Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2022>
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678
Mensile
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov14


14/11/2022 16.12 



Su tutto l’Arco Alpino, dai confini con la Francia a quelli con la Slovenia, è possibile cacciare il capriolo, il muflone, il cervo, il cinghiale e in alcuni fortunatissimi comprensori anche la marmotta e lo stambecco quindi, con la sola esclusione del piccolo roditore e del cervo nobile, che può superare abbondantemente i duecentocinquanta chili di peso, una singola arma accessoriata con un buon cannocchiale e camerata in un calibro medio può andar quasi bene per tutti, ovviamente con la scelta giusta della palla. Ma non dobbiamo mai dimenticare che la resistenza ai colpi di carabina può variare molto da selvatico a selvatico e dal suo stato emotivo quando viene colpito.
 
Altri importanti fattori sono la distanza di tiro e le caratteristiche fisiche strutturali. Ad esempio, se riusciamo a portarci a tiro di un bel camoscio senza disturbarlo eccessivamente, magari mentre pascola o riposa o rumina tranquillo a ridosso d’una roccia, una piccola palla da 55 grani sparata da  un 223 Remington, da un 22-250 o da un 5,6 x 50 R Magnum, sarà più che sufficiente per abbatterlo pulitamente sul posto. Ma se il capo è allarmato, in fuga o in amore, allora il discorso cambia, potrebbe accadere di vederlo allontanarsi ferito anche se ben colpito con un calibro ben più potente.
 
 
 
La caccia in montagna è sinonimo di tiri lunghi, anzi lunghissimi, ma in base alle mie modeste esperienze personali ed anche agli insegnamenti che ho ricevuto nel corso degli anni da cacciatori molti più esperti di me, sono sempre più convinto che la massima distanza alla quale è conveniente sparare ad un selvatico sono i canonici duecentocinquanta - trecento metri. Tiri più lunghi li ammetto soltanto se si cerca di finire un animale ferito oppure, in casi eccezionali, per tentare un colpo proprio “al capo specifico”, che mancava per completare il piano d’abbattimento.
 
Oggigiorno invece esistono delle combinazioni arma – ottica – munizione in grado di centrare tranquillamente un camoscio oltre  cinquecento - seicento metri di distanza. Alle comunissime bolt action e ai maneggevoli kipplauf di una volta si sono aggiunte delle carabine che sembrano uscite dai film di fantascienza, con sopra delle ottiche a fortissimi ingrandimenti dotati di multireticoli, torrette balistiche, attacchi con compensatori di caduta  e che sono camerate in calibri tesissimi che, “diciamocelo”, stonano un pochino impugnate nelle nostre splendide montagne.
 
 
Ho avuto la fortuna e il piacere di conoscere grandi cacciatori di camosci, ma anche tanti semplici appassionati di caccia in montagna, che sono stati tutti concordi nel ritenere poco sportivo azzardare dei tiri a distanze elevatissime, quindi non vedo giustificato l’uso di armi  simili. Condivido fermamente chi sostiene che un camoscio è a tiro finché riusciamo a “vedergli bene l’occhio”, altrimenti è nostro dovere cercare di avvicinarci, oppure sarebbe meglio rinunciare a sparare in attesa di un’occasione migliore. Anni fa per la caccia in montagna si utilizzavano dei calibri molto radenti, per evitare che le palle finissero immancabilmente tra le zampe dei selvatici perché la stima della distanza era sempre approssimativa. Con l’avvento dei nuovi telemetri laser, oggi non è più un problema misurare con esattezza le distanze e conseguentemente calcolare con estrema precisione la caduta dei nostri proiettili alle varie distanze. Questo enorme aiuto tecnologico ci permette ora di poter utilizzare anche dei calibri meno tesi, basta affidarci alla precisione della nostra arma, all’affidabilità delle tabelle balistiche delle munizioni scelte e, conseguentemente, fare le dovute regolazioni.
 
