Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<febbraio 2023>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272812345
6789101112
Mensile
gennaio 2023
dicembre 2022
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
gen5


05/01/2023 15.43 

 
Vi siete mai chiesti qual è il fattore determinante per poter eseguire un tiro perfetto con un’ arma rigata da caccia? Forse avrei dovuto  dire la carabina, ma ho deciso di essere più generico, perché il problema della precisione di tiro è comune per tutte le armi quando si vuole colpire con estrema precisione un piccolo bersaglio ad una certa distanza. Ma per essere certi che il nostro tiro raggiunga perfettamente il punto mirato, dobbiamo avere a nostra disposizione un APPOGGIO impeccabile! Si, perché è inutile avere tra le mani uno strumento perfetto, quasi infallibile, quando poi non riusciamo a tenerlo ben fermo nella posizione giusta.
 
Oggigiorno esistono delle combinazioni arma – ottica da mira talmente perfette da consentire abbattimenti netti e puliti a distanze impensabili, addirittura vicini al chilometro. Ma quanti di noi riescono ad ottenere l’immobilità assoluta nell’attimo del rilascio del grilletto? Pochi, credetemi!  Personalmente il tiro a lunga distanza lo giustifico soltanto in casi eccezionali, come ad esempio quando c’è da finire un capo ferito, quando non esiste nessuna possibilità di ridurre la distanza che ci separa da un particolare capo da abbattere, oppure quando stiamo cacciando prede importanti all’estero ed è l’ultimo giorno di caccia. Ma non dobbiamo dimenticare che a caccia, quando si spara ad un essere vivente, il tiro diventa sempre una cosa seria e quindi non deve essere mai improvvisato.
 
 
Potrebbe essere considerato  una vera e propria somma matematica di alcuni fattori, come l’esatta conoscenza della traiettoria del calibro utilizzato, la valutazione corretta della distanza, il giusto calcolo dell’angolo di sito (quando si spara sia verso il basso sia verso l’alto con un’inclinazione superiore ai trenta gradi) e l’eventuale presenza di venti trasversali. Occorre avere un’arma estremamente precisa, camerata in un calibro potente e radente, corredata di un’ottica a forte ingrandimento.
 
Ovviamente è necessaria una grande esperienza pratica ma se non si può disporre di un appoggio perfetto, stabilissimo,  allora tutto il resto diviene aleatorio, inutile. Per eseguire abbattimenti netti e puliti a lunga - lunghissima distanza, oltre all’attrezzatura adeguata occorre avere anche parecchio allenamento fisico e psichico, sia al poligono sia sul terreno di caccia, ma l’arma dobbiamo riuscire a mantenerla perfettamente immobile, saldata. Da sempre militari, cacciatori o semplici appassionati si sono adoperati per creare armi, calibri e attrezzature specializzate nel colpire con precisione bersagli fermi a lunghissima distanza, ma anche se sono stati gli europei ad aver inventato il cannocchiale da mira, dobbiamo ringraziare gli statunitensi per aver perfezionato le armi, le ottiche a forte  ingrandimento dotate di reticoli extrafini con tacche compensatrici di caduta,  i correttori di parallasse e ad aver ideato .. il bipiede tattico.
 
Per quanto possiamo ritenerci degli abilissimi tiratori, sul terreno di caccia - magari durante un’azione concitata - è molto raro riuscire ad ottenere l’appoggio perfetto, l’immobilità assoluta. L’errore umano potremo cercare di ridurlo al minimo, ma non credo che riusciremo mai a eliminarlo del tutto.  Se da una parte abbiamo gli strumenti necessari per eseguire degli abbattimenti netti e puliti a lunga distanza, siamo sicuri di avere anche la necessaria “freddezza”?
 
 
Per riuscire a colpire nel punto giusto un comune capriolo che pascola ignaro del pericolo in un bel prato a centocinquanta metri di distanza, occorre essere calmi ed avere la mano ferma, figuriamoci se invece dovessimo tirargli a trecentocinquanta! Ho dedicato diversi articoli ai bipedi tattici e ai vari tipi d’appoggio, ma posso riassumerli ricordando che un tiro estremamente preciso che colpisca esattamente nel punto mirato, si può eseguire soltanto quando sia la parte anteriore della carabina sia la posteriore hanno un appoggio solidissimo e sicuro. Il novantacinque per cento delle armi rigate in circolazione non spara bene, ma benissimo. Spesso sono in grado di ricamare delle fantastiche rosate in poligono, ma sul terreno di caccia le cose sono molto diverse. Quando abbiamo gli scarponcini ai piedi invece delle scarpe da passeggio o da ginnastica, riuscire a mantenere la giusta calma e l’arma perfettamente immobile non è certo facile. Dovremo sempre adoperarci per avere il miglior appoggio possibile, anche se per prepararlo perderemo qualche secondo prezioso.
 
