Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
gen9


09/01/2012 

Dice Alberto Belloni (vedi editoriale Beccacce di Befana): C'è da augurarsi, oltre a sollecitare la più rapida e completa integrazione e colleganza fra i milioni di appassionati, che qualcuno si ingegni a rendere pubblici il prima possibile i dati di queste benedette ricerche. Potremo così - forse - spiegarci come mai i nostri cervelloni ci vorrebbero impedire di cacciare la beccaccia oltre la metà di gennaio, mentre in Francia, dove il raccolto è ben più ricco che da noi, possono godere di questa magnifica opportunità fino al 20 di febbraio............

La sua domanda ci ha stuzzicato , ed e' giusto che Lei e il mondo venatorio Italiano sappiate il perché i nostri cugini Francesi, sono riusciti a dimostrare la sostenibilità del prelievo della beccaccia nel bacino del mediterraneo al 20 di febbraio; e non solo sulla beccaccia, ma anche sui tordi e colombaccio; ma questa è un altra storia che verrà affrontata in futuro specie per specie, con piacevoli sorprese che riguardano il confronto di dati Italiani con quelli Francesi; e grazie ai quali i quali possiamo affermare, dopo una attenta rilettura, che la sostenibilità del prelievo al 31 gennaio - oggi messo in discussione- per tutte le specie Italiane e' ancora possibile.

La situazione attuale ha visto l'Italia avanzare a suo tempo una serie di proposte che, per ogni specie, sono state connotate da una ortodossa osservanza dello spirito della Direttiva Uccelli, facendo un uso sostanzialmente improprio del principio di massima protezione.
Lo stesso non è accaduto per altri stati, che hanno opportunamente mediato tra principi di Direttiva ed opportunità nazionali.

In questa situazione, a suo tempo - all'atto della presentazione dei dati italiani sui KC al comitato Ornis nel 2001 - L'Ispra fornì una lettura dei dati propri e di quelli di altri autori in maniera non obiettiva, chiaramente dettata da preconcetti ideologici nei confronti dell'attività venatoria.
Il lavoro svolto, di una lettura corretta e obiettiva dei dati contenuti nelle pubblicazioni italiane ed estere che sono state richiamate e ad oggi disponibili, non necessita, in questo caso, di un ulteriore avallo scientifico perché non sono frutto di una ricerca scientifica di parte, ma sono il risultato di un'attività di ricerca scientifica condotta dallo Stato Italiano, consolidata e certamente non sospetta.

Si ritiene a questo punto evidenziare alcuni riscontri di carattere fenologico,SOTTO RIPORTATI, provenienti dalla letteratura venatoria italiana, dato che questi sono stati riportati in ANDREOTTI A., SERRA L., SPINA F., 2004 per NON avallare lo spostamento delle decadi al 28 di febbraio, che però di fatto avallano un inizio di migrazione della specie nella più conservativa delle ipotesi in FEB 1, non in GEN 2. Ci risulta difficile credere, che sia corretto l'indirizzo dell'ispra al 10 gennaio, per la beccaccia, depositato nel lontano 2001 al comitato Ornis. La domanda sorge spentanea: Dove sta' la verita'?

Ma e' possibile che le beccacce Italiane producano una tale quantita' di testosterone, che le spinga a migrare in pre-nuziale con ben 4 decadi di anticipo a differenza dalle beccacce Francesi? A voi svelare l'arcano delle mandril-scolopax!

BECCACCIA (Scolopax Rusticola)

A) STATO GIURIDICO La specie risulta segnalata nella convenzione di Berna (allegato III), segnalata nella convenzione di Bonn allegato II e presente nella direttiva uccelli 2009/147 (allegato II/1, III/2)

B) STATO DI CONSERVAZIONE Specie con popolazione stabile (BIRD LIFE INTERNATIONAL 2006), non segnalata nella lista rossa IUCN. DI CONSEGUENZA LA SPECIE È CONSIDERATA SICURA.

C) CONSISTENZA IN EUROPA La specie ha una consistenza europea stimata in 1.800.000-6.600.000 di coppie (BIRD LIFE INTERNATIONAL 2004), con trend stabile (Fonte http://www.birdlife.org/datazone/speciesfactsheet.php?id=2978#FurtherInfo con dati di riferimento WETLANDS INTERNATIONAL 2006), dopo un declino nel periodo 1990-2000 soprattutto in Russia, gli ultimi dati danno la popolazione europea stabile.

