Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<aprile 2021>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
Mensile
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ago27


27/08/2012 

"L'animal-ambientalismo fanatico piemontese non smette mai di stupire. Dopo il duro colpo infertogli dal TAR, che ha di recente rigettato il ricorso del comitato referendario avverso l'annullamento della consultazione sulla caccia prevista il 3 giugno, ecco che i soliti noti tornano alla carica. Come? Semplice, con due proposte di legge regionale in fotocopia, entrambe depositate l'1 agosto scorso, che, udite udite, propongono l'abolizione dell'attività venatoria su tutto il territorio regionale in quanto ".

"L'attività venatoria nella regione Piemonte contrasta con l'esigenza di conservazione della fauna selvatica ed arreca effettivo danno alle produzioni agricole per cui, ai sensi del comma 2, articolo 1 della Legge n. 157/1992, l'attività venatoria è vietata su tutto il territorio regionale".

Ebbene sì, cari amici, non c'è proprio nulla da fare: certa gente non cambierà mai e, personalmente, ritengo un povero illuso chi va ancora paventando la possibilità di dialogare con costoro. Tra i molti difetti che contraddistinguono il sottoscritto, sicuramente non c'è l'ipocrisia, per cui vorrei dirlo forte e chiaro: siffatte, miserevoli proposte sono un'autentica vergogna degna del peggior oscurantismo; chi le avanza si dichiara contrario alla caccia ma, a quanto pare, è specializzato in quella alle streghe, in questo caso rappresentate dal cacciatore brutto, sporco e cattivo. Questo tipo di animal-ambientalismo altro non è che un'autentica piaga d'Egitto per la nostra Regione, ma non solo, in quanto sembra raccogliere proseliti un po' ovunque. Difatti, giusto pochi minuti fa mi è capitato di vedere in tv la Brambilla lanciare un appello per una moratoria dell'incipiente stagione di caccia in tutta Italia, adducendo come scusa gli incendi che hanno ucciso, a suo dire, milioni di animali. Non credo servano ulteriori commenti; in altre occasioni ho speso fiumi d'inchiostro per ribattere agli sproloqui di questi professionisti della disinformazione, mentre questa volta preferisco osservare un minuto di rispettoso e mesto silenzio per la definitiva scomparsa, in loro, di ogni pur minima forma di dignità morale ed onestà intellettuale. Pertanto, concludo tornando al nostro Piemonte e notando come, delle due suddette proposte di legge-fotocopia in senso proibizionistico, l'una rechi le firme dei consiglieri Stara-Cerutti-Artesio, una "trimurti" del centrosinistra tristemente nota, al mondo venatorio, già da qualche tempo, l'altra veda invece, come primo firmatario, un tal Maurizio Lupi, dei Verdi - Verdi, eletto con Cota. Sì avete letto bene, con Cota, l'attuale governatore quello che, assieme a Sacchetto, finora si è dimostrato, tutto sommato, sensibile verso il nostro mondo e le sue esigenze. I Verdi - Verdi costituiscono uno dei tanti equivoci della politica italiana, frutto del proliferare incontrollato di partiti e liste: probabilmente, chi li vota è qualche ecologista particolarmente disattento che crede di porre la croce sui Verdi classici, quelli di Bonelli per intenderci, mentre in realtà va a votare personaggi oltre modo discutibili (non che gli altri Verdi siano eccezionali, per carità, tutt'altro!) come questo Lupi i quali, "di riffa o di raffa", un cadreghino nel posto giusto riescono a spuntarlo sempre. Spero, in virtù di ciò, che il presidente Cota sia oltre modo attento e di lunga memoria, nel momento in cui occorrerà scegliere chi candidare per le prossime elezioni 2015: chi è contro la caccia, ha già uno schieramento in cui collocarsi, che non è certo quello a cui fa riferimento l'attuale maggioranza, almeno in Piemonte (perché a livello nazionale c'è sempre la Brambilla di turno pronta, ahimé, a sparigliare le carte anche sotto questo profilo).

 

Marco Forno
Revello (CN)
 

Proposta di legge n° 289

 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


108.162.219.140
Aggiungi un commento  Annulla 

14 commenti finora...

