Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mag4


04/05/2010 

Riceviamo dal nostro giovane amico Patrick de Conti e pubblichiamo:
 
Di ritorno dalla Fiera della Caccia e della Natura di Longarone mi ritrovo a riflettere sul vostro modo di comportarvi e di porvi nei confronti di noi cittadini - cacciatori. La riflessione parte dall'aver visto un gruppo di voi (non più di 40 a dir la verità) appostati fuori dai cancelli di questa fiera. Ebbene secondo il mio punto di vista il vostro comportamento è stato quanto meno ignobile: avete insultato ragazzi, ragazze, intere famiglie con bambini al seguito con parole ignobili, avete aggredito un ragazzo la cui colpa è stata solo aver risposto alle vostre provocazioni, avete augurato di morire andando fuoristrada a un intera comitiva di persone su una corriera, e anche qui c'erano dei bambini.
 
Gli insulti, le aggressioni, le minacce non servono e non portano a nulla. Non sarebbe stato molto più costruttivo cercare di parlare, di confrontarsi, avvicinando con tatto i cacciatori (che erano lì per esprimere liberamente la propria passione) e provare a esporre le vostre idee con argomentazioni serie, cercando semmai di convicerlo a rinunciare?

Probabilmente in quel caso avreste trovato persone ben poco disposte ad ascoltarvi, ma se foste riusciti a far cambiare idea anche solo a una di queste, per voi sarebbe stata una vittoria,  ben più grande della figura ridicola e meschina che avete fatto.

A mio parere è perchè in realtà di argomentazioni serie  non ne avete, siete  solo capaci di ripetere all'infinito “assassini, voi uccidete poveri animali”,  ignorando quanto sia stata, sia ancora e sarà sempre utile la caccia al corretto mantenimento in equilibrio di una fauna e di un ambiente sempre più minacciati da questa corsa al progresso che ci ha allontanato dalle nostre radici primitive.

Allo stesso tempo non concepisco come mai vi scagliate in maniera furibonda contro i cacciatori perchè uccidono i caprioli dallo sguardo dolcissimo, o il cervo dal palco maestoso, o il fagiano dalla splendida livrea mentre nessuno di voi spende una sola parola, ad esempio, sui milioni di milioni di vermi che vengono infilzati sull'amo per catturare delle trote magari pronta - pesca ossia allevate con lo scopo non di ripopolare fiumi o laghi, ma con lo scopo di dare soddisfazioni a centinaia di pescatori.

Dov'è la differenza? Secondo voi gli animali non hanno gli stessi diritti? Perchè allora del povero verme a nessuno importa? Perchè la povera zanzara la schiacciate pure voi? Perchè comprate le palette per uccidere le mosche? Un animale brutto come il verme o fastidioso come una zanzara non desta il vostro interesse animalista? Questa secondo me è solo ipocrisia e scarsa coerenza coi vostri ideali.

Un'altra cosa che non capisco, e come me penso tanti cacciatori, è come mai non  manifestiate davanti ai banconi dei supermercati dove vendono bistecche di mucca, petti di pollo, salumi di ogni qualità. Non sono forse questi animali allevati con il solo scopo di essere uccisi per la loro carne? Il mio capriolo può sfuggire alla mia azione di caccia, la mucca non fugge dal macello.

La vostra è solo ipocrisia, e come tutti gli estremisti avete poca voglia di accettare le idee e i modi di vivere altrui rifiutandoli anche di fronte all'evidenza.
Motivo per cui queste domande cadranno nel nulla. Se qualcuno di voi leggerà probabilmente saprà solo rispondere a male parole insultandomi.

Ma se anche solo uno di voi cercherà di rispondere, di dialogare, questo per me sarà un successo, perchè questa si chiama civiltà, questo è il saper confrontarsi.

Questo è quello che dovreste fare voi e magari potreste cambiare nome in anti-bracconaggio, così potremmo lottare insieme contro uno dei veri nemici della fauna.
Anche se questa probabilmente resta un'utopia.
 
Un saluto dal vostro “amico” cacciatore                                                     
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.209
Aggiungi un commento  Annulla 

90 commenti finora...

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

voglio diventare cacciatrice

da silvia  12/07/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

SE LA CACCIA ALLE FOCHE E ALLE BALENE SFAMA FAMIGLIE BISOGNOSE ,, BEN VENGA LA CACCIA ALLE FOCHE E ALLE BALENE, PURTROPPO MOLTI ANIMALISTI E ANTICACCIA CHE VIVONO NELLA RICCHEZZA NON GLI ENTRA ,, IN TESTA CHE LA GENTE DEVE MANGIARE , W LA CACCIA CHE SFAMA FAMIGLIE, CHI VENDE ARMI CHI CARTUCCE CHI VESTITI PER I CACCIATORI E COSI VIA W LA CACCIA

da Totuonno X SILVIO  12/07/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

oggi il mondo va al contrario, falsi anticaccia e animalisti con TANTO DI VILLA CHE PE R COSTRUIRLE HANNO DOVUTO ABBATTERE 3 ETTARI DI VERDE, CI SI SPOSA TRA MASCHI E MAGARI SI VORREBBE TENTARE ANCHE DI FARLI PARTORIRE, CHE BELLA COSA ,, MA SI DETESTA UNA COSA NATURALE COME LA CACCIA VOLUTA DA DIO

da Totuonno  12/07/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

CARA SILVIA COME SON BUONI I PEZZI DIS ELVAGGINA SULLA BRACE

da TOTUONNU X SILVIA  12/07/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

CARA SILVIA NOI CACCEREMO SEMPRE NEL RISPETTO DELLA LEGGE E DELLA NATURA, NEL MONDO SE NE COMBINANO DI COSE CONTRO IL VOLERE DI DIO, COME FACCIO UN ESEMPIO SPOSARSI TRA MASCHIETTI, QUESTE SI CHE SONO COSE PERICOLOSE PER L UMANITA', MA SEGUIRE LQA NATURA E CIBARSI DI CARNE FRESCA E COSA NATURALE VOLUTA DA NOSTRO SIGNORE!

da TOTUONNU X SILVIA  12/07/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

HA HAHA A AHAHAHAHAHHA HOHOHOHOUUUUAUUUUUHAHAUAAHAHHAHAHAHA A W LA CACCIA TAGLIATI I BAFFI SILVIA.

da TOTUONNU X SILVIA  12/07/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

x sig.ra Silvia...Proviamo a superare l'ipocrisia da entrambe le parti...e provi a spiegarmi perchè non si dovrebbe cacciare!!...

da cele  09/06/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

davvero un articolo costruttivo che condivido al100%

da antonio 78  07/06/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

SILVIA lo sai il bello cosè .CHE A CACCIA CI ANDREMO SEMPRE e questo vuol dire che quelli che la pensano come te sono una minoranza VIVA LA DEMOCRAZIA E LA CACCIA

da sardigna  15/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Gentile signora Silvia, lei deve avere qualche problema con la sua tastiera, i suoi post continuano a replicarsi a sua insaputa, e possibile che qualche difetto alla sua tastiera provoca questo inconveniente. Di nuovo buona serata

da nato cacciatore  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Scusi la mia cruda sincerità … ma mi sembra mi sembra alquanto puerile questo “concedere la possibilità di fuggire a un animale” … Era in svantaggio e lei da uomo fiero e moralmente alto ha voluto un confronto “alla pari”! Perché giustamente, in un’altra situazione se l’avesse uccisa sarebbe stato giusto e naturale! È una piacere osservare le sue capacità elusive in un’altra situazione! La caccia da più gusto … Cose così le vedo nei film western in uno scontro tra uomini o tra cowboy e indiani! E poi … che bello sapere che lo stesso animale di cui si ammirano certe capacità è preda di questo “passatempo”! Di certo se fossi una beccaccia non vorrei mai la sua ammirazione! Sarebbe stato più coerente se l’avesse uccisa! Quel gesto per me è ipocrisia e dominio dell’uomo sull’animale! Non ci trovo alcun motivo d’andar fiero. Forse per i suoi “colleghi” era un atto generoso e degno di un uomo. Per me no.

Inoltre non ho detto che lei mi ha chiesto di imbracciare un fucile e andare a caccia! Ho risposto al suo discorso iniziale.

Se sono capitata qui è stato per puro caso, seguendo un link! Sono stata spinta dalla curiosità! Ho letto un po’ qua e là e mi sono venuti i brividi! Ho letto il post e ho trovato alquanto assurdo questa morale spicciola e questa pretesa di confronto come se voi foste i “buoni” che siete stati fraintesi e gli animalisti (ma ripeto che non sono solo animalisti) i cattivi ottusi, misogini e incoerenti!
Dalle sue ultime parole si evince chiaramente che non può esserci confronto, perché ha ammesso che non rinuncerebbe mai alla caccia!
Ma io ancora aspetto di sapere, secondo voi, su quale terreno ci dovrebbe essere il confronto e questo scambio di idee! Per carità…si può essere civili! Ma non capisco davvero cosa si possa realizzare di costruttivo. Voi avete aperto l’invito … io sto ancora aspettando…
Fatemi cambiare idea … al di là di quanto possiate pensare non sono così “chiusa”! Ma spero che le argomentazioni vadano oltre questa possibilità data alla beccaccia … e a questo immenso piacere provato! Andate anche oltre le vostre “suddette regole” insite nella caccia (che sento spesso portare avanti dai cacciatori) e la difficoltà e la fatica che fate nel cacciare … come evitate il fatto che spesso tornate a casa senza nulla, ma siete felici lo stesso! Vi prego! Superiamo questa fase perché è quella che sento proporre sempre dai cacciatori anche in TV!

Don Chisciotte? Forse. Ma ho le mie idee e le difendo anche contro tutti! E questo dovrebbe provare che non sono così influenzabile come qualcuno ha supposto…


da Silvia  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Ha mai sentito parlare del sito animalista cento x cento beh ci faccia una capatina e poi se ne ha ancora voglia ne riporliamo, questo è solo uno dei tanti, dove si spera nell'estinzione umana per far posto agli animali, forse lei non ha ancora una visione completa dell'animalismo estremo. Ha mai letto un manualetto scritto da fulco pretesi, (iniziali volutamente minuscole) dal titolo "Ecologia Domestica" si descrive l'umanità come un nemico. Infatti, la sepoltura di un essere umano, è una pratica inquinante e propone due soluzioni: 1)Dare in pasto su appositi carnai i cadaveri ai rapaci che rischiano l'estinzione. 2) creare apposite scatolette di cibo per cani e gatti in cui la carne umana sostituisca quella di altri animali. Non si tratta di un errore, ha letto bene, pratesi propone di usare cadaveri umani per fare scatolette per cani e gatti. Filippo di Edinburgo, dice che se si dovesse reincarnare vorrebbe essere un virus letale, per eliminare la sovrappopolazione. Buon apprendimento e buona serata

da Nato cacciatore  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Scusi la mia cruda sincerità … ma mi sembra mi sembra alquanto puerile questo “concedere la possibilità di fuggire a un animale” … Era in svantaggio e lei da uomo fiero e moralmente alto ha voluto un confronto “alla pari”! Perché giustamente, in un’altra situazione se l’avesse uccisa sarebbe stato giusto e naturale! È una piacere osservare le sue capacità elusive in un’altra situazione! La caccia da più gusto … Cose così le vedo nei film western in uno scontro tra uomini o tra cowboy e indiani! E poi … che bello sapere che lo stesso animale di cui si ammirano certe capacità è preda di questo “passatempo”! Di certo se fossi una beccaccia non vorrei mai la sua ammirazione! Sarebbe stato più coerente se l’avesse uccisa! Quel gesto per me è ipocrisia e dominio dell’uomo sull’animale! Non ci trovo alcun motivo d’andar fiero. Forse per i suoi “colleghi” era un atto generoso e degno di un uomo. Per me no.

Inoltre non ho detto che lei mi ha chiesto di imbracciare un fucile e andare a caccia! Ho risposto al suo discorso iniziale.

