Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
30123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
feb24


24/02/2014 

Si sa, la ragion di Stato costringe spesso i governanti a dire cose non proprio vere e, a volte, anche smaccatamente bugiarde, che poi solo la storia ci rivela; ma che lo stesso metodo lo si utilizzi anche per difendere interessi scientifici e culturali in genere è inaccettabile!

Che il Lupo sia specie minacciata è vero; che lo si dica “a rischio di estinzione” è già meno vero, ma che si inventino vere e proprie tesi comportamentali mai dimostrate da nessuno ed enunciate e credute solo per fede, è inaccettabile, ed è prova che di quest’animale si è fatto un totem che non ha ragione d’essere, se non scavando nel nostro inconscio e nell’atavica paura che l’animale ha sempre fatto all’uomo, tanto da portarlo all’adorazione ed al rispetto che si doveva e deve ad un potente monarca che, appunto, si adora per timore e non già per amore.

Si leggono, in recenti comunicati diffusi alla stampa da quella che è ritenuta la più qualificata associazione ambientalista mondiale (il WWF), sia in note ad alto livello sia in quelle più prettamente locali e quindi riconducibili ad elementi dirigenziali di basso profilo, notizie come le seguenti:

«Le uccisioni di lupi e l’esposizioni dei cadaveri o di loro parti avvenute in Maremma negli ultimi mesi, in una vera e propria escalation di orrori, sono atti di inciviltà e barbarie inaccettabili oltre che illegali». E’ vero, ma le uccisioni sono anche la conseguenza diretta di un “escalation” di danni da lupi non pagati, o pagati tardi e male a chi poi magari decide di farsi giustizia con le proprie mani. E’ sempre stato così che è avvenuto nella storia del’uomo, anche in politica e nel governo degli Stati: le rivoluzioni nascono sempre da ingiustizie sociali, non dimentichiamolo. E non voler pagare i danni inferti dai lupi agli allevatori è un’ingiustizia sociale.

«... in altre zone con una situazione simile si stanno trovando soluzioni che permettono una pacifica convivenza tra lupi e attività umane e una tutela attiva della biodiversità quale patrimonio comune della collettività». Vero, tanto vero che in tutto il mondo dove esistono popolazioni di lupi, le soluzioni sono di pagare sempre e rapidamente  i danni e le popolazioni di lupi sono tenute sotto controllo mediante la riduzione del loro numero con abbattimenti coordinati dagli apparati statali ancorché, in molti casi, autorizzando gli interventi diretti degli stessi allevatori a difesa delle loro greggi e mandrie. Ma questo il WWF non lo dice!

Il WWF scrive che «... associazioni di categoria (...) negli ultimi tempi hanno soffiato sul fuoco e hanno partecipato alla creazione di un clima di caccia alle streghe...» Vero anche questo, se non fosse che vero è anche il fatto che mai come negli ultimi tempi i “lupofili” si stiano inventando le tesi più assurde pur di addossare le colpe delle aggressioni ad ipotetici cani, siano essi vaganti, randagi o inselvatichiti o anche ibridi, o sostenendo che siano gli stessi allevatori a gonfiare i danni (il che può essere vero in qualche caso, ma che non riduce affatto il problema).

Il WWF sostiene che «dati scientifici consolidati confermano che abbattimenti come quelli effettuati in ipotetici programmi di controllo (...) lungi dal risolvere la questione dei danni alla zootecnia, aggravano anzi la predazione sul bestiame domestico, in quanto destrutturando i gruppi, i lupi diventati cacciatori solitari si rivolgono maggiormente a prede facili, come gli animali domestici, piuttosto che ai più difficili prede selvatiche». Veramente il mondo della città ha perso ogni senso pratico ed ogni legame con quel mondo rurale e della Natura per cui dice di voler combattere! Un animale predatore, che sia in branco od isolato va sempre a colpire l’anello più debole della catena alimentare su cui si basa la sua sopravvivenza: non è il numero che indirizza verso una preda o l’altra, ma, caso mai, la preda stessa od il suo comportamento. Un branco di lupi o anche un solo lupo, se nella zona di caccia incontra animali domestici o animali selvatici, sempre a quelli domestici indirizzerà le sue attenzioni predatorie, proprio perché più facili

