Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
30123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov13


13/11/2012 17.02 



“Chiedimi se sono felice!”. Lo ricordate il film di Aldo, Giovanni e Giacomo? Dopo aver visto cosa avevo abbattuto quella tiepida sera d’inizio novembre, i miei compagni d’avventura non ebbero bisogno di chiedermelo se lo fossi, perché solo dall’espressione (ammetto un po’ da ebete) che avevo sul mio viso, si capiva non solo che ero felice, ma molto, molto di più. Quel giorno ebbi un’ulteriore conferma che certe emozioni possono suscitarle soltanto quelle passioni ataviche come la caccia e la pesca. E sinceramente mi spiace per chi durante la sua vita non avrà mai l’occasione di poter provare.  Spesso mi sento chiedere se in Maremma esistono e quindi se è possibile abbattere dei buoni daini da trofeo, magari anche da medaglia. Come se non sapessero che, almeno secondo i dati in mio possesso, le prime introduzioni documentate in Italia risalgono addirittura ai tempi dell’Antica Roma.

Anche se già nel V secolo A.C. greci, cartaginesi e fenici avevano iniziato la diffusione dei daini nell’area mediterranea avendoli importati dall’Asia minore, non credo ci siano più dubbi sul fatto che sono stati i discendenti di Romolo e Remo a diffondere questo splendido animale nella nostra stupenda Penisola. Oggi il dama-dama è presente in tutto il mondo, Americhe e Africa incluse e persino in Nuova Zelanda è in buon numero. Da noi lo possiamo trovare in quasi tutte le Regioni, sempre in bilico tra la carenza di presenza e l’essere addirittura considerato nocivo.

Le sue abitudini alimentari da brucatore intermedio lo portano a cibarsi di una grande varietà di erbe, piante erbacee e cortecce di alberi spesso protetti. Dove la densità di questo selvatico è molto alta, tutta la vegetazione porta i segni del suo passaggio fino a 140 cm di altezza. Il daino, allo stato selvatico nel suo Habitat naturale, se studiato attentamente è affascinante quanto tutti gli altri ungulati cacciabili in Italia. Ha una struttura sociale che varia  in funzione del territorio in cui si trova e in base alle stagioni. Di solito vive in gruppi più o meno numerosi, dei quali il più comune è quello familiare, che comprende femmina, piccolo ed eventualmente il giovane dell’anno precedente. Seguono i gruppi  di femmine e piccoli, costituiti dall’unione di più gruppi familiari, i gruppi di maschi, spesso occasionali, formati da soggetti di tutte le classi di età ed infine il gruppo misto che può arrivare a comprendere anche più di cento individui. Anche la consistenza di questi gruppi varia secondo l’estensione della zona in cui vivono. Minore è il territorio, più piccoli sono i branchi.

Il daino è attivo durante tutto l’arco della giornata, teme più il freddo che il caldo,  infatti non lo troviamo quasi mai oltre i mille metri di altitudine. Gradisce le zone ricche di acqua, ma gli è comunque sufficiente un’abbeverata al giorno. E’ un animale territoriale ma non abitudinario, quindi dargli la caccia è sicuramente una cosa difficile ed emozionantissima, come ben sa  Giampiero Bernacchi, il mio più caro amico e compagno di mille avventure oltre che gestore della meravigliosa Tenuta Le Forane di Capalbio.

Giampiero è sicuramente uno tra i cacciatori di daini più esperti di tutta la Regione, infatti, non a caso, la popolazione selvatica presente nella sua Azienda F. V., oltre che essere rigorosamente nata e cresciuta in territorio libero da decenni, è eccellente sia come quantità sia come qualità. Nonostante il recentissimo sconvolgimento del calendario venatorio Toscano da parte dell’ISPRA, che prevede il prelievo dei maschi di daino in agosto e novembre con una pausa durante il periodo del “brunft”, degli amori, che praticamente comprende tutto il mese di ottobre, un insolitamente caldo pomeriggio autunnale io, Giampiero e Alfonso un nostro comune amico che ha contratto l’incurabile febbre della caccia a palla a settant’anni, decidemmo di tentare la sorte in una zona remotissima della riserva dove l’amico di Capalbio aveva sentito bramire un grande maschio e dove aveva trovato evidenti tracce di presenza. Gli chiesi se il piano d’abbattimento includeva anche daini da trofeo e lui mi tranquillizzò dandomi conferma sul buon numero di selvatici e del loro costante andirivieni.

Per l’occasione avevo con me la mia “Deer Rifle”, come direbbero gli americani, la mia carabina da daini, la bella e supercollaudata Remington modello 700 BDL Left Hand Mancina cal. 7 mm R.M. corredata di ottica  12 x 50 e di munizioni ricaricate con palla Nosler Partition da 160 grani. Per completare le nostre dotazioni personali io e Giampiero avevamo appesi al collo i nostri inseparabili  8 x 42 HD, mentre Alfonso sfoggiava orgoglioso il mio  7 x 42, datogli “momentaneamente” in prestito.  Cosa alquanto insolita per quella zona, notai con immenso piacere che c’erano pochissime zanzare, una piaga questa che affligge l’intero territorio circostante la laguna di Orbetello sia d’estate sia d’inverno. Interpretai quel fenomeno come un buon segno, sperando che la leggera brezza che tirava da nord riuscisse a farci trascorrere piacevolmente le poche ore che ci separavano dal tramonto.

A malincuore Giampiero ci lasciò, perché purtroppo aveva degli impegni da sbrigare, in una radura di forma ovale nel cuore della meravigliosa, fittissima macchia mediterranea toscana. Decisi di mettermi in quella che ipotizzai fosse la posizione migliore, da dove avrei avuto poca visibilità (massimo centoventi metri verso il basso e una settantina verso l’alto), ma che se fosse stato all’erta e ben preparato, sarebbero stati più che sufficienti per la caccia. Nonostante la cattiva, quanto erronea fama che il daino s’è fatto di selvatico semi–domestico, posso garantirvi che invece è uno degli animali più scaltri che conosco e tra i più difficili da cacciare.   Ripensando allA vastità di bosco che avevamo intorno, mi venne quasi da ridere che un bel daino transitasse proprio in quello spazio relativamente ristretto. Vidi con piacere che Alfonso, senza dire una sola parola, si costruì rapido una sorta di “lestra” (per chi non lo sapesse la lestra è il covo – giaciglio del cinghiale!) e vi si sistemò comodo come un Hannoveriano sulla mantella di loden del padrone. Avendo vissuto insieme quella stessa scena per decine di volte, ormai non abbiamo bisogno di dirci più niente.

Anche se ho sempre avuto le canizze nel sangue, molto spesso sento un bisogno quasi fisico di godermi la caccia ai grandi ungulati all’aspetto, a volte anche armato con il solo binocolo. Intanto il tempo passava lento e crudele. Mezz’ora, un’ora, ad un tratto, talmente vicino da farci sobbalzare,  udimmo un violento sfrascare di rami seguito da un rumore insolito, quanto caratteristico, come lo sbattere di una tavola di legno sulle piante. Persino un neofita si sarebbe accorto che un grosso selvatico si stava muovendo nel bosco, così, istintivamente, tolsi la sicura e scalai al minimo gli ingrandimenti del cannocchiale. Quegli inconfondibili rumori andarono avanti per diversi minuti, ma di chi li avesse provocati non riuscimmo a vedere neanche l’ombra. Io almeno avevo impugnato la Remington per togliere la sicura e per provare l’imbracciatura, mentre Alfonso da quando ci eravamo appostati non si era più mosso.

Lo vidi con la coda dell’occhio talmente immobile che mi fece sospettare che fosse morto. Vista l’età….! Ci fu un momento che il selvatico passò addirittura a meno di venti metri da noi e, a nostro dispetto, lo fece per dirigersi verso monte invece che verso valle, dove avrei avuto maggiori possibilità di avvistarlo. Ma un pizzico di fortuna non mi viene concessa proprio mai? Possibile che tutte le volte che io vado a caccia devo farmi in quattro per ottenere un buon risultato, quando invece conosco delle persone con un fattore “C” talmente mostruoso, che abbattono degli ottimi capi faticando pochissime uscite? Pazienza, questa è la vita, e la vita segue sempre lo stesso perenne, noioso, inesorabile corso: il sole sorgere al mattino e tramonta la sera.


Nel giro di pochi minuti si fece talmente buio da riuscire a stento a distinguere il mio compagno di caccia immobile a pochi metri da me. Con l’aiuto del mio straordinario Leica HD mi concentrai, speranzoso di sfruttare quegli ultimi minuti utili, ma invano perché nella nostra bella radura incantata nel bosco nessun selvatico volle onorarci della sua presenza. Guardai ancora verso Alfonso e mentre stavo per dirgli di radunare l’attrezzatura per andarcene, alle nostre spalle, proprio al limitare del bosco, udimmo un leggero movimento di rami seguito da un piccolo trotto. L’istinto ebbe il sopravvento sulla ragione, così, senza neanche accertarmi sull’origine di quei rumori, imbracciai la Remington e appena l’occhio fu all’altezza dell’oculare dell'ottica lasciata a tre ingrandimenti, nel centro del reticolo apparve l’inconfondibile sagoma di un grosso daino.

Il colpo partì quasi da solo e la spettacolare vampa prodotta dall’energica 7 mm Remington Magnum m’impedì di vedere in diretta l’esito della fucilata.  Mi augurai di avvertire il rumore di un grosso selvatico che cade in terra invece riudii lo stesso scalpitio di prima, ma rivolto al contrario, che si allontanava. Come potevo aver sbagliato un selvatico di quelle dimensioni da 40 – 50 metri di distanza, anche se procedeva al piccolo trotto, non riuscii a spiegarmelo. La prima e sola frase che pronunciai fu: “ E adesso dove andiamo a cercarlo?” Per un attimo fui preso dal solito sconforto che ti prende quando ferisci un selvatico di notte e quando non sai proprio che pesci pigliare. Poi, fattomi forza, recuperai la mini MegLite dallo zaino e andai spedito sull’Anschuss, nel punto esatto dove avevo tirato al daino e dove aveva fatto un dietro front degno di un cinghiale quando avventa il cacciatore appostato.