Se sono capitata qui è stato per puro caso, seguendo un link! Sono stata spinta dalla curiosità! Ho letto un po’ qua e là e mi sono venuti i brividi! Ho letto il post e ho trovato alquanto assurdo questa morale spicciola e questa pretesa di confronto come se voi foste i “buoni” che siete stati fraintesi e gli animalisti (ma ripeto che non sono solo animalisti) i cattivi ottusi, misogini e incoerenti!
Dalle sue ultime parole si evince chiaramente che non può esserci confronto, perché ha ammesso che non rinuncerebbe mai alla caccia!
Ma io ancora aspetto di sapere, secondo voi, su quale terreno ci dovrebbe essere il confronto e questo scambio di idee! Per carità…si può essere civili! Ma non capisco davvero cosa si possa realizzare di costruttivo. Voi avete aperto l’invito … io sto ancora aspettando…
Fatemi cambiare idea … al di là di quanto possiate pensare non sono così “chiusa”! Ma spero che le argomentazioni vadano oltre questa possibilità data alla beccaccia … e a questo immenso piacere provato! Andate anche oltre le vostre “suddette regole” insite nella caccia (che sento spesso portare avanti dai cacciatori) e la difficoltà e la fatica che fate nel cacciare … come evitate il fatto che spesso tornate a casa senza nulla, ma siete felici lo stesso! Vi prego! Superiamo questa fase perché è quella che sento proporre sempre dai cacciatori anche in TV!

Don Chisciotte? Forse. Ma ho le mie idee e le difendo anche contro tutti! E questo dovrebbe provare che non sono così influenzabile come qualcuno ha supposto…


da Silvia  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Bene! cioè male, lei ha travisato le cose, la mia non voleva essere una favoletta a lieto fine, ne la consacrazione di onnipotenza dell'uomo sull'animale, ma era solo la costatazione nel caso specifico che la beccaccia era in netto svantaggio, ed era giusto dargli la possibilità di sfruttare le sue indubbie capacità elusive, in una situazione a lei più favorevole. Mi dica in che punto ho affermato che essendo anche lei consumatrice di carne, le ho chiesto di imbracciare il fucile e procurarsene, non ho mai pensato minimamente a una simile stupidaggine. Per finire lei ha dichiarato tout court, che il suo è puro e semplice odio per la caccia, mi scusi allora per quale motivo viene su un sito di cacciatori, non c'è nulla di costruttivo nel confrontarci, cosi come da lei viene posta la questione, tant'è che guarda a fatica il marito di sua cugina, facendone una questione personale, lei non riuscirà a convincere nessuno di noi a rinunciare alla caccia, tantomeno nessuno di noi potra convincere lei ad amare la caccia. Era e poteva essere solo una scambio civile e garbato dei propri punti di vista, ma lei e partita come Don Chisciotte contro i mulini a vento, Beh!! le devo dare una notizia, non sono e non mi sento così mostro. Le auguro buon pomeriggio e un ottimo fine serata

da nato cacciatore  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Preciso: mio è solo il primo commento! Se qualcuno si è divertito a fare copia-incolla dopo le risposte di altri non è colpa mia!
Ora vado alle risposte.
X Gimmeson : Le assicuro che io so dialogare benissimo. Il Punto lo metto quando le posizioni sono inconciliabili! Ci sono convinzioni che non possono trovare punti d’incontro e credo che questo sia uno dei casi! Le risposte me lo dimostrano.
Quello che voi considerate come sport, come piacere, come non so cosa, per me è solo un passatempo assurdo, crudele, inutile e anacronistico! Non potrei MAI accettare il vostro universo! Per voi certi modi di pensare sono normali, per me no!
Non frequento animalisti, ho avuto modo di conoscerli, ma assicuro che nessuno si è messo lì a giustificare il loro modo di pensare a dirmi cosa dovevo credere! Quando sono venuta a contatto come alcuni di loro per vie traverse, io già la pensavo in questo modo! E il mio odio per la caccia (perché di odio si tratta) non nasce da loro, ma da quello che vedo fate voi! Il marito di mia cugina è cacciatore … e fatico anche a guardarlo senza provare rabbia!
Non possono esservi punti d’incontro ed è ingenuo pensare che ce ne possano essere! Perchè per trovare un’ accettazione condivisa o l’uno dovrebbe smetter di cacciare o l’altro dovrebbe accettare che degli animali vengano uccisi anche se nei limiti di spazio e di tempo! È come dire di trovare un compromesso tra chi è a favore della pena di morte e chi non lo è! Avverto…faccio esempi estremi per spiegare il concetto!
La caccia non è odiata solo dagli animalisti! Forse è il momento di rendersi conto anche di questo! Che se non si tollerano certe pratiche non significa che si è animalisti, vegetariani, comunisti , ecc…
Se invece pensi che ci possa essere un dialogo e un punto d’incontro… proponi… dimmi quale potrebbe essere! Sono molto curiosa…
X Natocacciatore:
Il fatto che io mangi la carne, non significa che devo prendere il fucile e andare per boschi a sparare a quaglie e cinghiali! Un carnivoro non potrebbe ridursi a mangiare la minor quantità di carne possibile senza andare a rovinare quel poco di bello che è rimasto in natura? Non esistono già gli allevamenti (tralasciamo come trattano gli animali lì…)?
Io credo alla sua storia…ma non la guardo dalla sua prospettiva positiva e favoleggiante! Certo … la lascia andare … e questo le piace! È la sensazione di dominio di chi pensa e sa di poter decidere sulla vita di un essere più debole! È una sensazione bellissima … certo … La sensazione del dominio e del controllo. Togliamo ogni velo e diciamo le cose come stanno nude e crude! Le favolette le lascio a bambini!
Il mio commento pietoso è fatto apposta! Era apposta provocatorio! Perché il fatto che la caccia costituisca un piacere per voi non rende questo piacere giusto! Non volete chiamarlo sport? Chiamatelo come volete, ma resta comunque un piacere altrimenti non impugnereste un fucile! Le armi sono fatte per offendere … a volte per difendere, ma non in questo caso! È bello associare il rispetto verso tutti gli esseri viventi con le regole etiche della caccia! Mi spiace, ma non ci trovo nulla di etico e di giusto!
E visto che esiste questo sport di tiro al piattello che è anche meno faticoso, perché non dedicarsi al relax di quello sport e non lasciare in pace queste creature che non hanno fato nulla di male se non quello di incrociarvi?
Sembrerò dure, cinica, intransigente…ed è così! Mi dispiace, ma non intravedo nessuna buona e valida motivazione che giustifichi la caccia!

da Silvia  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Preciso: mio è solo il primo commento! Se qualcuno si è divertito a fare copia-incolla dopo le risposte di altri non è colpa mia!
Ora vado alle risposte.
X Gimmeson : Le assicuro che io so dialogare benissimo. Il Punto lo metto quando le posizioni sono inconciliabili! Ci sono convinzioni che non possono trovare punti d’incontro e credo che questo sia uno dei casi! Le risposte me lo dimostrano.
Quello che voi considerate come sport, come piacere, come non so cosa, per me è solo un passatempo assurdo, crudele, inutile e anacronistico! Non potrei MAI accettare il vostro universo! Per voi certi modi di pensare sono normali, per me no!
Non frequento animalisti, ho avuto modo di conoscerli, ma assicuro che nessuno si è messo lì a giustificare il loro modo di pensare a dirmi cosa dovevo credere! Quando sono venuta a contatto come alcuni di loro per vie traverse, io già la pensavo in questo modo! E il mio odio per la caccia (perché di odio si tratta) non nasce da loro, ma da quello che vedo fate voi! Il marito di mia cugina è cacciatore … e fatico anche a guardarlo senza provare rabbia!
Non possono esservi punti d’incontro ed è ingenuo pensare che ce ne possano essere! Perchè per trovare un’ accettazione condivisa o l’uno dovrebbe smetter di cacciare o l’altro dovrebbe accettare che degli animali vengano uccisi anche se nei limiti di spazio e di tempo! È come dire di trovare un compromesso tra chi è a favore della pena di morte e chi non lo è! Avverto…faccio esempi estremi per spiegare il concetto!
La caccia non è odiata solo dagli animalisti! Forse è il momento di rendersi conto anche di questo! Che se non si tollerano certe pratiche non significa che si è animalisti, vegetariani, comunisti , ecc…
Se invece pensi che ci possa essere un dialogo e un punto d’incontro… proponi… dimmi quale potrebbe essere! Sono molto curiosa…
X Natocacciatore:
Il fatto che io mangi la carne, non significa che devo prendere il fucile e andare per boschi a sparare a quaglie e cinghiali! Un carnivoro non potrebbe ridursi a mangiare la minor quantità di carne possibile senza andare a rovinare quel poco di bello che è rimasto in natura? Non esistono già gli allevamenti (tralasciamo come trattano gli animali lì…)?
Io credo alla sua storia…ma non la guardo dalla sua prospettiva positiva e favoleggiante! Certo … la lascia andare … e questo le piace! È la sensazione di dominio di chi pensa e sa di poter decidere sulla vita di un essere più debole! È una sensazione bellissima … certo … La sensazione del dominio e del controllo. Togliamo ogni velo e diciamo le cose come stanno nude e crude! Le favolette le lascio a bambini!
Il mio commento pietoso è fatto apposta! Era apposta provocatorio! Perché il fatto che la caccia costituisca un piacere per voi non rende questo piacere giusto! Non volete chiamarlo sport? Chiamatelo come volete, ma resta comunque un piacere altrimenti non impugnereste un fucile! Le armi sono fatte per offendere … a volte per difendere, ma non in questo caso! È bello associare il rispetto verso tutti gli esseri viventi con le regole etiche della caccia! Mi spiace, ma non ci trovo nulla di etico e di giusto!
E visto che esiste questo sport di tiro al piattello che è anche meno faticoso, perché non dedicarsi al relax di quello sport e non lasciare in pace queste creature che non hanno fato nulla di male se non quello di incrociarvi?
Sembrerò dure, cinica, intransigente…ed è così! Mi dispiace, ma non intravedo nessuna buona e valida motivazione che giustifichi la caccia!

da Silvia  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Per la cortese redazione di Bighunter, è possibile cancellare i post replicati più volte? creano solo confusione. Grazie e buon lavoro

da Nato cacciatore  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

“Allo stesso tempo non concepisco come mai vi scagliate in maniera furibonda contro i cacciatori perchè uccidono i caprioli dallo sguardo dolcissimo, o il cervo dal palco maestoso, o il fagiano dalla splendida livrea mentre nessuno di voi spende una sola parola, ad esempio, sui milioni di milioni di vermi che vengono infilzati sull'amo per catturare delle trote magari pronta - pesca ossia allevate con lo scopo non di ripopolare fiumi o laghi, ma con lo scopo di dare soddisfazioni a centinaia di pescatori.”

Gli animalisti sono anche contro quello che ti citi! E lo sono anch’io, pur non essendo animalista!

“Dov'è la differenza? Secondo voi gli animali non hanno gli stessi diritti? Perchè allora del povero verme a nessuno importa? Perchè la povera zanzara la schiacciate pure voi? Perchè comprate le palette per uccidere le mosche? Un animale brutto come il verme o fastidioso come una zanzara non desta il vostro interesse animalista? Questa secondo me è solo ipocrisia e scarsa coerenza coi vostri ideali.”