da colpire. C’è solo un modo per costringere il lupo a predare gli animali selvatici: eliminare gli animali domestici dai suoi territori di vita. Che sia questo che, in fondo, desiderano i nostri “lupofili” nel mistificare i fatti? Peccato che poi questi dati “consolidati” (sempre che esistano veramente!) facciano a pugni con quanto stanno facendo in tutto il mondo i governi di USA, Francia, Spagna, Svizzera, Norvegia, Svezia e forse altri!! E peccato che la loro tesi sia sconfessata dai fatti stessi, per cui mai come oggi i lupi hanno predato bestiame domestico, più di quanto non facessero quando di lupi ce ne erano pochi e di bestiame domestico molto di più! Una vera e propria contraddizione di cui neppure quelli che la enunciano si rendono evidentemente conto! Ma come si fa ad avere il coraggio di diffondere queste cose, magari con l’avallo di Professori universitari o grandi esperti della specie Lupo?!  Non è con queste mistificazioni che si salverà il lupo, anzi è proprio così che si farà aumentare quella caccia alle streghe che si vorrebbe evitare!

Il WWF parla sempre di «azioni concrete di prevenzione», di «impegni a lavorare su ipotesi fondate e attuabili», di «alleviare il conflitto tra allevatori e lupi», di «miglioramento normativo e procedurale». Mai parla di indennizzi! Mai di controllo numerico delle popolazioni di lupo! Ed anzi si invita il potere politico a «un impegno eccezionale di controllo sul campo per individuare i responsabili e prevenire ulteriori uccisioni»; propone che «si investano mezzi e strumenti per indagare e consegnare alla legge gli autori di questi atti di bracconaggio»; parla di «investimenti in educazione ambientale e nella sensibilizzazione». E perché non investimenti maggiori per gli indennizzi dei danni dei lupi? Non sarebbe più logico e pratico? E perché non provvedimenti legislativi che prevedano il controllo numerico (non lo sterminio, come si cerca di far credere con una posizione più animalista che conservazionista) delle popolazioni di lupo come si fa in altre Nazioni?

Ecco, è dominante il solito parolaio italiano che non porta mai a risolvere i problemi, ma serve a farli incancrenire! Si teme forse che i politici possano prendere in considerazione l’esempio che gli vengono dalle altre Nazioni con lo stesso problema? Che sul loro esempio si cominci a pensare ad una legge che consenta ciò che non è consentito oggi e che per loro è un tabù? In pratica, si vuole forse tenere i politici nell’ignoranza, ed è per questo che se la prendono tanto con «quelle associazioni di categoria che negli ultimi tempi soffiano sul fuoco»?

Per concludere, ecco un’altra tesi che piace a “lupofili” e che il WWF ha diffuso: «la sola idea che una strage del genere sia stata provocata dai lupi è assurda (...). La dinamica dell’accaduto presenta aspetti non troppo chiari. Le pecore uccise sono trentanove. I lupi, come tutti i predatori naturali, dopo aver catturato una preda la mangiano per intero. A seconda delle dimensioni la preda viene divorata da un singolo predatore o da più da più individui».  Ma queste persone hanno mai visto un lupo? Si sono mai documentate sulle stragi commesse dai lupi in epoche passate? Lo sanno che il lupo quando entra in un gregge di pecore se non è scacciato o ucciso prima le scanna tutte, anche se poi ne divora pochissime? E che è caso mai l’orso, che perlopiù predata una pecora, lascia stare le altre? Se non lo sanno si documentino negli archivi delle Prefetture, delle stazioni dei Carabinieri o dei Comuni dell’Appennino, o lo chiedano almeno a chi di lupi e di pecore ne conosce più di loro per averle allevate tutta la vita: i pastori più anziani.