D) CONSISTENZA IN ITALIA La specie è svernante e migratrice regolare in Italia, nidificante in Italia con poche coppie 50-150 ( BIRD LIFE INTERNATIONAL 2004), localizzate in massima parte in area alpina e nell'appennino settentrionale.

E) FENOLOGIA Per quanto riguarda la migrazione prenuziale i dati comunicati al comitato ORNIS (per l'Italia) danno come periodo di inizio della stessa la seconda decade di gennaio (GEN 2), tale indicazione risulta non essere in linea con i dati dei paesi del bacino del mediterraneo (Spagna esclusa), molti dei quali compatibili anche a livello di latitudine con la posizione geografica italiana.

KC paesi bacino del mediterraneo (inizio migrazione prenuziale):

ITALIA: 2 decade di Gennaio (GEN 2).
FRANCIA: 3 decade di Febbraio (FEB 3).
SPAGNA: 2 decade di Gennaio (GEN 2).
GRECIA: 1 decade di Marzo (MAR 1).
MALTA: 2 decade di Febbraio (FEB 2).
CIPRO: 3 decade di Febbraio (FEB 3).Con indeterminazione di FEB 1 e FEB 2.

Nello specifico le pubblicazioni e i documenti presenti nel documento KC a sostegno dell'ipotesi di un inizio della migrazione prenuziale in GEN 2 risultano essere individuate in:

1 - ANDREOTTI A., SERRA L., SPINA F., (a cura di) 2004 - Relazione tecnicoscientifica sull'individuazione delle decadi riferite all'Italia nel documento "Key Concept of Article 7(4) of Directive 79/409/EEC". INFS, pp. 1-50.

2 - SPINA F., VOLPONI S., 2008 - Atlante della Migrazione degli Uccelli in Italia.1. non-Passeriformi. Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Tipografia CSR-Roma. 800 pp.)

Si analizza ogni pubblicazione e documento singolarmente per rilevare le evidenze scientifiche che supportano l'ipotesi di un inizio di migrazione prenuziale in GEN 2.
1- La beccaccia viene trattata a pag 35.
Premessa: questo documento è stato scritto in seguito ad una richiesta del ministero delle politiche agricolo di revisione del documento KC italiano nel 2004.
In questo documento per supportare l'ipotesi di inizio migrazione prenuziale in GEN 2 viene fatto un generico riferimento al campione nazionale di soggetti inanellati (fonte INFS) senza fare riferimento ad uno studio o a una pubblicazione specifica e vengono integrati da alcuni riscontri di carattere fenologico provenienti dalla letteratura venatoria italiana.
2) La beccaccia viene trattata a pag 514.
In questa pubblicazione (per quanto riguarda la migrazione prenuziale) le evidenze scientifiche non vengono esplicitamente ricondotte a studi o autori particolari, si fà riferimento a dati di ricattura e a rilevazioni dell'indice d'abbondanza probabilmente riconducibili agli autori stessi e all'unico studio specifico segnalato nella bibliografia utilizzata per la pubblicazione ARADIS A., LANDUCCI G., RUDA P., TADDEI S. & SPINA F., 2006 -La Beccaccia Scolapax rusticola nella Tenuta Presidenziale di Castelporziano. Min. Politiche Agricole, Alimentari Forestali - Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica: 1-38.

ANALISI CRITICA DEI DATI A SUPPORTO DEL CK ITALIANO

Da quanto sopra evidenziato si rileva che le evidenze scientifiche presenti nel documento KC a supporto dell'ipotesi di un inizio di migrazione prenuziale in GEN 2 si rifanno a :
ARADIS A., LANDUCCI G., RUDA P., TADDEI S. & SPINA F., 2006 -La Beccaccia Scolapax rusticola nella Tenuta Presidenziale di Castelporziano. Min. Politiche Agricole, Alimentari Forestali - Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica: 1-38.

