Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<marzo 2020>
lunmarmergiovensabdom
2425262728291
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mensile
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov2


02/11/2010 16.17 

La custodia delle armi rappresenta sicuramente un'importante questione spesso sottovalutata da noi cacciatori ma che tuttavia può comportare gravi inconvenienti non sempre di facile soluzione. A tal proposito è necessario partire dall’analisi della normativa in materia e precisamente dalla Legge del 18 aprile del 1975 artt.li 20 e 20bis.

L’art. 20 della suddetta legge statuisce che “la custodia delle armi di cui ai precedenti articoli 1 e 2 e degli esplosivi deve essere assicurata con ogni diligenza nell'interesse della sicurezza pubblica. Chi esercita professionalmente attività in materia di armi o di esplosivi o è autorizzato alla raccolta o alla collezione di armi deve adottare e mantenere efficienti difese antifurto secondo le modalità prescritte dall'autorità di pubblica sicurezza”.
Da tale norma possiamo dedurre che la custodia diligente dell’arma è finalizzata a garantire la sicurezza pubblica. Questa affermazione è rilevante, perché fa capire come l’onere di portare un’arma non sia solo una questione privata, ma riguarda essenzialmente la sicurezza della collettività.

Il legislatore quando usa il termine “sicurezza pubblica” intende la tutela dell’incolumità fisica delle persone e la prevenzione dei reati in generale.

E’ palese peraltro che l’arma  deve essere custodita non solo quando la si porta, ma anche quando viene depositata presso la propria abitazione.
Pur nella sua evidente chiarezza la suddetta norma, tuttavia non prevede quali siano  le modalità con la quali le armi e le munizioni debbono essere custodite, cioè se deve essere tenuta in cassaforte o depositata in un cassetto o altro. Il legislatore, pertanto, non ha voluto elencare le modalità antifurto da adottare perché dipendono dal contesto ambientale.

Dipende cioè dal luogo in cui si vive, dalla tipologia di casa e dalle persone con cui conviviamo. Per altro verso l’art. 20 bis prevede che
“chiunque consegna a minori degli anni diciotto, che non siano in possesso della licenza dell'autorità, ovvero a persone anche parzialmente incapaci, a tossicodipendenti o a persone impedite nel maneggio, un'arma fra quelle indicate nel primo e secondo comma dell'articolo 2, munizioni o esplosivi diversi dai giocattoli pirici è punito, salvo che il fatto costituisca più grave reato, con l'arresto fino a due anni”.

Ed ancora al secondo comma si statuisce che
“chiunque trascura di adoperare, nella custodia delle armi, munizioni ed esplosivi di cui al comma 1 le cautele necessarie per impedire che alcune delle persone indicate nel medesimo comma 1 giunga ad impossessarsene agevolmente, è punito con l'arresto fino ad un anno o con l'ammenda fino a lire due milioni.

Si applica la pena dell'ammenda da lire trecentomila a lire un milione quando il fatto di cui al primo comma è commesso:
a) nei luoghi predisposti per il tiro, sempre che non si tratti dell'esercizio consentito di attività sportiva;
b) nei luoghi in cui può svolgersi l'attività venatoria”.

Nella sua apparente chiarezza la predetta norma, come quella precedente, non elenca quali siano le “cautele necessarie” da applicare per impedire che la nostra arma diventi un pericolo reale per l’incolumità pubblica. Si potrebbe dire che il legislatore del 1975  pur  regolamentando, o cercando di regolamentare, una materia delicata come quella del controllo e possesso delle armi e munizioni, con volontà “pilatesca”,  lasci ampi margini di discrezionalità sia ai possessori di armi sia ai giudici che dovranno di volta in volta valutare se vi siano gli estremi per ravvisare il reato di omessa custodia di armi.

Tuttavia,  la Suprema Corte di Cassazione ha più volte statuito in riferimento alla materia che ci occupa fornendoci delle indicazioni necessarie per la corretta custodia delle nostre armi. A questo punto è necessario applicare la fattispecie normativa precedentemente trattata a noi  cacciatori.

E’ opinione ormai consolidata che i nostri fucili da caccia debbano essere custoditi presso le nostre abitazioni (o altro luogo in cui abbiamo denunciato il possesso delle armi) con diligenza e per far ciò molti cacciatori si sono dotati di armadietti di sicurezza blindati.
Tutto ciò è naturalmente corretto, ma non è sufficiente.
Le misure anti impossessamento o anti furto devono essere tali da non permettere a soggetti terzi di appropriarsi “agevolmente” delle nostre armi. Ciò significa che se le chiavi del nostro armadietto blindato vengono lasciate inserite nella serratura o vicino all’armadio stesso ovvero in luogo accessibile a tutti, in caso di furto o impossessamento del fucile, con ogni probabilità, verremo denunciati per omessa custodia di arma perché abbiamo permesso, nei fatti, al soggetto terzo di appropriarsi del nostro fucile con estrema facilità.

