Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
giu1


01/06/2011 

Voglio coniare un nuovo “termine”: L’anatema del cacciatore! Sembra esistere, aleggia tra noi, sospeso sopra le teste dei politici italiani. E’ accaduto in passato, il rito si è rinnovato ieri, accadrà ogniqualvolta le egregore, quelle particolarissime “forme-pensieri” che agiscono per via eterica, si uniranno tra loro materializzando l’anatema all’interno delle urne elettorali, trasformandole inesorabilmente in “urne funebri” per la politica che ne viene colpita.

Era inevitabile che tutto ciò non accadesse! Metafisica per metafora, quando si portano in casa propria “idoli” sottratti ai nemici, in tal caso la filosofia animalista, ecco che la maledizione prende forma. Nel “Deuteronomio”, il quinto libro della Torah ebraica e della Bibbia cristiana, a proposito degli “idoli” sottratti ai nemici e fatti propri, si scrive: “Non introdurrai quest'abominio in casa tua, perché sarai come esso votato allo sterminio; lo detesterai e lo avrai in abominio, perché è votato allo sterminio”.

Quante volte è capitato in passato che la politica si sia bruciata come paglia al sole nelle afose domeniche elettorali in cui perfino i primissimi sondaggi “post” smentiscono clamorosamente i sondaggi “pre”? Ne sono stati toccati i verdi, uno dei primi partiti in Europa, ma scomparsi in Italia. E’ accaduto con i referendum, ha toccato in passato i partiti di sinistra dell’ambientalismo radicale, non ne è rimasta indenne l’intera coalizione che aveva portato in casa propria quell’”idolo” che pare idolo ma evidentemente “idolo” non è! Ieri l’inevitabile sorte è toccata alla politica italiana dell’”Animal-Friend”, colpendo non solo l’intera coalizione ma frugando in essa, è riuscita perfino ad estrapolarne le singole componenti che finora hanno parlato di un Italia che l’Italia, quella reale, quella della “Signora Maria”, evidentemente non vuole. L’anatema ha colpito inesorabilmente anche il nuovo polo, reo anch’esso di essersi subito premurato di portarsi in casa quell’idolo.

Scherzi a parte! Io non sono superstizioso e non penso che i cacciatori, presi singolarmente, possano lanciare anatemi fino a stravolgere la politica italiana; una parte di verità però c’è! Alzare i toni contro la caccia come si è fatto ultimamente ha un significato molto più profondo rispetto all’apparente contrarietà nei confronti di una pratica come tante altre. L’odio dimostrato, esteso anche ad altre attività similari di estrazione per così dire “rurale” (vedi le vicende attorno ai palii), dimostra l’appartenenza ad una cultura che se espressa, come del resto si è espressa in questi ultimi anni, non appartiene ancora (e mai apparterrà) ad un popolo, quello italiano, che ha dimostrato ieri di preferire il “vecchio” al “nuovo”. Come dire, se il “nuovo” è questo finora dimostrato, meglio ritornare al “vecchio”…così, ieri, hanno ragionato le “Signore Marie” d’Italia. Il nostro problema però non si placa! C’è un’Italia, quella che lavora umilmente ed onestamente con i frutti della terra, che vuole rilassarsi con le attività che offre, libera di poter mangiare ciò che più piace e soprattutto, fondata su semplici principi e valori, sballottata di qua e di la, in balia di ideologie personali. Purtroppo non credo nemmeno che in questo momento ci sia qualche politico a Roma che ha compreso questo. Si analizzeranno i voti elettorali in chiave machiavellica; i vincitori crederanno di aver vinto ed i perdenti di aver perso per chissà quali ragioni e ad entrambi sfuggirà che l’Italia, in realtà, appartiene ed è sempre appartenuta alla “signora Maria”, quella dei sani principi e valori, quella che con la sua cultura e le sue tradizioni ha reso questo paese uno dei più belli e grandi del mondo; a quest’ultima Italia, apparteniamo sicuramente anche noi, liberissimi di pensare che in fondo in fondo, buttando una distratta occhiata alla storia politica del nostro paese, gli “anatemi” esistono.


Massimo Zaratin


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.78.44
Aggiungi un commento  Annulla 

5 commenti finora...

Re: L'anatema del cacciatore

Bentornato Fromboliere...tu ci sei, come c'è anche Silvano B. ;)

da massimo zaratin  07/06/2011

Re: L'anatema del cacciatore

Questo è un cerchio che non si chiuderà più. E’ un discorso che comincia e ricomincia, senza finire mai. Una volta c’erano i cacciatori, oggi? c’è solo il cacciatore, il cacciatore solo. Non sa più dove sbattere la testa. Non riconosce più nemmeno il suo simile, ricerca solo una promessa, ma che venga dall’alto. La politica l’ha reso solo, l’ha messo l’uno contro l’altro, svenduto per pochi danari. Una volta c’erano i cacciatori. Oggi la caccia è un pensiero intimistico, se la vuoi rispettare. Un pensiero incondivisibile che va tenuto dentro, gelosamente. Diversamente ti farai odiare, perfino dai tuoi stessi simili.

da Fromboliere  07/06/2011

Re: L'anatema del cacciatore

Non credo che importi molto alla fine quanti siamo noi cacciatori. Alla fine conta essere "naturalmente" dalla parte giusta e non come parte politica concedendole prioritità unica e assoluta. Conta essere, come ci dice Massimo sempre stati culturalmente con la "Signora Maria". E sono milioni le Signore Marie, con i propri valori, le proprie tradizioni e i propri irrinunciabili principi applicati ogni giorno. Noi siamo dalla parte giusta e non certo da soli. Non so con quanto merito, visto che il nostro sport preferito come cacciatori è fare solo i cani sciolti ma così è.

da Silvano B.  02/06/2011

Re: L'anatema del cacciatore

magari avessimo un peso tale da decidere le elezioni...siamo un buon serbatoio di voti, per carità, ma da qui a dire che la catastrofe del centro dx. a queste elezioni l'abbiamo causata noi...è che il nano di Arcore ha sbroccato talmente a sto giro da spaventare parecchi di coloro che, spesso incondizionatamente, lo hanno sostenuto per 17 anni. L'impresa era ardua, ma lui c'è riuscito. In più, la Lega è a metà del guado e deve decidere che strada prendere (fosse per me prenderebbe quella di casa, partito moralista a parole e mangione come tutti gli altri nei fatti).

da Marco Forno  01/06/2011

Re: L'anatema del cacciatore

Io sono superstizioso e gli anatemi li ho lanciati. E non è ancora finita.

da Martino, Bologna  01/06/2011
Cerca nel Blog
Lista dei Blog