Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<aprile 2023>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567
Mensile
marzo 2023
febbraio 2023
gennaio 2023
dicembre 2022
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
gen25


25/01/2023 

Juan Carrito ha finito di scorrazzare tra un paese e l’altro dell’alto Sangro: la sera del 23 gennaio scorso è morto, investito da un automobilista lungo la statale per Castel di Sangro mentre fuori da un giorno imperversava una fitta nevicata. Avrebbe dovuto da tempo stare addormentato in una sua tana d’inverno, invece stava ancora in giro, probabilmente alla ricerca di quel cibo che fin da quando aveva lasciato la tana dove era nato, seguendo la madre aveva imparato a trovarlo attorno e nelle case dell’uomo. Una responsabilità che nessuno si vuole prendere, ma che qualcuno ha.

Juan Carrito “ha reso famoso l’Abruzzo”, ha dichiarato il Presidente della Regione. Ed è vero, anche se l’ Abruzzo non aveva certo bisogno di lui per farsi conoscere, visto che è un secolo che la Regione è famosa per i suoi orsi. Tanto da aver spinto uomini di cultura ed autorità ad istituirvi il primo Parco Nazionale d’Italia. Solo che Juan Carrito nel Parco non ci è mai vissuto perché presumibilmente nato fuori dai suoi confini assieme ai sui tre fratelli e sorelle (di cui più nessuno ci ha detto che fine abbiano fatto! E ci auguriamo che almeno loro siano ancora tra i vivi).

In fondo, Juan Carrito ha fatto la fine che hanno fatto altri orsi “confidenti” o “problematici” che negli ultimi decenni hanno reso famoso l’Abruzzo, purtroppo non perché vivessero nel famoso Parco Nazionale, ma perché nel Parco Nazionale non vi vivono quasi più; tanto da aver fatto dire più volte alle autorità (ed è gravissimo che lo abbiano dichiarato!), che era un bene che vivessero fuori dai suoi confini (in qualche modo si doveva pur giustificare il loro sbandamento!). Qualcuno ha anche asserito che Juan Carrito era un orso ormai perso, in quanto semidomestico: una grande verità anche questa. Solo che bisognava anche chiedersi perché Juan Carrito si era addomesticato e perché lo era già la madre. E perché lo sono stati e lo sono ancora tanti altri? Perché questo fenomeno è esploso solo degli ultimi decenni e non prima? Ma su questo mai nessuno ha indagato. Forse perché certe verità è meglio non farle sapere. Ecco bisognerebbe andare alle radici del problema; invece di quelle radici nessuno vuole parlare: ci si comporta come se questo fenomeno fosse sempre esistito! Ed è una grande bugia! Hanno fatto di tutto per quest’orso, specie nel manipolarlo, finanche fatto venire un esperto dall’America: non è servito a nulla, Juan Carrito è morto come qualcuno già da tempo aveva pronosticato… e non già ucciso dai fantomatici bracconieri di cui ci parlavano e ci parlano ancora le autorità, ma da una banale incolpevole automobilista. E questo nonostante la “messa insicurezza” delle strade e autostrade di mezzo Abruzzo con inutili barriere e cartelli che hanno fatto scena, ma prive di ogni utilità pratica. Peccato che non abbiano o siano riusciti a mettere in sicurezza l’orso marsicano! Eppure di milioni di euro se ne sono spesi non pochi, qualcuno ha scritto che ne siano stati sperperati (sperperati, perché di orsi ce ne sono sempre di meno!) ormai almeno 15! peccato che li abbiano spesi piuttosto per inutili (?) studi e ricerche di biologia ed etologia che nulla di nuovo hanno rivelato più di quanto già non si sapesse 50 anni or sono! E questo a fronte di un nulla di fatto per risolvere i problemi alimentari della popolazione (forzatamente spinta a doversi ritrasformare – volente o nolente – nell’antico orso “primigenio”, che si cibava solo di erba, frutti selvatici e carcasse di animali selvatici predati dai lupi!).

Povero Juan Carrito, trasformato in un “Bambi” disneyano, in uno Smokey Bear e Teddy Bear italiano! Hanno fatto così felice i media, giornali, radio, televisioni, internet, che di notizie di “colore” (come dicono loro) hanno sempre bisogno; ma, per te, che hanno fatto, a parte averti messo un radiocollare e ogni tanto avertelo cambiato addormentandoti, sempre con il rischio e la paura che non ti dovessi risvegliare più? Hanno anche cercare di “educarti” (loro dicono rieducarti!) al mondo selvaggio che non hai mai conosciuto perché anche la tua mamma lo aveva dimenticato. Ti hanno dato un nome d’uomo, così come hanno fatto per tanti altri prima di te, quasi tutti morti con quel nome addosso: Sandrino, Yoga, Bernardo, Morena, Mario, Gemma, Amarena, Peppina, ecc; e anche “Forchetta”: morta senza che nessuno mai si sia chiesto perché abbia vissuto gli ultimi tempi senza una zampa, così da evitare colpevolizzazioni magari imbarazzanti. Nomi d’uomo per ego-onorare persone vive e non già presi dal mondo naturale e selvaggio da cui venivate. Ecco, anche così vi hanno “addomesticato”, per poi lamentarsi che lo siate stati, e allora definirvi “problematici” solo perché all’uomo avete creato problemi. Vero, ma non per colpa vostra…