E’ necessario pertanto  nascondere in un posto sicuro le chiavi del nostro armadietto portafucili, debitamente chiuso a chiave, specialmente se in casa ci sono minori che molto spesso sono attirati ed incuriositi dalle armi.  Per maggiore zelanteria, consiglierei di chiudere a chiave anche la stanza in cui è presente l’armadietto blindato quando non si è in casa.

I suddetti accorgimenti e consigli, oltre ad essere necessari per ottemperare alle disposizioni di legge precedentemente citate, rappresentano norme di buon senso che ogni cacciatore o possessore di arma dovrebbe regolarmente adottare.
 
Detto ciò i problemi più gravi si realizzano quando trasportiamo l’arma al di fuori dalla nostra abitazione.Quante volte ci è capitato di uscire alle prime ore del mattino per recarci sul posto di caccia e, prima di giungerci, ci fermiamo al nostro solito bar per gustarci un buon caffè e per scambiare due chiacchiere con gli altri cacciatori? Questo piccolo gesto rituale che ognuno di noi sistematicamente compie può nascondere numerose insidie.

Una semplice tazzina di caffè può trasformarsi in un sorso di  cicuta! Cari amici sono decine i casi da me trattati sull’argomento e vi posso assicurare che un semplice caffè, per molti, ha rappresentato una sospensione di anni della propria licenza di caccia. Molto spesso infatti usciamo dalla nostra automobile lasciando il fucile e le cartucce incustodite, sicuri (non lo siate mai) che in soli cinque minuti, a prima mattina, nulla possa accadere.
Dopo aver bevuto il nostro caffè usciamo dal bar e ci rechiamo tranquillamente  verso il nostro veicolo e constatiamo che qualche ceffo ha rotto il vetro del finestrino ed ha rubato fucile e cartucce.

A questo punto celermente denunciamo l’accaduto per furto del fucile e delle cartucce e contestualmente ci denunciano per omessa custodia di arma e munizioni.
A nulla varranno le nostre giustificazioni sull’aver chiuso l’auto a chiave ed essersi allontanato solo per cinque minuti. A riprova di ciò la Suprema Corte, più volte intervenuta in fattispecie analoghe al caso trattato, con sentenza del 2004 n. 24271,  ha statuito che  “non può ritenersi diligente la custodia di due fucili da caccia lasciati in una vettura a porte chiuse”.
La Cassazione infatti ha ritenuto che lasciare un fucile da caccia all'interno di un'autovettura parcheggiata  integra, senza dubbio, gli estremi del reato contestato, sussistendo la possibilità che estranei entrino agevolmente in possesso dell'arma lasciata alla loro portata per violazione dell'obbligo giuridico di usare le necessarie cautele.

Tutto ciò peraltro si aggrava nel caso in cui la zona in cui abbiamo parcheggiato la vettura è un luogo con alto tasso di delinquenza abituale. E’ del tutto evidente pertanto che l’automobile, certamente, non è un luogo sicuro per la custodia delle nostre armi perché si può facilmente rompere un cristallo e accedere all’interno dell’abitacolo.

Ciò detto, quando vi recate a caccia con la vostra automobile e non volete rinunciare al vostro meritato caffè, o lasciate il vostro compagno di caccia nella vettura e vi recate uno per volta nel locale, oppure portatevi con voi l’arma all’interno del bar, rigorosamente scarica e chiusa in apposita custodia.

E’ evidente, cari amici, che  non sia assolutamente il caso di rischiare una denuncia nonché la sospensione o addirittura la revoca del porto d’armi per una nostra semplice disattenzione.

In bocca al lupo

Vai all'intervento LA TABELLAZIONE DELLE AREE PROTETTE

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.73
Aggiungi un commento  Annulla 

38 commenti finora...