Data la scarsità di pubblicazioni specifiche italiane può solo essere fatto un confronto con la pubblicazione Spagnesi M., L. Serra (a cura di), 2003 - uccelli d'italia Quad. Cons. Natura, 16, Min. Ambiente - Ist. Naz. Fauna selvatica dove Andreotti a pag 66 afferma: "
I movimenti pre-riproduttivi divengono consistenti in febbraio e si protraggono fino ai primi di aprile".

Nella pubblicazione regionale La fauna selvatica in Lombardia Rapporto 2008 su distribuzione, abbondanza e stato di conservazione di uccelli e mammiferi dove nella scheda riguardante la beccaccia, a pag 79, viene riportato l'inizio della migrazione prenuziale a marzo (MAR 1).

Si ritiene a questo punto evidenziare alcuni riscontri di carattere fenologico provenienti dalla letteratura venatoria italiana, dato che questi sono stati riportati in ANDREOTTI A., SERRA L., SPINA F., 2004 che però di fatto avallano un inizio di migrazione della specie nella più conservativa delle ipotesi in FEB 1, non in GEN 2.

a) Da Rotondi M., 1962-Migratori alati. La rotografica, Roma, pp. 615.
Pg 90: "..discretamente abbondante nelle epoche del doppio passo (metà ottobre-novembre; febbraio-metà aprile)".
Pg. 120: " La beccaccia, già verso la metà di marzo, si accinge alla riproduzione nei luoghi dove è stazionaria e in quelli dove ha fatto ritorno dopo essersene allontanata sin dall'autunno o soltanato nel periodo più crudo dell'inverno".

b) Da Rastelli G. (a cura di), 1946-L'almanacco del cacciatore e del pescatore. Anno 1946-1947. Casa Editrice il Cigno, Milano.
" Febbraio... In quasto mese si apre il ripasso: il primo uccello di transito è il colombaccio. Se la stagione non è troppo rigida partono gli zigoli della neve, merli e tordi, cince e fioraccino, marzaiole.codone, moriglione, morette, smergi, pescaiola, beccaccia, beccaccino, frullino..prendendo le vie del nord ".

c) Da Ghidini L., 1934-Nuovo manuale del cacciator. Hoepli, Milano.
Pg. 303: "Febbraio: partenza.. Marzaiola, moriglione, beccaccia, beccaccino, frullino. Transito: Colombaccio ".

Alcuni ulteriori riscontri di carattere fenologico tratti dal " Progetto Sky-Way "
(Convenzione Federcaccia, ANUU, Italcaccia)

d) Da: Medani E. (coord.) Ricerca nazionale sulla migrazione dell'avifauna. Sky-Way project. Convenzione Federcaccia, ANUU, Italcaccia, Vol. V, analisi statistica per il quinquennio 1993-1997.

" La prima spinta verso i quartieri riproduttivi coincide con l'inizio della seconda decade di febbraio, e l'ondata migratoria và via via intensificandosi fino a raggiungere l'apice tra la seconda e la terza decade di marzo ".

e) Da: Medani E. (coord), 1995. Ricerca nazionale sulla migrazione dell'avifauna. Sky-Way project, Convenzione Federcaccia, ANUU, Italcaccia, analisi statistica per l'anno 1995.
Pg. 16. " Febbraio è il mese della stasi, scarsi movimenti si verificano nella seconda decade in perfetta coincidenza con l'inizio canonico della risalita: il 15 ".

f) Da: Medani E. (coord), 1996. Ricerca nazionale sulla migrazione dell'avifauna. Sky-Way project, Convenzione Federcaccia, ANUU, Italcaccia, analisi statistica per l'anno 1996.
Pg. 13: "
La prima decade di febbraio è caratterizzata dall'assenza di spostamenti per quasi tutto il periodo, e solamente nell'ultimo giorno gli uccelli iniziano a muoversi dando il via alla risalita primaverile, con qualche giorno di anticipo sulle date tradizionali ".

g) Da: Medani E. (coord), 1999. Ricerca nazionale sulla migrazione dell'avifauna. Sky-Way project, Convenzione Federcaccia, ANUU, Italcaccia, analisi statistica per l'anno 1999, Vol. VII Pg. 17: " Nuovamente constatiamo che il massimo degli spostamenti si verifica nella seconda
decade (febbraio)..in corrispondenza del giorno 13 data, questa, che può essere considerata come l'inizio ufficiale del ripasso 1999 ".

h) Da: Medani E. (coord), 2002. Ricerca nazionale sulla migrazione dell'avifauna. Sky-Way project, Convenzione Federcaccia, ANUU, Italcaccia, analisi statistica per l'anno 2002, Vol. X. Pg. 20: " La risalita debutta regolarmente nella seconda decade, con un picco di segnalazioni per il giorno 12 (febbraio) ".