Ecco, sono tesi come quelle succitate che piuttosto che risicate è non veritiere, sono caso mai prova di un incompetenza sul comportamento animale che rasenta il ridicolo e, certamente, una visione animalista buonista che mistifica i fatti, fregandosene della verità. Ciò facendo, lo ribadiamo, costringendo gli allevatori ad accollarsi le spese per il mantenimento dei lupi o, peggio, a farsi giustizia con le proprie mani rischiando penalità gravose o addirittura il carcere.

Una causa giusta non si difende con le mistificazioni e con l’ipocrisia, ma con la verità dei fatti; quei fatti che molti temono e che vorrebbero tenere nascosti all’opinione pubblica. E’ anche così che si istaurano le dittature, le quali possono essere anche settoriali come l’ambientalismo spregiudicato e non ragionevole.
 
F.to Franco Zunino
Segretario Generale dell’AIW                                 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


173.245.54.221
Aggiungi un commento  Annulla 

11 commenti finora...

Re: Ancora mistificazioni sul lupo

CONSIDERANDO UN BASSISSIMO TREND DI CRESCITA DEL LUPO (10%), SE NEL 1970 ERANO 100 IN iTALIA, NEL 2014 DOVREBBERO ESSERE 6.600. SE ATTUALMENTE (2014) SI DICE CHE IN ITALIA CI SONO 1.500 LUPI.....CHE FINE HANNO FATTO GLI ALTRI 5.100 ???

da SCIENZIAT  18/03/2014

Re: Ancora mistificazioni sul lupo

se il numero di branchi riproduttivi fosse corretto la stima si può fare prendendo un numero medio di lupi per branco di 4.5

da Einstein  06/03/2014

Re: Ancora mistificazioni sul lupo

Riguardo gli ultimi dati forniti dalla regione toscana vorrei dire che se un branco è fornato da 6 piuttosto che da 2 individui, moltiplicato per il numero dei branchi, il numero si discosta anche parecchio dal dato fornito.......

da scienziat  06/03/2014

Re: Ancora mistificazioni sul lupo

bravo de vita....

da Rino  02/03/2014

Re: Ancora mistificazioni sul lupo

Continua:
il cane o i cani se entrano malauguratamente nel territorio di un branco di lupi, i cani randagi o rinselvatichiti vengono subito cacciati via o meglio diventano preda dei lupi e quindi selezionati all’istante. Al contrario i cani randagi sono soliti vagare a ridosso delle aree antropizzate/urbanizzate, in quanto qui possono sfruttare al meglio il loro comportamento da opportunista.
Fatta tutta questa premessa l’unico sistema per salvare il lupo da atti di bracconaggio è pagare istantaneamente il danno diretto ed indiretto agli allevatori che subiscono, attivare con incentivi tutti i sistemi dissuasivi, compreso i cani da pastore, di razze adatte ed in grado di tenere lontani i lupi nel panorama cinofilo ufficiale ce ne sono molte, ci sono razze che basta un soggetto per tenere a bada tre quattro lupi contemporaneamente. Però è chiaro che con il passare del tempo i lupi aumenteranno sempre più in virtù del fatto che ormai le popolazioni di ungulati in Italia sono esplose, e come tutte le cose naturali, i predatori aumentano in relazione all’aumento delle prede.
Quindi il problema del controllo diretto dovrà in ogni modo essere affrontato, volente o nolente. Ma prima vanno cambiate le leggi e la specie lupo declassata a specie non particolarmente protetta.
Di certo trovo veramente assurdo investire bel cinque milioni di euro (come ha fatto la Toscana) in particolare quando le persone si suicidano per la tremenda crisi che ci attanaglia. E poi per che cosa??? Creare un Comitato scientifico per fare ed attuare quelle cose essenziali che tutti conoscono. Dimenticavo: siamo in Italia…………..Stefano De Vita