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Gentilissimo Avvocato, il mio quesito è un po' diverso. Ho smarrito una carabina di quelle a pallini regolarmente denunciata, e probabilmente buttata da mia moglie nel cassonetto dell'isola ecologica della nostra città scambiata per un ferro arrugginito durante la pulizia periodica di un magazzino (l'arma infatti era rotta e arrugginita). Mi sono "autodenunciato" ed ho già ricevuto dalla questura il preavviso della sospensione o revoca del porto d'armi, ma a me questo interessa relativamente. Ho paura di quello che rischio penalmente come il carcere per esempio. Può rassicurarmi? Grazie mille, Claudio

da Claudio  08/11/2016 11.30

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Gentilissimo Avvocato
Vorrei sapere se lasciato incustodito il fucile da caccia senza otturatore e gruppo grilletto si configura ugualmente il reato di omessa custodia di arma.
grazie per la risposta

da Riccardo  25/10/2015 6.47

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Dovevi dire a quel personaggio se durante la tua assenza si metteva lui di guardia alla macchina,con dentro il fucile.

da Target  25/10/2014 6.19

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Lunedì scorso sto andando a caccia in provincia di Piacenza . Ore 6,30 mi fermo ad un bar vicino a Verza 2 km dal capoluogo porto il mio fucile scarico e nel fodero a spalla per bere un caffè . Mi ha fermato un ufficiale di PS (3 stellette o simile) che davanti a 4 poliziotti mi ha tenuto una lectio magistralis sul fatto che non POTEVO entrare in un locale pubblico con l'arma . ...... Ho ascoltato ,annuito , detto che avrei fatto tesoro dei suoi consigli . Rischiavo il penale sosteneva l'ignorante ed incompetente personaggio . L'ho mandato a quel paese col pensiero è ho concluso che tante volte un italiano in divisa diventa un pirla arrogante . Forte con i 'deboli' ma inutile ed imbelle con i delinquenti .

da Alberto  24/10/2014 15.59

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

X Lone wolf : Se il PD ti serve anche in periodo di caccia chiusa( es. per gare cinofile o di tiro a volo ecc.), invia domanda di rinnovo con relativi documenti e fotocopia del PD, due mesi prima della scadenza, l'originale del PD lo consegnerai al ritiro di quello nuovo.

da target  11/10/2014 7.15

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Buonasera a tutti anche se non è di questo che tratta questo articolo spero che qualcuno mi sappia dire quanto tempo prima della scadenza è possibile presentare i documenti per il rinnovo del porto d'armi per uso venatorio,in quanto ho sentito pareri molto discordanti.Grazie ed in bocca al lupo a tutti gli amici che vorranno rispondermi!!

da Lone wolf  06/10/2014 18.08

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

di solito vado a caccia da solo; ho un'autovettura con sistema di antifurto/sicurezza integrato da controllo satellitare; se ci monto, nel bagagliaio e fuori dalla vista, un idoneo armadio blindato certificato posso lasciargli dentro il fucile, per andarmi a prendere un caffè, senza incorrere in abbandono dell'arma? Grazie.

da marco  19/09/2014 18.19

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

BUONGIORNO AVVOCATO VOLEVO FARLE UNA DOMANDA MIO PADRE L ANNO SCORSO A SUBITO UN FURTO IN APPARTAMENTO è SI SONO PORTATA VIA LA FUCILIERA CON FUCILI GLI ANNO RITIRATO IL PORTO D ARMI LUI A FATTO RICORSO PAGANDO ALL AGENZIA DELL ENTRATE SE NN ERRO 400 EURI MI SA DIRE ORA COSA SUCCEDE A MIO PADRE ? GRAZIE DI CUORE IN ANTICIPO

da NICOLA  04/09/2014 9.01

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

con le armi non si può scherzare -- non si deve lasciare il fucile in auto è scritto anche sul porto d armi visto che i cacciatori son mal visti da molti per metterci nei guai basta una persona che voglia anche solo farti un dispetto e ti mette nei guai per sempre --- non abbandoniamo mai le armi io vado a caccia da 40 anni e non ho mai abbandonato le armi in auto la legge va rispettata in tutti modi e cosi andrà sempre bene

da franco  31/07/2014 18.18

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Buonasera gentilissimo Avvocato. Potrei sapere cosa rischia un mio amico che durante una battuta di caccia ha ferito colpendolo ad una spalla un compagno. Mi hanno detto incauto maneggio,lesioni colpose gravi,violazione delle norme di condotta in ambito venatorio. Altro non so. Rischia la revoca del porto d'arma o cos'altro. Tornerà mai a caccia.

da P.G.  20/06/2013 20.30

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Buonasera a tutti,avrei bisogno di un chiarimento in merito ad un incidente di caccia accaduto ad un mio amico: durante una battuta ha ucciso un fagiano ,per andarlo a recuperare ha appoggiato l'arma ad un albero non prima di averla messa in sicurezza. Appena tolto il volatile dalla bocca del cane ha visto che l'altro suo cane urtava il fucile che nel cadere perdeva la sicura e la rosata dei pallini (lui era a circa 18-20metri) lo in estiva colpendolo al viso. Gli agenti della p.s intervenuti al pronto soccorso gli hanno detto che rischia la denuncia per omessa custodia dell'arma e/o la mancata messa in sicurezza della stessa. La mia domanda e' come sia possibile cio' visto che il fucile era stato messo in sicura al 100% e se era
omessa custodia non sarebbe stato investito dalla fucilata. Grazie in anticipo