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

Grazie ancora Laura, sei veramente ferratissima in materia. Per noi appassionati di caccia agli ungulati, comunque, è un'autentica via crucis e vien veramente la voglia di mollare anche perchè dietro le infinite restrizioni e persecuzioni "regolamentari" esiste una precisa regia che la politica di rinnovamento non riesce a scalzare. Un cordialissimo saluto e tanti auguri. P.S. Mi risulta che il tar ha accolto un ricorso della Lac e ha sospeso l'apertura...

da Arrabbiatro 60  10/09/2012

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

Grazie Laura sei stata più che esauriente. Resta il fatto che nei ca torinesi l'ungulato( a parte il cinghiale che evidentemente è brutto e cattivo) si può cacciare solo 16 giorni all'anno,come quando era in vigore la L.R.70/96. In soli sedici giorni (dei quali metà cadono in giorno infrasettimanale) sei "costretto" ad andare a caccia. Mi irrita moltissimo (non voglio usare altri termini) la grande pubblicità che la Regione ha fatto in merito ai cambiamenti che tu hai correttamente evidenziato. Nel concreto sono i comitati che gestiscono e pianificano la caccia e fanno quello che vogliono, alla faccia delle direttive regionali. Nel ca dove caccio io ,nelle due ultime stagioni, non sono stati abbattuti centinaia di capi e poi si lamentano dell'esubero di ungualt e delle ricadute negative,i quando sono i comitati che scelgono i periodi, sempre e comunque in senso restrittivo. Che senso ha che la Regione abbia esteso il periodo di caccia agli ungulati da metà giugno a metà marzo dell'anno successivo, quando i comitati ,anche contro ogni logica , fanno quello che vogliono? Sti comitati, a mio avviso, hanno (o si arrogano) troppo potere. La pianificazione della gestione venatoria dovrebbe essere a carico esclusivo della Regione. In realtà è un caos di norme che variano da atc e ca anche nella stessa priovincia. Un cordiale saluto.

da Arrabbiato 60  06/09/2012

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

Arrabbiato 60, permettimi di risponderti. Poichè è stata abrogata la L.R. 70/96 (con le varie L.R. che la modificano), ma non sono state abrogate (quindi rimangono valide ed efficaci) gli altri atti adottati in attuazione della legge regionale (Es. linee guida gestione degli ungulati, ...), la situazione "caccia agli ungulati" non è stata completamente cambiata rispetto quella dell'anno scorso. Però con le varie delibere fatte quest'anno qualcosa è cambiato:


- DD.G.R. n. 90-3600 del 19 marzo 2012
Sono state modificate a livello regionale (con possibilità che ATC o CA possano modificarle) le quote da pagare per il prelievo degli ungulati, le quote minime e massime da versare all'ATC e ai CA. Inoltre è stato decretato che i comitati di gestione possono regolamentare l'accesso dei cacciatori "temporanei" per il prelievo degli ungulati (visto che ci sono posti liberi si possono far cacciare anche i cacciatori non residenti in regione, così da "aumentare gli introiti" nelle casse).


- DD.G.R. n. 94-308 del 27 aprile 2012
Sono state approvate le "linee guida per la gestione dei bovini e dei cervidi selvatici nella Regione Piemonte" e le "linee guida per l'organizzazione e la realizzazione dei piani di prelievo dei bovidi e dei cervidi selvatici nella Regione Piemonte", nonché le varie modifiche riguardanti la tipica fauna alpina (per monitoraggio, ricognizione, formulazione dei piani e per il prelievo).


- Art. 40 della L.R. n. 5 del 4 maggio 2012
Riporta i vari divieti con le relative sanzioni in aggiunta a quelle della 157/92, sono gli stessi che c'erano nella L.R. 70/96


- DD.G.R. n. 40-4018 del 13 giugno 2012
Nel nuovo calendario venatorio sono stati modificati:
- i periodi di caccia (però ogni ATC o CA può legiferare e modificarli)
- il numero di cinghiali cacciabile (è stato portato a 15)
- si può utilizzare l'arco nel prelievo agli ungulati
Nelle istruzioni operative sepplementari al calendario limitano l'impiego dei fucili ad anima rigata rimandando ai comitati di gestione l'autorizzazioni per l'utilizzo nel prelievo dei cinghiali e delle volpi.
Inoltre i comitati di gestione degli ATC e CA possono regolamentare autonomamente (segueno le linee guida regionali emanate) per il prelievo degli ungulati e della tipica fauna alpina, la caccia a squadre al cinghiale e alla volpe (anche con i cani).
Verrebbe anche autorizzata l'attività venatoria ai soli residenti dei comuni dell'aria protetta e dell'area contigua alle aree protette.