Calibri vecchi,  ma ancora prestanti e supercollaudati, come il 30.06, il 308 Winchester, il 7 x 57, il 7 x 64, il 6,5 x 55, il 6,5 x 57 e tanti altri che non spiccano certo per linearità di traiettoria, oggi sono ancora ammessi per azzardare dei tiri a lunga distanza, a patto di compensare perfettamente la caduta delle loro palle in funzione della distanza che ci separa dal bersaglio. Cercherò di farmi capire meglio. Se per la caccia in montagna utilizzassimo dei calibri come il 6 x 62 Freres, il 6,5 x 68, il 6,5 – 284 Norma, il 264 WM, il 240 WM, il 257 WM, il 270 WSM, il 270 WM etc che tarati a duecento metri con una palla di medio peso hanno un calo a trecento metri di soli 12 - 15 cm, non ci dovremmo preoccupare più di tanto se il selvatico si trovasse tra i 200 e i 300 e rotti metri, perché è sufficiente mantenere il reticolo nella metà alta e anteriore del corpo dell’animale per essere certi di colpire il bersaglio. Se invece utilizzassimo un calibro poco radente, sarebbe obbligatorio conoscere esattamente la distanza tra noi e il selvatico per poter effettuare le giuste regolazioni sull’alzo.
 
 
 
Torneremo sulla scelta dei calibri più tardi, adesso vorrei dedicarmi all’arma che ritengo più idonea alla caccia in montagna, dove spessissimo si deve camminare a lungo e in zone impervie, su terreni in forte pendenza e sdrucciolevoli, dove a volte è necessario aiutarsi anche con le mani o con l’alpenstock, quindi occorrono armi leggere, compatte e ben bilanciate. Poi devono essere precisissime, essere dotate di un’incassatura perfetta che non si alteri con gli immancabili sbalzi termici e/o climatici e che si presti molto bene ai tiri con appoggio, inoltre dovrebbe possedere uno scatto eccellente, quasi da competizione, che non ci tradisca nell’attimo cruciale. Le carabine Bolt Action sono sempre state la scelta migliore, la più funzionale ed anche più economica, ma non possiamo escludere anche i basculanti come i kipplauf. Sulle carabine ad otturatore non c’è più molto da dire, perché sono tutte perfette sotto ogni punto di vista; quel che importa, come  già accennato, è la loro precisione, la loro robustezza e il loro peso, che non dovrebbe superare, complete d’ottica, attacchi, cinghia e munizioni ed anche di bipiede, per chi lo usa i 4 – 4,2 chilogrammi. Il Kipplauf è un’arma superba, splendida, leggera, elegante, maneggevole, precisa, meccanicamente perfetta  e molto altro ancora, ma per spararci con successo è necessario avere una certa pratica e un appoggio impeccabile. Ho constatato di persona che non è facile tirare con un’arma leggerissima e soprattutto se dotata di un’astina poggiamano molto esile, perché fai veramente fatica a tenerla ferma. Proprio per questo motivo, si vedono in giro molti Kipplauf  dotati addirittura di bipiede tattico. Un altro accessorio indispensabile ed estremamente importante per la caccia in montagna è l’ottica da mira. Un buon cannocchiale deve essere robusto, impermeabile, dotato di meccanica precisa, di lenti nitide e luminose, essente da errori di parallasse, leggero, compatto e che abbia un minimo di 8 ingrandimenti, per arrivare ad un massimo di sedici. Può avere gli ingrandimenti fissi oppure variabili e un obiettivo intorno ai 42-50 millimetri è più che sufficiente. Due parole sul reticolo. E’ molto raro che in montagna si azzardino tiri in cattive condizioni di luce quindi, per esprimere il massimo delle prestazioni della nostra ottica, l’ideale sarebbe quella di usare un reticolo piuttosto sottile, non proprio un Crosshiar ma molto simile. Io ho un debole per il TDS4 e il BR, ma anche il vecchio 4A o il classico Plex americano vanno più che bene. Non ho nessuna simpatia per le torrette balistiche perché non mi piace niente che si muove avanti e indietro in uno strumento di precisione, ma chi invece ha un debole per loro…allora gli faccio i miei più sentiti auguri. Tra le ottiche la mia preferenza va a quelle europee ma concepite …. diciamo per il mercato statunitense, quelle che mirano più alla leggerezza che alla luminosità, che hanno i tubi da 1” e il reticolo sul secondo piano dell’ottica che, con qualsiasi ingrandimento utilizzato, manterranno intatte le sue dimensioni. Questi cannocchiali di solito sono facilmente riconoscibili dal tubo più sottile, dal correttore di parallasse e perché hanno la campana dell’obiettivo di modeste dimensioni. Ritornando alla scelta del calibro, se non avessimo a che fare con stambecchi e cervi, con i venti trasversali, con le correnti ascensionali e con la distanza elevata, calibri come il 224 Weatherby, il 22-250 Remington, il 5,6 x 57, il 5,6 x 61 Vhom Hofe Super Express andrebbero più che bene per marmotte, caprioli, camosci ed anche per i mufloni, ma visto che esistono delle munizioni che risentono molto meno dei suddetti problemi, e che hanno una potenza sufficiente senza strafare, l’ideale potrebbe essere una compresa tra i 6,5 e gli 8 millimetri. 
 