da valerio  03/01/2013 20.20

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

CARO AVVOCATO HO LETTO IL SUO ARTICOLO MA NON SONO D'ACCORDO SULLA PRIMA PARTE E D'ACCORDISSIMO POICHE' E' LEGGE LA SECONDA PARTE, NON ESISTE NESSUNA LEGGE CHE OBBLIGA UN DETENDORE DI ARMI A MUNIRSI DI UN ARMADIO BLINDATO LA LEGGE DICE SOLO DI DETENERE LE STESSE IN MODO DILIGENTE AFFINCHE' NESSUN MINORENNE O PERSONA NON IDONEA AL MANEGGIO DELLE STESSE Custodia di armi
SEZ. 1 SENT. 04792 DEL 22/05/97

L'art. 20 della legge 18 aprile 1975 n. 110 impone l'obbligo ai possessori a qualsiasi titolo delle armi di cui agli artt. 1 e 2 della stessa legge (armi e munizioni da guerra ed armi e munizioni comuni da sparo) di custodirle con ogni diligenza ai fini della sicurezza pubblica. Poiché la legge non indica le modalità con le quali le armi e le munizioni debbono essere custodite, il concreto accertamento del rispetto del comando legislativo è rimesso, quindi, di volta in volta al prudente apprezzamento del giudice di merito; d'altra parte una tale interpretazione trova riscontro nell'art. 20 bis della citata legge, che, per la più grave ipotesi dell'impossessamento di armi da parte di un minore per omessa custodia delle stesse, richiede espressamente che l'impossessamento sia avvenuto "agevolmente", confermando così che deve escludersi la esistenza del reato quando per l'impossessamento sia necessario porre in essere una condotta particolare diretta a superare gli accorgimenti e le misure adottate dal possessore per la custodia dell'arma. (Nella fattispecie si trattava di detenzione di una pistola custodita in un armadietto chiuso a chiave, ed il figlio dell'imputato era riuscito ad impossessarsi dell'arma svellendo la parete posteriore dell'armadietto medesimo. Il pretore aveva condannato l'imputato ravvisando la violazione dell'obbligo di diligenza di cui all'art. 20 della legge n.110/75; la Suprema Corte, in accoglimento del ricorso, ha annullato senza rinvio l'impugnata sentenza per insussistenza del fatto, enunciando il principio di cui in massima).

Nota: Massima sostanzialmente corretta che ancora una volta mostra come la Cassazione, pur talvolta errando, sia costretta ad intervenire per reprimere eccessi stravaganti di pretori che vedono rosso (o forse verde) solo a sentir parlare di armi.


da ALESSANDRO  24/05/2012 15.26

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

come sempre in italia si punisce col processo all'intenzione e non il fatto compiuto.non si cerca di prevenire o arrestare chi commette un furto,ma si punisce chi ,in quanto ONESTO CITTADINO (diversamente non potrebbe detenere armi),ha suo malgrado subito un furto da parte di CRIMINALI!!!siamo dei pagliacci!!!!

da emanuele  22/04/2012 17.48

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Caro Avv. Luca, ho letto il suo commento, ma vorrei aggiungere qualcosa. Diversi Commissariati di P.S. obbligano i cacciatori a custodire le armi in armadi blindati. E' un abuso. La Legge impone al detentore delle armi, di evitare che le stesse vengano in possesso di minori o persone incapaci. La Corte di Cassazione ha precisato, ovviamente su ricorsi specifici, che è manovra sufficiente riporre l'arma dentro l'armadio della stanza da letto, armadio munito di serratura, o riporlo sopra l'armadio. Faccio presente che il ladro, per entrare in un'abitazione, solitamente forza una porta blindata. E mica possiamo blindare l'appartamento. Ed ancora, sono stati effettuati furti in armerie ed anche presso caserme dell'Esercito. Se le rubano Amen, compreremo altre armi, ma non possiamo finire anche sotto processo. Cordiali saluti.