Vi è mai capitato di vederli? Fanno una giravolta talmente fulminea che praticamente in un decimo di secondo ritornano da dove sono venuti. Con la flebile luce della piccola torcia (che guarda caso aveva anche le pile quasi scariche!) non riuscii a trovare nessuna traccia che fosse in grado di darmi qualche indicazione utile per risolvere il dilemma. Effettivamente non potevo sapere se avevo fallito il colpo oppure ferito l’animale, così partii deciso verso il bosco con Alfonso al seguito. Fatti dieci–quindici passi intravidi un maestoso palco spuntare dall’erba alta e solo allora il mio respiro tornò regolare e il sangue riprese a scorrermi normalmente nelle vene. Nonostante abbia abbattuto e visto abbattere decine e decine di daini, il palancone disteso ai miei piedi era un vero e proprio esemplare. M’impressionò sia per la sua mole sia per la bellezza del suo trofeo, era semplicemente meraviglioso. Non ricordo di aver mai visto niente di simile. E dire che fino a pochi minuti prima mi stavo preparando a rientrare a casa piagnucolando sul destino avverso e sulla mia scarsa fortuna.

E’ proprio vero, a caccia “Mai dire Mai!”, i conti della giornata vanno sempre tirati all’ultimo.  Dulcis in fundo, quel bellissimo daino era anche melanico, nero come il carbone, proprio quello che ogni cacciatore appassionato di caccia a palla desidera abbattere almeno una volta nella vita. Lo stimai sui 120-130 Kg, dal trofeo eccezionale con delle grandi pale perfette, lunghe, simmetriche e molto frastagliate. I pugnali erano simili a quelli di un grosso cervo ungherese. Anche Alfonso, giustamente, non stava più nella pelle. Non solo avevamo davanti quello che probabilmente sarebbe risultato un trofeo medaglia d’oro, ma un vero e proprio Kapital, quindi molto, ma molto di più di quanto avrei sperato d’ottenere. Trattammo il vecchio palancone con tutti gli onori secondo la vecchia tradizione mitteleuropea e poi scattammo parecchie foto al buio, con la speranza che qualcuna sarebbe venuta passabile.

Non oso neanche immaginare come sarebbe stato bello poterlo fotografare con la luce del giorno, ma nella caccia a palla esistono delle regole scritte e non scritte che devono essere rispettate. Così non persi altro tempo e mi adoperai per eviscerarlo. Fu come pulire un cervo pannonico. Giampiero arrivò poco dopo con il fuoristrada e mentre faceva manovra per ripartire, sbandò quando i fari illuminarono la spoglia di quella splendida bestia: “ E questo da dov’è uscito?”. Il carissimo amico capalbiese mi confidò di non averlo mai visto nella riserva, anche perché un animale così se lo sarebbe sicuramente ricordato. Ci abbracciammo come due fratelli e suoi complimenti sinceri mi commossero davvero.  Caricare il grosso e prezioso animale sul cassone del Toyota fu un’impresa titanica e crudele per le nostre povere e doloranti schiene da cinquantenni, poi ci avviammo verso casa stanchi, ma felicissimi. Mia moglie, come mi vide entrare dalla porta sudato e tutto imbrattato di fango e sangue disse: “Cos’hai preso questa volta per avere una faccia come quella?”. “Il Daino della mia vita!” gli risposi, consapevole e un po’ in colpa, che anche quella notte avremmo dormito poco entrambi. Perché non sarebbe stata la prima volta e sicuramente neanche l’ultima che con il mio dormiveglia agitato a pensare e ripensare a quella splendida avventura, avrei tenuto sveglia anche lei.  Santa Donna!
 
                                                                   

Marco Benecchi

 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.101
Aggiungi un commento  Annulla 

103 commenti finora...

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

benecchi e dagli un taglio, la vuoi sapere che non ce ne puo fregare di meno del laslo , non ti sembra di avergli già fatto abbastanza pubblicità? non ti pare? e basta !!

da Renzi  03/12/2012 14.38

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Marco, forse al Carlo che chiedi di cinghiali, non è quello che pensi, (senza offesa per l'omonimo), lui ci si è imbattuto casualmente.........quest'anno la vedo dura, i cinghiali sono molto aggressivi, è brutto dirlo, ma ci hanno decimato le mute e avevamo piùdi 50 cani, poi solo bestie adulte, molti solenghi, molte scrofe, sabato scorso 5 animali, superavano tutti i 100 kili, il più grande 135, è un disastro, la fonte di approvvigionamento, noi battiamo ai confini con un parco, è buona, oramai le scorribande notturne sono all'ordine del giorno tutti bei branchi, ma sono astuti e non cadono facilmente nelle trappole. Ieri mentre battevamo ha iniziato a nevicare, senza ombrello, la mattina tutto sereno, il pomeriggio una tormenta, poche poste, e i cinghiali sono passati fra me e la posta successiva, due enormi, io li ho visti all'ultimo momento, ma con la nebbia e la neve ho preferito guardarli, (certo che se mi ero accorto prima.....) le disgrazie sono dietro l'angolo e se possibile meglio evitarle. Saluti Carlo

da Carlo 62  03/12/2012 14.17

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Ciao Cà...
Un nouvo Racconto è in Arrivo e, ovviamente, non poteva che essere sul cinghiale!
A te come stà andando?
Io sono a 5, ma considera che ho fatto molte battute. Il più grosso 60 kg, l'ultimo sabato con la mia nuova BAR Long Composite! Quando è brutto tempo la HK 770 la lascio a casa.... si stà facendo vecchia e non voglio fargli prendere freddo!!!! Comunque non c'è molto movimento da noi,
Forse perchè nelle riserve e nei divieti c'è ancora troppo da mangiare e i cinghi non escono, o se lo fanno rientrano subito. Poi con tutta l'acqua che a fatto!
Un saluto
Marco
E scusa per Laszlo, ma quella frase mi ha fatto incavolare parecchio considerando che io ho dormito nel suo letto e lui nel mio. Sentir dire, o peggio, scrivere certe cose su una persona che considero tra le più oneste al mondo, me le ha fatte girare....

da Marco x l'amico CARLO  03/12/2012 12.34

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

......però, scusate se mi intrometto in un diatriba che non mi riguarda, a mio sommesso parere se continuate a sottolineare LADRO si LADRO no, con o senza patente, si continua ad evidenziare un qualcosa che invece, visti i chiarimenti è stato "chiarito".Forse è meglio chiudere se no pure i sassi si chiederanno ...sarà LADRO....non sarà LADRO? Ecco, involontariamente anche io ho contribuito ad allungare il brodo e forse è meglio che Marco volti pagina e ci mandi un'altro racconto.

da Carlo  03/12/2012 10.33

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Se per te dare del LADRO PATENTATO ad una persona oltremodo seria, onesta e competente è una battuta,
Allora hai ragione. Non parliamo la stessa lingua!
M

da Marco Benecchi  03/12/2012 7.32

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Fai finta di non capire , hai stancato , mi è scappata la battuta e non HO AMMAZZATO NESSUNO PER SCRIVERE QUELLO CHE PENSO , ora falla finita sei noioso e un bel pò borioso . tu mi hai minacciato ( riguardiTi il post) io ti ho chiesto scusa e tu continui a fare il gallo ma dico hai 50 anni mica sei un ragazzino che fa a pugni per la palla dico ma sei un giornalista ( ????) oppure hai un'altro lavoro perchè questa cosa mi fa molto pensare. Buona domenica.

da Cerchi Luciano toscano doc  02/12/2012 14.29

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Da CARO o TROPPO CARO a LADRO PATENTATO c'è una certa differenza............................
Io non mi sognerei mai di dare del Ladro Patentato a Giorgio Armani perchè si fa pagare un paio di jeans 200 euro. Non li compero e basta.................... Senza offenderlo in pubblico!
E con Laszlo non è una questione di "buon cliente", per lui i clienti sono TUTTI UGUALI. Un'altro discorso sono gli amici, che quando li invita (e possono confermartelo tutti quelli che lo conoscono!) le tasse relative ai TUOI abbattimenti, le paga lui
E chiudiamola quì.

Dimenticavo: sul "MIO" blog c'è la MASSIMA LIBERTA' di parola, ma non quella di offesa.
MAI in nessun caso. Le scuse sono accettate e nessuno a minacciato nessuno, solo che una persona adulta e responsabile deve stare più attento a quel che dice e/o scrive!
Tutto quà.

da Marco x Cerchi  30/11/2012 12.31

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

sig. benecchi, ho già fatto le mie scuse e non ho più scritto nulla ma per me il suo amico è molto caro e non sono il solo a pensarlo. poi non amo essere minacciato come fa lei con i suoi amici notai e avvocati. Sono una persona normale e mi spavento epr certe cose che rigurdano la legge. HO SBAGLIATO ho chiseto scusa non succederà mai piu ma il suo amico è caro . c'è libertà di parola su questo bolg? o No?
Certo, con un buon cliente come lei è ovvio che questo signore abbia un occhio di riguardo ma in Ungheria si trova di molto meglio ma molto molto meglio. LASZLO NON E' CARO . va bene?

da Cerchi  30/11/2012 10.44

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Anche se mi ero riproposto di non tornare più sull'argomento, mi trovo costretto a raccontare a TUTTI gli amici che ci leggono, che quel "ladrone" di LASZLO mi ha fatto avere indietro 146 euro perchè al momento del ritiro dei miei trofei di cervo si era accorto che c'era stato un errore di valutazione!!!!!
Non so Voi, ma a me di Ladri simili non me ne sono capitati molti in vita mia!
Saluti
Marco

NB se qualcuno non dovesse credere a quel che dico posso tranquillamente allegare fattura!

da Marco Benecchi x CERCHI  30/11/2012 10.24

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

De gustibus non est disputandum.

da Carlo 62  28/11/2012 17.20

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

bellissimi video di lugari? non esageriamo dai ! forse solo quelli della noiosa caccia al cinghiale e in selezione che sono di una barba mortale!! mi chiedo chi è il pazzo che compri certi video quando su youtube ne trovi di molto meglio a gratisssssss!

