatori che la fanno da padrone, frutto della cattiva, ignorante e troppo politicizzata gestione.

In questo caso non rimangono altro che i ricordi, sperando che un giorno qualcuno possa fare le scelte giuste, magari, provando ad affidare gradualmente ai cacciatori la gestione del territorio.
E sono convinto che nel nostro piccolo, riusciremmo a proteggerla, la natura!

Quali parole più giuste se non quelle del mio scrittore preferito, Mario Rigoni Stern:

“Le nostre storie sono a volte commoventi a volte un po' barbare, la violenza non è mai gratuita è inesorabilmente regolata dai meccanismi della natura. Perché il male, è solo dell'uomo, quando dimentica o disprezza o distrugge gli equilibri del bosco o della montagna …”.

Come dargli torto?!
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.85
Aggiungi un commento  Annulla 

6 commenti finora...

Re: LA FURBA FOLAGA

che puzza le folaghe

da sga  28/12/2017 18.10

Re: LA FURBA FOLAGA

"Il nido, rotondo robusto e incredibilmente galleggiante" ...grazie alle nutrie non vi è più nulla di galleggiante su cui nidificare....

da Festinalente  13/05/2014 12.55

Re: LA FURBA FOLAGA

"Il nido, rotondo robusto e incredibilmente galleggiante" ...grazie alle nutrie non vi è più nulla di galleggiante su cui nidificare....

da Festinalente  13/05/2014 12.53

Re: LA FURBA FOLAGA

Gianni non lasciarti andare... aspetta che ti tolgano anche il resto ! Cordialit

da jamesin  09/05/2014 17.43

Re: LA FURBA FOLAGA

di nuovo grande Danilo! Gianni non lasciarti andare mi raccomando, continuare a praticare con passione è di certo il modo migliore per ricordare il tuo cane ed il tuo papà.

da 100%cacciatore  08/05/2014 8.25

Re: LA FURBA FOLAGA

Bei ricordi a caccia di gallinelle d'acqua e folaghe lungo il fiume con la mia Perla, bretoncina morta poche settimane prima di mio padre....più volte ho finito le cartucce ....bellissimi momenti...poi hanno fatto l'oasi e niente più uccelli neri... Dopo poco è morta anche la Perla amo pensare per via del dispiacere di non poter più rincorrere i rallidi di fiume .....è così che è morta un po' anche la mia passione.

da Gianni  03/05/2014 13.18
Cerca nel Blog
Lista dei Blog