Dov’è la differenza? Ti rispondo io che non sono vegetariana e mi nutro anche di carne!
Tolto il fatto che tu stai facendo degli estremismi! Non è portando l’esempio della zanzara che si può giustificare la caccia! A parte il fatto che molti difendono anche gli insetti … ma vertendo su un piano più razionale … è come coprirsi dietro un filo di foglia per nascondersi! A meno che tu non vada in giro per il mondo ad uccidere zanzare e mosche … credo che più che altro ti difenda … o sbaglio?
Ma ti dirò il mio punto di vista!
Il punto focale non è che l’uomo si nutre di carne! I vegetariani e e vega hanno altri concetti e magari potessi abbracciarli…,a purtroppo al momento non ci riesco!
Tutti hanno diritti! Se vai a vedere anche nella natura c’è il predatore e la preda! Nessuno vuole negare certi meccanismi! Ma gli animali non cacciano per “divertimento”! Dietro c’è sempre un fine, un motivo!
Un tempo, quando per vivere, si doveva cacciare, la caccia aveva un senso, quello della sopravvivenza!
Adesso che necessità c’è? Se tu, cittadino, non impugni un fucile, mangi lo stesso!
I cacciatori cacciano per sport, per divertimento! Il punto focale è lì!
Si considera sport, divertimento, passione il veder uccidere piccoli uccellini indifesi, il veder agonizzare un capriolo o il veder il cane azzannare un cinghialotto!
Solo perché degli uomini si “divertono” e “provano piacere” (per me gravissimo) ad uccidere (perché di questo si tratta) allora si dovrebbe accettare? Perché?
Se si accetta la caccia come sport … perché non si dovrebbero accettare altri piaceri? Allora i pedofili dovrebbero essere giustificati, visto che per loro quello è un piacere! Però la morale comune lo trova ripugnante? Perché? Perché è socialmente inaccettabile? Non tutto quello che da piacere può essere considerato giusto!
Perché andare contro il fumo? Perché contro la velocità? Perché contro la droga?
Perché certe cose sono accettate e altre no? Questione di cultura? Allora bisognerebbe rimettere tutto in discussione!
E se una persona trovasse piacere a far del male ad atre persone? Non è giustificato perché si tratta di esseri umani? Ma l’uomo è davvero così superiore? Guardati intorno! Ci lamentiamo dei disastri naturali che avvengono … ma siamo noi a provocarli!La natura senza l’uomo vivrebbe benissimo! Non c’è bisogno dell’uomo per vivere ed equilibrarsi!
Pensa alle pellicce! Hai mai visto come vengono prodotte? Se non lo hai mai visto ti invito a farlo! Ma la pelliccia non ha più funzione di “coprire” e di “riscaldare” visto che ci sono capi sintetici che hanno la stessa funzione. È questione di vanagloria, di
Però se tu, cacciatore, accetti la caccia, devi per coerenza accettare tutto il resto!
L’etica … cos’è l’etica? La morale? Qual è la vostra morale se per voi è naturale imbracciare un fucile e uccidere? Quali valori insegnate ai figli? Il rispetto? Di chi? Di cosa? Chi trova gusto e piacere nell’uccidere per me è un essere socialmente pericoloso. Punto! Non esistono “ma”, “se”, “però”!

Di cosa si potrebbe parlare? Quale punto d’incontro ci potrebbe mai essere? Si parte da fondamenti completamente opposti!
Per me la caccia non è uno sport! Non è eticamente e moralmente accettabile!

Ps.: non ho letto tutti i commenti…ma gli animalisti non sono tutti eversivi estremisti! Ne conosco tanti e sono perone stupende che mettono in gioco tutta la loro vita per gli animali ( e non solo)! Sono persone che amano la vita, tutta! E quel detto che “chi ama gli animali non ama l’uomo” è una grandissima cavolata per pararsi il “c…o”! Chi è capace di amare esseri indifesi come gli animali, quindi specie diverse dalla propria, ti assicuro che ha ancora maggior rispetto e amore per l’uomo! Il problema è ch l’uomo, a differenza degli animali, sa essere cinico, cattivo, malvagio, crudele, e chi più ne ha più ne metta!

da Silvia  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Cara Slivia, mi permetta un'ulteriore precisazione, sui campi di piattello ci si diverte in tutto relax fra un piattello e l'altro e fra una serie e la successiva, a caccia si fatica, eccome!! salire e scendere fra collline e monti ti fa faticare tanto, ma allo stesso tempo ti appaga e ti fa sentire parte integranete con ciò che ti circonda. Le rinnovo il mio saluto

da Nato cacciatore  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Gentile signora Silvia: partiamo da un concetto fondamentale, la caccia non è, e non potrà mai essere uno sport, per sport non potrei mai uccidere un altro essere vivente, nel caso volessi fare del puro e semplice sport, ho a mia disposizione campi di tiro a piattello e centri di tiro alla sagoma con le pistole e carabine idonee alla bisogna. Chiarito questo concetto, è bene mettere in charo anche che come lei mangio carne, le diro di più, non rinuncerò mai a consumarne, e nella fattispecie gradisco in modo particolare la cacciagione, i motivi credo siano inutili sottoliearli, e si riconducono alla genuinità delle carni. Stia tranquilla per soddisfare questo mio piacere, non sento minimamente il bisogno di fare una strage di quaglie, fagiani, cinghiali ecc. Anzi! a questo riguardo le voglio raccontare una giornata di caccia svolta nel periodo scorso consentito: Caccio prevalentamente con i cani da ferma alla beccaccia, è una caccia che non consente grandi carnieri, il più delle volte si ritorna a casa con le stesse cartucce con cui si è usciti, e come tutte le mattine, dopo aver sudato per diverse ore, si incomincia a pensare di riprendere la via di casa, ma ad un certo punto noto che i cani hanno sentito qualcosa, mi preparo so che a questo punto forse abbiamo scovato la regina dei boschi, quindi seguo con attenzione il lavoro dei cani, finchè questi si fermano immobili puntando la preda, mi guardo intorno pensando che non ha scampo, ho di fronte a 15/20 mt un terrapieno,abbastanza alto e privo di vegetazione, la beccaccia e in una posizione nettamente svantaggiata, per non essere abbattuta devo solo padellarla indecorosamente, mi avvicino ai cani li sprono, e a quel punto la maestosa sagoma della regina s'invola è più facile di quanto mi aspettassi, non provo neppure a puntare il fucile verso di lei, mi regalo il piacere di non spararle. e nel vederla allontanare le do appuntamento alla prossima volta. Non pretendo che lei ci creda, non mi pongo questo problema, ma sa, solo a ricordare questo episodio mi ha procurato emozione, provi ad immaginare quando ho vissuto effettivamente questo momento, poi sono tornato a casa contento di come si erano svolte le cose. Di tanto in tanto mi piace regalarmi il raro e piacevole privilegio della rinuncia, non era la prima volta che prendevo una decisione del genere e non sarà l'ultima. Non voglio commentare i paragoni da lei fatti (uno in particolare) stendo un velo pietoso, voglio solo dirle che la gran parte dei cacciatori sono delle persone perbene e rispettose delle leggi vigenti, non posso escludere che anche nella nostra categoria ci siano degli imbecilli come in tutte daltronde, basta guardare fra i preti!! (pedofilia) e non voglio aggiungere altro. Per quanto mi riguarda la mia disponibilà verso i miei simili, Beh!! è la comunità che mi vive intorno che può giudicare di che pasta sono fatto. Ma di una cosa può essere certa, il fatto che io sia cacciatore non mi impedisce di amare e ripettre tutti gli esseri viventi. La saluto cordialmente

da Nato cacciatore  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Perfetto !!! Era proprio quello che mi aspettavo da te. Brava clap,clap,clap,clap.(Applausi)!!!!!

da Gimessin  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Per Silvia, le persone che i loro discorsi li finiscono con la parola PUNTO, dimostrano di non saper dialogare ed allo stesso tempo dimostrano di saper guardare solo in una direzione, spesso dove gli fa più comodo. Quindi è inutile coprire con questo post tutti gli spazi, così facendo, dimostra di non saper dire altro, oltre a questo. Per giudicare, si ricordi che è fondamentale guardarsi intorno, anche dove non si vuol vedere. Penso che lei sia molto giovane, quindi maturando avrà modo di rendersi conto di quelle che sono le realtà a lei ancora nascoste. La sua unica colpa è quella di frequentare solo animalisti. Sbagliato, le hanno fatto il lavaggio del cervello. Un solo cacciatore, ha tanto rispetto da vendere e da insegnare a 100 animalisti. Esso ha rispetto per la natura, per gli animali, condanna chi li maltratta e chi ne fa oggetto di bracconaggio, ma più di tutto rispetta e tollera l'uomo in se stesso. Lei è solo lo strumento adatto per chi ha fatto, fa, e farà scempio della natura e degli animali oltre agli esseri umani, con la sola differenza, che a lei e animalisti vari fa comodo, non esplode colpi di fucile, e la cosa più importante, e lo tenga presente, elargendo fondi economici per i vostri movimenti, vi rende complici di tanto male. ( Per la sua maturazione, senza offesa, potrebbe esserle di aiuto visitare il sito www.ingannoambientalista.it). Buon apprendimento.

da Gimessin  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

“Allo stesso tempo non concepisco come mai vi scagliate in maniera furibonda contro i cacciatori perchè uccidono i caprioli dallo sguardo dolcissimo, o il cervo dal palco maestoso, o il fagiano dalla splendida livrea mentre nessuno di voi spende una sola parola, ad esempio, sui milioni di milioni di vermi che vengono infilzati sull'amo per catturare delle trote magari pronta - pesca ossia allevate con lo scopo non di ripopolare fiumi o laghi, ma con lo scopo di dare soddisfazioni a centinaia di pescatori.”

Gli animalisti sono anche contro quello che ti citi! E lo sono anch’io, pur non essendo animalista!

“Dov'è la differenza? Secondo voi gli animali non hanno gli stessi diritti? Perchè allora del povero verme a nessuno importa? Perchè la povera zanzara la schiacciate pure voi? Perchè comprate le palette per uccidere le mosche? Un animale brutto come il verme o fastidioso come una zanzara non desta il vostro interesse animalista? Questa secondo me è solo ipocrisia e scarsa coerenza coi vostri ideali.”

Dov’è la differenza? Ti rispondo io che non sono vegetariana e mi nutro anche di carne!
Tolto il fatto che tu stai facendo degli estremismi! Non è portando l’esempio della zanzara che si può giustificare la caccia! A parte il fatto che molti difendono anche gli insetti … ma vertendo su un piano più razionale … è come coprirsi dietro un filo di foglia per nascondersi! A meno che tu non vada in giro per il mondo ad uccidere zanzare e mosche … credo che più che altro ti difenda … o sbaglio?
Ma ti dirò il mio punto di vista!
Il punto focale non è che l’uomo si nutre di carne! I vegetariani e e vega hanno altri concetti e magari potessi abbracciarli…,a purtroppo al momento non ci riesco!
Tutti hanno diritti! Se vai a vedere anche nella natura c’è il predatore e la preda! Nessuno vuole negare certi meccanismi! Ma gli animali non cacciano per “divertimento”! Dietro c’è sempre un fine, un motivo!
Un tempo, quando per vivere, si doveva cacciare, la caccia aveva un senso, quello della sopravvivenza!
Adesso che necessità c’è? Se tu, cittadino, non impugni un fucile, mangi lo stesso!
I cacciatori cacciano per sport, per divertimento! Il punto focale è lì!
Si considera sport, divertimento, passione il veder uccidere piccoli uccellini indifesi, il veder agonizzare un capriolo o il veder il cane azzannare un cinghialotto!
Solo perché degli uomini si “divertono” e “provano piacere” (per me gravissimo) ad uccidere (perché di questo si tratta) allora si dovrebbe accettare? Perché?
Se si accetta la caccia come sport … perché non si dovrebbero accettare altri piaceri? Allora i pedofili dovrebbero essere giustificati, visto che per loro quello è un piacere! Però la morale comune lo trova ripugnante? Perché? Perché è socialmente inaccettabile? Non tutto quello che da piacere può essere considerato giusto!
Perché andare contro il fumo? Perché contro la velocità? Perché contro la droga?
Perché certe cose sono accettate e altre no? Questione di cultura? Allora bisognerebbe rimettere tutto in discussione!
E se una persona trovasse piacere a far del male ad atre persone? Non è giustificato perché si tratta di esseri umani? Ma l’uomo è davvero così superiore? Guardati intorno! Ci lamentiamo dei disastri naturali che avvengono … ma siamo noi a provocarli!La natura senza l’uomo vivrebbe benissimo! Non c’è bisogno dell’uomo per vivere ed equilibrarsi!
Pensa alle pellicce! Hai mai visto come vengono prodotte? Se non lo hai mai visto ti invito a farlo! Ma la pelliccia non ha più funzione di “coprire” e di “riscaldare” visto che ci sono capi sintetici che hanno la stessa funzione. È questione di vanagloria, di
Però se tu, cacciatore, accetti la caccia, devi per coerenza accettare tutto il resto!
L’etica … cos’è l’etica? La morale? Qual è la vostra morale se per voi è naturale imbracciare un fucile e uccidere? Quali valori insegnate ai figli? Il rispetto? Di chi? Di cosa? Chi trova gusto e piacere nell’uccidere per me è un essere socialmente pericoloso. Punto! Non esistono “ma”, “se”, “però”!

Di cosa si potrebbe parlare? Quale punto d’incontro ci potrebbe mai essere? Si parte da fondamenti completamente opposti!
Per me la caccia non è uno sport! Non è eticamente e moralmente accettabile!