 
 
Tutti quei calibri che possiedono una discreta radenza vanno molto bene, come la grande famiglia dei i 6,5 mm (x 55, x 57, x 65, x 68, -284), il 264 WM, i 270 (W. WM, WSM),i magnifici 7 mm (x 61 S.H., x 64, x 65, x 66 VHSE, x 75 R, 280 R, R.M., WM, WSM, STW). Poi come non potremmo  includere anche il buon vecchio 30.06 e la sua controparte europea, il 30 R Blaser e infine anche i potenti .300 (Holland & Holland, Winchester, Short, Blaser, Weatherby, Ultra, 30-378), per chi ha più cervi che camosci nel piano di abbattimento? La scelta delle palle è sempre soggettiva. Per il capriolo e il camoscio personalmente sceglierei una palla ad espansione veloce e deformazione abbastanza rapida.
 
Lo sappiamo che danneggia più la spoglia di una normale Soft Point, ma quando io sparo ad un selvatico a lunga distanza preferisco fermarlo sul posto, anche se non l’ho preso molto bene. Non ho voglia d’incorrere nello spiacevole inconveniente di non trovarlo quando finalmente lo raggiungo, a volte dopo ore di cammino.
 
Molto spesso il lavoro svolto da una buona palla sopperisce anche a qualche piccola nostra imprecisione di mira! Per i selvatici più grandi, più robusti e resistenti, il peso dell’ogiva dovrà ovviamente salire e, proporzionalmente, dovrà anche aumentare la sua robustezza.
 
Ognuno ha le sue preferenze, le sue manie, io in tantissimi anni di caccia a palla, nell’80% dei casi ho sempre usato soltanto tre tipi di palle: le SIERRA SPBT per prima taratura, allenamento ed anche caccia, le Nosler Ballistic Tip per selvatici fino al quintale di peso e le Nosler Partition per quelli di mole maggiore.
 
La mia scelta è questa, ma non è detto che sia la migliore,  lascio a Voi la libertà di poter utilizzare la munizione commerciale e/o ricaricata che meglio vi convince. Credo, (avendole usate in semiauto non potrei dirlo con certezza), di aver abbattuto pochissimi selvatici con le famose palle monolitiche-atossiche,  mentre c’è chi invece giura sulle loro prestazioni e sulla loro micidialità. Non è il caso di farne né un dramma né d’innescare una fervida discussione, perché i gusti son gusti fin dalla notte dei tempi.
 
Chiacchierando con l’amico Hermann Auer, per me una vera icona della caccia in montagna e maestro di vita e di lavoro, mi ha confidato che da quel che vende, tara, accuratizza e ripara, i calibri più usati e diffusi sono i 270 ad alta intensità come lo Short Magnum e il Weatherby e il 7 mm RM. A lui, teutonico di nascita e di cultura, piace moltissimo il 6,5 x 68, ma anche il 30.06, che ritiene senza mezzi termini ottimo dal capriolo al cervo.
 
Quello che in molti dimenticano, specialmente al momento dell’acquisto, è “come sarà l’arma pronta in assetto di caccia”, che non è proprio la stesso che impugnare una carabina in armeria. Il peso totale e le dimensioni sono di fondamentale importanza. Armi con le canne troppo lunghe piacciono sempre meno, specialmente quelle dotate di freni di bocca, che se sono molto utili al poligono, forse lo sono molto meno sul terreno di caccia. Ai più curiosi vorrei confidare le mie scelte personali, tutte “purtroppo” di fabbricazione statunitense e in versione Ognitempo.
 
Le mie armi da montagna sono ormai essenzialmente tre: la Remington 700 SS in acciaio inox e materiale sintetico calibro 270 Winchester con ottica Leupold Silver VariX III 3,5 – 10 x 50, la Weatherby MkV Sempre SS in 257 WM con ottica Swarovski AV 6 – 18 x 50 P e la Weatherby Ultralight 270 WM con ottica Swarovski Z5 5 – 25 x 52 P. Quel che mi fa decidere quale prendere, essenzialmente, è la specie selvatica da cacciare e la natura del territorio. Il 270 lo uso prevalentemente per il capriolo ed “eventuali”, il 257 per la caccia al camoscio, diciamo “non estrema”, mentre il 270 WM in versione Ultralight è destinato a risolvere ogni situazione.   