da VHS  28/11/2012 16.19

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Va beh, se son vaccinati, se è nel contesto di una migliore conoscenza del territorio, degli usi e costumi e in questa si inserisce anche la caccia al cinghiale, non dovrebbe scandalizzare nessuno....non dovrebbe. Oggi, lo sai, siamo bersagliati da tutte le parti e ci vuole poco per farli cominciare.

da Carlo ([email protected])  27/11/2012 18.48

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Carlo, questi che fanno le riprese sono vaccinati, non è il primo e non sarà neanche l'ultimo video che registrano, l'anno scorso sono venuti nel ns. appostamento di colombacci, fanno conoscere il territorio marchigiano, gli usi e costumi e in più allegano tutte le varie tipologie di caccia, ques'anno la fa da padrone il cinghiale. Non è per dire come i bellissimi video della lugari (io ne ho la collezione), viene tutto trattato molto soft, io pubblicizzo casomai il ns. territorio boschivo........e la ns. squadra di cinghialai o cignalari come si dice dalle ns. parti. Carlo

da Carlo 62  27/11/2012 16.50

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Dopo la lezione di Laura....ssssssssstttt. Ciao Laura.Riguardo alla pubblicità della battuta, delle riprese televisive....credi sia igienico per noi? Non è che ci si ritorce contro? Che qualcuno, come è già capitato, poi ci attacca? Almeno cercate di impostarla bene.....io ho sempre grosse perplessità davanti a tanta publicizzazione.

da Carlo ([email protected])  27/11/2012 16.42

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Laura, molto esaustiva, grazie.Di nuovo cari colleghi scusate la monopolizzazione del blog, non era mia intenzione, un particolare saluto al colombaio, ad old hunter che ultimamente non ha partecipato molto e a tutti quelli che ci seguono; Faccio ora un pò di pubblicità, in una delle ns. prossime battute ci sarà una tv che registrerà, Vi farò sapere se vale la pena guardarci in tv oppure no.Carlo

da Carlo 62  27/11/2012 16.03

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Non metto in dubbio ciò che dici Laura (mi sembra di aver letto del tuo dottorando in veterinaria o sbaglio), ma ho notato negli ultimi anni una certa variazione nelle nascite il tutto ricadendo nelle quantità di cibo a disposizione nel bosco considerando poi anche l'inizio delle scorribande nelle coltivazioni, (+ cibo nel bosco più tardi l'uscita nelle campagne), qualche anno fa c'e stato l'inverno più brutto che io ricordi, la neve fatta in gennaio e in montagna superava abbondantemente i 2 metri, per quasi 2 mesi ha tenuto coperto tutto, abbiamo trovato cinghiali morti per la fame, altri magrissimi e di piccoli neanche l'ombra, ti dirò di più si avvicinavano alle aie dei contadini senza paura dell'uomo, bè ad ottobre dello stesso anno e quello successivo, un'esplosione demografica mai vista, tanto cibo a disposizione, e di cinghiali ne abbiamo presi tantissimi, mai una battuta andata a vuoto, anzi in alcune occasioni abbiamo superato le venti bestie ogni singola battuta. Tutto sembrava resettato da quell'immensa nevicata, sia il bosco che ha dato tantissime ghiande sia la popolazione animale cresciuta a dismisura. Laura, scusa il mio non perfetto italiano, ma quello che voglio dire penso sia facilmente decifrabile.Carlo (se poi lo vuoi in dialetto santaliano, allora vado forte)

da Carlo 62  27/11/2012 11.27

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Cara Laura,
al di là delle giuste osservazioni che hai fatto, mi pare che tutti si stiamo dimenticando che il cinghiale è un animale intelligentissimo, più di tutti gli altri messi insieme. Volpi comprese.
E' stato scientificamente dimostrato sui maiali (che alla fin fine sono i cugini domestici, non scordimocelo) che hanno una memoria formidabile, un fiuto che è ben superiore a quello di un cane ed un udito da Amplifon. Non ci vedono poi granché, ma nemmeno poco, e tra tutti gli animali che insiadiamo, pensateci bene, sono gli unici ad avere gli occhi posti sul cranio come gli umani, cioè paralleli e davanti. Cosa che si limita un po' il loro campo visivo rispetto agli altri ungulati che hanno gli occhi molto più "laterali", ma che consente una visione stereoscopica che gli altri non hanno ...
Provate a star assolutamente immobili col vento a favore davanti ad un capriolo : NON vi vede !
L'irsuto, si, accidenti a lui ... :)

Armi - balistica - munizioni ? Chiedete e vi sarà dato ... :)

Un abbraccio a tutti da Walter

da OLD_Hunter  27/11/2012 9.56

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Marco non me ne volere se sei partito con il daino e io racconto esperienze sul cinghiale, se come è vero sono uscito dal seminato riprendimi oppure ritorna all'irsuto con un altro blog, grazie. Carlo

da Carlo 62  27/11/2012 8.29

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Carlo omonimo, goliardata si, ma si fa sempre sul serio, gli anni passati facevamo le ronde (se possiamo definirle così) gli ultimi giorni di caccia, cioè dopo l'epifania fino a chiusura, ma sai quanto freddo abbiamo preso? quest'anno che la stagione è molto più mite, questo lavoro lo facciamo prima.....oltre ai beep usavamo quelle luci intermittenti che segnalano i lavori lungo le strade, quest'anno sono cambiate le regole con la nuova legge regionale e dobbiamo adeguarci, penso che la cifra assegnata, sarà dura in tre squadre che battiamo la zona a raggiungerla, sperando in qualche nevicata allora i cinghiali sono costretti a scendere in collina da noi............... Laura ciao, hai analizzato bene il comportamento dei cinghiali, forse hai tralasciato un particolare molto interessante, loro intuiscono il periodo di magra che verrà e per natura le femmine non vanno in calore(c'è da ammirarli per questo) gli esseri umani al contrario più sono poveri più prolificano...............Saluti Carlo

da Carlo 62  27/11/2012 8.26

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

selezione ...

da sele  27/11/2012 8.19

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Ahahahaha quella dei beep del carp fisching mi è piaciuta, non ci avevo pensato. Beh...va beh se la metti sotto il profilo della goliardata, va beh ci stò . Ho detto così perchè da come ti eri espresso sembrava una faticaccia immane....no, allora sono d'accordo. Insomma, alla fine è un bel carniere, allora mi sembra che state in media considerando ancora il tempo a disposizione. Ok..allora in bocca al lupo per il prosieguo e buona macinata. Saluti

da Carlo ([email protected])  26/11/2012 19.05

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Caro omonimo, la mia squadra è composta da un'ottantina di cacciatori, le abbiamo provate di tutte, e credi di fototrappole ne servirebbero per perimetrare il tutto almeno una ventina, il ce l'ho ma la utilizzo solo per controllare la mia postazione di selecontrollore, sia i cinghiali che le persone poco oneste( e ce ne sono che fanno i dispetti) l'anno più proficuo è stato il 2007/8 più di 250 ne abbiamo fatti, ora la media si attesta intorno ai 180/200, credimi, comunque stare la notte a far baldoria per non far rientrare l'irsuto in fin dei conti è come una goliardia, con le radioline si sparano [email protected]@@@@te, si è come una grande famiglia, poi se il tutto fila liscio, allora c'è da divertirsi il giorno in battuta, pensa parlando di tecnologia, abbiamo pure utilizzato i beep del carp fishing con tanto di cordicelle, ma vuoi mettere il silenzio della notte e i rumori degli animali che spingono per rientrare nella bandita di caccia? Il bello di tutto è proprio il non dormire, e i ritardatari, cioè quelli che fanno gli gnorri quando si fa l'appello per la parata e magari arrivano belli lucidi la mattina alle nove, bè certe lavate di capo si prendono dal capocaccia e poste peggiori......................credimi raccontare è una cosa, viverla per tre mesi è un'altra. Saluti Carlo

da CXarlo 62  26/11/2012 17.19

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

X il mio omonimo 62. Ma di solito quanti ne fate in una stagione? e quanti siete in squadra? Forse è banale quello che dico. Ma visto che alla fine di soldi se ne buttano tanti per la ns passione, perchè non vi comprate un pò di videocamere (oggi ci sono anche quelle che spediscono le foto direttamente sul cellulare)quelle del fototrappolaggio, le piazzate nei punti strategici così da controllare le entrate e le uscite con certezza. Le piazzate alla sera e le ritirate al mattino...di notte chi ve le tocca? e poi si mimetizzano che neanche tu le ritrovi. Così si impegnano meno persone e si dorme un pò di più. ho detto una cavolata? Saluti

da Carlo ([email protected])  26/11/2012 17.06

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Cara Laura, i cinghiali sanno leggere e scrivere e io dopo tre notti all'agghiaccio sono tornato con le pive nel sacco, racconto, venerdì notte, cioè sabato mattina alle una e un quarto sono andato insieme ad altri 15/20 temerari (cambio turno) nei punti obbligati al rientro della zona no limit, grandi bracieri e grandi storie da raccontare (non mancava vino e salsicce), era la terza sera di un ns. lungo peregrinare, sabato mattina, aggiustamenti alle poste chiusura dei punti rimasti scoperti e inizio della battuta, in conclusione sabato pomeriggio alle cinque ero COTTO, carniere scarzo due femmine adulte e due subadulti, il branco c'aveva fregato, credevamo di trovarlo fuori cioè nella zona di battuta, invece (ecco il leggere e scrivere dei cinghiali) forse intuendo che si metteva male, la capobranco ha fatto fare tutta un'altra strada per il ritorno alla bandita. Tant'è che ieri mattina mentre ero di tracciatura, ho trovato ad un paio di kilometri il punto di passaggio, e se dico che forse erano 40/50 bestie, non esagero minimamente. Cara Laura, questa volta hanno vinto loro, ma il 20 gennaio termine della caccia al cinghiale è ancora lontano e chissà che non sbagliano strada e arrivino a portata della mia hk slb 2000 + in 30/06. Saluti Carlo (ad oggi la squadra ha fatto 70 cinghiali)

da Carlo 62  26/11/2012 12.19

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

@:))) ... Sempre ben accetti "suggerimenti"dal gentil sesso !!!!
armi munizioni suidìi cervidi ricarica e tutto quel che volete,ma se ci addentra in politica si và a finire in dei "gineprai",sempre vernacolo toscano,che difficilmente si riesce a metterne il capo fuori !!!!!!!!!!!
Anziiiii,che bischero che sono ?!!....... mi correggo,gineprai no,troppo onore sarebbe,ma bensì IMMENSI LETAMAI ! (passatemi il termine nn proprio cavalleresco)