Ps.: non ho letto tutti i commenti…ma gli animalisti non sono tutti eversivi estremisti! Ne conosco tanti e sono perone stupende che mettono in gioco tutta la loro vita per gli animali ( e non solo)! Sono persone che amano la vita, tutta! E quel detto che “chi ama gli animali non ama l’uomo” è una grandissima cavolata per pararsi il “c…o”! Chi è capace di amare esseri indifesi come gli animali, quindi specie diverse dalla propria, ti assicuro che ha ancora maggior rispetto e amore per l’uomo! Il problema è ch l’uomo, a differenza degli animali, sa essere cinico, cattivo, malvagio, crudele, e chi più ne ha più ne metta!

da Silvia  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

il nostro premio sono le tante avventure passate fra le montagne con o senza fucile... il nostro premio è il vedere le popolazioni di capriolo, di cervo e di tante altre specie in netto aumento anche grazie al nostro operato

da patrick.deconti  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

“Allo stesso tempo non concepisco come mai vi scagliate in maniera furibonda contro i cacciatori perchè uccidono i caprioli dallo sguardo dolcissimo, o il cervo dal palco maestoso, o il fagiano dalla splendida livrea mentre nessuno di voi spende una sola parola, ad esempio, sui milioni di milioni di vermi che vengono infilzati sull'amo per catturare delle trote magari pronta - pesca ossia allevate con lo scopo non di ripopolare fiumi o laghi, ma con lo scopo di dare soddisfazioni a centinaia di pescatori.”

Gli animalisti sono anche contro quello che ti citi! E lo sono anch’io, pur non essendo animalista!

“Dov'è la differenza? Secondo voi gli animali non hanno gli stessi diritti? Perchè allora del povero verme a nessuno importa? Perchè la povera zanzara la schiacciate pure voi? Perchè comprate le palette per uccidere le mosche? Un animale brutto come il verme o fastidioso come una zanzara non desta il vostro interesse animalista? Questa secondo me è solo ipocrisia e scarsa coerenza coi vostri ideali.”

Dov’è la differenza? Ti rispondo io che non sono vegetariana e mi nutro anche di carne!
Tolto il fatto che tu stai facendo degli estremismi! Non è portando l’esempio della zanzara che si può giustificare la caccia! A parte il fatto che molti difendono anche gli insetti … ma vertendo su un piano più razionale … è come coprirsi dietro un filo di foglia per nascondersi! A meno che tu non vada in giro per il mondo ad uccidere zanzare e mosche … credo che più che altro ti difenda … o sbaglio?
Ma ti dirò il mio punto di vista!
Il punto focale non è che l’uomo si nutre di carne! I vegetariani e e vega hanno altri concetti e magari potessi abbracciarli…,a purtroppo al momento non ci riesco!
Tutti hanno diritti! Se vai a vedere anche nella natura c’è il predatore e la preda! Nessuno vuole negare certi meccanismi! Ma gli animali non cacciano per “divertimento”! Dietro c’è sempre un fine, un motivo!
Un tempo, quando per vivere, si doveva cacciare, la caccia aveva un senso, quello della sopravvivenza!
Adesso che necessità c’è? Se tu, cittadino, non impugni un fucile, mangi lo stesso!
I cacciatori cacciano per sport, per divertimento! Il punto focale è lì!
Si considera sport, divertimento, passione il veder uccidere piccoli uccellini indifesi, il veder agonizzare un capriolo o il veder il cane azzannare un cinghialotto!
Solo perché degli uomini si “divertono” e “provano piacere” (per me gravissimo) ad uccidere (perché di questo si tratta) allora si dovrebbe accettare? Perché?
Se si accetta la caccia come sport … perché non si dovrebbero accettare altri piaceri? Allora i pedofili dovrebbero essere giustificati, visto che per loro quello è un piacere! Però la morale comune lo trova ripugnante? Perché? Perché è socialmente inaccettabile? Non tutto quello che da piacere può essere considerato giusto!
Perché andare contro il fumo? Perché contro la velocità? Perché contro la droga?
Perché certe cose sono accettate e altre no? Questione di cultura? Allora bisognerebbe rimettere tutto in discussione!
E se una persona trovasse piacere a far del male ad atre persone? Non è giustificato perché si tratta di esseri umani? Ma l’uomo è davvero così superiore? Guardati intorno! Ci lamentiamo dei disastri naturali che avvengono … ma siamo noi a provocarli!La natura senza l’uomo vivrebbe benissimo! Non c’è bisogno dell’uomo per vivere ed equilibrarsi!
Pensa alle pellicce! Hai mai visto come vengono prodotte? Se non lo hai mai visto ti invito a farlo! Ma la pelliccia non ha più funzione di “coprire” e di “riscaldare” visto che ci sono capi sintetici che hanno la stessa funzione. È questione di vanagloria, di
Però se tu, cacciatore, accetti la caccia, devi per coerenza accettare tutto il resto!
L’etica … cos’è l’etica? La morale? Qual è la vostra morale se per voi è naturale imbracciare un fucile e uccidere? Quali valori insegnate ai figli? Il rispetto? Di chi? Di cosa? Chi trova gusto e piacere nell’uccidere per me è un essere socialmente pericoloso. Punto! Non esistono “ma”, “se”, “però”!

Di cosa si potrebbe parlare? Quale punto d’incontro ci potrebbe mai essere? Si parte da fondamenti completamente opposti!
Per me la caccia non è uno sport! Non è eticamente e moralmente accettabile!

Ps.: non ho letto tutti i commenti…ma gli animalisti non sono tutti eversivi estremisti! Ne conosco tanti e sono perone stupende che mettono in gioco tutta la loro vita per gli animali ( e non solo)! Sono persone che amano la vita, tutta! E quel detto che “chi ama gli animali non ama l’uomo” è una grandissima cavolata per pararsi il “c…o”! Chi è capace di amare esseri indifesi come gli animali, quindi specie diverse dalla propria, ti assicuro che ha ancora maggior rispetto e amore per l’uomo! Il problema è ch l’uomo, a differenza degli animali, sa essere cinico, cattivo, malvagio, crudele, e chi più ne ha più ne metta!

da Silvia  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

preferisco non definirmi, che essere associata..
se fosse come dite, i cacciatori dovrebbero ricevere un premio per il lavoro che fanno per la natura

da non definita  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

cara Silvia ti ringrazio per il tuo intervento educato e pacato e anche se mi trovo in disaccordo con ciò che hai scritto mi ha fatto molto piacere leggerlo.
Hai ragione la caccia non è uno sport, o almeno io non la vivo come tale. Ho tirato in ballo le zanzare e i vermi non per giustificare la caccia o per nascondermi dietro a un filo d'erba, bensì per cercare di capire il perchè non si spendono parole di difesa anche per loro visto che per voi tutti gli animali hanno gli stessi diritti. Hai detto che uccidere una zanzara è più che altro una difesa personale e sinceramente non lo capisco.
Il tuo paragone coi pedofili non merita commenti, mentre mi trovi daccordissimo sul discorso pellicce però attenzione: non esistono cacciatori che vanno a caccia per la pelliccia. Uccidere unicamente con lo scopo di permettere alle signore di andare in giro impellicciate non c'entra nulla con la caccia ed è una cosa che aborro pure io e dovreste combattere proprio contro queste cose piuttosto che contro i cacciatori.
Che le piaccia o no la caccia se praticata come si deve è l'unica in grado di permettere un corretto equilibrio fauna-ambiente.
Io vado a caccia e mi diverto, ha ragione, ma questo a prescindere dal fatto che il mio carniere sia pieno o no.
Non si preoccupi per noi che ai nostri figli sappiamo che valori inculcare, mentre sarei curioso di sapere come lei spiega ai suoi di figli perchè la caccia è sbagliata ma è giusto mangiare la carne degli animali allevati con questo scopo o mangiare i prodotti che da loro derivano, oppure come spiega ai suoi figli se sono vegetariani come la caccia è sbagliata quindi è giusto mangiare vegetali coltivati con anticrittogramici, e chissà con quante schifezze, che sono causa dell'abbandono del territorio da parte di molte specie animali.
La verità è che fa comodo e vi viene più semplice scaricare tutte le colpe addosso alla caccia, ma la invito a informarsi su come si vive la caccia in tutto il resto d'europa in primis Austria e paesi dell'est dove il cacciatore è veramente considerato per quello che è.
Io capisco il suo punto di vista e su alcuni sono pure daccordo ( vedi pellicce, o animali nel circo, o vivisezione) appunto perchè agli animali ci teniamo tutti ed è per questo che seppur sacrificando alla mia passione alcuni animali, so che sono parte integrante della natura e la mia azione non è un azione distruttiva ma un'azione di controllo.
La invito solo a limitarsi nei paragoni offensivi e assurdi, e stia tranquilla che non siamo socialmente pericolosi, e a rileggersi tutti i commenti perchè alcuni sono davvero interessanti a meno che non abbia paura di scoprire scomode verità
Un saluto

da patrick.deconti  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

cara Silvia ti ringrazio per il tuo intervento educato e pacato e anche se mi trovo in disaccordo con ciò che hai scritto mi ha fatto molto piacere leggerlo.
Hai ragione la caccia non è uno sport, o almeno io non la vivo come tale. Ho tirato in ballo le zanzare e i vermi non per giustificare la caccia o per nascondermi dietro a un filo d'erba, bensì per cercare di capire il perchè non si spendono parole di difesa anche per loro visto che per voi tutti gli animali hanno gli stessi diritti. Hai detto che uccidere una zanzara è più che altro una difesa personale e sinceramente non lo capisco.
Il tuo paragone coi pedofili non merita commenti, mentre mi trovi daccordissimo sul discorso pellicce però attenzione: non esistono cacciatori che vanno a caccia per la pelliccia. Uccidere unicamente con lo scopo di permettere alle signore di andare in giro impellicciate non c'entra nulla con la caccia ed è una cosa che aborro pure io e dovreste combattere proprio contro queste cose piuttosto che contro i cacciatori.
Che le piaccia o no la caccia se praticata come si deve è l'unica in grado di permettere un corretto equilibrio fauna-ambiente.
Io vado a caccia e mi diverto, ha ragione, ma questo a prescindere dal fatto che il mio carniere sia pieno o no.
Non si preoccupi per noi che ai nostri figli sappiamo che valori inculcare, mentre sarei curioso di sapere come lei spiega ai suoi di figli perchè la caccia è sbagliata ma è giusto mangiare la carne degli animali allevati con questo scopo o mangiare i prodotti che da loro derivano, oppure come spiega ai suoi figli se sono vegetariani come la caccia è sbagliata quindi è giusto mangiare vegetali coltivati con anticrittogramici, e chissà con quante schifezze, che sono causa dell'abbandono del territorio da parte di molte specie animali.
La verità è che fa comodo e vi viene più semplice scaricare tutte le colpe addosso alla caccia, ma la invito a informarsi su come si vive la caccia in tutto il resto d'europa in primis Austria e paesi dell'est dove il cacciatore è veramente considerato per quello che è.
Io capisco il suo punto di vista e su alcuni sono pure daccordo ( vedi pellicce, o animali nel circo, o vivisezione) appunto perchè agli animali ci teniamo tutti ed è per questo che seppur sacrificando alla mia passione alcuni animali, so che sono parte integrante della natura e la mia azione non è un azione distruttiva ma un'azione di controllo.
La invito solo a limitarsi nei paragoni offensivi e assurdi, e stia tranquilla che non siamo socialmente pericolosi, e a rileggersi tutti i commenti perchè alcuni sono davvero interessanti a meno che non abbia paura di scoprire scomode verità
Un saluto

da patrick.deconti  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

“Allo stesso tempo non concepisco come mai vi scagliate in maniera furibonda contro i cacciatori perchè uccidono i caprioli dallo sguardo dolcissimo, o il cervo dal palco maestoso, o il fagiano dalla splendida livrea mentre nessuno di voi spende una sola parola, ad esempio, sui milioni di milioni di vermi che vengono infilzati sull'amo per catturare delle trote magari pronta - pesca ossia allevate con lo scopo non di ripopolare fiumi o laghi, ma con lo scopo di dare soddisfazioni a centinaia di pescatori.”