da Angelo  26/03/2012 12.19

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Salve,le notizie che l avv.luca cecinati ci ha dato sono utili a tutti coloro che non sanno nulla in materia di armi,infatti un evento del genere è capitato a roma ad un socio del mio circolo di caccia,la persona stava andando a caccia e si era fermato ad una stazione di servizio sul g.r.a per fare colazione.All' uscita del bar viene fermato da una volante di p.s. e gli chiede i documenti della macchina, lui in buona fede gli da il porto d armi.A quel punto gli agenti gli contestano l abbandono dell arma, è inutile spiegargli che è stato solo per un caffè e l auto era chiusa con antifurto.Viene portato in comm. ed è stato denuncito. Attenzione a lasciare la macchina incustodita con i fucili specialmente quando ci rechiamo nei ristoranti,io mi porto dietro la mia arma scarica e in custodia.Un altra cosa quando siete al volante e avete le armi a bordo NON bevete ,se avete superato il limite diventa penale..okkio!!!!!! un saluto

da redmax  09/11/2011 11.01

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

roberto volevo dirti che le armi non ce bisogno che le rubino ai cacciatori dalle loro abitazioni,ma basta farsi un giro in certi posti e ti accorgi che certi exstra comunitari portano in italia tante di quelle armi che tu non hai un'idea,percio non prendertela e non prendetevela sempre con i cacciatori che non vi hanno tolto gli occhi,ma semmai arricchiscono il paniere dello stato,e e le varie associazioni anti caccia.
poche parole a buon intenditor.
una buona serata a tutti i lettori.

da paolo  07/10/2011 20.01

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Caro mart, hai mai pensato che forse i banditi e delinquenti scorrazzano e fanno rapine con le armi che hanno rubato ai cacciatori che come te lasciano i propri fucile in bella vista sulla propria auto aperta (o anche no ma rompere un vetro è cosa da ragazzi) mentre sono a fare colazione o a pranzo?

da Roberto  30/09/2011 22.53

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

scusate " prepotenti" ...

da mart  11/03/2011 11.15

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

mentre banditi e delinquneti scorazzano armati in lungo e in largo ... noi se andiamo al bar e lasciamo l'arma in auto rischiamo il penale!!!!! IN AUTO CHE E' UN LUOGO PRIVATO E INVIOLABILE! ma questa è l'assurda legge sulle armi ... solo in Italia ... ovviamente! Il bello che se arriva il "figo" di turno in divisa ti tratta come una pezza da piedi ... alla stregua di un comune delinquente! fate voi... se questo è stato di diritto... si dei protenti!

da mart  11/03/2011 11.14

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Mi associo ai complimenti, vorrei sapere se legare i fucili con una catena agganciata alla fuciliera e chiusa con un luccetto è sufficente per non incorrere nella mancata custodia in caso di furto degli stessi, logicamente con le chiavi del lucchetto ben nascoste.Grazie

da Antonio Galluzzi Maremma  18/02/2011 12.21

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Complimenti e grazie Avvocato Luca Cecinati per il suo prezioso contributo.
Marco

da Marco Fabbri Caccia +  18/02/2011 11.44

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Egregio Avv. Cecinati, dopo la mia giornata di caccia al capanno mi sono recato all'auto per caricare i richiami e il fucile, ma ho dimenticato il fucile nella custode, scarico appoggiato all'auto. Sono arrivato a casa mi sono accorto subito dell'accaduto, e immediatamente sono ritornato sul posto, ma il fucile non c'era più. E' stato trovato da cacciatori nel luogo dove avevo desritto ai carabinieri nella denucia di smarrimentoche. Mi hanno tolto i fucili che detenevo a casa ,relative cartucce e il Porto d'Armi per non Idoneità. Sono un cacciatore da quaranta anni e non ho mai commesso un inflazione, sia nella caccia che nella guida, al codice penale sono pulito, è possibile non tener conto di questo Grazie

da Massimo  27/12/2010 10.43

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

X nicola monte argentario,non mi risulta che nelle zps vi sia il divieto di trasporto armi:mentre per le aree naturali protette(parchi)si deve chiedere l'autorizzazione al presidente del parco.

da hunter.ss  09/12/2010 18.26

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

leggendo una rivista specializzata di armi ho trovato un servizio che trattava il divieto trasporto delle armi nelle aree naturali protette, ho girato qua e la su internet cercando di approfondire l'argomento e ho visto che il divieto c'è anche nelle Z.P.S. ORA IL PUNTO è CHE MONTE ARGENTARIO PROVINCIA DI GROSSETO è UNA Z.P.S. e al suo interno esiste anche una Z.P.M., NOI CHE CI VIVIAMO E CI ANDIAMO A CACCIA RISPETTANDO IL CALENDARIO VENATORIO come ci dobbiamo comportare, ringrazio in anticipo per eventuali risposte chiarificatrici.

da nicola monte argentario  07/12/2010 15.54

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Egregio Avv.to Cecinati,approfittando della sua cortesia e pazienza,volevo sottoporle un quesito; io ed i miei amici cacciatori,siamo soliti partire la mattina prima della preapertura alle tortore per nostro diletto,con noi portiamo le armi, ovviamente scariche, nel fodero e chiuse nel bagagliaio della macchina.Possiamo,per questo, essere accusati di atteggiamento prossimo alla caccia?Nel ringraziarla anticipatamente,Le invio i miei più cordiali saluti.