Il 23 di gennaio gli orsi marsicani satolli se ne stanno nascosti nelle loro tane d’inverno, non a spasso lungo le strade dell’uomo! Sì, perché, in fondo, di satollarsi aveva bisogno Juan Carrito e  tutta la sua genia: mais, grano, lupinella e pecore. Ecco, sarebbero bastati una serie di “Recinti Finamore” e lo avrebbero messo in sicurezza lontano dalle strade e dai paesi dove andava a cercare quel cibo che non trovava più in montagna. Anche perché la sua mamma, la altrettanto nota Amarena, gli aveva insegnato, già lei malata d’uomo, che il cibo si trovava dove stavano e vivevano gli uomini. E dato che in montagne gli uomini rurali non ci vivono praticamente più, ecco che li andava a cercare nei paesi. Un tempo tutte le vallate del Parco erano coltivate e sui pascoli pascolavano migliaia di pecore (30.000 solo a Pescasseroli, si dice). Bastava riportare un poco di quelle greggi e seminare un poco di quei campi e forse Juan Carrito non sarebbe mai morto. Solo che essere scienziati per poi finire a proporre cose da contadini, non piace alla gente che ha studiato nelle prestigiose università urbane dove hanno acquisto lauree e master! Ecco che allora bisogna studiare, predisporre lacci d’acciaio e trappole di cattura, radiocollarizzare, monitorare, posizionare cartelli, dissuasori, stendere recinzioni, finanche quelle elettrificate che gli orsi fanno allontanare sempre più. E questo per non dover spendere soldi nell’indennizzare i suoi danni; ed utilizzare quei soldi invece per altri studi e ricerche, quando non per veri e propri stipendi. E invece sarebbero bastate un poco di pecore “pubbliche” da lasciare alla libera predazione degli orsi. Sarebbe bastato abbattere qualche cervo e qualche cinghiale e lasciare le loro carcasse a disposizione di orsi, lupi ed aquile. Sarebbe bastato qualche “Recinto Finamore” (la più fantastica invenzione per favorire la presenza dell’orso negli antichi coltivi oggi in abbandono!). Sarebbe bastato chiudere al turismo qualche rifugio di troppo e realizzare qualche “sentiero” di bear-whatching di meno. Sarebbe bastato isolare qualche area da riservare agli orsi come in America hanno fatto finanche i popoli nativi per il loro amato grizzly. E, perché no, forse anche ridurre la presenza di qualche lupo, che certamente non pochi cuccioli d’orso hanno fatto sparire all’insaputa di tutti, perché tracce non ne lasciano i predatori quando sbranano un cucciolo. Invece si è preferito studiare il dna degli orsi, monitorarli, computerizzare dati e statistiche, realizzare podcast, organizzare conferenze, incontri e convegni autoreferenziali: in conclusione, solo per separare i vivi dai morti! E ora tra quei morti va conteggiato anche Juan Carrito, mentre ancora le autorità non ci hanno detto quanti cuccioli di orso sono nati nel 2022.

Ecco, se Juan Carrito è morto non è per colpa della povera automobilista che se lo è trovato sulla carreggiata, ma perché Juan Carrito non dove trovarsi là il 23 di gennaio!

E ora, che i politici stiano attenti a non cascare nella solita trappola dei mega progetti per barriere autostradali e tunnel e passaggi sopraelevati su strade e autostrade, anziché favorire l’alimentazione di origine antropica dell’orso: altrimenti si finirà come per i cinghiali e la peste suina, dove anziché provvedere ad immediati, rapidi e compassionevoli abbattimenti si è preferito dare retta agli animalisti e stanziare milioni di euro per una inutile recinzione che mettesse “in sicurezza” la zona rossa, mentre nel frattempo i cinghiali già l’hanno superata e proseguono a diffondere la peste, peraltro con atroci morti che una rapida pallottola avrebbe loro evitato, salvando il resto della popolazione. Scelte sbagliate dettate da gente solo “esperta” di animalismo, ma non già di gestione della fauna selvatica!

Ora, ormai in letargo perenne, riposa in pace povero orso marsicano incolpevolmente chiamato Juan Carrito, ultimo della lista dei morti! E che non debba succedere che ti facciano imbalsamare per trasformarti, anche da morto, nell’attrazione turistica che sei stato da vivo! E Dio non voglia che qualcuno ricominci anche a parlare dei tuoi “cugini” montenegrini, greci e albanesi quale ultima chance per.., far proseguire il circo mediatico su cui si basa l’apparato che permette di richiedere e giustificare altri milioni di euro per studi e ricerche… mentre gli orsi vanno alla vana ricerca di cibo e di quiete ce più nessuno gli fornisce… e a morire lungo la SS 17 o quale per essa!

Franco Zunino
Segretario Generale AIW

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.71.222.83
Aggiungi un commento  Annulla 

5 commenti finora...

Re: Povero orso con un nome d’uomo... per onorare un uomo!

Ma secondo me , sono quasi certo, il parco vorrà pagare i danni alla famiglia dell'orso.

da Frank 44  27/02/2023

Re: Povero orso con un nome d’uomo... per onorare un uomo!

Naturalmente il parco non pagherà i danni all'automobilista.

da Mauro  07/02/2023

Re: Povero orso con un nome d’uomo... per onorare un uomo!

Inutile stare a cercare metodi palliativi per tentare di far sopravvivere una specie che è destinata all’estinzione per una lunga serie di cause. Mi sembra palese che il tempo dell’orso marsicano sia scaduto. L’estinzione di una specie é sempre una perdita, checché ne dicano alcuni detrattori, ma molto spesso è inevitabile.

da Ce ne faremo una ragione  06/02/2023

Re: Povero orso con un nome d’uomo... per onorare un uomo!

Un articolo che è lezione di vita. Grazie, come sempre, Zunino

da 1 toscano  29/01/2023

Re: Povero orso con un nome d’uomo... per onorare un uomo!

Le specie si estinguono in continuazione, se ora è il turno dell’orso marsicano ce ne faremo una ragione, quali che siano le cause, perché ce ne sono molteplici.

da Fabe  25/01/2023
Cerca nel Blog
Lista dei Blog