Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
31123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
2829301234
567891011
Mensile
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
feb18


18/02/2011 

La protesta dei sindaci delle comunità montane, piccola voce sommessa nel clima da stadio  creatosi attorno alle vicende del premier, probabilmente rimarrà inascoltata.
 
A chi interessa la sopravvivenza di 4200 piccoli comuni dispersi su Alpi e Appennini, che spesso contano meno di cento anime? Forse a nessuno e men che meno alla politica, che quei borghi, pieni di storia e d'incanto, li ha letteralmente abbandonati, tagliando drasticamente le risorse elargite in passato per fermare il loro spopolamento. Se nel 2002 le comunità montane percepivano complessivamente un finanziamento pari 170 milioni di euro, oggi, dopo un anno di azzeramento totale, ne hanno a disposizione solo 16, che saranno elargiti una tantum nel 2011. Il che significa per un paesino di nemmeno cento abitanti qualcosa come 88 euro all'anno (è il caso di Ribordone, località del 1300 che conta 77 abitanti). Un'elemosina, che non basterà a coprire nemmeno le più elementari spese di manutenzione. E' per questo che per protesta quei soldi, quando li riceveranno, li restituiranno o li daranno in beneficienza.

E così tra poco alle migliaia di persone che ancora vivono tra mille difficoltà nelle tantissime alture di questo paese, non resterà che adeguarsi al progresso e all'avanzare del cemento, che ormai ricopre con il suo manto irreversibile e grigio quelle che un tempo erano pianure floride e coltivate. Ma questi piccoli villaggi, e lo abbiamo visto recentemente anche su questo portale quando abbiamo dato voce ad un comitato di cittadini schierati contro la costruzione di un'enorme impianto per l'energia eolica che avrebbe modificato un paesaggio da cartolina e compromesso per sempre la fruibilità dell'ambiente, sono veri presidi dell'umanità a difesa del territorio, capaci di allontanare speculazioni orientate spesso solo al raggiungimento del massimo profitto. L'abbandono di questi luoghi, dove le persone hanno ancora un rapporto diretto con la terra e vivono dei suoi frutti, è una sconfitta per tutti e comporta la progressiva scomparsa di saperi tramandati e tradizioni millenarie,  come quelle che ancora oggi guidano la produzione di eccellenze dell'agro-alimentare italiano (formaggi, miele, carne di qualità, ecc.). Ma la posta in gioco è ancora più alta: è proprio sulla montagna infatti che sono gestiti servizi chiave per la qualità della vita anche in pianura. Pensiamo alla qualità delle acque, alla produzione di energia, alla sicurezza idrogeologica ma anche semplicemente all'importanza dell'ossigeno prodotto dal manto forestale sopra le nostre teste.

Per Carlo Petrini, che ne ha scritto proprio in questi giorni su Repubblica, questo disinteresse non è altro che “l'ennesimo fendente inferto al corpo del Paese, uno degli ultimi, ma uno dei tanti. Parlo di corpo – spiega Petrini -: la terra, i fiumi, le montagne, i campi, le colline. Un corpo vivo che meriterebbe tutto il rispetto possibile per come ci ospita, per come ci nutre, per come ci ha sempre riempito di orgoglio e circondato di bellezza”.

Molto è già perduto e lo sanno bene i cacciatori che frequentano abitualmente le campagne in lungo e in largo e che in molte parti d'Italia ettaro dopo ettaro hanno visto scomparire i boschi frequentati in gioventù, quando la selvaggina abbondava e non si parlava né di ripopolamenti, né di emergenze  ungulati (oggi troppi anche perchè troppo ridotto il loro habitat naturale) . 
Chi ha qualche anno sulle spalle – scrive un amareggiato Petrini – sa che l'Italia bella com'era non lo è più, e che “sta diventando sempre più brutta”.
Eccola allora la cultura rurale di cui i nostri politicanti dovrebbero accorgersi, prima che sia troppo tardi e che si perda del tutto.
 
Ci vogliono forse incentivi (non necessariamente finanziari) mirati a sollevare e sostenere comparti economici dalle immense possibilità di sviluppo, soprattutto quelle legate al turismo, che è e rimane, con buona pace del Ministro Brambilla e dei suoi spot pro cani, la vera occasione mancata di questo Paese. Bisogna puntare sulla qualità della vita, dei servizi, dell'accoglienza, occorre anche dare rilevanza al lavoro di chi questi posti li vive e li difende, nonostante le difficoltà. Sono ancora loro, insieme ai cacciatori e a pochi ambientalisti a prendersi cura fattivamente dell'ambiente, come facevano una volta.  Questa gente, ricorda Petrini, “oltre a coltivare i propri campi puliva i fossi e i boschi, sorvegliava gli argini dei fiumi, teneva in ordine le zone rurali preservandole da dissesti idrogeologici e anche da tante brutture”. 

C.F.

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.62.226
Aggiungi un commento  Annulla 

1 commenti finora...

Re: MONTAGNE ABBANDONATE

è un vero disastro ,io abito sull appennino toscano in piccola frazione ,il nostro comune invece sta in valle, se ne fregano altamente di noi ,solo belle parole dicono che bisogna valorizzare la montagna bla...bla ...bla bisongna aiutare la gente che ci abita bla...bla bla sono solo dei falsi e politici mangiapane a tradimento li vedi solo per le elezioni perchè hanno di bisogno .
ci applicano gli stessi sistemi della citta come se una botteghina su un monte guadagnasse quanto un centro commerciale.cercano solo di farci scappare non gli conviene avere gente in montagna siamo solo di troppo i comuni pensano solo al loro tornaconto come un s.p.a.
dicono solo bugie quando affermano di volere salvaguardare la natura , tutte bugie e basta .

da tony  21/02/2011
Cerca nel Blog
Lista dei Blog