da hunter.ss  28/11/2010 12.38

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Egr. sig. Mirelli
se mi invia il suo indirizzo e.mail Le risponderò tramite posta elettronica.
Cordialità

da avv.luca cecinati  23/11/2010 19.52

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Salve avv.Cecinati,ho un quesito da porle.
Mio zio è morto circa 20 gg fa,lasciando in eridità del figlio e di mogli e figlia un fucile,ora per non incorrere in irreparabili errori,le chiedo questo:
1)mio cugino a sua volta,vorrebbe cedere il fucile ad un suo conoscente titolare di regolare porto d'armi,ma non sa come comportarsi,nel senso,che essendo sprovvisto di porto d'armi quali sono esattamente i modeli e le prassi da fare per non incorrere in sanzioni e sequestri?
2)pochi gg prima della sua morte mio zio aveva compilato il modulo di cessioni tra privati e firmato il tutto,questo modello è valido è possibile portarlo in caserma ed effettuare relativa cessione oppure va il tutto ripetuto?
Attendo impaziente risposte ad entrambi i quesiti.
saluti.

da Dott.Mirelli  22/11/2010 14.15

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Le armi comuni da sparo sono infine quelle indicate nell’art. 2 della
legge n. 110/1975. L’inserimento di un’arma (prototipo o modello) nel
Catalogo nazionale delle armi comuni da sparo costituisce accertamento
definitivo della qualità di arma comune da sparo di tale arma. Il
mancato inserimento o il rifiuto di inserimento nel catalogo, invece,
non pregiudicano la facoltà da parte del giudice di valutare in concreto,
sulla scorta delle specifiche caratteristiche tecniche (e quindi anche
mediante il supporto di un accertamento peritale), se l’arma oggetto di esame debba essere qualificata da guerra, tipo guerra o comune da
sparo. A fortiori se esiste un provvedimento di rifiuto illegittimo, tale
provvedimento può essere incidentalmente disapplicato dal giudice
secondo le regole ordinarie.
È infine da rimarcare ancora una volta l’assoluta irrilevanza ed inefficacia
delle prescrizioni di utilizzo di un determinato tipo di munizionamento,
come nel caso delle prescrizioni relative a taluni revolver
in calibro 9 mm parabellum, secondo cui tali armi potrebbero essere
impiegati solamente con munizioni recanti il proiettile in piombo privo
di blindatura.
Non si possono concludere le presenti considerazioni senza menzionare
una recente decisione della S.C. del 2008 (Sez. 1, n. 19413 del
22/04/2008, Tofani), successivamente, cioè, alla pronuncia
dell’annotata sentenza.
In tale pronuncia la Corte, chiamata a giudicare il caso di un appartenente
della Polizia di Stato accusato di detenzione illecita di munizioni
in calibro 9 x 19 (9 mm parabellum), perché eccedenti quelle ordinaria
dotazione, ha affermato che “il munizionamento cal. 9 x 19
non può non considerarsi munizionamento da guerra (in tal senso anche
Cass., sez. I, 9.04.2004, n. 21611) dappoiché utilizzato per le armi
in dotazione alla Polizia di Stato, le cui caratteristiche sono quelle descritte
e riportate dalla L. 18 aprile 1975, n. 110, art. 1, comma 1, articolo
che reca la rubrica «Armi da guerra, armi tipo guerra e munizioni
da guerra»”. Al fine di meglio apprezzare l’assoluta erroneità di tale pronuncia
(di palmare evidenza dopo quanto sin qui rilevato) si noti che il precedente
giurisprudenziale richiamato (pronuncia “Tuccimei”, citata),
non solo si occupava di tutt’altra fattispecie (una cartuccia cal. 9 corto
ad espansione e non di munizioni d’ordinanza, certamente a struttura
ordinaria), ma ribadiva l’indirizzo ritenuto consolidato, originato dalla
più volte citata pronuncia “Campanella”, espressamente menzionata,
secondo cui sono munizioni da guerra solo ed esclusivamente quelle
indicate nell’art. 2, comma 4°, della legge n. 110/1975. Tralasciando il
fatto che le munizioni ad espansione non possono essere considerate
da guerra per le ragioni sopra diffusamente esposte, resta il fatto che il
richiamo operato dalla recente pronuncia al precedente della “Tuccimei”
si palesa del tutto incongruo, atteso che tale pronuncia si rifaceva
ad un principio del tutto opposto, che – se correttamente applicato –
avrebbe dovuto portare ad una decisione conforme a quella della pronuncia “Campanella” ed alle successive con conseguente riqualificazione
del fatto in quello di detenzione illegale di munizioni comuni da
sparo previsto dall’art. 697 C.P..
È allora impossibile esimersi dal rilevare, in relazione alla citata recente
pronuncia, come qualche Sezione della Corte di Cassazione navighi
ancora tra incertezza e confusione a fronte del coerente ed esatto
indirizzo introdotto dalla pronuncia “Campanella”, il cui contenuto
(pur richiamato attraverso la decisione “Tuccimei”) è servito per affermare
in concreto l’esatto contrario.
Nel richiamare, perciò, le considerazioni qui inizialmente espresse,
occorre sottolineare ancora una volta l’assoluta rilevanza della decisione
che si annota, proprio perché è la prima volta che vengono puntualizzati,
sulla base di “paletti” fermi e inconfutabili, i principi di diritto
da applicare nella materia trattata. E non è questa una presunzione
di chi ha annotato la decisione, perché questa, nel rivisitare criticamente
gli orientamenti in materia, ha fatto riferimento anche a principi
di diritto in buona parte espressi dalla stessa giurisprudenza della
Corte di Cassazione, anche se talvolta smarriti come è accaduto con
riguardo alla decisione appena richiamata.
È perciò fortemente auspicabile che la S.C. possa recuperare coerentemente
i principi esatti, chiaramente delineati nella sentenza dal
Presidente del Tribunale di Lanusei in funzione di GUP, destinata ad
assolvere un’efficace funzione di stimolo nella prospettiva di vedere
quanto prima corretti gli errori del passato ed il consolidamento di una
esatta e coerente linea giurisprudenziale.
Biagio Mazzeo
Sost. Procuratore della Repubblica in Genova