Marco Benecchi 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.34.216
Aggiungi un commento  Annulla 

24 commenti finora...

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

sei tu "quello" che crede di sapere tutto , invece! E continuii , il versante francese (e allora) non accompgnato ( lo sappiamo tutti dove non si gira accomagnati , forse lo hai imparato adesso)il 270 win ( altro cesso ) dalle mie parti ?? e quali sono le tue parti ,che poi ti sistemo e ti sbugiardo subito! il fatto è che tu SE vai ( ??) a caccia in montagna forse una volta all'anno con qualche amico oppure da ospite pagante , da come scrivi lo si capisce lontano un chilometro anzi due Taglia che è meglo , il naysayers sei tu , il montanaro da beach volley

da Paolo  05/12/2022 8.04

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

Sara' pure un ritornello ma e' necessario rperterlo ai soliti "naysayers" come te che credono di sapere tutto. La realta' mia e di tanti altri e' molto diversa. Ti informo che addirittura anche il .270 Winchester che fino a 10 anni andava per la maggiore e' in netto DECLINO, Nelle armerie che frequento io non hanno nemmeno una munzione disponibile.....PErche'? Perche' non ce l' ha nessuno. Tornando alla caccia, dalle mie parti non e' obbligatorio essere accompagnati. A caccia esco quando posso e mi fa comodo senza dover dipendere da nessuno. Se c'e' compagnia tanto meglio ma non e' essenziale. E ti infromo che sul versante francese delle ALPI, dove diversi italiani vanno a caccia, e' lo stesso!!! Tu vivi nel tuo piccolo mondo e credi che sia uguale per tutti ma non e' cosi'.

da Flagg  04/12/2022 21.10

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

Flagg , quello che scrivi è il solito ritornello di chi in montagna non c'è mai stato COME TE , il cacciatore solitario (???) di montagna ???? nel 1900 tirava a 100 metri oggi non abbiamo limiti e neppure problemi alle gambe come te, Al NONNO del 1985 è meglio che stia a casa CON il cesso 308 ANTE GUERRA al nonnetto dell '85 ??? Cos'era il dopo guerra? che noia

da paolo  04/12/2022 19.58

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

paoletto va a caccia col calesse del nonno h ah aah ah trainato da immigrati

da x il saputello paolo del cxxo!  04/12/2022 15.40

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

Col 308w ci fai di tutto e di piu' dolomiti e tutta caccia ! 30 o6 al limite,

da x il saputello paolo del cxxo!  04/12/2022 15.37

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

Cacciatore di montagna dal 1985 sempre e solo 308

da x il saputello paolo del cxxo!  04/12/2022 15.33

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

...senza contare che poi ci sono anche ottiche valide ma realmente economiche, come oure quelle piu' costose, che si possono avere con un reticolo balistico. Basta un po' do pratica e si impara ad usarlo. NOn esiste la verita' assoluta....50 anni fa non c' era scelta. Quella e' la differenza.

da Flagg  04/12/2022 13.49

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

L' unico caso, per quanto mi riguarda, dove puo' capitare di tirare a 300-350 metri e' in uno dei pochi altipiani APERTI, dove non c'e' alcuna copertura essendo ltutto pascolo e a boscaglia assente ad oltre 1500 metri di quota. In quel caso, la vecchia maniera e' quella del calbrio teso altrimenti basta avera la torretta balistica con lo Zero-Stop e QUALUNQUE calibro di efficacia terminale garantita va bene. Queste torrette ormai si trvano anche su ottiche relaivamente economiche. E' questione di preferenze non di cosa e' meglio o cosa e' peggio. Imparare ad usare una torretta balistica fino 350-400 metri e' FACILISSIMO per chi sa cosa fare.....

da Flagg  04/12/2022 13.39

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

@Paolo tu oarliu veramente a vanvera. Io ci vivo in m ontaga il pases di partenza e' a quasi 100 metri di altitudine. Poi mettiamo i puntini sulle....tu a montagna ci vai da solo a caccia oppure accompagnato? C'e' qualcuno che ti aiuta a far ei recuperi in particolare di animali che pesano bern piu' di capriolo o un camoscio? Gia' solo questo traccia una lina CHIARISSIMA su che cosa puoi fa e che cosa NON puoi fare perche' se sei da solo, come il 90% delle volte capita a me, la maggiorparte delle volta che ti si presenza un tiro gia' solo a 300 metri il recupero e' difficilissimo o impossibile. Alla fine del teatrino la storia e' sempre la stessa avvicinarsi il piu' possibile. E tratutti i cacciatori solitari di montagna che conosco non ne conosco UNO che la pensi diversamente. Di caccia mi sembra che capisci ben poco...se poi vai dove ti ci porta qualcuno e' sicuro!