 
In gioventù, quando ancora eravamo alle prime armi ed i selvatici erano molto più numerosi, sparavamo a braccio libero, appoggiando il gomito sul ginocchio, su una staccionata, sul filo spinato di una recinzione, sul manico di un coltello piantato ad un albero, addirittura abbiamo anche sparato usando come appoggio la schiena del compagno di caccia. Facevamo più padelle e ferimenti che abbattimenti netti e puliti, ma a chi importava? Tanto l’animale sbagliato oggi l’avremmo riavuto a tiro l’indomani. Poi le cose sono cambiate, è subentrata l’esperienza, le responsabilità, l’etica venatoria, il buon senso ed anche un certo benessere economico. Abbiamo acquistato armi più precise, ottiche più luminose, munizioni più prestanti e soprattutto ci siamo abituati a sparare sempre più spesso e sempre meglio. Poi, ovviamente, abbiamo rivisto anche il discorso di dove dovrebbero essere colpiti gli animali per non danneggiarli irrimediabilmente, ma al contempo per abbatterli pulitamente.
 
 
L’esperienza ci ha insegnato dove indirizzare una buona palla per avere un abbattimento perfetto. Libri specializzati statunitensi riportano spesso delle figure d’animali stilizzate che evidenziano dove sono posizionati esattamente gli organi vitali. Si vede perfettamente dove sono cuore, grosse arterie, fegato, polmoni, reni, articolazioni importanti, ecc. Sono immagini veramente molto utili, specialmente per capire dove si trova esattamente il cuore, molto in basso nella cassa toracica del selvatico, praticamente quasi adagiato sul costato e non certo al centro della spalla, là dove tutti consigliano di tirare. Secondo me chi ha la fortuna di trapassarlo con una pallottola è perché ha colpito un po’ basso, perché nessun sano di mente si sognerebbe mai di tentare il tiro “chirurgico” al cuore da oltre duecento metri di distanza.
 
Converrete con me che  tutti noi, 90 volte su 100, miriamo sempre al “bersaglio grosso”, al rettangolo che comprende la spalla e i polmoni, con una netta preferenza a sparare un po’più avanti piuttosto che dietro, ma di certo non così avanti e non così basso da tentare il tiro al cuore.
 
 
Chi pratica la caccia a palla e non ha nessun interesse per la spoglia del selvatico, non si pone il problema di dove colpire l’animale, anzi ho conosciuto molti presunti cacciatori che s’esaltavano davanti agli spettacoli di bassa macelleria provocati dai loro magnum. Chi invece, oltre che per una questione d’etica morale, vuole anche  recuperare più carne possibile e in buono stato di conservazione, allora il discorso “di dove dovrebbe essere colpito” il selvatico si fa più complicato. Per la caccia alla media selvaggina, fino ad daino per intenderci, ho sperimentato molti calibri e molte palle, differenti tra loro sia per foggia sia per peso e sono arrivato alla conclusione che i migliori risultati si ottengono con proiettili medio - leggeri ad espansione controllata, né troppo fragili né troppo duri.
 
Consiglio ogive simili perché sono quelle che lavorano meglio anche quando non incontreranno sulla loro strada grandi ossa o spesse fasce muscolari. Ormai da diversi anni, specialmente per i selvatici più delicati, non cerco più la spalla, ma i polmoni. Miro al costato un buon dieci centimetri dietro la fatidica attaccatura della spalla. In questo modo, attingendo soltanto poche costole, rovino pochissimo la carcassa e, utilizzando calibri molto veloci caricati con la giusta munizione, ho degli abbattimenti netti e puliti. Di solito lo shock idrodinamico e il cono di frammenti e di schegge trascinato dalla palla  fanno cadere sul posto il capo colpito, e se invece si allontana ferito, non percorre molta strada.
 
 
 
Altri autori (tutti amici) consigliano di mirare alla spalla con palle lente e dure, ma io non sono di quel parere, perché anche se definite impropriamente “lente”, le ogive che viaggiano sopra ai 700 metri al secondo producono sempre effetti notevolissimi, anche se sono in configurazione Round Nose o FMJ. Una volta colpito in zona toracica, se il selvatico non cade subito, ma si allontana ferito, state tranquilli, perché il recupero è facilitato da una copiosa fuoriuscita di sangue, di certo non come quando viene colpito all’intestino o ad un arto. Se sparare lontano rappresenta l’eccezione nelle tecniche di caccia che siamo abituati a fare, ben venga, ma se diamo per scontato che dovremo farlo con una certa frequenza, c’è da rivedere tutta la nostra politica venatoria.
 
 
Concedetemi un ultimo consiglio, specialmente a chi piace praticare la caccia alla cerca, organizzatevi per poter sparare nelle migliori condizioni possibili. Sparare dallo zaino va bene in aperta montagna, quando i tempi che ci sono concessi per ingaggiare il bersaglio sono leggermente maggiori, ma in molte altre occasioni, quando occorre essere davvero veloci nello sparare, allora il problema “appoggio” sorge davvero. Quindi  bisognerà  usare sempre un buon bipiede montato saldamente sull’astina dell’arma, e poi curare bene l’appoggio posteriore, assicurandoci che sia il più saldo possibile.   