da Andrea P.  13/11/2010 3.07

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

L'offensività del munizionamento da guerra però è limitata rispetto al munizionamento comune: la blindatura totale delle palle da guerra serve proprio a limitare i danni sul bersaglio umano rispetto ad una palla in piombo nudo o parzialmente camiciata. Quanto alle altre (perforanti, traccianti, incendiarie e così via), hanno tutte delle destinazioni specifiche. Quelle espansive sono precluse ai militari ma non ai civili (che possono utilizzarle per la caccia). Quelle esplosive sono vietate a tutti e basta.
Certo però che è folle considerare le palle completamente blindate da guerra solo perchè gli eserciti sono obbligati ad usarle, come ancora qualcuno asserisce in riferimento al .223 ed al .308 e come il ministero ha effettivamente imposto al 9 Luger. E' scontato per tutto il resto (opinabile giusto per le traccianti, secondo me, ma la legge è legge).


da Francesco  13/11/2010 3.01

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

tale imposizione, essendo perpetrata dal ministero sua sponte e non essendo prevista da nessuna legge, a mio parere è totalmente illegittima. Solo il Parlamento o chi delegato può dirmi cosa non posso sparare nelle mie armi, non dei burocrati autodeterminatisi sovrani!

Questa catalogazione e la associata imposizione aprono dunque la strada alla logica (processo sconosciuto in taluni ambienti). Anzitutto la prescrizione è stupida: non esiste modo di modificare una pistola di modo che spari alcuni tipi di proiettile e non altri; ne consegue che se inserisco delle cartucce blindate cal. 9 Luger in una rivoltella questa le sparerà senza accorgersi della differenza. Secondo poi allora si sarebbe potuta applicare la stessa illegittima prescrizione anche alle pistole semiautomatiche nello stesso calibro e catalogarle. Non v'è dubbio che le cartucce in piombo nudo siano dunque comuni e possano essere sparate anche da pistole semiautomatiche: perché queste non sono considerate allora comuni?
Qualcuno risponderebbe: "perché potrebbero sparare anche munizionamento da guerra" (ed è quello che effettivamente scrivono quando rifiutano l'iscrizione al catalogo), ma gli si potrebbe ribaltare la domanda: "forse che le rivoltelle allora non potrebbero?". Ed allo stesso modo molte altre armi in .223 potrebbero sparare munizioni 5,56 NATO con palla tracciante o perforante o comunque da guerra. E così le .308 con l'identico 7,62. Tutto ciò è semplicemente ridicolo.

E comunque, anche volendo eliminare la logica, rimane la legge 185/90 che ha dichiarato comuni TUTTE le armi corte semiautomatiche. E questo né il ministero né la commissione possono metterlo in discussione.