N. B. SI RICORDA CHE TALI RISCONTRI DI CARATTERE FENOLOGICO PROVENIENTI DALLA LETTERATURA VENATORIA ITALIANA SONO A TUTTI GLI EFFETTI A SUPPORTO DELLE MOTIVAZIONI TECNICHE CHE SUPPORTANO IL DOCUMENTO KEY CONCEPTS ITALIANO, IN QUANTO CITATI IN "ANDREOTTI A., SERRA L., SPINA F., (a cura di) 2004 - Relazione tecnicoscientifica sull'individuazione delle decadi riferite all'Italia nel documento "Key Concept of Article 7(4) of Directive 79/409/EEC". INFS, pp. 1-50.", RELAZIONE PRESENTE NEL DOCUMENTO UFFICIALE KC DELLA COMUNITA' EUROPEA.

Analizzando i dati esteri di paesi del bacino del mediterraneo quelli riguardanti la Francia risultano essere i più numerosi ed esaustivi. Con i quali oggi i Francesi cacciano la beccaccia al 20 di FEBBRAIO nel bacino del mediterraneo.

Nel rapporto (Observatoire National de la Faune Sauvage et des Habitats (ONFSH).2005. Informations scientifiques nécessaires à la préparation des textes réglementaires sur la fermeture de la chasse aux oiseaux migrateurs en France. Compléments aux informations fournies dans le rapport scientifique de l'Observatoire N°2 . MEDD/O NCFS Secrétariat .Mars 2005 pp 10, nel paragrafo riguardante la beccaccia a pag 12 viene ribadito per la Francia l'inizio della migrazione prenuziale a FEB 3.

Vi è un'altra pubblicazione francese molto particolareggiata che individua in FEB 3 l'inizio della migrazione prenuziale Duriez O. (2003) - Dates de départ des Bécasses des bois (Scolopax rusticola) en migration prénuptiale - in. Thèse de Doctorat, Université Paris VI « Stratégies individuelles d'hivernage chez la Bécasse des bois (Scolopax rusticola) : compromis énergétiques pour la sélection de l'habitat.

In riferimento a studi spagnoli è possibile notare come in Distribution and phenology of the Woodcock Scolopax rusticola (Linnaeus, 1758) (Charadriiformes, Scolopacidae) wintering in Extremadura a pag 44 gli autori riferiscono "En diciembre se encuentra presente la totalidad del contingente invernante en esta región, manteniéndose constante hasta el mes de enero y disminuyendo parzialmente en febrero. A partir de este mes se produce la migración prenupcial de la mayor parte de las becadas hacia sus áreas de reproducción en latitudes más norteñas. Esta migración parece producirse de manera más escalonada que la migración postnupcial y se prolonga hasta el mes de abril ",affermazioni compatibili con una ipotesi di inizio migrazione prenuziale nella più conservativa delle ipotesi in FEB 1.
Analizzando la pubblicazione SPINA F., VOLPONI S., 2008 - Atlante della Migrazione degli Uccelli in Italia.1. non-Passeriformi. Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Tipografia CSR-Roma. 800 pp, con riferimento a ARADIS A., LANDUCCI G., RUDA P., TADDEI S. & SPINA F., 2006 -La Beccaccia Scolapax rusticola nella Tenuta Presidenziale di Castelporziano. Min. Politiche Agricole, Alimentari Forestali - Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica: 1-38 è possibile fare le seguenti osservazioni:

a) Si rileva una sostanziale carenza di dati per stabilire con accettabile approssimazione il reale inizio della migrazione prenuziale, dato che come gli stessi autori riportano a pag 514
" L'inanellamento della Beccaccia richiede tecniche del tutto particolari; l'unico progetto di inanellamento intensivo che ha adottato tali tecniche in Italia è quello svolto nella Tenuta Presidenziale di Castelporziano a Roma, da cui il campione rilevante di inanellamenti che emerge chiaramente dalla carta (Aradis et al., 2006). Altrove in Italia, la distribuzione dei soggetti marcati si caratterizza per numeri molto bassi di soggetti, generalmente catturati in modo occasionale nel corso di attività di inanellamento non direttamente mirate alla specie ".