saluti ..Massimiliano

da colombaio senese  26/11/2012 12.16

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

.....e allora caro Marco il tuo voto non saprai a chi darlo. Tutti o quasi si schiereranno dalla ns parte. Vedrai quante promesse...e poi ...e poi come al solito ci dobbiamo mettere le mutande di latta...per stare al sicuro. No, qui l'ho detto e lo ridico.... bisogna azzerare tutto. Siamo rimasti in pochi e fanno più gola i voti dell'altra parte. Altro che primarie, secondarie e terziarie, non si ha voglia di cambiare pagina, c'è lo zoccolo duro della vecchia nomenclatura che non si vuol togliere dalle pelotas. Gli sà duro mollare, farsi da parte, aprirsi al rinnovamento...ci vuole una ventata di aria nuova e invece sempre la naftalina. Seguo come tutti i dibattiti e senza fare nomi ,ieri sera hai visto le facce delle carampane del partito? Poi... tutti a criticare il primo ministro e il suo governo, i provvedimenti che ha adottato (a me non stà bene niente, ma niente ho fatto), mentre loro, i criticoni, cosa hanno fatto? Hanno approvato tutto, gliele hanno fatte passare tutte e allora....che ...azzzz critichi adesso?Di che ti lamenti?perchè non gli hai staccato subito la spina?.....perchè non ti conveniva!!Ai giochi dei partiti non conveniva!!! E allora da questi signori cosa ci possiamo aspettare ...che pensano a noi poveracci?
Statemi ben tutti e la smetto qui se no mi rovino la giornata

da Carlo ([email protected])  26/11/2012 9.19

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Ragazzi!!! Si sta avvicinando il Natale.
Cerchiamo di essere tutti più BUONI!!!
Piuttosto cosa ne pensate dello spinosissimo BINOMIO CACCIA - POLITICA?
Mi dispiace ma questa volta io NON PERDONO, il mio misero voto lo darò soltanto a chi si schiererà APERTAMENTE DALLA NOSTRA PARTE.
Anche se la vedo dura... dacosa sta accadendo nelle attuali "primarie".
Un caloroso saluto
Marco Benecchi

da MARCO BENECCHI x Tutti.  26/11/2012 7.45

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

X Laura. Scusa non avevo letto il finale dell'ultimo tuo post. No, non è arrivato nulla.

da Carlo ([email protected])  23/11/2012 20.54

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

OPSS....neppur io avevo carpito chi era Filippo....di nuovo venia per la spontaneità e sempre massimo rispetto per il prossimo.
saluti a tutti..Carlo,Carlo 62 e Filippo del gallo cedrone.........

Massimiliano

da colombaio senese  23/11/2012 17.35

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Oh, mio omonimo 62, non l'avevo capita, ma se ti impicciano i salami di cinghiale qui c'è qualcuno che è disposto a criticarli (è la mia specialità) ma prima li devo assaggiare! Per i dettagli eventualmente c'è la mia mail. Mi dispiace che il Sig.Notaio si sia sentito di dire "Vi prego di considerarmi un cacciatore come gli altri", come se fosse stato escluso o emarginato. Non credo che tra noi ci sia qualcuno che abbia pensato una cosa del genere...o no?.Sig. Filippo chi può dirle di starsene da parte? Lei ha pieno titolo di partecipare, se vuole, ...se no io con chi me la prendo? Dopo il gallo cedrone non ha scritto più nulla. Saluti carissimi a tutti

da Carlo ([email protected])  23/11/2012 17.27

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

In Bocca al Lupo ...

da gigi  23/11/2012 17.03

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Considerando che ancora non si riesce a cavare un ragno dal buco, e avendo fatto la proposta di un omaggio culinario, nessuno ne ha preso atto, sti benedetti salami di cinghiale me li magno da solo, io non ho nulla da ridire se anche il notaio diventa partecipe raccontando le sue esperienze di ars venandi, dopotutto il blog è libero e democratico, certo la sua è una posizione un pò più privilegiata, ma è pure vero che qualsiasi di noi a suo tempo ha fatto le sue scelte di vita e di lavoro quindi non usiamolo come capro espiatorio (di cosa bo!!!!!!!!!).Anzi i prossimi rogiti considerandolo già un amico facciamoli fare a Lui e con lo sconto comitiva. Vi dirò di più, questa sarà la terza notte consecutiva che non dormirò nel mio letto, un branco sostanzioso di bestie nere ci sta facendo impazzire, quindi ronda come ai tempi del militare poi domani se sono rimasti, grande battuta sperando di poter togliere finalmente lo zero dalla mia casella capi abbattuti.Saluti (scusate se sono stato lungo e noioso) Carlo 62

da Carlo 62  23/11/2012 16.39

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

..da cacciatore a cacciatore stretta di mano a Filippo 53 e perdona,se puoi,la mia schiettezza !!
una parentesi per chi ci appella "estranei"....quà dentro siam tutti noti e tutti estranei..dipende da che lato la si vede !
---
ibal (in bocca al lupo ) per domani !
Massimiliano

da colombaio senese  23/11/2012 16.24

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Laura, Laura e anche altri che non cito. La mia chiamiamola critica è solo il mio punto di vista, così la vedo,(galeotto fu il gallo cedrone) ma nessuno deve sentirsi chiamato in causa direttamente come se me la prendessi con lui...o lei(Laura). La carrozza Laura..abbiniamola alla mozzarella che è tanto buona. Come hai pensato che le mie sottolineature si riferissero a te? Mi riferivo al sistema di caccia come quello dello sparare dall'auto, tutto qui, lo dovresti sapere ne abbiamo parlato tanto. E poi quali rancori, non mi sfiorano minimamente. Qui ci si "accapiglia" forse con qualche parola di troppo per sostenere le proprie opinioni, ma i sentimenti rancorosi...proprio no....spero. Se sono il bastian contrario è perchè mi ritrovo quasi da solo a vederla così e a volte dubito pure di me stesso...che sia io quello storto? Ad ogni modo il pane che faccio da me è più buono!!!!

da Carlo ([email protected])  23/11/2012 16.20

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

veramente chi caccia in in tutto il mondo sei tu amico ... e che palle ... son toscano anche io...

da Umile c.d.c.  23/11/2012 16.17

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Laura,
lei ha perfettamente ragione, ma.......ogni tanto un po' di sana polemica, sfotto', fraintendimenti etc etc etc
danno anche al blog un po' di verve.
Che noia leggere sempre di quello che caccia di tutto in tutto il mondo, l'altro che gli fa' i complimenti, il terzo
che spera di farlo anche lui........e poi finisce sempre al banco di ricarica a parlar di ......palle !

(oh scherzo eh ! ) (son toscano anch'io, ed i toscani sono mattacchioni.........)

saluti

da fabio guidi  23/11/2012 15.51

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Devo avere sbagliato a fare alcune considerazioni di carattere socio - economico; e sta bene, chiedo scusa. Ma non sono io ad avere cominciato, semmai quello che ha detto che gli pareva impossibile vedere un notaio che va a caccia come un comune mortale. E questo francamente non lo trovo giusto, né esatto. Ho detto e ripetuto che - socialmente parlando - mi considero un priviliegiato, e di questo mi sento in obbligo col Padreterno. Altro che piangere miseria! Pago un sacco di tasse. Cosa dovrei fare di più? Non ho mai in vita mia ostentato ricchezza (anche perché non sono ricco). Spero, nonostante faccia il notaio, di poter dire la mia, senza offendere nessuno e senza essere offeso. Vi prego di considerarmi un cacciatore come gli altri. Tutto qua; e mi piacerebbe - ogni tanto - potervi fare partecipi di qualche mia esperienza.
Tanta salute

da Filippo 53  23/11/2012 15.12

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

x carlo :
se avesse letto con un po' piu' di attenzione quello che cercavo di dirle, si sarebbe accorto che non siamo poi tanto distanti !

x umile cacciatore da cinghiali :
.....anch'io ero un umile cacciatore da cinghiali, quando poi pero' mi sono accorto come si comportavano i miei colleghi, poco umili cacciatori di cinghiali, .....ho smesso. Ritengo di essere, oltre che umile, anche comune mortale come lei intende, dal momento che quelle rarissime soddisfazioni di cui parlavo, me le sono tolte facendo a meno di tante altre cose.

saluti

da fabio guidi  23/11/2012 14.48

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

a caccia con il maggiordomo! roba da signori! la guida ? cervi e caprioli in scozia? ungheria? camoscio? ma questo chi è zupperman?? scenda tra i comuni mortali ... pour favour thank!