Gli animalisti sono anche contro quello che ti citi! E lo sono anch’io, pur non essendo animalista!

“Dov'è la differenza? Secondo voi gli animali non hanno gli stessi diritti? Perchè allora del povero verme a nessuno importa? Perchè la povera zanzara la schiacciate pure voi? Perchè comprate le palette per uccidere le mosche? Un animale brutto come il verme o fastidioso come una zanzara non desta il vostro interesse animalista? Questa secondo me è solo ipocrisia e scarsa coerenza coi vostri ideali.”

Dov’è la differenza? Ti rispondo io che non sono vegetariana e mi nutro anche di carne!
Tolto il fatto che tu stai facendo degli estremismi! Non è portando l’esempio della zanzara che si può giustificare la caccia! A parte il fatto che molti difendono anche gli insetti … ma vertendo su un piano più razionale … è come coprirsi dietro un filo di foglia per nascondersi! A meno che tu non vada in giro per il mondo ad uccidere zanzare e mosche … credo che più che altro ti difenda … o sbaglio?
Ma ti dirò il mio punto di vista!
Il punto focale non è che l’uomo si nutre di carne! I vegetariani e e vega hanno altri concetti e magari potessi abbracciarli…,a purtroppo al momento non ci riesco!
Tutti hanno diritti! Se vai a vedere anche nella natura c’è il predatore e la preda! Nessuno vuole negare certi meccanismi! Ma gli animali non cacciano per “divertimento”! Dietro c’è sempre un fine, un motivo!
Un tempo, quando per vivere, si doveva cacciare, la caccia aveva un senso, quello della sopravvivenza!
Adesso che necessità c’è? Se tu, cittadino, non impugni un fucile, mangi lo stesso!
I cacciatori cacciano per sport, per divertimento! Il punto focale è lì!
Si considera sport, divertimento, passione il veder uccidere piccoli uccellini indifesi, il veder agonizzare un capriolo o il veder il cane azzannare un cinghialotto!
Solo perché degli uomini si “divertono” e “provano piacere” (per me gravissimo) ad uccidere (perché di questo si tratta) allora si dovrebbe accettare? Perché?
Se si accetta la caccia come sport … perché non si dovrebbero accettare altri piaceri? Allora i pedofili dovrebbero essere giustificati, visto che per loro quello è un piacere! Però la morale comune lo trova ripugnante? Perché? Perché è socialmente inaccettabile? Non tutto quello che da piacere può essere considerato giusto!
Perché andare contro il fumo? Perché contro la velocità? Perché contro la droga?
Perché certe cose sono accettate e altre no? Questione di cultura? Allora bisognerebbe rimettere tutto in discussione!
E se una persona trovasse piacere a far del male ad atre persone? Non è giustificato perché si tratta di esseri umani? Ma l’uomo è davvero così superiore? Guardati intorno! Ci lamentiamo dei disastri naturali che avvengono … ma siamo noi a provocarli!La natura senza l’uomo vivrebbe benissimo! Non c’è bisogno dell’uomo per vivere ed equilibrarsi!
Pensa alle pellicce! Hai mai visto come vengono prodotte? Se non lo hai mai visto ti invito a farlo! Ma la pelliccia non ha più funzione di “coprire” e di “riscaldare” visto che ci sono capi sintetici che hanno la stessa funzione. È questione di vanagloria, di
Però se tu, cacciatore, accetti la caccia, devi per coerenza accettare tutto il resto!
L’etica … cos’è l’etica? La morale? Qual è la vostra morale se per voi è naturale imbracciare un fucile e uccidere? Quali valori insegnate ai figli? Il rispetto? Di chi? Di cosa? Chi trova gusto e piacere nell’uccidere per me è un essere socialmente pericoloso. Punto! Non esistono “ma”, “se”, “però”!

Di cosa si potrebbe parlare? Quale punto d’incontro ci potrebbe mai essere? Si parte da fondamenti completamente opposti!
Per me la caccia non è uno sport! Non è eticamente e moralmente accettabile!

Ps.: non ho letto tutti i commenti…ma gli animalisti non sono tutti eversivi estremisti! Ne conosco tanti e sono perone stupende che mettono in gioco tutta la loro vita per gli animali ( e non solo)! Sono persone che amano la vita, tutta! E quel detto che “chi ama gli animali non ama l’uomo” è una grandissima cavolata per pararsi il “c…o”! Chi è capace di amare esseri indifesi come gli animali, quindi specie diverse dalla propria, ti assicuro che ha ancora maggior rispetto e amore per l’uomo! Il problema è ch l’uomo, a differenza degli animali, sa essere cinico, cattivo, malvagio, crudele, e chi più ne ha più ne metta!

da Silvia  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

“Allo stesso tempo non concepisco come mai vi scagliate in maniera furibonda contro i cacciatori perchè uccidono i caprioli dallo sguardo dolcissimo, o il cervo dal palco maestoso, o il fagiano dalla splendida livrea mentre nessuno di voi spende una sola parola, ad esempio, sui milioni di milioni di vermi che vengono infilzati sull'amo per catturare delle trote magari pronta - pesca ossia allevate con lo scopo non di ripopolare fiumi o laghi, ma con lo scopo di dare soddisfazioni a centinaia di pescatori.”

Gli animalisti sono anche contro quello che ti citi! E lo sono anch’io, pur non essendo animalista!

“Dov'è la differenza? Secondo voi gli animali non hanno gli stessi diritti? Perchè allora del povero verme a nessuno importa? Perchè la povera zanzara la schiacciate pure voi? Perchè comprate le palette per uccidere le mosche? Un animale brutto come il verme o fastidioso come una zanzara non desta il vostro interesse animalista? Questa secondo me è solo ipocrisia e scarsa coerenza coi vostri ideali.”

Dov’è la differenza? Ti rispondo io che non sono vegetariana e mi nutro anche di carne!
Tolto il fatto che tu stai facendo degli estremismi! Non è portando l’esempio della zanzara che si può giustificare la caccia! A parte il fatto che molti difendono anche gli insetti … ma vertendo su un piano più razionale … è come coprirsi dietro un filo di foglia per nascondersi! A meno che tu non vada in giro per il mondo ad uccidere zanzare e mosche … credo che più che altro ti difenda … o sbaglio?
Ma ti dirò il mio punto di vista!
Il punto focale non è che l’uomo si nutre di carne! I vegetariani e e vega hanno altri concetti e magari potessi abbracciarli…,a purtroppo al momento non ci riesco!
Tutti hanno diritti! Se vai a vedere anche nella natura c’è il predatore e la preda! Nessuno vuole negare certi meccanismi! Ma gli animali non cacciano per “divertimento”! Dietro c’è sempre un fine, un motivo!
Un tempo, quando per vivere, si doveva cacciare, la caccia aveva un senso, quello della sopravvivenza!
Adesso che necessità c’è? Se tu, cittadino, non impugni un fucile, mangi lo stesso!
I cacciatori cacciano per sport, per divertimento! Il punto focale è lì!
Si considera sport, divertimento, passione il veder uccidere piccoli uccellini indifesi, il veder agonizzare un capriolo o il veder il cane azzannare un cinghialotto!
Solo perché degli uomini si “divertono” e “provano piacere” (per me gravissimo) ad uccidere (perché di questo si tratta) allora si dovrebbe accettare? Perché?
Se si accetta la caccia come sport … perché non si dovrebbero accettare altri piaceri? Allora i pedofili dovrebbero essere giustificati, visto che per loro quello è un piacere! Però la morale comune lo trova ripugnante? Perché? Perché è socialmente inaccettabile? Non tutto quello che da piacere può essere considerato giusto!
Perché andare contro il fumo? Perché contro la velocità? Perché contro la droga?
Perché certe cose sono accettate e altre no? Questione di cultura? Allora bisognerebbe rimettere tutto in discussione!
E se una persona trovasse piacere a far del male ad atre persone? Non è giustificato perché si tratta di esseri umani? Ma l’uomo è davvero così superiore? Guardati intorno! Ci lamentiamo dei disastri naturali che avvengono … ma siamo noi a provocarli!La natura senza l’uomo vivrebbe benissimo! Non c’è bisogno dell’uomo per vivere ed equilibrarsi!
Pensa alle pellicce! Hai mai visto come vengono prodotte? Se non lo hai mai visto ti invito a farlo! Ma la pelliccia non ha più funzione di “coprire” e di “riscaldare” visto che ci sono capi sintetici che hanno la stessa funzione. È questione di vanagloria, di
Però se tu, cacciatore, accetti la caccia, devi per coerenza accettare tutto il resto!
L’etica … cos’è l’etica? La morale? Qual è la vostra morale se per voi è naturale imbracciare un fucile e uccidere? Quali valori insegnate ai figli? Il rispetto? Di chi? Di cosa? Chi trova gusto e piacere nell’uccidere per me è un essere socialmente pericoloso. Punto! Non esistono “ma”, “se”, “però”!

Di cosa si potrebbe parlare? Quale punto d’incontro ci potrebbe mai essere? Si parte da fondamenti completamente opposti!
Per me la caccia non è uno sport! Non è eticamente e moralmente accettabile!

Ps.: non ho letto tutti i commenti…ma gli animalisti non sono tutti eversivi estremisti! Ne conosco tanti e sono perone stupende che mettono in gioco tutta la loro vita per gli animali ( e non solo)! Sono persone che amano la vita, tutta! E quel detto che “chi ama gli animali non ama l’uomo” è una grandissima cavolata per pararsi il “c…o”! Chi è capace di amare esseri indifesi come gli animali, quindi specie diverse dalla propria, ti assicuro che ha ancora maggior rispetto e amore per l’uomo! Il problema è ch l’uomo, a differenza degli animali, sa essere cinico, cattivo, malvagio, crudele, e chi più ne ha più ne metta!

da Silvia  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

“Allo stesso tempo non concepisco come mai vi scagliate in maniera furibonda contro i cacciatori perchè uccidono i caprioli dallo sguardo dolcissimo, o il cervo dal palco maestoso, o il fagiano dalla splendida livrea mentre nessuno di voi spende una sola parola, ad esempio, sui milioni di milioni di vermi che vengono infilzati sull'amo per catturare delle trote magari pronta - pesca ossia allevate con lo scopo non di ripopolare fiumi o laghi, ma con lo scopo di dare soddisfazioni a centinaia di pescatori.”

Gli animalisti sono anche contro quello che ti citi! E lo sono anch’io, pur non essendo animalista!

“Dov'è la differenza? Secondo voi gli animali non hanno gli stessi diritti? Perchè allora del povero verme a nessuno importa? Perchè la povera zanzara la schiacciate pure voi? Perchè comprate le palette per uccidere le mosche? Un animale brutto come il verme o fastidioso come una zanzara non desta il vostro interesse animalista? Questa secondo me è solo ipocrisia e scarsa coerenza coi vostri ideali.”