La dicitura infine è chiarissima, dicevo solo che ho conosciuto diversi appartenenti alle forze dell'ordine che non distinguono una ramatura da una blindatura e le mettono assieme solo perchè la palla ha un aspetto simile (roba da pazzi!). Ed è assolutamente sconfortante. Specie quando poi un errore del genere può fare la differenza tra la libertà e la galera per un cittadino onesto.

Il problema in Italia non sono le leggi, ma chi deve applicarle, che spesso manca di cultura, preparazione, oggettività ed imparzialità.

da Luca  13/11/2010 2.56

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

All'avv. Luca Cecinati vorrei chiedere un parere sulla legge 185/90 e sul tormentato cal.9 mm Parabellum, ora mai siamo cittadini Europei e a tal proposito siamo tutti sulla stessa barca in fatto di leggi e norme, non è discriminante proibire al mercato civile Italiano tale calibro? sè un cittadino dell'unione Europea dove tale calibro è libero vuole andare a sparare con la sua arma in cal.9 mm Parabellum in un terreno di sua proprietà in Italia deve comprarsi un'altra arma?, questo cittadino magari rischia di essere arrestato per possesso e porto d'arma da guerra?
è una vergogna! tali disaggi e situazione si creano solamente in Italia, troppo potere di leggiferare hanno questi funzionari del Ministero degli Interni, che fanno il bello e il cattivo tempo sulle catalogazioni delle armi, tanto è vero che si è pronunciato un giudice con tanto di perizie balistiche, dimostrando l'incontrario di quanto asserito da tali funzionari del Ministero degli Interni che ancora ad'oggi considerano il cal.9 mm Parabellum munizione da guerra, questo è uno Stato di Polizia e non più un paese democratico e civile.

da Francesco  13/11/2010 2.54

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Spett.le Avv. Luca Cecinati non è, e non era, assolutamente mia intenzione non credere in ciò che ha detto.. Le ho chiesto questo chiarimento perchè mi sono ritrovato due notizie molto contrastanti tra di loro, e non avendo trovato riferimenti di legge a riguardo sono rimasto nel dubbio. Ecco il perché della mia domanda. Con ciò la ringrazio per aver avuto la pazienza di rispondere alla mia domanda...
Cordiali saluti...

da Peppe  08/11/2010 15.10

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Avv. Luca Cecinati Le volevo chiedere una semplice curiosita inerente a quello che ha scritto. Lei dice: "oppure portatevi con voi l’arma all’interno del bar, rigorosamente scarica e chiusa in apposita custodia." Io sapevo che non si può accedere in qualsiasi luogo pubblico con un arma, anche se essa è rigorosamente scarica e riposta all'interno della propria custodia. Ritengo che anche un bar, un supermercato o un semplice negozio si possa considerare un luogo pubblico. Lei è sicuro che non andiamo incontro a qualche sanzione penale accedendo in una di queste attivita che ho sopra elencato.?
Cordiali saluti...

da Peppe  06/11/2010 9.49

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Mi chiedevo se lasciare in auto, a custodia delle armi, un maggiorenne non munito di porto d'arma possa essere sufficiente?

da Gian Paolo  05/11/2010 16.03

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Grande avvocatocb, questa rubrica, al pari di alcuni ottimi forum, consente, ai tanti appassionati della caccia, di tenersi aggiornati sullo scibile di questo mondo, il quale, vessato com'è dalle tante critiche, normative, ecc. non può prescindere attualmente da una conoscenza profonda di tutti gli aspetti che la caratterizzano, di natura tecnica, normativa, etica, naturalistica e quant'altro! Le nuove leve di cacciatori (e per fortuna ce ne sono), grandi frequentatori della rete, avranno certamente un canale informativo in più, per prevenire anche le problematiche di ordine normativo, cui spesso si va incontro, causa le solite leggi approssimative e, ancor peggio, i frequenti quanto biechi atteggiamenti dei soggetti preposti al controllo sull'applicazione delle stesse! Grazie per il servizio e la dedizione di uno di noi.

da ecohunter  04/11/2010 12.58

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

i suoi consigli sono ottimi avvocato, secondo me chi lascia un arma in macchina senza nessuno che controlli è una persona con poco senso di responsabilta, quindi va punita.

da francesco  04/11/2010 9.19

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

REDAZIONE BIGHUNTER MAGAZINE. Commento rimosso.

da avvocatessa  04/11/2010 8.53

Re: OMESSA CUSTODIA DI ARMI

Prfetto avv. Cecinati il dubbio che mi assale e che tantissimi colleghi cacciatori non fanno tesoro dei consigli gratuiti,e vero che son cavoli propri ma alla fine con tali comportamenti screditano le qualità intellettive di tutti noi. doverosi saluti.

da gianbottaccio  03/11/2010 0.36
Cerca nel Blog
Lista dei Blog