da umile cacciatore da cinghiali  23/11/2012 14.33

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Sig Guidi le faccio un esempio banale di come intendo l'essere cacciatore. Ci sono due modi per mangiare il pane: farselo da soli, dal curare il lievito, alla scelta delle farine, alla cottura nel forno ecc e quello più spedito più facile andare dal fornaio e comprarlo. Quale sarà quello che ti dà più soddisfazione, dove ci trovi non solo il gusto organolettico ma sopratutto quello psicologico, quella intima soddisfazione che consiste nell'esserci riuscito? Così è la caccia per me, quanto più è difficile, sudata tanto più è appagante. Tutto quello che interviene a spianare la strada, a rendere tutto più facile, dalle super carabine, super ottiche,super cartucce, i richiami, i fuoristrada, le carrozze,i recinti e quant'altro, allontana l'uomo-cacciatore dal sapere quante vale senza "l'aiutino" e svilisce lo spirito della CACCIA. Certo così si potrebbero fare dei viaggi a vuoto, è più difficile ma hai cmq vissuto un'avventura dalla quale certamente avrai tratto degli insegnamenti utili per la prossima volta.
Mi scusi se mi sono contorto un pò nei ragionamenti ma credo di essere stato chiaro...così è per me.
Cordiali saluti

da Carlo ([email protected])  23/11/2012 13.41

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Salve Carlo,
ci siamo "scontrati" perche' ha raccontato di aver tirato a pallini a tre cinghiali.....
pero' su quanto scrive sopra, sotto un certo punto di vista, non posso darle torto.
Questo tipo di caccia, e' molto influenzato dalla morfologia del territorio dove viene effettuata.
Se l'avvicinamento e' la sua quinta essenza, e' anche vero che non sempre e' possibile effettuarlo.
Ci troviamo così a dover tirare ad un camoscio sui 300 mt, perche' risulta impossibile avvicinarsi di piu'.
Non si dovrebbe sparare ad un capriolo a piu' di 200 mt, ma e' anche vero che, in certi casi si e' obbligati a farlo. La "bravura" di un Cacciatore sta nel fatto di saper diminuire al minimo questa distanza, anche se purtroppo si legge sempre piu' spesso di tiri esasperati dovuti a poca pazienza od avidita'.
Personalmente ho avuto la fortuna di cacciare i caprioli ed i cervi in Scozia e le posso assicurare che con l'erica alta 50 cm i posti per nascondersi sono molto pochi e l'abilita', specialmente della guida che ti accompagna, viene messa a durissima prova.
Ecco forse dopo un'esperienza del genere, potrebbe rivedere e correggere alcuni suoi pareri espressi sull'argomento.
Le auguro con tutto il cuore di poter fare questo tipo di esperienza, che reputo il top per questo tipo di caccia.
cordiali saluti

da fabio guidi  23/11/2012 12.02

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Uehh...uehhhh....arriva il Natale fra un pò, un attimo di raccoglimento!!!! Senti chi parla...qualcuno lo avrà già detto, quello che non gli stà mai bene niente...di questa... chiamatela pure caccia. In effetti non la digerisco. Mi sforzo di capirla, seguo i discorsi poi quando sento : sparare dalla macchina, la carrozzella, i recinti ecc ecc, allora il mio cervello slitta, non capisce. Capirei..forse...proiettandomi idealmente in quella vs realtà (parlo di cacce all'estero) se accompagnato in un posto mi dicessero "qui in questi boschi, radure ecc ci sono gli animali che cerchi. Trovali, tira fuori tutta la tua capacità, le tue astuzie, il tuo essere .....cacciatore e...in bocca al lupo". Forse così la capirei si avvicinerebbe più al mio modo di pensarmi cacciatore.

da Carlo ([email protected])  23/11/2012 11.33

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

...certamente la è !! nn mi permetto e nn rientra nel mio IO insinuare alcunchè !
Il mio essere è dire quel che penso ed essere obbiettivo e realista sempre e comunque,senza prosciutti sugli occhi e timori riverenziali ! MA SEMPRE CON EDUCAZIONE E DOVUTO RISPETTO per il prossimo !

Cordialmente........Massimiliano

da colombaio senese  23/11/2012 10.44

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Filo, hai fatto il fenomeno e dopo è logico che ti tiri la zappa sui piedi! dai , un notaio "morto di fame" non si è mai visto da come scrivi SEMBRA questo. Poi non sarai Rambo -come scrive Gigi- ma ci sei vicino. Chiudo, 100 euri per te sono nulla per me tanto. (in ungheria sono 4 caprioli) . ciao

da Ciao  23/11/2012 10.38

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Per favore un po' di dignità.... a chi si rivolge? La mia dignità la vorrei fuori discussione

da Filippo 53  23/11/2012 10.27

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

"..meglio si uscire dai luoghi comuni ..." ecco si..meglio !!
le ripeto ,meglio nn entrare in questi gineprai (detta alla toscana)..si farebbe notte,e notte calda, col solo risultato di formentar accese discussioni sul quotidian vivere ! La fortuna di chi è agiato super agiato (fino al 2007 ??? poi miseria ??) e di chi tocca dal 1980 sudar e tirar cinghia per arrivar a fine mese e fatturare il pane,elargendo il 60% allo stato e ai suoi addetti !
Parliamo di caccia,parliamo di avventure,parliamo di balistica,sognamo noi che nn possiamo e confrontiamoci civilmente tutti insieme,ma lasciam fuori il discorso economico-sociale facendo passar per cioccolata quello che ben altro è !
Per favore.........un pò di dignità !
Rinnovo il rispetto e il cordial saluto !

Massimiliano

da colombaio senese  23/11/2012 10.21

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

E meno male che non volevo offendere nessuno.... Vorrei sapere dove ho mancato di rispetto. Semmai mi pare il contrario. Spese senza freni, a go go, ma dove l'avete letto? Faccio un viaggio di caccia importante una volta all'anno; pago anch'io tante tasse (su questo non ci sono dubbi). Sono contento di far ridere Gigi, anche se francamente non vedo il lato comico. E la morale non volevo farla a nessuno... Semmai la faccio a me stesso quando constato di essere un privilegiato. Comunque credo che non potrò più frequentare questo blog se, ogni volta, certo per colpa mia, quando esprimo il mio parere vengo assalito.
Non sono certo Rambo. Però da giovane sono arrivato secondo (su 252) al Corso Allievi Ufficiali, nella specialità Fucilieri assaltatori. Secondo, non primo, per avere sbagliato la prova di topografia: ma quanto a correre, sparare, lanciare la bomba a mano, etc. ero il migliore... In quell'occasione ho vinto anche la prova di corsa con un sacco da trenta Kg sulle spalle.
Mi spiace lodarmi, ma tra le tante cose di cui devo ringraziare il Padreterno c'è anche un discreto fisico. Ovviamente ora ho 60 anni e mi devo calmare.
Considerazione finale: nel mio intervento (che non voleva, ripeto, accendere polemiche) mi limitavo a dire la mia. Non ho criticato nessuno, salvo quelli che per disinformazione esprimevano concetti per me errati. Perché invece tanti si sentono in condizione di esprimere giudizi negativi nei miei confronti?
Sul piano socio-economico vorrei ricordare a Massimiliano che - stando a statistiche ufficiali - dal 2007 ad oggi il nostro (parlo dei notai) lavoro si è dimezzato. Non mi risulta che sia dimezzato il numero dei dipendenti degli studi notarili..... Per favore, usciamo dai luoghi comuni. Comunque rinnovo le mie scuse se ho urtato la suscettibilità di qualcuno. Non era mia intenzione. Se nonostante ciò devo leggere dei commenti tanto astiosi nei miei confronti il blog dovrà fare a meno del mio (scarso) contributo. Certo nessuno se ne dispiacerà, ma non mi pare che in questo modo si possano fare grandi progressi!
In B.C. ero a 300 Km da una cittadina chiamata Williams Lake; su di noi incombevano le Potato Mountains (la cima più alta di tutto il Canada si trova da quelle parti).
Tanti saluti e tanta salute a tutti, anche a chi odia i notai.

da Filippo 53  23/11/2012 9.38

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

bravi colombaio. Poi un notaio che fa la morale a me fa un pò ridere e , onestamente, di notai Rambo non ne ho mai incontrati.

da Gigi  23/11/2012 9.05

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

"...Chi guadagna meno di me certamente non lavora dodici ore al giorno, e di solito non ha nove dipendenti...." Filippo 53
---
Non entriamo in questi carpineti,per favore ! Artigiano metalmeccanico con 15 dipendenti,che entra in ditta la mattina alle 7.00 per uscirne alle 20 se và bene,sabati lavorativi se nn qualche domenica,ri-succhiato e spolpato fino al midollo osseo da tasse da un socio che si chiama STATO LADRONE(il tutto perchè di ditta mia nn esce vite a brugola senza bolla d'accompagnamento mentre il nero dilaga ed uso comune per chi lavora con privati) e DI CERTO NON POSSO PERMETTERMI cacciate all'estero con spese a go go,senza freni,in Kazak,Mongolia,Ungheria etc etc.....una volta può succedere nella vita ma nn è di certo normalità !
Un minimo di rispetto e di obiettività nei confronti degli "umani normali lavoratori"per favore !

con rispetto e senza astio.....

Massimiliano

da colombaio senese  23/11/2012 9.02

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

a cavallo in B.C. dove ? per curiosità?

da Marco   23/11/2012 8.59

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Salve a tutti. Dato che si parla di caccia in Ungheria, di Laszlo, di carrozze, di soldi, di notai, etc vorrei dare il mio modesto contributo.
Vado a caccia di ungulati in Ungheria da molti anni; non so più quante volte ci sono stato, ma sicuramente più di trenta. Ho conosciuto molti organizzatori, tra cui Laszlo, e francamente non saprei dire chi è il più caro, certamente non è Laszlo. Sono invece sicuro che Laszlo sia uno dei più capaci, e che adesso (anzi, da diversi anni) se devo andare in Ungheria mi rivolgo solo a lui, dato che mi ha fatto cacciare con successo caprioli, cervi e cinghiali. Faccio una considerazione: io - come ho già detto - vado a caccia per divertirmi, e quindi (restando in limiti ragionevoli, è ovvio) non ritengo importante spendere 100€ più o meno. E' il risultato che conta. Ragionerei diversamente se fossi costretto ad andare a caccia tutti i giorni, ma quei tre giorni che passo in Ungheria voglio divertirmi, non cercare di risparmiare il più possibile.
Carrozza: una volta ho voluto a tutti i costi provare quella forma di caccia: bene, ho dovuto insistere non poco, e solo l'anno successivo alla mia richiesta ci sono riuscito! Non ho sparato neanche un colpo, ho visto pochissimi animali, ma l'esperienza è stata comunque piacevole.
Ungheria=caccia facile: ma chi lo dice? Credo proprio che chi ha questa convinzione non abbia mai provato a insidiare un cervo al bramito! Provare per credere...
Cacciatori di recinto: secondo alcuni di voi il sottoscritto (che fa il notaio da oltre trent'anni) non sarebbe capace di andare a caccia fuori da un comodo recinto: bene, mi dispiace contraddire questi benpensanti, ma - grazie a Dio - nei recinti ci vado poco o niente! Due mesi fa sono stato a stambecchi in Kazakhstan, e mi sono arrampicato su delle rocce davvero impegnative! Lo scorso anno, in British Columbia per riuscire a tirare un alce sono caduto dal cavallo che si era imbizzarrito, e mi sono incrinato una vertebra!
Ammetto che la mia professione mi consente una certa agiatezza (ma in trent'anni non mi sono arricchito) però mi sottrae tanto tempo!!!! Chi guadagna meno di me certamente non lavora dodici ore al giorno, e di solito non ha nove dipendenti. Non voglio assolutamente lamentarmi, e anzi, ringrazio il Padreterno cento volte al giorno; ma non accetto di essere considerato un "pistamentuccia" (come in Umbria vengono etichettati i cacciatori da quattro soldi) solo perché ho un discreto benessere economico.
Non vorrei averla fatta troppo lunga; contrariamente a altri frequentatori del blog non voglio assolutamente offendere né urtare la suscettibilità di nessuno. Credo però di avere una discreta esperienza sugli argomenti trattati nel blog e ho voluto dare il mio contributo alla discussione, che spero sia sempre educata e rispettosa di tutti.
Infine una battuta: se il mio fratello di macchia Marco Benecchi è un cacciatore di recinto, allora viva i cacciatori di recinto!!!!!!!!!
In bocca al lupo a tutti

da Filippo 53  22/11/2012 23.21

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

bravo colombaio

da Gigi  22/11/2012 19.54

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Eddaiiii....Non calcate la mano con chi ha chiesto pubblicamente SCUSA per qualche parola di troppo...dai può capitare a tutti !!
anche se si è lasciato scappar un'aggettivo di "pesante" mi pare sensato e da persone civili dar lui una pacca sulle spalle e rammentargli che noi toscani,delle volte,dobbiamo un pò frenarci nel parlare !
"chi è senza peccato scagli la prima pietra" diceva un qualcuno + famoso di noi.

saluti a tutti.