b) Nell'analisi delle ricatture (pag 516 fig 10); il campione annuale di ricatture è estremamente basso, 79 individui di cui la gran parte risultano ricatturati durante la migrazione post-nuziale; in riferimento ai mesi di gennaio, febbraio, marzo il campione si riduce a 13 individui così ripartiti:

GEN 1: 1 individuo FEB 1: 1 individuo MAR 1: 0 individui
GEN 2: 5 individui FEB 2: 0 individui MAR 2: 1 individuo
GEN 3: 4 individui FEB 3: 0 individui MAR 3: 1 individuo

Risulta, come già sopra evidenziato, che il campione non permette di stabilire con ragionevole certezza il reale inizio della migrazione prenuziale, data l'esiguità dei dati, come gli stessi autori affermano sempre a pag 516:
"In gennaio osserviamo un incremento nella percentuale di ricatture, con un modesto picco stagionale nella decade centrale del mese. Tranne due segnalazioni in marzo, mancano dati fino alle fasi post-riproduttive".

c) Si può osservare come le modalità di ricattura, ancor più che per i turdidi, sono legate ad attività venatoria, come gli autori affermano a pag 515: " La totalità delle ricatture avvenute in Italia si riferisce a soggetti deceduti. Tranne un singolo caso, dovuto a predazione naturale, tutti i soggetti sono stati abbattuti o catturati intenzionalmente. Anche nel caso delle beccacce italiane segnalate all'estero la vasta maggioranza dei casi noti (34 su 35) riguarda uccelli abbattuti ", a tal proposito risulta evidente che con la fine dell'attività venatoria in Gennaio (da venti anni), il numero statistico delle ricatture in Febbraio e Marzo, e quindi il campione delle ricatture non è uniforme, e lo stesso può essere viziato da questa anomalia, data la variata modalità di ricattura principale (attività venatoria) non attiva nei mesi considerati cruciali per gli spostamenti prenuziali dei migratori (Feb. Mar.); ciò spiegherebbe in parte la sostanziale carenza di dati, riguardanti le ricatture, nei mesi di febbraio e marzo rispetto ai paesi mediterranei che proprio in quei mesi individuano lo svolgersi della migrazione prenuziale e utilizzano tecniche (Rilevazioni GPS, indice d'abbondanza ecc. ) che esaminano il campione mantenendo costanti i parametri di rilevazione.

d) Come spiegato dagli stessi autori l'unico studio italiano completo fà riferimento alla tenuta presidenziale di Castelporziano e non può essere indicativo dei movimenti complessivi della specie in tutto il territorio italiano.

In ultima analisi nella suddivisione fenologica del ciclo annuale utilizzata nelle carte stagionali di ricattura (pag 515 fig 3); viene riportato come inizio della migrazione prenuziale FEB 3.

Sig, Belloni speriamo di aver saziato la sua sete di sapere compreso il perche' c'e' differenza sostanziale tra noi e i Francesi, comprese le simpatiche
CONTRADDIZIONI" dell'ispra.
 
A cura di:

Alessandro Cannas
Emiliano Amore

Ufficio Tecnico Legislativo Fauna Selvatica ANLC

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.63.56
Aggiungi un commento  Annulla 

9 commenti finora...

Re: Cannas, Amore: Il testosterone delle beccacce

Le beccacce si trovano sempre nello stesso posto fino alla fine di marzo.parliamo di duecento metri sul livello del mare e sul litorale fino al venti aprile.perché nessuno lo scrive?forse perché sarebbe ammettere che si potrebbe cacciare la regina fino al venti febbraio?