Dov’è la differenza? Ti rispondo io che non sono vegetariana e mi nutro anche di carne!
Tolto il fatto che tu stai facendo degli estremismi! Non è portando l’esempio della zanzara che si può giustificare la caccia! A parte il fatto che molti difendono anche gli insetti … ma vertendo su un piano più razionale … è come coprirsi dietro un filo di foglia per nascondersi! A meno che tu non vada in giro per il mondo ad uccidere zanzare e mosche … credo che più che altro ti difenda … o sbaglio?
Ma ti dirò il mio punto di vista!
Il punto focale non è che l’uomo si nutre di carne! I vegetariani e e vega hanno altri concetti e magari potessi abbracciarli…,a purtroppo al momento non ci riesco!
Tutti hanno diritti! Se vai a vedere anche nella natura c’è il predatore e la preda! Nessuno vuole negare certi meccanismi! Ma gli animali non cacciano per “divertimento”! Dietro c’è sempre un fine, un motivo!
Un tempo, quando per vivere, si doveva cacciare, la caccia aveva un senso, quello della sopravvivenza!
Adesso che necessità c’è? Se tu, cittadino, non impugni un fucile, mangi lo stesso!
I cacciatori cacciano per sport, per divertimento! Il punto focale è lì!
Si considera sport, divertimento, passione il veder uccidere piccoli uccellini indifesi, il veder agonizzare un capriolo o il veder il cane azzannare un cinghialotto!
Solo perché degli uomini si “divertono” e “provano piacere” (per me gravissimo) ad uccidere (perché di questo si tratta) allora si dovrebbe accettare? Perché?
Se si accetta la caccia come sport … perché non si dovrebbero accettare altri piaceri? Allora i pedofili dovrebbero essere giustificati, visto che per loro quello è un piacere! Però la morale comune lo trova ripugnante? Perché? Perché è socialmente inaccettabile? Non tutto quello che da piacere può essere considerato giusto!
Perché andare contro il fumo? Perché contro la velocità? Perché contro la droga?
Perché certe cose sono accettate e altre no? Questione di cultura? Allora bisognerebbe rimettere tutto in discussione!
E se una persona trovasse piacere a far del male ad atre persone? Non è giustificato perché si tratta di esseri umani? Ma l’uomo è davvero così superiore? Guardati intorno! Ci lamentiamo dei disastri naturali che avvengono … ma siamo noi a provocarli!La natura senza l’uomo vivrebbe benissimo! Non c’è bisogno dell’uomo per vivere ed equilibrarsi!
Pensa alle pellicce! Hai mai visto come vengono prodotte? Se non lo hai mai visto ti invito a farlo! Ma la pelliccia non ha più funzione di “coprire” e di “riscaldare” visto che ci sono capi sintetici che hanno la stessa funzione. È questione di vanagloria, di
Però se tu, cacciatore, accetti la caccia, devi per coerenza accettare tutto il resto!
L’etica … cos’è l’etica? La morale? Qual è la vostra morale se per voi è naturale imbracciare un fucile e uccidere? Quali valori insegnate ai figli? Il rispetto? Di chi? Di cosa? Chi trova gusto e piacere nell’uccidere per me è un essere socialmente pericoloso. Punto! Non esistono “ma”, “se”, “però”!

Di cosa si potrebbe parlare? Quale punto d’incontro ci potrebbe mai essere? Si parte da fondamenti completamente opposti!
Per me la caccia non è uno sport! Non è eticamente e moralmente accettabile!

Ps.: non ho letto tutti i commenti…ma gli animalisti non sono tutti eversivi estremisti! Ne conosco tanti e sono perone stupende che mettono in gioco tutta la loro vita per gli animali ( e non solo)! Sono persone che amano la vita, tutta! E quel detto che “chi ama gli animali non ama l’uomo” è una grandissima cavolata per pararsi il “c…o”! Chi è capace di amare esseri indifesi come gli animali, quindi specie diverse dalla propria, ti assicuro che ha ancora maggior rispetto e amore per l’uomo! Il problema è ch l’uomo, a differenza degli animali, sa essere cinico, cattivo, malvagio, crudele, e chi più ne ha più ne metta!

da Silvia  14/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Brambilla: la caccia non si tocca.

da Den di Cava  13/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

noto che a parte Dany che ha risposto con coerenza e gentilezza e Alessio che ha esposto il suo punto di vista,non ci sono altri commenti di animalisti o ambientalisti,ma bensì solo cacciatori considerando che la lettera di patrik è indirazzata appunto a chi è animalista e con una domanda rivolta a loro nel finale!...forse non sanno cosa dire??o forse paura a rispondere??...comunque Patrik quelli erano 100%animalisti,un gruppo sovversivo e anche anarchico!gente che si mette il passamontagna e va a creare disordini,ecoterroristi,insomma....delinquenti belli e buoni e tutti molto giovani in quanto è piu facile fargli il lavaggio del cevello dai loro capò!!da loro hanno preso le distanze molte associazioni animaliste,sta di fatto però che vedendo i vari siti animalisti in giro mi rendo conto che stanno diventando quasi(e ripeto quasi)tutti come loro!!!
Luca GNCFB

da luca press  13/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

X Giorgio GNCFB, si effettivamente dagli ultimi studi di osservazione, risulta che essi a furia di sentirsi animalisti, sono diventati una razza di animali putridi che la scienza sta ancora cercando di definire e dargli un nome. Di sicuro si è potuto capire che il loro pasto principale è composto di carne umana, di sovrapopolazione, di bambini che muoiono ogni 6 secondi. Vai sul sito www.inganno ambientalista.it e avrai modo di far luce sull'argomento. Un saluto.

da Gimessin  13/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

La cosa che mi chiedo in realtà è questa:
l'innaturale aggressività intra-specifica dimostrata palesemente da questi terroristi ambientali (pseudo-animalisti) da cosa è innescata o causata?
C'è qualche psichiatra in grado di spiegarlo ?

da Giorgio GNCFB  13/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Grande Dany, complimenti

da patrick.deconti  13/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Bravo Giovanni bellissime parole le condivido totalmente. Non tutti gli animalisti sono come Alessio. Io ad esempio sono favorevole alla caccia e sono un'animalista vera. Purtroppo è una questione di ignoranza la maggioranza degli animalisti italiani hanno una cultura molto bassa. Negli altri stati ci sono tanti animalisti che conoscono l'enorme importanza della caccia. Questo paese va sempre nel verso contrario rispetto agli altri stati. Tutti gli animalisti veri sanno che gli animali selvatici non vanno addomesticati, la maggior parte di quelli italiani invece cercano di avere un contatto con loro e di dargli da mangiare, essi non solo cercano di fotografarli da 10 m come scrivi tu Giovanni ma cercano cosa gravissima di toccarli. Ci sono stati numerosissimi casi di piccoli di capriolo sdraiati sull'erba che sono stati portati via da questi finti ed ignoranti animalisti credendo che fossero stati abbandonati dalla madre quando invece la madre del capriolo li lascia nascosti nell'erba ma torna più volte durante la giornata per allattarli. Per simon74 non so se alessio mangi carne però posso dirti che quasi sicuramente mangierà le uova ed il latte. Io non mangio ne carne, ne uova, ne latte, ne derivati di animali allevati. Quindi mi chiedo came fai Alessio a dire che i cacciatori sono dei codardi quando scommetto che tu ti nutri di uova, latte e derivati ti dovresti vergognare. Vai a vedere in che condizioni vivono le mucche e le galline negli allevamenti intensivi e guarda dove sono stipati questi animali e come soffrono. E' grazie ad i cacciatori se noi facciamo ancora parte della natura. Essi meritano tutta la stima mia e di tutti i veri animalisti come me che amano la natura e l'ambiente.

da Dany  13/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

caro alessio , ma hai mai provato a farti una giornata a caccia con un cacciatore ? prova cosi vedi cosa è la caccia in realta , comunque la carne la mangi anche te e non nascono bistecche e quello che prendiamo non lo buttiamo di sicuro.

da simon74  12/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

bravo Giovanni belle parole mi trovi concorde in tutto

da patrick.deconti  12/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

eccolo qua... e uno... mi sembrava strano non si fossero ancora fatti vivi

da patrick.deconti  12/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Innanzi tutto complimenti vivissimi per l'articolo,
sono al secondo anno di licenza e frequento la fiera di longarone fin dai tempi in cui pensavo più alle figurine che alla pratica venatoria.
Sono stato purtroppo anch'io ogni anno testimone del comportamento di questi pseudogattofili che di amore per la terra e la natura ne dimostrano ben poco.
Inutile elencare gli episodi spiacevoli ed irrispettosi che ogni anno sono e siamo costretti a vedere e subire solo per la "colpa" di voler passare una bella mezza giornata dedicata alla nostra passione con la famiglia, gli amici o la fidanzata.
Ma di quale amore per la natura vogliono parlare insultando anziani e bambini...L'uomo non fa forse parte anch'esso della natura?
Forse la differenza fra loro e noi è tutta qui: da una parte chi la natura la vede da fuori, imprigionato da costumi moderni, progresso e cemento e che per questo non si sente più parte dell'ecosistema, vedendo quindi la natura come una cosa lontana e selvaggia, volendola preservare intoccabile entro teche di vetro per potere due volte all'anno andare a fare un pic-nic e fotografare a 10 metri un cerbiatto in crisi di identità non abituato alla predazione; dall'altra parte ci sono i cacciatori, cioè chi dell'ecosistema è parte integrante e non vede la natura come si vede un animale allo zoo in un recinto, ma che si rapporta ad essa da predatore (sembra esagerato ma in fin dei conti lo siamo) e quindi con un rapporto più stretto e più intimo con la natura stessa.
C'è chi la natura la guarda e chi ne è parte.
Mi spiace dirlo ma chi non è cacciatore non potrà mai capire cosa vuol dire approcciarsi alla natura guidati da istinti e passioni ancestrali che risalgono all'inizio dei tempi.
Inutile spiegare ad un terroristanimalista le emozioni che si provano quando si è ella "cerca" al capriolo in un bosco di larici a 2000 m in una giornata di pioggia...Non capirebbero.
La differenza ripeto è tutta qui; quando vedo queste persone armarsi di cattiveria e venire a lanciare odio e insulti su di noi e le nostre famiglie l'unica cosa che penso è...poverini, mi dispiace per loro.


da Giovanni  12/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Innanzi tutto complimenti vivissimi per l'articolo,
sono al secondo anno di licenza e frequento la fiera di longarone fin dai tempi in cui pensavo più alle figurine che alla pratica venatoria.
Sono stato purtroppo anch'io ogni anno testimone del comportamento di questi pseudogattofili che di amore per la terra e la natura ne dimostrano ben poco.
Inutile elencare gli episodi spiacevoli ed irrispettosi che ogni anno sono e siamo costretti a vedere e subire solo per la "colpa" di voler passare una bella mezza giornata dedicata alla nostra passione con la famiglia, gli amici o la fidanzata.
Ma di quale amore per la natura vogliono parlare insultando anziani e bambini...L'uomo non fa forse parte anch'esso della natura?
Forse la differenza fra loro e noi è tutta qui: da una parte chi la natura la vede da fuori, imprigionato da costumi moderni, progresso e cemento e che per questo non si sente più parte dell'ecosistema, vedendo quindi la natura come una cosa lontana e selvaggia, volendola preservare intoccabile entro teche di vetro per potere due volte all'anno andare a fare un pic-nic e fotografare a 10 metri un cerbiatto in crisi di identità non abituato alla predazione; dall'altra parte ci sono i cacciatori, cioè chi dell'ecosistema è parte integrante e non vede la natura come si vede un animale allo zoo in un recinto, ma che si rapporta ad essa da predatore (sembra esagerato ma in fin dei conti lo siamo) e quindi con un rapporto più stretto e più intimo con la natura stessa.
C'è chi la natura la guarda e chi ne è parte.
Mi spiace dirlo ma chi non è cacciatore non potrà mai capire cosa vuol dire approcciarsi alla natura guidati da istinti e passioni ancestrali che risalgono all'inizio dei tempi.
Inutile spiegare ad un terroristanimalista le emozioni che si provano quando si è ella "cerca" al capriolo in un bosco di larici a 2000 m in una giornata di pioggia...Non capirebbero.
La differenza ripeto è tutta qui; quando vedo queste persone armarsi di cattiveria e venire a lanciare odio e insulti su di noi e le nostre famiglie l'unica cosa che penso è...poverini, mi dispiace per loro.


da Giovanni  12/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

eccolo qua... e uno... mi sembrava strano non si fossero ancora fatti vivi

da patrick.deconti  12/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Ma vi rendete conto di quello che dite?Gli estremisti sono le persone amanti degli animali e della natura?Credo che gli estremisti siate, invece, voi, che nel ventunesimo secolo continuate a sopperire a vostre manchevolezze personali tramite l'uccisione degli animali. E' facile prendersela con una lepre con un fucile in mano??Ma che gusto ci trovate ad uccidere un essere vivente?Per fortuna la vera razza in via di estinzione siete voi...un gruppo di codardi sempre meno numeroso!!

da Alessio  12/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

eccolo qua... e uno... mi sembrava strano non si fossero ancora fatti vivi

da patrick.deconti  12/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Ma vi rendete conto di quello che dite?Gli estremisti sono le persone amanti degli animali e della natura?Credo che gli estremisti siate, invece, voi, che nel ventunesimo secolo continuate a sopperire a vostre manchevolezze personali tramite l'uccisione degli animali. E' facile prendersela con una lepre con un fucile in mano??Ma che gusto ci trovate ad uccidere un essere vivente?Per fortuna la vera razza in via di estinzione siete voi...un gruppo di codardi sempre meno numeroso!!

