Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678
Mensile
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov7


07/11/2013 

Una Regione che anziché vincolare in forma integrale i proprie esigui boschi regionali (solo circa 7.000 ettari) e che proprio quest’anno li ha dati in pasto ai privati per una gestione economicistica che contrasta con l’impegno ecologista vantato ad ogni piè pari, ecco che improvvisamente si scopre che con una delibera di giunta del 2007 per un virtuosismo ambientalista che fa a pugni con gli scempi autorizzati nell’approvare i progetti eolici, in tutti i ben 127 SIC-Siti di Importanza Comunitaria (un numero esagerato, se non altro per una mancata seria loro revisione sulla base delle loro reali finalità: ma questo è un problema addirittura di livello nazionale!), in primavera è proibito l’uso delle motoseghe per il taglio dei boschi. Un virtuosismo che sarà certamente stato consigliato da un certo mondo ambientalista ed animalista che in Liguria va per la maggiore (sono note le recenti traversie cui sono stati costretti i cacciatori a causa degli inutili, perseveranti ed anche rancorosi ricorsi degli ambientalisti per ottenere la chiusura della caccia), ma che fa anche a pugni con la succitata recente legge sulle proprietà boschive regionali, la quale con l’intento di essere ambientalista avrà invece come effetto il depauperamento  dei patrimoni naturali che queste proprietà hanno conservato fino ad oggi. Oggi si scopre (a Calizzano, Val Bormida, lo hanno scoperto in questi giorni) che la Regione rimedia imponendo ai privati quei vincoli che non ha saputo e voluto autoimporsi a casa propria! Purtroppo, a parte la scrivente associazione, nessun’altra associazione ambientalista ha protestata per quella legge antiambientalista, come sicuramente nessuna di esse si schiererà oggi contro l’applicazione della delibera del 2007!

Si deve sapere che con Delibera di Giunta Regionale n. 126 del 2007 in tutti i SIC della Liguria sono stati imposti dei vincoli decisamente ecologisti ed ammirevoli, se non fosse per il fatto che non si impongo alle proprietà pubbliche statali e regionali, ma soprattutto a quelle private e comunali. E’ difatti proibito l’uso di motoseghe (“strumenti a motore”) per tagliare gli alberi nel periodo di nidificazione dell’avifauna (febbraio-luglio). Ma non solo, i privati sono obbligati a rinunciare senza rimborso alcuno al taglio di alberi con nidi (è avrebbe anche un senso, se non altro per umanità) ma pure a quelli nelle loro vicinanze e, dulcis in fondo, preservare “isole di biodiversità di migliaia di metri quadrati destinate all’invecchiamento indefinito”. E io pago, diceva Totò! Tutti vincoli che colpiscono soprattutto l’economia forestale privata e che ha alla base una motivazione, al solito, solo animalista: la tutela della “privacy” degli animali! Ma anche un vincolo che l’Unione Europea non ha mai richiesto per questa specie di aree protette, che quindi non sono affatto tali (giusto la sentenza N. 02885/2012 del Consiglio di Stato); né nelle Direttive europee a cui esse fanno riferimento si richiede agli Stati membri forme vincolistiche di provvedimenti gestionali degli habitat per la fauna.

Lo scopo degli ambientalisti italiani, unici  in Europa, è chiaro: puntare presto a far inserire tutti i SIC e ZPS nella rete di aree protette vincolare dalle legge 394 sui Parchi e le Riserve Naturali, per poter così vincolare in modo antidemocratico milioni di ettari di proprietà privata e comunale senza dover spendere un euro di rimborso per indennizzi o acquisto dei terreni, come si fa in tante altre nazioni note per i loro livelli di democrazia liberale (USA, Gran Bretagna, Francia, Svezia,  Finlandia, Belgio, Olanda, tanto per fare degli esempi).

Anziché costringere i boscaioli all’antico uso delle asce per tagliare gli alberi nelle aree SIC, meglio avrebbe fatto la Regione a vincolare quali Riserve Integrali o Aree Wilderness i propri boschi demaniali (alcuni anche SIC), dati invece in pasto a società e cooperative private. La conservazione dei patrimoni forestali di alto valore di biodiversità non si fa vincolando i privati, ma conservando i beni pubblici od acquistando al pubblico quelli privati. Questa è la linea della scrivente Associazione che per proteggere alcuni boschi opera di tasca propria acquistando terreni; non richiedendo al potere della politica impositivi vincoli illiberali ed antidemocratici sui terreni privati!

Il Corpo Forestale fa il suo dovere nel richiedere l’applicazione della Delibera 126/2007, ma i politici dovrebbero anche fare il loro nel riconoscere gli errori commessi nell’approvare quello che magari i tecnici hanno loro propinato: democrazia è anche rispettare i diritti dei cittadini se si vuole che i cittadini rispettino le leggi!
 
Murialdo, 7 Novembre 2013
 
                                
F.to Franco Zunino
Segretario Generale dell’AIW

Aggiornamento del 8/11/2013 da una nota dell'Assessore Renata Briano:

La Giunta della Regione Liguria su proposta dell'assessore all’Ambiente Renata Briano ha abrogato i criteri e gli indirizzi per le attività agrosilvo pastorali approvati nel 2007, ma ormai superati nei fatti. La decisione mette fine alle polemiche sorte in questi giorni a Calizzano , in Valbormida e non solo, semplificando le attività del Corpo Forestale dello Stato ed evitando così formalismi e fraintendimenti. Indirizzi, infatti, che secondo alcune interpretazioni, vietavano il taglio del bosco nel periodo da marzo a luglio nei siti sic di interesse comunitario.
“Sono convinta che la tutela della biodiversità sarà garantita da chi opera nel settore forestale. Personalmente penso che se la nostra Regione ha mantenuto così ricco di biodiversità il proprio territorio, ciò é avvenuto grazie alle attività agrosilvo pastorali esistenti da sempre" , afferma Briano.

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.62.149
Aggiungi un commento  Annulla 

2 commenti finora...

Re: Sic e motoseghe in Liguria

Io da gennaio, come ogni anno inizio a tagliare boschi, per il fabbisogno della mia famiglia e di altre 4/5 al massimo. Abito in Veneto in provincia di Vicenza, in piena zona sic. Mi dispiace molto perchè siamo sempre al solito punto. Chi discute e decide si basa sempre su delibere e scritti di qualsiasi genere e se devono comunque ascoltare qualcuno ascoltano sempre la parte ambientalista che nulla non sa, ripeto, nulla non sa. Non sa che i boschi se non si tagliano MUOIONO!! altro che patrimonio agro silvo pastorale, Voi non sapete nemmeno cos'è! Vergognatevi, ma come sempre è bello riempirsi la bocca di parolone grosse. Uscite fuori state in mezzo ai boschi e poi scrivete. Ignoranti!

da Marco  15/11/2013

Re: Sic e motoseghe in Liguria

In realtà se si legge bene la delibera 126 del 2007 quel divieto non è mai stato scritto.

da fover  15/11/2013
Cerca nel Blog
Lista dei Blog