Massimiliano

da colombaio senese  22/11/2012 19.05

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Sig.Cerchi,
la polemica puo' anche essere interessante ma dopo un po' stanca, quindi sarò breve e spero di finirla quì:

io non ho dato dei giudizi, ho espresso dei pareri, e' molto diverso, e gli ho espressi soprattutto
per il modo di andare a caccia (per quanto riguarda l'epiteto da lei usato nei confronti del Sig.Lazlo
mi erano bastate le sue scuse di prima).
Per quanto riguarda l'andare a caccia in Ungheria, su questo si potrebbe parlare ancora, ma ognuno e' libero
di fare e di spendere i suoi soldi come crede, per questo e per quello che continua a sostenere, non
mi pare piu' il caso. Si tratta di due punti di vista diversi su come si dovrebbe trarre soddisfazione nell'andare a caccia in un modo, piuttosto che in un altro. A me gli animali piace guadagnarmeli, senza auto, senza recinti,
e.....se posso anche senza spendere troppo.
cordialita'

da fabio guidi  22/11/2012 17.45

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Grazie della tua risposta Luciano, forse eri tu che ci siamo un pò beccati alcuni blog fa, ma io non ti conosco come non conosco gli altri ( a parte il Marco che ci ospita), quindi non entro nel merito, ognuno è grande e vaccinato e sa prendersi le proprie responsabilità, chiudiamo la questione amici cacciatori, poi se fate i bravi, un salame a testa di cinghiale forse vi arriverà ( ho detto forse........).

da Carlo 62  22/11/2012 17.31

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

sig.fabio, lei ha dato dei giudizi io le ho risposto. ( io mi chiamo luciano Cerchi vivo in Toscana ed è la prima volta che scrivo se vuole il telefono me lo dica ) Ho chiesto scusa a marco ho sbagliato ( cosa devo fare piu di cosi??) se marco vuole gli mando la mia mail e mi denuncia accetto di essere denunciato ho sbagliato dovevo pensare prima di scrivere HA RAGIONE.
Io vado in ungheria privatamente da 25 anni amici e spendo quello che ho scritto. non è poco , non è molto , ma io ci vado perchè in Italia non caccio piu. Carlo , la carne rimane proprietà della riserva riporto a casa un buon quantitativo per il mio uso e per i regali.

da Luciano Cerchi  22/11/2012 17.14

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Non ricordo su che cosa mi sono scontrato giorni fà con il Sig. Fabio Guidi ma su questo tema siamo in perfetta concordanza. Se poi è come dice Marco che quel macello è stato fatto in recinto....meglio mi sento! Ancora più in basso si è scesi.Quella non è Caccia ..è furia omicida....voglia di sangue, non saprei come altro definirla, quindi per quanto mi riguarda sempre più distanze prendo da questa chiamata impropriamente "caccia".

da Carlo ([email protected])  22/11/2012 17.11

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

...visto come scrive, non so se darle del lei o del tu, non mi sembra molto coerente...continuero' con il lei
anche perche' cosi' il divario si amplifica...
La differenza tra lei e me non la fanno i soldi, ma la concezione che ognuno di noi ha della caccia.
Non mi permetto di dire che la mia sia la piu' corretta, esprimo solo un parere in modo civile ed educato.
Lei invece si permette di fare delle illazioni anche su quello che io potrei guadagnare all'anno....
bèh, mi lasci dire che non ha capito niente.....sono un impiegato, non un riccone, e forse e' proprio per
quello che seguendo la mia concezione della Caccia, non impiegherei il mio denaro per uccidere 10 o 20
daini in due giorni e soprattutto in quel modo. Ripeto, per mio parere personale, quella non e' Caccia........... è macello.
cordiali saluti

p.s. ......ora che ci ripenso.....il suo modo di interloquire.....mi ricorda qualcuno che si firmava diversamente,
chissà........

da fabio guidi  22/11/2012 16.43

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Buona sera, era partito tanto bene questo blog sui daini, poi.............perchè secondo voi lo stato italiano non è ladro a chiederci 4/500 euri IMPONENDOCI quello che vuole esso? e se sbagli vai dritto in galera peggio di un mafioso? anzi il mafioso neanche ci va, non voglio fare i conti nelle tasche di nessuno, ma per me , anche 1300 euri di questi tempi è una cifra enorme, quindi fortunello chi può togliersi questi sfizi.
Domanda più che scontata, ma tutta la carne di questi abbattimenti (chiedo al cerchi) che fine fa?
riesci a portarne a casa oppure rimane in beneficenza.......Io ieri sera per esempio con la carne della battuta di sabato al cinghiale ho fatto 30 slalami e 40 rocchietti di salsicce. (quelle mie sono speciali).Grazie e lasciate perdere questa diatriba come comari isteriche, Marco alla prossima fiera se vengo a salutarti rischio di prenderle.....? Scherzi a parte, salute a tutti e soprattutto senza offesa, a dimenticavo saluti anche a Laura e al mio omonimo senza il 62.Carlo (Fabriano-An)

da Carlo 62  22/11/2012 16.42

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

x fabio , compra un paio di occhiali. ho scritto 20 capi e so scrivere . non è un macello ma la normalità.
io un colpo per 1300 euro non lo farei mai. lei guadagna molto si è capito. in ogni caso, preferisco il mio tiro al bersaglio che non un colpo a 30 metri per i ricconi della tua specie. ciao

da cerchi  22/11/2012 15.16

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

chiedergli scusa da parte mia. ho sbagliato anche se - per me- è caro per le mie tasche.

da cerchi  22/11/2012 15.12

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Proverbio delle 10 P
1) PRIMA
2) PENSA
3) POI
4) PARLA
5) PERCHE'
6) PAROLE
7) POCO
8) PENSATE
9) PRODUCONO
10 PENA

Non puoi dare del LADRO PATENTATO alle persone. Laszlo non so...
Ma io si che ti avrei denunciato......
Se per te Laszlo è CARO non vuol dire che è un LADRO PATENTATO.
Non ci vai e basta!!!
Quando lo vedo per salutartelo cosa devo dirgli?

da Marco x Cerchi  22/11/2012 15.08

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Cerchi,
mi scusi per il tu istintivo e non premeditato, comunque o non ho capito io quello che voleva scrivere oppure si e' espresso male lei, non mi pare di aver detto che l'Ungheria sia gratis, semmai l'opposto.
Il fatto di aver speso 1300 € all in per 10 daini, in Ungheria, non fa altro che avvalorare l'ipotesi che si sia trattato di un piccolo macello in poco territorio.
Mi scusi ma secondo me la caccia e' un'altra cosa e preferisco di gran lunga pagare la stessa cifra per un capo solo, ma ben cacciato (magari con il Sig.Lazlo che non conosco), piuttosto che fare del tiro al bersaglio.
In altre parole, l'Ungheria e' cara per chi vuole cacciare in un certo modo ed a certi animali e se per risparmiare mi devo accontentare di sparare dalla macchina a tutto quello che si muove, bèh, ne faccio volentieri a meno.
Cordiali saluti

da fabio guidi  22/11/2012 15.05

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

MARCO, laslo per me è piu caro degli altri , ho usato questo termine e mi scuso , chiedo scusa , ma laslo PER ME rimane caro VA BENE? SE POI VUOI DENUNCIARMI FAI PURE.
Fabio. ???? lei è mai stato in Ungheria da "pivello"? allora sa bene cosa le aspetta- poi se lei è uno che guadagna 500.000 mila euro all'anno ha ragione lei! l'Ungheria è gratis! carozza? io non caccio in carozza ma in macchina e 10 daini in un giorno ( se sai sparare) si fanno senza sforzi. nei posti buoni non in quelli che si trovano all'exa!! Carlo , io spendo tutto compreso ( viaggio, caccia, mance, ecc) 1300 euri ? le sembra tanto? però ha ragione lei, facciamo tiro al bersaglio! è vero! qui ha ragione.

da Cerchi  22/11/2012 14.47

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Ragazzi, non vi scandalizzate. In Ungheria, se hai disponibilità, non ci sono LIMITI DI CARNIERE. 20 o 30 daini però li puoi fare SOLO IN RECINTO. In libera te li sogni. Poi il buon Cerchi ha detto "femmine, piccoli e "qualche maschio", credo li abbia fatti in battuta o in un recintino MOLTO piccolo!!!!!!!!
Quel che ancora non mi va giù è come può permettersi una persona di dare del LADRO PATENTATO a chi non fa altro che il proprio lavoro. Sarebbe come offendere un cameriere che quando ti porta il conto inizia dal coperto per poi finire con il caffè, quando invece il cliente pretendeva di pagare soltanto il primo e il secondo. Che gente che gira in Italia!!!