da Alessio  12/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Ma qualcuno ha spiegato AGLI e ALLE anticaccia compresa la Brambilla, che noi non spariamo agli uccelli che loro bramano.

da mario  12/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

siamo governati da gente paurosa... la Brambilla ne è un' esempio

da patrick.deconti  11/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

gli anticaccia sono buoni solo a sbraitare e non a dialogare, perchè non hanno argomenti validi da mettere in tavola

da pino 56  11/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Brambilla mandante dell'odio.

da Fromboliere  11/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

sante parole Patrik, io sono di vicenza e da 2 anni è nata una nuova associazione animalista tutti giovani volontari che girano in cerca ora di pescatori e a settembre di cacciatori del resto non gliene frega proprio niente,sembra sia diventata una moda. Io andavo a pesca non mi sono fatto più la licenza quest'anno perchè essere controllato anche 4/5 volta su una mattina mi sembra fuori dal comune ci trattano proprio da delinquenti , per non parlare di anziani che per compilare l'uscita giornaliera è semplice sbagliare noi che siamo giovani pensa loro poverini che per una x gli fanno tanto di verbale , il buon senso non esiste più. Stessa cosa di longarone è successa alla fiera di vicenza insulti a tutti chi passava compresi donne e bambini e poi qualcuno scrive sono i migliori mamma mia pensa i peggio , sono quelli che dicono fin che mangiano una costata siamo "animalisti" . La maggior parte di questa gente esce dalle città scoprendo la campagna e pensano di essere i salvatori ,io ci sono nato in campagna vicino ho il brenta che frequento da bambino andando a pesca e a caccia con mio papa' allora non c'era nessuno apparte i "signori contadini" cacciatori e pescatori , oggi ci sono i signori che vanno a passegiare e fin qui non ci sarebbe niente di male il problema è che vogliono tutto pulito anche i laghetti dove si fermano le anatre nel passo e nel ripasso magari facendo anche il nido pero' se puliscono tutto non si ferma più niente . Comunque diversa gente si sta accorgendo di questi estremisti fuori . un saluto a tutti

da simon74  10/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

da anni sono convinto che la diminuzione della selvaggina sia dovuta a, veleni usati in agricotura, distruzione della macchia mediterranea, distruzione dell'abitat, e inquinamento, ma delle lobby fanno convergere le pressioni di pseudoambientalisti sulla caccia, distogliendo ad arte l'attenzione dalle vere cause. Dimenticando che per il cacciatore l'ambiente sano è sintomo di maggiore concentrazione di selvaggina, che che ne dicano taluni il cacciatore è ambientalista per antonomasia.

da mario  10/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

caro amico patrik, la tua lettera esprime esattamente cosa penso io. magari ne fossero tanti giovani che si avvicinano alla nostra passione,piuttosto che andare in giro ubriachi o a drogarsi.
un caro saluto a tutti gli appassionati eeee in bocca al lupo.

da trinchero stefano asti  08/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

vorrei ringraziare Dany per il suo commento perchè speravo proprio che una persona non cacciatore, anzi addirittura più vicina al mondo ambientalista, si esprimesse in maniera così chiara ed educata... questo per me è già un successo ed è quello che molti ambientalisti dovrebbero fare.
x Giovanni59: i cacciatori che hanno rinunciato alla loro passione, sicuramente non lo hanno fatto per colpa dei media o della politica; semplicemente, secondo me, la loro non era passione ma un semplice hobby a cui hanno rinunciato alla prima difficoltà che si è presentata.
la soluzione migliore è quella esposta da Fromboliere, che come sempre in poche parole riesce a cogliere nel segno.
Un saluto a tutti.

da patrick.deconti  08/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Per la Signora Dany. Non vorrei deluderLa, però mi creda Lei non è un'animalista è semplicemente una donna di molto buon senso. L'amare gli animali come fratelli minori è un dovere di tutti che non cozza assolutamente con la caccia, anzi. Un saluto cordiale. Silvano.

da Silvano B.  08/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Per Gimessin, vedo che hai capito benissimo il mio commento. Do per sicuro che gli animali preferiscono vivere liberi e rischiare di essere uccisi da un predatore uomo compreso che stare rinchiusi per tutta la vita in spazzi angusti fino alla macellazione. Io non mangio carne di animali allevati per essere uccisi. Sono sicura che si può lottare insieme con il tuo aiuto e con quello di altri cacciatori come te per combattere il bracconaggio e chi tortura gli animali per tornaconti di natura economica.

da Dany  08/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Nel campionario dei commenti si riconoscono due estremi: la richiesta di lasciarli perdere (neanche nominarli) e la richiesta di combatterli, (non di batterli). L'unica cosa giusta da fare, se posso suggerire, è quella di controbatterli: con i commenti qui, con le azioni sociali da parte delle associazioni, da parte del movimento ecologico che riunisce ambientalisti e cacciatori, da parte della stampa e anche della televisione, almeno di quelle di parte, che devono insorgere presso le istituzione statali delegate a marginare queste derive, a causa delle quali tutta l'umanità ha già dovuto pagare e ancora paga, un caro prezzo.

da Fromboliere  08/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Gent.Patrik deconti mi fa piacere il rispetto che lei dimostra x chi come me avrebbe agito in maniera violenta..... bene adesso so chi c'è all'altro capo del filo (e mi fa piacere).Fermo restando sulle mie posizioni vorrei porle però il seguente quesito: L'essere sempre troppo arrendevoli davanti agli ostacoli che al mondo venatorio vengono oramai posti da chiunque, siano essi semplici dimostranti, più o meno tutti i media, ed infine anche la politica, ha cosa siamo ridotti ormai, ci siamo persi circa il 50% dei cacciatori, e ad altri da quest'anno passerà la voglia, e tutto a mio avviso perchè bisognava a suo tempo agire e reagire in maniera ben diversa da come si è fatto.Saluti.

da Giovanni59  08/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Per Dany, non so se dirti bravo o brava, comunque il tuo essere animalista è degno del rispetto dei cacciatori, ma non solo perchè sei favorevole alla caccia, ma per il rispetto che hai mostrato nel tuo commento. Lotta sempre per un ambiente sano e privo di pregiudizi. Lotta contro il bracconaggio e chi tortura ingiustamente gli animali. Lotta contro quei politici che condannano la caccia solo per ottenere favori dagli animalambientalisti, seminando cemento e facendo scempi di ogni genere, nel nostro paese ce ne sono tanti. Se tu anche se col solo pensiero, quotidianamente, lotti contro tutto ciò, allora, anche senza il fucile, sei un nobile cacciatore e non solo. Ti saluto.Ciao

da Gimessin  08/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

queste persono sono solo in poche regioni ,nelle regioni dove la caccia è una cosa sentita vedi la toscana dove è governata dalla sinistra ed è tutto dire questo no avviene ,chi sa come mai .che fanno la differenza sono sempre le persone no il colore dei partiti ,basta no dargli le autorizazini ad manifestare ,o se no ci facciamo una bella scazzotata e poi vediamo chi ne viene fuori con le ossa rotta se gli animalisti o noi cacciatori,

da jack 64  08/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Bellissima lettera l'ho apprezzata tantissimo. Non tutti gli animalisti sono così, io sono una animalista che non ha mai cacciato e non ho mai ucciso nessun animale, però sono favorevole alla caccia perchè è la cosa più naturale che ci sia. Un animale se potesse parlare ci direbbe che preferirebbe mille volte di più essere cacciato da libero piuttosto che vivere da nonlibero in un allevamento intensivo in una cella di 2 mq dove non si può neppure girare dall'altra parte, ne riprodursi quando vuole lui, ne mangiare quando gli pare. La caccia è giusta perchè segue madre natura gli allevamenti intensivi invece non la seguono e sono solo un luogo dove si torturano gli animali e li si priva della loro liberta fino al macello. L'uomo quando va a caccia si comporta esattamente come fa il leone, il lupo o gli altri carnivori. Io vi dico cacciatori che se voi cacciate un capriolo e la carne di questo capriolo vi fare stare per un pò di tempo lontano dalle macellerie sara una vittoria per la natura ed una vittoria per quegli anbientalisti come me che si battono contro la sofferenza degli animali degli allevamenti intensivi. Sono sicuro che il capriolo dovendo scegliersi il carnivoro che lo uccida preferirebbe sicuramente l'uomo rispetto ad un branco di lupi. Anche perchè una fucilità e poi sarebbe morto mentre con i lupi verrebbe sbranato vivo tra atroci sofferenze. Questi animalisti di cui tu parli nella lettera sono fuori dalla natura, per me che sono un' animalista vera essi sono solo degli ignoranti che non conoscono i meccanismi di essa e dovrebbero vergognarsi di definirsi animalisti. Lottiamo uniti noi animalisti e voi cacciatori contro il bracconaggio e sono sicura che i risultati si vedranno da subito.

da Dany  08/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

ringrazio Miry e Girotto Luca per i complimenti e per il loro intervento prezioso... a te Giovanni59 sinceramente non so che rispondere; io alle fiere e agli eventi inerenti alla caccia ho sempre partecipato a testa alta come del resto a tutte le cose in cui credo fermamente... se per te avere coraggio o dignità significa affrontare il "nemico" in maniera fisica mi spiace ma mi trovi in disaccordo perchè:
1) ho un porto d'armi uso caccia ottenuto studiando e non mi va di rimetterlo per qualche deficente
2) in fin dei conti chi reagisce con la violenza passa dalla parte del torto e in questo caso vedi il primo commento a questo articolo.
Il sangue mi è si venuto alla testa, come mi viene alla testa ogni giorno guardando qualsiasi telegiornale,ma non per questo mi sento in diritto di cercarmi giustizia sommaria...
io la mia dignità non la vengo a sbandierare qua, caro Giovanni59, ma quando vado a letto mi addormento apposto con me stesso... Se per Lei avere dignità significa passare alle maniere forti può farlo ma sappia che gli unici che hanno qualcosa da perdere siamo noi onesti cittadini-cacciatori.. un saluto a tutti da Patrick De Conti

da patrick.deconti  08/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

piu' che animalisti, queste persone sono ANIMALACCI.

da paolo t fano pu  07/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Ci potrà essere all'interno del mondo venatorio, l'ala estremista, lo zoccolo duro?? la risposta è, certo che si, eccomi qua con la mia visione di cacciatore "libero", libero di esercitare la mia passione, libero di farne motivo di vanto, libero di esprimere il mio pensiero di cacciatore, e libero di partecipare a testa alta a fiere ed eventi che ci riguardano, e sopratutto liberato una volta x tutte da questa cappa da "basso profilo" che da quanto leggo, aleggia in molti di voi. Alla frase (hanno aggredito un ragazzo solo perchè ha osato rispondere verbalmente alle offese), mi chiedo: ma voialtri dove eravate, ma il sangue non vi è alzato alla testa? non avete avuto alcun tipo di riflesso "umano"? ma il coraggio, la dignità, l'avete lasciati a casa?..... portateli la prossima volta vi potrebbero essere utili!!!

da Giovanni59  07/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

all'Amico Patrick De Conti: che dire piu' di quello gia' detto da te?? esatte parole in un falso sistema!!! l'ipocrisia di chi si proclama difensore degli animali per poi festeggiare alla morte di un suo fratello, un suo simile, con la rabbia verso a questo poveretto solo perche' ha la passione della caccia??? ma dove andremo a finire avanti di questo passo?? sono deluso e non abbiamo armi per difendere la nostra grande passione, perche' beffati da non coerenti persone che pur aclamandosi devoti ai CACCIATORI ITALIANI, finiscono con lo scambiarci per una produttiva poltrona!!! con molta Stima per cio' che hai scritto Ti porgo i miei piu' Cordiali Saluti. Girotto Luca

da Girotto Luca  07/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Ogni anno c'è una coppia di merli che nidificano sul tetto di casa e ogni anno arriva un gabbiano, puntuale come la morte, a far piazza pulita. Ma questa è la natura, la differenza è che per gli animalisti l'uomo non ne deve fare più parte attiva, solo passiva. Quindi immaginate un mondo dove nelle ore di punta, tutti gli animali se ne vanno in giro tranquillamente, manzi, vitelli, capre, agnelli, polli, tutti liberi, nei teatri, nei negozi, in casa tua, negli archivi dell'anagrafe, dove insieme al certificato di nascita ti consegnano anche una dozzina di uova.