da Stefano De Vita  25/02/2014

Re: Ancora mistificazioni sul lupo

Problema Lupo: scusate se mi intrometto in questa discussione, ma vorrei ricordare a tutti che il Lupo è inserito come specie particolarmente protetta dalla Legge Quadro 157/92 e Leggi regionali di recepimento, tutelato dalle norme Comunitarie e tutelato da Leggi internazionali compresa la Convenzione di Washington. A fronte di questo attuale quadro giuridico (giusto o sbagliato che sia), ma sono dell’avviso che è giusto così, le Amministrazioni anche se volessero, non possono materialmente operare nessun tipo di controllo sulla specie per i motivi di cui sopra: non è possibile farlo. Altro discorso sono gli interventi di controllo sugli ibridi e sui cani randagi rinselvatichiti. Però diciamo subito l’enorme difficoltà di controllare tramite abbattimento e verificare (prima dello sparo) se quel determinato canide molto somigliante fenologicamente ad un lupo, sia un ibrido od un soggetto puro, e questo è verificabile solo con un esame del DNA e quindi in questo caso prima dovrebbe essere catturato e poi abbattuto se ibrido, se invece puro liberato. Altro caso se invece dovessimo vedere subito da lontano che è un canide meticcio e quindi verificabile all’istante, quindi si potrebbe operare l’abbattimento, ma ecco che entra un altro freno legislativo, infatti i cani meticci o loro ibridi, etc. etc. sono tutelati dalle Leggi sul benessere degli animali d’affezione e relative Convenzioni Internazionali, in Italia non è più possibile abbattere i cani o i loro ibridi, infatti si incorre in sanzioni di carattere amministrativo che penale (come per il lupo). Entrando nel merito in riferimento alla storiella dei tantissimi cani randagi che si ibridano a lupi oppure vaganti in territori selvatici, evidentemente chi porta avanti questa tesi irreale lo fa per sminuire il problema lupo. Di fatto il cane randagio in un sistema naturale è solo un competitore alimentare e di fatto stante l’enorme presenza di lupi in Toscana (nella fattispecie)………Stefano De Vita

da Stefano De Vita  25/02/2014

Re: Ancora mistificazioni sul lupo

Il lupo per Zunino non è degno di far parte della wilderness ? SOlo l'orso perchè gli piace di più ??

da G.P.  25/02/2014

Re: Ancora mistificazioni sul lupo

wwf, e altre sigle animaliste/ambientali hanno a cuore la problematica lupo per il solo motivo che un problema porta automaticamente fondi per ricerche , studi o osservazioni, che poi queste non vengano effettuate ma ci si limita a portare i soldi dalla banca al portafoglio....bhè ormai è il sistema italia che funziona così e gli animal/ambientalisti hanno avuto da subito una predisposizione naturale ad imparare quest'arte . Bene fanno le persone ad auto tutelarsi contro il lupo. L'unica speranza di avere un giorno persone capaci di dialogare è legata all'irrinunciabile necessità di far implodere queste pseudo associazioni ..... il sistema... non dirottare più nessun tipo di finanziamento verso le loro banche... sparirebbero come neve al sole.

da P.G.  25/02/2014

Re: Ancora mistificazioni sul lupo

Franco Zunino dovrebbe essere messo, da chi ne ha facoltà, a coordinare e gestire tutte le problematiche inerenti i grandi predatori sul suolo italico, per le indubbie qualità e competenze che dimostra continuamente. Invece è relegato in un angolino remoto, dal quale lodevolmente non rinuncia comunque a far sentire la propria voce, conscio però ahimé che, per restare in tema di lupi, ha la quasi certezza di ululare alla luna. W L'IDAGLIA!!!

da 100%cacciatore  24/02/2014

Re: Ancora mistificazioni sul lupo

AIW.L'unica associazione ambientalista degna di questo nome. Sig. Franco Zunino mi auguro che un giorno AIW possa insegnare la natura nelle scuole italiane ed europee.

da agostino  24/02/2014

Re: Ancora mistificazioni sul lupo

E' ormai noto che il mondo ambientalista molto spesso finge di ignorare la verità delle cose. A loro interessa restare sulla breccia, anche dicendo falsità. L'importante è che se ne parli e che si sgancino quattrini. Anocora una volta sono gravemente responsabili i mezzi di informazione colpevoli di non verificare la verità delle notizie.

da Arrabiato 61  24/02/2014
Cerca nel Blog
Lista dei Blog