da Marco x Fabio e Carlo  22/11/2012 14.38

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

20 dainiii???? ma che sono come i tordi? A me non piace e ormai è cosa risaputa e vecchia ma io mi chiedo, che soddisfazione ci provate, in carrozza, con la jeep, con i punti di foraggiamento....ma queste sono cose che possono dare emozioni? Mi sembra così tutto artificiale, artefatto che svilisce lo spirito della caccia. E uno ci parte pure dall'Italia per andare a ..aaa...a che fare, a provare la carabina, punto.Perchè solo quello è....e ci và pure in carrozza. Ma siamo seri, recuperiamo un pò di serietà e se uno ha tanti soldi (20 daini, viaggio soggiorno ecc., sono una spesa) può togliersi ben altre soddisfazioni venatorie. Certo, adesso qualcuno mi dirà che ognuno è libero di impiccarsi con la corda che più gli piace..e anche questo è vero!

da Carlo ([email protected])  22/11/2012 13.28

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Scusa Cerchi, ma l'epiteto che hai usato mi sembra effettivamente un po' esagerato oltre
che offensivo.
Che in Ungheria bisogna andare a caccia con la calcolatrice e' anche vero, ma tant'e'.
Se vuoi puoi non andarci.
Poi non capisco una cosa.......critichi la carrozza e poi mi ammazzi 20 daini in due giorni.....
ma la carrozza che hai usato tu com'era.......a vapore ?
E se non hai usato la carrozza ma, molto piu' verosimilmente, la jeep, lo ritieni veramente
un tipo di caccia appagante ? Forse i tuoi soldi potresti spenderli in modo diverso.......
Scusa in anticipo se mi sono permesso.
cordiali saluti

da fabio guidi  22/11/2012 12.31

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Cerchi, sicuramente non abbiamo frequentato le stesse scuole, perchè a me hanno insegnato una cosa diversa su cosa vuol dire LADRO PATENTATO!!!!
E se Laszlo ti conosce, sicuramente gli farà piacere sapere come lo definisci "pubblicamente" su un blog che può visitare ciunque. E non mi sembra una cosa serie e sensata per chi investe soldi anche in pubblicità. Glielo dirò quando domenica viene a trovarmi!
Visto che per te non fa differenza, manda una mail a Laszlo e diglielo in faccia che lo hai definito LADRO PATENTATO.
Laszlo è più caro degli altri? Non mi risulta, ma se per te è vero, allora non ci andare, perchè da lì a definirlo LADRO PATENTATO troppo ce ne corre!
In Italia si può dare del LADRO PATENTATO alle persone? C'è la libertà di parola?
Ma in quale Italia vivi?
In quella dove vivo io, se mandi a "quel paese" una persona e quella ti denuncia (la legge dire che una diffamazione o un'aggressione verbale è simile ad una aggressione fisica!) corri il rischio di non farti rinnovare il Porto d'Armi.
Tu sicuramente il proverbio delle nove P non lo conosci.
M

da Marco x CERCHI  22/11/2012 9.35

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

si è vero laura. i daini ma anche i caprioli si lasciano avvicinare molto con la carozza ma in Ungheria -che sono dei professionisti- hanno anche preparato dei percorsi con punti di foraggiamento "dedicati" e le possibilità di incontro aumentano molto. In fondo è un pò come la macchina , fai una prova. saluti. Ultima cosa, in Ungheria che sia diffcile cacciare il daino a me non sembra . Sono appena rientrato da un viaggio di caccia ungherese dove abbiamo fatto una ventina di daini testa in due giorni. femmine , piccoli e un paio di maschi. dieci al giorno a testa. non mi sembra cosi difficile. stranezze della caccia. ciao

da cerchi  22/11/2012 8.47

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

marco, stai sereno - non volevo offendere nessuno - ma mettere in guardia -la nostra amica-da una eventuale gita ungherese. In Ungheria sono TUTTI professionisti e laslo è un pò piu caro degli altri ! Calma amico.All'Exa vedo laslo ogni anno e mi conosce. Se vuoi i miei dati non c'è problema ( capirai cosa rischio??) esiste ancora la liberta di parola in Italia.Se non hai mai vsito la carozza non è tanto che vai in Ungheria. Oltre a questo, volevo solo dire che si puo trovare di meglio .

da Cerchi  22/11/2012 8.39

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Mi scuso del ritardo ma ero a ... CACCIA!
PRIMO, io vado in Ungheria da una decina di anni e non ho MAI VISTO una Carrozza. Mai!!! I daini, se li vuoi cacciare, devi andarci nel periodo del bramito e farli prevalentemente dall'altana e , se fortunati, con un minimo di cerca a PIEDI!!!!
E' senza dubbio il selvatico PIU' DIFFICILE DA CACCIARE in Ungheria!!!!! Provarwe per credere.
Poi per CERCHI, mi DISTURBA TANTISSIMO quando si da del LADRO a una persona, figuriamoci se poi è un mio carissimo amico..........................
Come ti permetti????????????
Dare del ladro a un PROFESSIONISTA che applica SOLO quel che è previsto dal listino. Laszlo, che tu hai infamato con quell'appellativo, se durante i conteggi si sbaglia di 8 euro prende la macchina e viene a restituirteli in Italia.
Se per te uno è ladro perchè applica quello che è scritto nel contratto allora ben vengano i ladri in tutti i campi.
Stai attento a quel che scrivi....................................................
Oppure prenditi le tue responsabilità facendoci conoscere i tuoi dati personali!

da Marco x TUTTI.  22/11/2012 8.02

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

LESLI un vero ladro patentato te la da la carrozza!! a suon di euro...tanto al metro...tanto all'ora...tanto all'inteprete ... tanto al giorno...spendi meno ad andare in Canada!! lascia perdere la carozza dammi retta...

da Cerchi  21/11/2012 19.02

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Mah!!!!!!!!!!!!!!!!

da Carlo ([email protected])  21/11/2012 18.14

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Laura, io ho avuto una sola sola esperienza di caccia con la carrozza (non per mia scelta ma perché mi é stata regalata). I selvatici non hanno molta paura del traino animale ed il cavallo, forse per odore, é l'animale domestico che meno li disturba. Si spara solo di lato e non si possono fare molte acrobazie per ché si é in piena vista. Se proprio ti attira puoi concordare di farla una sera andando al palco. Fra le agenzie ungheresi consiglio Lesli Club che espone sempre all'EXA.

da Anonymous  21/11/2012 17.47

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Tiroler, le Alpi sono un'altro mondo. Caccia vera. l'Ungheria è per tutti quelli che hanno ... soldi ... Weid!

da Cerchi  21/11/2012 17.13

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

ha ragione Cerchi. La caccia in Ungheria si svolge per la maggior parte dall'auto. Il resto dai palchi. Niente a che vedere con la caccia alpina.

da tiroler  21/11/2012 16.54

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Il Daino è un'animale alloctono

da per Laura  21/11/2012 9.48

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

si è cosi. Va bene per una persona con problemi fisici o per i vecchi che fanno fatica a camminare. Certo, se vai i ungheria il 90% della caccia agli ungulati è dalla macchina! e non guardare i filmati di sky dove ti fanno credere che camminano , è tutto falso! Però è gran bel posto per cacciare .

da Cerchi  21/11/2012 8.05

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

vai in Ungheria e tutti ti organizzano la caccia in carozza... na scemata senza limiti!! però, degustibusss!

da Cerchi Luciano  20/11/2012 17.34

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

lo scambio di cortesie nella caccia è d'obbligo e permette a tutti di godere anche di cose che non si hanno in casa propria . ma per andare a caccia servono TANTI soldi

da Luca  20/11/2012 10.41

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Caro Walter perlare di caccia e di soldi mi sembra come parlare di mangiare e di fame. Ogniuno i comporterà secondo disponibilità e/o occasioni. Io, lavoro come un matto, facendo diverse attività, lavora anche mia moglie, non ho debiti, conosco tanta gente con cui scambiare "favori venatori", di conseguenza" Quando posso vado a caccia". Se non posso me ne stò a casa.
Possibile che questo sia motivo di discussione? Non mi sembra il caso. Mi piacerebbe fare un alce e un orso nel Kamchckta ma non me li posso permettere, così come un elefante in Zimbamwe (ma non è detto!!!!). La settimana prossima OSPITERO' a casa mia Laszlo il mio amico ungherese, quindi...... Come vedi dobbiamo darci da fare. Oggi invito in amico a cinghiali, lui ricambia invitandomi a camosci. Che c'è di bello. Ho 50 fucili e allora? Mi figlio mi costaun capitale per seguire la sua squadra del cuore. Io ho SOLO LA CACCIA!!! Quando in gioventù leggevo le avventure vissute da rinomati (e MOLTO BENESTANTI) cacciatori italiani e stranieri, non mi sognavo di dire: mannaggia a loro che posso permettersi simili safari. E' sottinteso che chi ha più possibilità può togliersi più soddiffazioni. Dividerle poi con chi è meno fortunato, non credo che suia né un delitto né un offesa......
Ciao
M

da Marco x Walter  20/11/2012 9.45

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Gran bel daino, nulla da ridire.
Da noi, non ce ne sono proprio, peccato o fortuna ? Boh ...
So solamente che un'animale così per me resterà un sogno.