- D.G.R. n. 210-4412 del 30 luglio 2012
Modifica i punto 4.2 (Divieti e limitazioni) delle "istruzioni operative supplementari" del Calendario venatorio 2012/2013 nel seguente modo:
"4.2 Nell'ambito dei piani di prelievo selettivo degli ungulati ruminanti e per il prelievo della specie cinghiale e volpe l'utilizzo del fucile con canna ad anima rigata, a caricamento singolo manuale o a ripetizione semiautomatica, è consentito:
- con colpo in canna e caricatore che consente di contenere non più di un colpo, nella Zona Alpi
- con colpo in canna e caricatore che consente di contenere non più di 2 colpi, nella Zona di pianura.
L'uso del fucile con canna ad anima rigata può essere limitato o altrimenti disciplinato dai Comitati di Gestione qualora sussistano i presupposti morfo-altimetrici del territorio, nonchè le condizioni di copertura boschiva e vegetativa, che permettano di svolgere l'attività venatoria in sicurezza." (omisis)

- 3 agosto 2012 è stata diffusa una nota integrativa per spiegare che la precedente modifica riguarda soltanto le carabine a caricamento semiautomatico e non le bold action. Non mi ricordo se c'era qualche altra postilla a riguardo dei CA.


Dovrei averti riportato tutte le "ultime novità", consultabili anche sul sito della Regione Piemonte (eccetto la nota informativa che non hanno pubblicato per chi sa quale arcano motivo). Spero di esserti stata utile per il tuo "aggiornamento".

da Laura x Arrabbiato 60  05/09/2012

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

mi domando se questi ambientalisti viscerali non hanno altro a cui pensare!

da beppe  04/09/2012

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

x Marco Forno: gradirei un tuo commento sulle "novità" introdotte dall'abolizione della L.R. 70/96. Caccio in ca torinese e, per quanto attiene gli ungulati è tutto come prima : due giorni alla settimana non consecutivi per un totale di 16 giorni annui. Poi si lamentano dei danni provocati dall'esubero della selvaggina ungulata. Cosa ne pensi? Cordialmente.

da Arrabbiato 60  03/09/2012

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

Io non farei colpe alla brambilla(farei altro),ma piottosto alle persone non in grado di intendere e di volere si,perchè di questo si tratta.Se attraverso informazioni false e pretestuosesi si riesce ad avere una parvenza di credibilità,significa che non si è più in grado di ragionare.Ci sarà sempre una brambilla di turno se il popolo è ignorante.

da Vincenzo  31/08/2012

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

Poveri scemi. Con centomila euro senza cacciatori non fate neache le pippe alle zanzare. Ma chi l'avrà scritta questa leggega, Beppe Grillo?

da renzo tram  28/08/2012

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

Prepariamo subito una nuova legge regionale con l'accordo di tutte le AAVV e dell'agricoltura e cerchiamo il dialogo con le associazioni ambientaliste serie... Senza furbate.

da Max  28/08/2012

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

chiedo gentilmente a chi mi può rispondere...
visto che ora siamo sotto la 157 e che quindi se nevica nn si caccia il cinghiale, la provincia o l'ATC possono derogare riguardo a questo problema ?
grazie

da tetoaste  28/08/2012

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

Sant'Iddio, Beppe è innamorato di me ormai, mi pensa pure al lavoro! "Io lavoro, e penso a te..." come Battisti :-)

Grazie a tutti, davvero, i vs. commenti mi onorano.

da Marco F.  27/08/2012

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

certo ezio lo pensavo propio oggi sul lavoro!marco forno presidente federcaccia cuneo !un uomo giustoal momento e' al posto giusto!!!gente prendetene in considerazione perche' ne vale veramente la pena di farlo!!!!!!!!!

da beppe 82  27/08/2012

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

Marco Forno presidente ferdaccia piemonte...o almeno cuneo..SUBITO!!!!!!!!!!!!!!!!

da Ezio  27/08/2012

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

non hanno alcun valore quelle proposte sono proposte di legge che finiranno nel bidone comunque ragazzi occhi molto aperti quando andiamo a votare

da Federico  27/08/2012

Re: Nuovo attacco animalista in Piemonte

adesso basta, argomentiamo le nostre tesi e mandiamoli tutti a lavorare

da Pier76  27/08/2012
Cerca nel Blog
Lista dei Blog