Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mar11


11/03/2013 

Per incominciare,  il Cesio 137 e' stato riscontrato "casualmente" (come dicono alcune fonti stampa) durante dei controlli per la trichinella. Gli stessi campioni "avanzati" conferiti dai cacciatori (per questo si parla di lingua e diaframma) sono stati utilizzati per valutare i risultati della presenza di sostanze radioattive negli alimenti come suggerito dall'Europa.

Casualmente sono stati presi 27 campioni dagli oltre 100 capi sottoposti all'esame della trichinella, di questi 10 presentavano livelli oltre il limite tollerabile. Quindi sono stati spediti in Puglia al centro di referenza nazionale per accertare con un altro metodo tali valori (9 sono risultati oltre la soglia, uno no). Per maggior sicurezza sono stati fatti analizzare anche gli altri campioni rimasti nel centro zooprofilattico di Vercelli (tra qualche giorno si avranno i risultati).

Cos'e' il cesio 137? Questo isotopo per il suo peso molecolare e' tipico delle fusioni nucleari. Poiche' non si sono registrate (l'Arpa ha un monitoraggio costante) dispersioni nell'ambiente di tale elemento in quelle zone ad esclusione dopo quella del 1986 di Chernobyl, si ipotizza che tutto sia dovuto alla ricaduta nel tempo conseguente a tale avvenimento. Questo sarebbe possibile poiche' in queste aree dell'arco alpino (come in aree dell'Astigiano e delle Langhe, ma anche in altre regioni e nazioni)  furono colpite circa 27 anni fa' dal fall-out di Chernobyl, cioe' le condizioni climatiche presenti allora trasportarono la "nube radioattiva" e (poiche' in queste zone pedemontane pioveva) queste sostanze radioattive ricaddettero sul terreno. Questa contaminazione e' cosa nota gia' da anni e periodicamente/costantemente vengono eseguiti monitoraggi fatti dall'ARPA sulla situazione "radiazioni". Pur se possa sembrare strano a distanza di cosi tanto tempo, si hanno ancora delle concentrazioni di questi inquinanti radioattivi dati dagli effetti di Chernobyl. Sapere che l'emivita del cesio 137 e' di 30 anni, non significa che i suoi effetti scompaiano in tale periodo ma che la quantita' di questo elemento (perche' si stabilizza) si riduce alla meta' di quella iniziale. Inoltre nell'ambiente possono esserci minori quantita' poiche' gli esseri viventi l'assorbono oppure le sostanze vengono "segregate" in forme diverse non assorbibili o ancora essere soggetti a dilavamenti (il cesio e' molto solubile in acqua) che causano spostamenti e accumuli in zone diverse da quelle originarie.

Ritrovare valori elevati in carni di cinghiali di Cesio 137 ha fatto "scattare misure straordinarie di controllo" per capire le cause plausibili.E' stato "un campanello di allarme" per capire cosa sia realmente (o molto probabilmente) successo nella zona e che conseguenze possano insorgere. Cio' ha portato ad intensificare i controlli anche su: suoli, acque, funghi, vegetali (soprattutto per quanto riguarda i frutti di bosco), animali (soprattutto selvaggina) e alimenti prodotti (latte, formaggi e miele). Sembrerebbe che questi controlli vengano estesi anche ad altre zone dell'arco alpino coinvolte dal fall-out di Chernobyl (come la zona delle Langhe e la provincia di Asti).

I "cinghiali radioattivi" hanno funzionato da "specie-spia" di una situazione ambientale poiche' sono per loro indone "buoni accumulatori di cesio 137":

- con il loro grufolare "assumono" quello presente nel terreno (semprerebbe sia concentrato nei primi 10-15 cm nel terreno).
- si nutrono di funghi (alimenti che concentrano assorbendo le sostanze radioattive e tossiche presenti nel terreno).
- sono sottoposti a controlli sanitari per l'edibilita' della carne.
- vivono allo stato brado vagando (anche notevolmente) nei territori e si nutrono un po' di tutto.
- sono onnivori per cui "accumulano" le sostanze radioattive presenti sia su vegetali che negli animali.

Probabilmente se anziche' analizzare la carne di cinghiale si fossero analizzate altre sostanze legate al territorio contaminato avremmo ottenuto valori elevati di Cesio 137 rispetto ad ambienti meno coinvolti dagli effetti di Chernobyl.

Una questione importante da affrontare sono le conseguenze date dall'assorbimento del cesio 137. Tale sostanza ha un comportamento simile al potassio. Una volta assorbito nell'organismo animale tende a distribuirsi in modo piu' o meno uniforme: concentrandosi soprattutto nei muscoli e nel cuore mentre è poco presente nelle ossa. Si calcola che possiede un'emivita biologica (cioe' nel corpo una volta assorbito dimezza la sua concentrazione perche' viene escreto) di circa 70 giorni. Inoltre per facilitare l'espulsione dall'organismo (in caso di ingestioni accidentali elevate) si puo' assumere il blu di persia (si lega in modo specifico al cesio).