Ti spiace se ti faccio un piccolo appunto, da amico ?
Scusa se te lo dico, ma talvolta ti esprimi in un modo forse poco corretto nei riguardi di chi è meno fortunato di te.
Tu dici che mentre diluviava, ti sei messo in macchina ed hai fatto 2.000 km per andare a camosci.
Giusto, bravo.
Ma vuol dire che TI PUOI PERMETTERE di far 2.000 km per andare a caccia, con quel che costano oggi benzina e autostrade, senza parlare di vitto ed alloggio. E/o eventuali costi di abbattimento, che per un verso o per l'altro ci sono sempre, per quanto modesti.
Vedi, potendo, avendone la capacità economica (e di tempo) per farlo, per quanto mi riguarda un paio di scarponi li consumerei in sei mesi, ci sarei SEMPRE a caccia, 360 gg l'anno, passerei la mia vita così.
Purtroppo, a me (come penso anche a tanti altri) non mi è concesso, vivo con un modestissimo stipendio di impiegato che fa fatica a tirar la fine del mese, e certe cose non me le posso permettere.
Ti ricordi la storia del cervo ? Beh, io (ma, ripeto, anche tantissimi altri) i "soli" 2.000 euro di abbattimento (senza contare viaggio, vitto, alloggio, ecc. ecc.) NON ME LI POSSO PERMETTERE proprio. E mi devo accontentare si sperare di avere la fortuna di incontrarlo nella mia riserva che mi costa solo 200 euro l'anno, ma che dista 150 km da casa, e, bene che vada, per andarci a caccia (tempo a parte) solo di benzina ed autostrada sono 40/50 euro, quindi non ci posso andare che 2/3 volte al mese.
Tu, buon per te, evidentemente non hai questi problemi. Oppure hai altre chances che io non ho.
Questa tua "fortuna", scusa se te lo dico, talvolta la fai pesare nei tuoi pur bei ed interessanti articoli e nei tuoi post.
Se poi tu pensi che la caccia sia "una questione da ricchi", che se non hai almeno 20 carabine in rastrelliera non sei un cacciatore, che se non usi ottiche Svarowsky o Zeiss sei un cacciatore di serie B, che se non ti fai almeno 5 o 6 "gite" all'anno in Austria, Slovenia ed Ungheria per abbattere cervi, caprioli e camosci (meglio se tutti da medaglia) non sei andato a caccia ...
Beh, io spero proprio che tu NON pensi questo, ma che questa sia solo la fortuna di potersi permettere tutto questo (a qualunque titolo) che ha Marco Benecchi.
Tanti, tantissimi di noi, no.
Scusa se te l'ho detto, ma anche se non abbiamo mai avuto il piacere di incontarsi di persona, comunque ti considero una brava persona ed amico, e da amico di faccio notare quelle che io considero delle "pecche".
Senza alcun rancore, astio o cose simili.
Con immutata stima, affetto ed amicizia.

Un abbraccio da Walter

da OLD_Hunter x Marco  20/11/2012 9.29

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Grazie Laura. Mi sembra ragionevole.

da Anonymous  19/11/2012 16.50

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Di male in peggio. Definirmi un CACCIATORE DA RECINTO è semplicemente ridicolo............... Ho detto e confermo che 4 - 6 battute l'anno in un recinto si possono anche fare, ma da quello all'essere DEFINITO CACCIATORE DI RECINTO troppo cene corre. Voglio dirti anche un'altra cosa, mentre mezza Italia stava a leccarsi le ferite dopo l'alluvione, iosono salito in macchina e ho fatto duemila chilometri per andare a camosci, RIPETO, RIPETO, RIPETO, e RIPETO, mentre MOLTI come vedono due gocce si rintanano in casa a giocare col PC io vado a CACCIA, poi RIVADFO A CACCIA e poi ritorno a caccia, se sei sempre peri boschi poi ti capita anche qualcosa di buono (come di cattivo)...............Poi, le fotune capitano TUTTE A ME!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!11Mi verrebbe voglia di bestemmiare. Due anni fa mi hanno messo IN CROCE perchè i cani mi hanno preso un'istrice. Che fortuna!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

da Marco x Luca  19/11/2012 14.47

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Daino aniale da eradicare

da Gino  19/11/2012 10.53

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Weidmannsheil !!!San'Uberto ti è stato benevolo. Onore al cacciatore, rispetto e ammirazione per la preda

da cacciatore delle 2 sicilie  17/11/2012 23.12

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Bravo Marco !! grande grande emozione aver un bestione del genere sul reticolo del cannocchiale !!
Complimenti con un pò di invidia @::))))))))))))))))))))))))))))))))))))

Massi

da colombaio senese  17/11/2012 18.01

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Weidmannsheil Marco! Complimenti per il trofeo e per l'ottimo articolo, benché su di un punto non condivido del tutto il tuo parere. Tu dici, come altri autori, che il daino non ama il freddo. Eppure l'inverno in Cechia o in Ungheria non é molto mite. D'altra parte il daino non si espande sulle montagne italiane come il cervo e il capriolo. Mi viene il dubbio che gradisca poco la neve alta dove i suoi zoccoli, "progettati" per il Medio Oriente secco, affondano troppo. Mi piacerebbe sentire altri pareri.
Ancora Weidmannsheil!

da Anonymous  17/11/2012 11.41

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Ciao Marco io sono sicuro che tu sei un gran cacciatore, se tu fossi un pò meno presuntuoso e un pò più umile saresti perfetto.

Un caro saluto.

da Claudio  16/11/2012 20.04

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

non volevo farti arrabbaire ti chiedo scusa ma ho letto che organizzi le cacce in recinto ... e va da se che ... ! fortunato che hai tutto questo tempo da dedicare alla caccia ma non vai a caccia solo te

da Luca  16/11/2012 10.00

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Amico da come ti sei rivolto aveva tutta l'aria della minaccia e - ricordati - che spesso la gente va per darle e poi le prende. Se ti sei offeso , e mi dispiace, non era mia intenzione ma siccome tu sei un cacciatore da recinto ( lo hai scritto tu) avevo pensato che un capo del genere , difficilissimo da trovare nella libera dove NON VAI A CACCIA SOLO TU ma altri che forse sono piu bravi di te e visto che tu -da quello che scrivi- sei sempre in giro o impeganto in battute al cinghiale mi chiedo come sia possibile che tutte le fortune capitano tutte a te! ? ! l'animale è molto bello se preso in libera complimenti ! senza rancore

da Luca  16/11/2012 8.22

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Minaccia? Che parolona. Quì nessuno minaccia nessuno. E poi per cosa?.
Scrivi "Solo per non credere che sia stato preso nella libera?".
Bhe a questo punto MI OFFENDI eparecchio. Perchè se io dico o scrivo una cosa PUOI STARE TRANQUILLO CHE E' LA VERITA?.
Non bisogna dare dei bugiardi alle persone senza prove. Neanche per scherzo.
I miei CARISSIMI AMICI avvocati , Notai, Dottori, ingegneri sono tutti abili cacciatori, nonostante hanno avuto la forza, e le capacità di prendere una laurea. Quando ti ho detto che ti avrei fatto CONTATTARE da loro, non per farti causa, ma per farti insegnare come si va a caccia, nonostante abbiano anche cultura e capacità professionali di un certo livello.
Stammi bene........

da Marco x Luca  16/11/2012 7.13

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

cos'è una minaccia? solo per non credere che sia stato preso nella libera ?

da Luca  15/11/2012 13.50

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Perchè Avvocati e Notai sono persone Handicappate?
Mandami la tua mail persionale che ti faccio contattare da loro....
Occhio che è gente MOLTO FAMOSA in ambito nazionale.......

da Marco x Luca  15/11/2012 11.34

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

avvocato e notaio a caccia nella libera?? per favore !

da Luca  15/11/2012 11.11

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

non c'è giustizia a questo mondo ...

da vecchio cedro  15/11/2012 10.32

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Verso gli inizi degli anni 80 (1982 - 82) cominciai a smanettare con le armi perchè mi toccò fare di "necessità virtù" visto che nel Centro Italia di ARMAIOLI specializzati non ce n'erano (come non ce ne sono molti tutt'ora) E lo facevo per me e per pochi amici. Oggi e quasi il mio primo lavoro. Se ti serve qualcosa mandami la tua mail che ci contattiamo privatamente.
Saluti
Marco
Il mio motto è... MONTIAMO CANNOCCHIALI anche sugli ombrelli!!!!!!!!!!!!!!

da Marco x Paolo 79  15/11/2012 9.33

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Caro Luca,
Mi spiace per te,
Ma quel DAINO il recinto non l'ha né mai visto, né mai sentito nominare.
Lo so che ci si rimane male qualndo si vedono prede simili.................
Io di DAINI nei recinti ne ho fatti abbatere qualche centinaio e, credimi, non sono di quella potenza. Mai!
Se poi non ci credi che il mio l'ho preso in libera, posso darti un paio di n° di persone "presenti" (erano abbastanza vicini), di straprovata serieta tra cui un notaio e un avvocato.
Ciao
Marco

da Marco x LUCA  15/11/2012 9.29

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

daino da recinto...

da Luca  15/11/2012 8.55

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Ciao Vecio!!!!! IERI HO FATTO ANCHE DUE CAMOSCI!!!!
Ora lo capisci percho mi permetto di parlare di caccia? A me gli scarponi durano una stagione. Stanotte non ho dormito dai dolori alle gambe e alle cosce!!! Me stò a fà vecchio.... Per dirla alla maremmana, ma "Bramisco Ancora!!!!"
Un caro saluto
Marco

NB Le mie zone di caccia sono tutte intorno a CAPALBIO ed ho l'appostamento al capriolo a MARSILIANA!
E' una TRAGEDIA!!!!
Se dovesse piovere ancora in quel modo sarebbe una vera e propria calamità....
Ma i toscani sono gente forte!!!!

da Marco Benecchi x VECCHIO CEDRO  15/11/2012 8.27

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Benecchi, basta! Mi pare che per quest'anno hai fatto abbastanza danni! Weidmannsheil!

da vecchio cedro  14/11/2012 15.51

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Sig. Benecchi innanzitutto mi dispiaccio di quello che è successo a Capalbio, ho sentito il TG e spero che abbiano esagerato........ per quanto riguarda la nostra passione, ho appena letto che lei fa, oltre tutto il resto, anche lavori di riparazione su armi, soprettutto a canna rigata.. Mi chiedevo se questo lo fa per pochi intimi o chiunque può contattarla per una sua preziosa consulenza o meglio se così si può dire di una sua "prestazione di manodopera"?!!

P.s.= Complimenti per il daino, qui da noi(all'Elba) non ce ne sono, come del resto anche i caprioli... Mi scuso per il messaggio,ho fatto praticamente un lavoro di copia-incolla dall'altro blog.

da Paolo79 a Marco Benecchi  13/11/2012 22.18

Re: IL DAINO DELLA MIA VITA!

Bravo Marco bell animale!!! Peccato che noi non possiamo pubblicare foto altrimenti se non sbaglio la Laura che spesso scrive dovrebbe aver avuto un bel palanco e albino da farci vedere....non vorrei confonderei peró....

da ...  13/11/2012 20.03
Cerca nel Blog
Lista dei Blog