Marco  Benecchi  
 
 
 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.71.222.223
Aggiungi un commento  Annulla 

18 commenti finora...

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

Il colpo perfetto non esiste ,c'e' sempre un margine di errore

da Tordela  28/01/2023 20.58

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

stu blogghe ha rotto er czzo

da massy  27/01/2023 14.21

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

Che palle Marco

non te ..capisci

da massy  26/01/2023 15.50

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

Per carita' lungi da me ad erergermi a professorino , ma questa cosa e' vera indiscutibile! Il cacciatore nato ci coglie e basta .Il perche' non si spiega , ci coglie anche col fucile storto .

da Pablo  26/01/2023 11.22

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

verisssimo... hai ragione Pablo... troppa tecnologia e pippe mentali-

da Gino  26/01/2023 8.39

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

bo'''' ,appena presa la licenza di caccia ci coglievo sia col 12 che con la carabina senza ottica pigliavo anche le lepri e volpi in corsa.. da quando mi sono documentatoe iniziato a pippe mentali sulle strozzature sulle ottiche sulle pieghe sugli attacchi e soprattutto a leggere questo blog non ci coglio piu' nemmeno un cinghiale di 200kg. a 20 metri

da Pablo  25/01/2023 16.14

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

Pablo hai ragione.

da Gino  24/01/2023 6.46

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

Ma . che dire , con tutta questa tecnologia il colpo perfetto e' facilissimo. Ci sarebbe da meravigliarsi se non si colpisse un cervo a 300 metri,o e' tarata male l'arma oppure il cacciatore ha l'alzaimer

da Pablo  23/01/2023 19.26

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

Buongiorno Salvo..
Procediamo x ordine...
PRIMO
Un mancino può sparare BENISSIMO anche con una BOLT destra, anzi, in quel caso è anche più veloce a ricaricare usando la destra.
Io uso anche delle semiauto destre, ma devo ammettere che veder volare dei bossoli davanti al viso non è piacevole, ma ci fai presto l'abitudine.
Quindi volendo acquistare una Bolt mancina economica se ne trovano di buone, vedi Remington, Browning, Tikka, Bergara, Sabatti, etc...
Altrimenti potresti prenderne anche una destra, magari usata..
Vedi tu...
TRANQUILLISSIMO che l'otturatore non ti verrà mai in faccia, basta stare attento a come ti muovi
Ma lo stesso vale quel qualsiasi cosa si fa quotidianamente
Saluti
M

da Marco B x Salvo  20/01/2023 12.26

Bolt action per mancini

Per Marco B.
Riprendo un blog vecchio sui mancini.
Possiedo già una carabina Tikka mancina in legno per la selezione al cinghiale. Il mio occhio prevalente è il sinistro. Mi trovo bene.
Volevo prendere una bolt economica entry level come seconda arma (tipo muletto da maltrattare), che costi la metà, ma sono tutte per destri. Chiedo a Marco ed altri mancini: in un doppiaggio veloce del colpo, sparando con l’occhio sinistro, non da fastidio azionare la manetta sulla destra? La coda dell’otturatore arretrando non finisce in faccia o sugli occhiali? A tal proposito ci sono carabine con la coda dell’otturatore più corta (forse la Savage)?

da Salvo  19/01/2023 17.31

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

sparare da fermo è piuttosto ridicolo! lo sanno fare tutti , in corsa il 50% al volo il 30% meditate meditate

da Gino  15/01/2023 8.49

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

ricordo di stoccata con un diana 27 senza mirino coglievo i passeri sulle antenne appena si posavano erano gli anni 60 tutto era permesso. questo significa istinto e manico quello era un giocattolo ma poi in seguito col 308 senza ottica per me fu lo stesso!

da Coglione  13/01/2023 21.37

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

e sparare, sparare, sparare, sparare,sparare .....................................................................

da Gino  12/01/2023 19.04

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

Si il "manico e l'istinto" valgono, certo, ma le NOZIONI DI BASE devi averle...
Devi aver fatto l'apprendistato giusto ed aver avuto un buon maestro...
Fidati
Perchè ho visto dei cacciatori, poi divenuti ottimi tiratori, che appena presa la licenza non sapevano tenere una carabina in mano, non sapevano come impugnarla bene nelle varie posizioni di tiro...
M

da Marco B x Cogli.......  12/01/2023 16.36

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

a volte il colpo perfetto lo senti arrivare ancora prima di tirare il grilletto come il contrario...

da Gino  11/01/2023 9.43

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

Manico e istinto naturale non esistono scuole o insegnanti. se ci cogli ci cogli .

da Coglione  10/01/2023 21.09

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

No no tranquillo. Il Leica sta solo la x bellezza. Buon anno a tutti

da Da Marco x Bansberia  07/01/2023 12.01

Re: Il miraggio del colpo perfetto!

Buon Anno a tutti, specialmente a Marco!
Un buon articolo, però mi fa rabbrividire l'immagine di un costoso Leica usato come supporto per la carabina.

da bansberia  07/01/2023 8.33
Cerca nel Blog
Lista dei Blog