da Mac lupo della Sila  11/04/2012

Re: Cannas, Amore: Il testosterone delle beccacce

voi cacciatori italiani vi intendete e spero che potete aiutarmi in questa domanda,qualcuno mi sa dire come sapere se un tordo (vivo) e un mascio o una femmina?grazie per la vostra cortese attenzione,eh viva la caccia

da cacciatore junior maltese  26/02/2012

Re: Cannas, Amore: Il testosterone delle beccacce

Complimenti, vivissimi: passione, competenza, dedizione. Doti che in Italia non mancano, in ogni settore, ma chi decide è poi sempre la persona sbagliata.

da Fromboliere  13/01/2012

Re: Cannas, Amore: Il testosterone delle beccacce

Signor Fiore se stiamo facendo una battaglia sui siti ( a proposito ma il cacciatore.com ha avuto la chiusura ? ) spremendoci le meningi per far capire cosa vogliamo noi utenti e perche non vogliamo quello che ci stava già come il 31 gennaio, ma vogliamo quello che ci è stato tolto senza nessun motivo valido e che gli altri ne usufruiscono. Se lei è quello che scriveva anche sul cacciatore .com allora è lapalissiano che batte sempre lo stesso chiodo arci. Se ci hanno tolto i giorni perchè vogliamo il maltolto, ben è arrivata la verità così almeno abbiamo saputo le cose come stavano con i KC e di chi è stata l'arcicolpa. Le rammento che per non stare a romperci i coglioni il 20 febbraio per beccacce e tordi è quello che ci serve. Faccio i complimenti a Cannas e Amore per l’impegno spero venga riconosciuto questo studio. Cordialità

da jamesin  12/01/2012

Re: Cannas, Amore: Il testosterone delle beccacce

.............già detto ...

da renzo  11/01/2012

Re: Cannas, Amore: Il testosterone delle beccacce

Sono d'accordo in pieno con Ezio... vorrei però aggiungere che come nella vegetazione le migrazioni sono anticipate o posticipate a seconda del clima e questo nei dati può anche spostare sia indietro che in avanti la questione anche di 20 giorni,, il che vuol dire che a seconda delle annate ci possono essere anche 40 giorni di differenza e quindi per non stare troppo a romperci i coglioni lascerei il 31 gennaio come termine sia per i tordi sia per la beccaccia. La Francia può anche cacciare una quindicina di giorni in più mentre farei smettere prima sia Malta , Cipro e Grecia. Sarebbe opportuno cacciare i migratori a seconda dei paralleli terrestri!

da fiore  10/01/2012

Re: Cannas, Amore: Il testosterone delle beccacce

Assolutamente NON con l'intenzione di sminuire il fantastico lavoro di Cannas ed Amore a cui va una stima incondizionata e profonda ma per comprendere che ci sia "qualcosina" di anomalo nella questione "caccia ai migratori" tra Italia e gli altri Paesi europei posti alla stessa latitudine, credo non ci sia bisogno di studi di tal portata. E' infatti sufficiente dare un'occhiata ai rispettivi calendari venatori.
Il problema di impossibile soluzione pare sia non tanto di dimostrare che Cannas ed Amore hanno pienamente ragione ma di trovare qualcuno di quelli che hanno le leve del vapore in mano che gliela riconoscano.
Ciò che può fare la compagine di CDX in Italia per la caccia ed i cacciatori lo abbiamo appena sperimentato in pieno, se non era stato sufficiente Pisano & c. in tempi comunque non lontani.
Che poi sia o sarà il CSX che mi farà cacciare la bekka, ad esempio, fino a fine febbraio come avviene in Grecia ed in Francia, mi pare una ipotesi alquanto fantasiosa.
Credo nè....
E allora???!!!

da Ezio  09/01/2012

Re: Cannas, Amore: Il testosterone delle beccacce

Mi permetto di sottolineare, per puro dovere d'informazione, che l'argomento trattato dai due amici Alessandro e Emiliano fa parte di un più ampio documento prodotto dall Ufficio Tecnico Legislativo Fauna Selvatica della Libera Caccia Nazionale del quale Cannas, Amore e Stincardini sono i coordinatori.

da Stefano Tacconi  09/01/2012

Re: Cannas, Amore: Il testosterone delle beccacce

complimenti!!...il dott. Sorrenti avrebbe dovuto metterci una pezza!!...ma evidentemente le mediazioni politicovenatorie con chi ci rappresenta in Bird Life sono queste!

da fabio  09/01/2012
Cerca nel Blog
Lista dei Blog