Assumere quantita' piccole e limitate di carni con cesio 137 non causerebbe un grosso problema di salute. Comunque la carne con livelli elevati dovrebbe essere stata bloccata grazie alla rintracciabilita' ed eliminata; anche se fosse stata consumata non dovrebbe generare gravi conseguenze poiche' in genere si assume in piccole quantita' (qualche etto) in maniera dilazionata nel tempo. Si avrebbero maggiori rischi se le "fonti di assorbimento" di questo isotopo fossero variegate (carni, funghi, vegetali, prodotti derivati) e ingerite per lunghi periodi. In questo ultimo caso si avrebbero rischi di malattie o danni da radiazioni che si potrebbero manifestare.

E' quasi piu' importante sapere qual è la "diffusione" del cesio 137 nelle varie sostanze rispetto a sapere che si sono trovati 9 "cinghiali radiattivi" con alti valori su 27 capi analizzati (cioe' uno su tre). Sarebbe importante riuscire a capire anche dove sono le zone "altamente inquinate" per circoscriverle e informare (senza scatenare panici mediatici) la popolazione e i cittadini. Servono chiarimenti e non blocchi o proibizioni sul consumo, non bisogna in alcun modo diffondere panico inutile o informazioni non veritiere che potrebbero essere piu' dannose del rischio principale.
 
Laura Tolbar

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.79.151
Aggiungi un commento  Annulla 

10 commenti finora...

Re: Facciamo un po' di chiarezza sui "cinghiali radioattivi"!

non sono d'accordo laura... "scatenare panici mediatici" serve invece quando si cerca di insabbiare la verità per non volersi assumersi la responsabilità di non aver controllato ciò che si doveva controllare. insabbiare vergognosamente la verità non significa rassicurare. e la controreazione di far uscire la verità a tutti i costi è doverosa.

da luca  16/05/2013

Re: Facciamo un po' di chiarezza sui "cinghiali radioattivi"!

Secondo te non è ipotizzabile un' immissione illegale di capi proveniente dall'est europa?

da alex per Laura  15/03/2013

Re: Facciamo un po' di chiarezza sui "cinghiali radioattivi"!

si è detto che i cinghiali sono contaminati, perchè l'ambiente è contaminato, allora saranno certo contaminate anche le carni bovine, il latte, il formaggio e cosi via, non va dimenticato che i bovini mangiano l'erba e se il bosco è contaminato lo sono anche i prati adiacenti, o mi sbaglio?

da Mauro  13/03/2013

Re: Facciamo un po' di chiarezza sui "cinghiali radioattivi"!

Grazie Laura, ora la cosa mi è più chiara, da noi nelle Marche ancora non si parla di cinghiale radioattivo,
anhe se magari stando più esposti verso cernobyl che il piemonte, il problema potrebbe sussistere eccome, ciao, buon lavoro e se hai altre notizie informaci. Carlo

da Carlo62  13/03/2013

Re: Facciamo un po' di chiarezza sui "cinghiali radioattivi"!

la cosa si può spiegare in quattro parole la regione sta discutendo della nuova legge sulla caccia ed ecco che subito qualcuno specula su cose che in tempi non sospetti non si sono mai prese in considerazione mo vi farò vedere gli animalisti che battaglia faranno per far vietare la caccia al cinghiale e non solo in piemonte

da carlo  13/03/2013

Re: Facciamo un po' di chiarezza sui "cinghiali radioattivi"!

casualmente..........

da begallo  13/03/2013

Re: Facciamo un po' di chiarezza sui "cinghiali radioattivi"!

Brava Laura, sempre precisa e brava analizzatrice dei problemi, ho letto solo ora questo tuo sunto di una probabile storia lunga circa trent'anni, va bene che il cesio ha bisogno per la totale scomparsa di centinaia di anni, possibile però che ci si accorge solo dopo trent'anni? tutti gli animali abbattuti negli anni precedenti, sono stati sempre guardati con superficialità, la radioattività dopo la nube di cernobyl pensi non sia stata maggiore che adesso? ripeto come mai esce tutto oggi e non magari dieci o vent'anni fa? io essendo uno che se non tocco con mano non credo, mi dispiace, ma la storiella di cernobyl non mi convince...........Brava Carlo

da Carlo62  13/03/2013

Re: Facciamo un po' di chiarezza sui "cinghiali radioattivi"!

... Leonardo, rai 3 del 11 Mar '13. Le zone inquinate del Piemonte sono quelle nelle quali piovve maggiormente subito dopo l' incidente di Chernobyl, da cui, ancor oggi, si riscontrano presenze anomale di radioattività, nel miele, nel latte, nei funghi.... meglio non continuare, ma comunque non c' è pericolo... dicono. Dopo l' acqua inquinata, frutta e verdura intossicate dai pesticidi, che volete che sia un po' di cesio? non può che fare bene....

da Fromboliere  11/03/2013

Re: Facciamo un po' di chiarezza sui "cinghiali radioattivi"!

Finalmente notizie complete, Grazie.
Ma come mai questa chiarezza non viene fatta mai sui TG o sui giornali???

da Simone di Arezzo  11/03/2013

Re: Facciamo un po' di chiarezza sui "cinghiali radioattivi"!

Cara Laura, per come e cosa scirvi, rappresenti al meglio cosa si dovrebbe intendere nel "fare corretta informazione". grazie di esistere!

da Ezio  11/03/2013
Cerca nel Blog
Lista dei Blog