da Fromboliere  07/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

mentre tagliavo l'erba nel campo e' uscito svolazzante un pulcino di merlo.
una cornacchia e' scesa e lo ha prelevato come un rapace.
mentre lo portava via la merla la rincorreva disperata.
cari ambientalisti giudicate voi!

da cico  07/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

X Gimessin: infatti simili individui non sono in grado di creare alcun movimento. Coloro che nel profondo del loro fallimento interiore non trovano alla fine altra via che ispirarsi all' l'utopia, creano solo SETTE, e non sta come numero. L' utopia di liberare gli animali dai loro padroni e renderli gli esseri più liberi del globo avrebbe dovuto far riflettere Basaglia (apertura manicomi), invece sarà alla fine la peste (portata dai topi, ratto nero a Berlino) che farebbe riflettere tutti quanti, compreso questi settari, o per lo meno di quelli che sopra vivrebbero all'epidemia. Quindi aspetta a picchiare, ti saluto.

da Fromboliere  07/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

X Fromboliere, le loro vittime sono le persone per bene ( pecore ), i ( pecoroni ) sono le vittime che li sostengono. Le loro manifestazioni sono atte solo alla provocazione, perchè sanno bene che la persona per bene, ha sempre qualcosa da difendere. Noi cacciatori, dobbiamo avere purtroppo, il nostro buon autocontrollo, dobbiamo difendere il porto d'armi. Personalmente, se alla fiera di Longarone mi ci trovavo anchio e non ero cacciatore, gli avrei tirato tanti cazzotti da cambiargli i connotati, e dopo mi sarei fatto una bacheca anchio, con le loro faccie piene di cerotti. Sono solo dei vigliacchi che approfittano della democrazia per offendere e provocare. Giusto quello che affermi, anchio penso che gli animali si vergognino di loro. Ti saluto.

da Gimessin  07/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

stupenda lettera ma perche' queste persone non si rendono piu' utili alla societa'? forse non hanno nulla da fare tutto il giorno....

da marco  07/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Guardate che l'odio gratuito di questi, investe tutti ed ogni cosa, non solo i cacciatori. Il problema è che gli stadi non bastano più per contenere questa rappresentanza, che dell'animale prende il nome, facendogli il peggiore dei mali. Conoscevo un cervo che sentendosi difeso da questa risma si è suicidato, ne sono derivati suicidi di massa che sono stati la vera causa dell'impoverimento degli animali. Anche il gatto di Siena era entrato in quella casa per suicidarsi, col gas. In realtà questi sono lupi umani, le loro vittime preferite sono le pecore, o i pecoroni.

da Fromboliere  06/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

caro Gimessin mi fa piacere che tu abbia apprezzato le mie parole... ti ringrazio per il tuo intervento. un saluto anche a te

da patrick.deconti  06/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

X Patrick, come vedi, il tuo desiderio rimane pura utopia. La loro "Bacheca del Karma", fa riflettere. Il loro statuto, è contro l'umanità. Non hanno alcun rispetto per l'essere umano. Ho avuto modo di leggere la storia del loro più grande movimento e ti assicuro è raccapricciante. Molti di questi, amano gli animali in maniera morbosa, ma contemporaneamente torturano gli esseri umani. Il loro grande movimento, è composto ai vertici, di gente che ha fatto migliaia di morti in tutto il mondo, con sostanze tossiche e scempi contro la natura. Si battono per ridurre l'esistenza umana alla sola città e per la sovrappopolazione. Un consiglio, lasciali perdere e continua il tuo dialogo con chi ama l'ambiente, la natura in se stessa. Dialoga con i giovani in tenera età, mostrando loro come si rispetta la vita, con i suoi valori. Questo è il tuo compito, il compito di tutti noi, cacciatori e non. Tieni lontano certa gente, per loro non esiste dialogo, solo combattere. Comunque la tua lettera aperta, l'ho molto apprezzata. Un caro saluto.

da Gimessin  06/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

sabato c'erano te lo garantisco io... come dici tu forse perchè non pioveva...

da patrick.deconti  06/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Sono stato a Longarone domenica e di animalisti nemmeno l'ombra......forse perchè pioveva????Ciao veci

da Mirko  06/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Il mio "fratello animale" (cane) trova le beccacce, il gheppio uccide la lucertola, la lucertola uccide la formica, la formica la pianta di cui si ciba. Si chiama Predazione. Andate a fare i presidi davanti al nido del gheppio e chiedete che mangi solo insalata!!
Patrick ottimo discorso però vedi che avere un dialogo costruttivo con gli estremisti non è possibile. L'estremismo è sempre una cosa negativa che va sempre contro i diritti e la democrazia! Questo vale ovviamente anche per i cacciatori.

da Tiburzi  05/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

il discorso di "animalisti" fila...rifletteteci

da leo  05/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

cioè fammi capire: questi qua sul loro sito e più precisamente nella "bacheca del karma" inseriscono nomi di cacciatori che sono morti, come in una sorta di bacheca di trofei?
Mio Dio dove siamo ridotti... senza parole...

da patrick.deconti  05/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Ci sono animalisti ed animalisti. Quella della fiera di Longarone sono i "migliori" e vi invito a lasciarli in pace. Innanzitutto non è vero che non si preoccupano anche dei vermi dei pescatori tant’è che sul loro sito, sulla “bacheca del Karma”, dove inseriscono i “cacciamerda” morti, annunciano con la stessa enfasi anche la morte di pescatori, allevatori e sfruttatori di tutti i fratelli animali. Pur essendo pressoché impossibile vivere una vita in piena coerenza con le tesi animaliste di Peter Singer o ad essere sempre attivi nella “liberazione dello sfruttamento degli animali” come il “martire” Barry Horne, morto nel 2001 a seguito di complicazioni fisiche dovute ai suoi lunghi digiuni, questo gruppo a mio avviso è quello che si avvicina di più, ovverosia il più estremo. Non comprendo invece i “pupazzari” (come li chiamano loro) che si definiscono amanti degli animali ma che in realtà non riescono a rimanere minimamente coerenti con quanto professato. Se andate a visitare il loro sito vi accorgerete che sono in lotta con tutte le altre sigle di animalisti e spesse volte nei loro "simpatici" blitz prendono di mira anche persone dello spettacolo che magari dichiaratamente anticaccia (quelli che fanno veramente male a noi), non riescono neanche a variare la loro dieta e in maniera del tutto incoerente si cibano di carne. I loro presidi, come quello della fiera di longarone, si volgono in varie piazze d’Italia, per protesta contro i circhi, contro le macellerie, contro le fiere, contro gli stessi “cugini” animalisti…insomma, contro tutto e tutti. Ebbene, pensateci un po’! sono uno sparuto numero di persone che fanno un gran casino e quel che più conta, attenzione, stanno dimostrando all’Italia intera qual è la vera faccia dell’animalismo…vi pare che non stiano bene a noi? Dovremmo addirittura sponsorizzarli!

da animalisti & animalisti  05/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

e poi magari che si vada a leggere R. Girard direttamente, di quello che scrivo il mondo ne può fare tranquillamente a meno, contraccambio il saluto

da Fromboliere  05/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

carissimo Fromboliere ti ringrazio per questo tuo bel intervento e spero che qualche non-cacciatore lo legga e rifletta. Un saluto

da patrick.deconti  05/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

grazie Nato cacciatore e piacere di conoscerti allora... i talebani dell'ambientalismo possono dire ciò che vogliono, ma come me tanti altri giovani i valori, i veri valori, ce li hanno ancora. Un abbraccio anche a te

da patrick.deconti  05/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Caro Patrick, sono stato di recente nel tuo spendido Friuli, non è pura piaggeria, ogni nostra regione, mi lascia senza parole per lo spendore che emana, ognuana a modo suo ma nessuna seconda ad un'altra, per bellezza e ricchezza culturale. (le conosco tutte) Sono campano, (Napoli) e ho una sorella che abita a Udine, purtroppo anche al tempo in cui il friuli fu flagellato dal terremoto, e poi l'anno successivo militare ad Aviano, e ancora c'erano scosse paurose, ma queste per fortuna sono paure che tu non hai vissuto sulla tua pelle, anche se la tua memoria sarà piena, per i racconti dei tuoi cari e dei tuoi conterranei. Ti ringrazio dei complimenti, non ho fatto altro che riportare la frase di un gigante della letteratura e non solo. Ti prego togli quel signore e dammi del tu, (ho letto il commento sull'articolo delle balene) sono felice di incontrare i favori di un giovane, questo significa che certi valori non sono andati persi, esatttamente il contrario di cio che affermano certi talebani dell'ambientalismo. Sono io a doverti fare i complimenti per l'impegno che hai assunto, per difendere la nostra tanto martoriata passione, con l'augurio di un futuro intenso, longevo e ricco di soddisfazione. Complimenti e auguri che faccio a tutti i giovani amici e amiche di Bighunter e che accomuno in un caloroso abbraccio

da Nato cacciarore  05/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

complimenti anche a Nato cacciatore per il suo commento, che in poche parole ha riassunto tutto...

da patrick.deconti  05/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

grazie Eugenio... spero anche io che questo movimento col tempo si attenui ma la vedo dura... il loro è un'estremismo che difficilmente si placherà... intanto sto ancora aspettando un loro commento intelligente, mentre se si va nelle varie sezioni amiche di bighunter, amici di bighunter o bighunter giovani i loro commenti a base di insulti si sprecano...

da patrick.deconti  05/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Bellissimo articolo Patrick condivido il tuo pensiero al 100%. Purtroppo stiamo passando un periodaccio, dove il mondo animalambientalista sta dando veramente fastidio con azioni da estremismo folle e controproducente. Come dici tu l'ipocrisia regna sovrana ma credo che a loro questo importi poco. Sembrano dei soldati in missione contro l'unico nemico individuato nella caccia e nei cacciatori. Speriamo che questo movimento violento e lesivo si attenui con il passar del tempo. ciao
Eugenio
Lodi

da Eugenio Mola  05/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

questo comportamento degli estremisti animalambientalisti ha uno scopo ben preciso,a questi qua dell'ambiente e della caccia non glie ne frega di meno,tutto questo rumore secondo me lo fanno perchè instradati dai detentori o aspiranti tali delle poltrone delle direzione dei parchi,comnsiglio di amministrazione,presidente,consiglieri ,sindaci,provibiri,insomma un parcheggio dei vari politici trombati ecc. e sotto la direzione di questi,che plagiano con i loro discorsi infarciti di emerite mensogne questi creduloni (per non dire altro) che poi sguinzagliano come cani sciolti nelle manifestazioni dove si parla di caccia,poi vedendo una marea di gente come è stata la fiera di Longarone il fegato di questi individui si è riempito di bile.

da martino 42 valtellina  05/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

E vero VALENTINO, hanno fatto non parco tutta la penisola ma un vero e propio scempio qui da noi in puglia hanno istituito il tanto voluto dagli ambientalisti parco delle gravine sotraendo migliaia di ettari a noi cacciatori in piu ci sono anche le oasi di protezione, poi sic, poi zps ecc. ecc la differenza tra prima e ora sai dove sta? che prima noi l'estate ansiche andare al mare giravamo tra le macchie e i boschi per scongiurare gli incendi adesso da quest'anno noi andremo al mare e loro? vigileranno? io non credo che dopo di noi cacciatori esiste qualquno che sappia tutelare veramente l'ambiente, per loro e facile farsi chiamare animalisti specialmente quando qualche politico li promette qualcosa. POVERA ITALIA in che mani siamo andati a finire.

da G73  04/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Se queste specie di persone sono così e perchè ne il governo e ne le associazioni venatorie li contrastano duramente,poi appoggiati da alcuni politici ottengono quasi tutto quello che vogliono e spesso facendo sempre casino con poche centinaia di persone davanti al parlameto.Praticamente tengono in pugno l'Italia senza che nessuno possa fare niente,hanno fatto parco quasi tutta la penisola e noi stiamo a guardare mentre distruggono le nostre tradizioni secolari e belle.

da valentino88  04/05/2010

Re: LETTERA APERTA AGLI ANTICACCIA DA UN GIOVANE CACCIATORE

Chi è nell'errore compensa con la violenza ciò che gli manca in verità e forza.
Johann Wolfgang von Goethe

da Nato cacciatore  04/05/2010
Cerca nel Blog
Lista dei Blog