da Flagg  04/12/2022 13.03

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

quelli che scrivono che il 308 va bene sulle vivono in pianura , non sono cacciatori di montagna, non sono mai andati a caccia in montagna e credono di sapere tutto ma non sanno nulla...i tuoi filamti su youtube sai dove te li puoi infilare chiaccherone da bar come il tuo 308 ma non farmi ridere "principiante" . Ma sei mai stato a caccia "seria" sulle Alpi neofita?

da Paolo  04/12/2022 11.46

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

Sara' pure che Franchi non e' piu' la stessa (per la cronoca io uso solo fucili Franchi di una volta a canna liscia, avedone 5) ma la Horizon e' certamente meglio di tante schifezze americane tanto in voga. Funziona bene, fidati.

da Flagg  03/12/2022 6.50

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

tutto bene , ma la franchi odierna lasciamola nel cesso,maronna mia che cessi che sforna

da x flagg  02/12/2022 18.49

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

Sono 50 anni che vado a caccia , saro' incompetente ma ho sempre cacciato con un 308 semplicissimo e ho portato a casa tonnellate di carne , non sono ancora riuscito a capire a cosa servono tanti calibri e munizioni varie!!!!!

da basta ,cure subito per questi malati  02/12/2022 18.47

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

anche tra i cacciatori sta dilagando questa brutta malattia di volersi accoppiare maschio con maschio, ma dovesiamo arrivati! non capire che trattasi di una gravissima malattia psichiatrica

da basta ,cure subito per questi malati  02/12/2022 18.45

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

@Paoloche il .308 Win non sia un calibro da caccia e' solo la tua personale opnione vito che e' il calibro piu' diffuso al mondo anche per questa applicazione. Poi, per quanto riguarda le le Alpi, guardati i video su you tubbe della Taboga che caccia usando una Franchi Horizon in .308W. Caccia che spazia dal camoscio al cervo. Anche sulle Alpi, sia italiane che austriache. Funzona benissimo anche oltre i 200 metri. Un conto e' che non li hai mai visti tu, un altro e' trarre conclusioni. Il punto casomai e' che un calibro molto radente di diametro piu' piccolo l' unico vantaggio che offre e' il non dover fare calcoli fino ai 300-350 metri al massimo ma poi non c'e' trippa per gatti e se vuoi sparare oltre DEVI sapere cosa stai facendo. Il calibro radente e' normalmente la scelta piu' popolare perche' il cacciatore medio o e' molto pigro o fa a cazzotti con la balistica. Tolto il cervo, il .308 Win e' perfettamente efficace anche a 500 metri su qualsiasi altro ungulato italico. Basta usare la palla giusta. E' quest' ultima che fa TUTTA la differenza insieme alla capacita' di piazzare il colpo (natiralmente ma non scontato). Con tutta la tecnologia che c'e' oggi settare l' ottica per un tiro lungo e' FACILE per chi sa cosa fare, e' DIFFICILE per chi non sa. Facile o difficile e' sempre relativo e vale in genere....

da Flagg  02/12/2022 11.08

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

sulle Alpi mai visto un 308 calibro da competzioni e poco da caccia

da Paolo  02/12/2022 10.00

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

Sparo anche i topi e le civette e alle cuorna ca' porto

da Topolino  01/12/2022 20.59

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

@Benecchi forse dovresti dire Alpi perche' dalle mie parti e' praticamente tutta montagna (si caccia in genere tra 600 ed i 2000 metri) ed il 99% dei cacciatori o ha un .308 Win o un .30-06. Sia per la battuta che la selezione.

da Flagg  01/12/2022 15.56

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

hai rotto er cxxo

da jsg  30/11/2022 14.13

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

come no? a 200 metri sulle Alpi chi spara?? chi scrive certe castronate ( 308 sulle Alpi) è sempre l'incapace di turno che si crede il cecchino di turno , invece??????

da tolpolino  30/11/2022 7.25

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

"Ad ognuno il suo!"
Ogni calibro ha il suo impiego...

O almeno dovrebbe averlo...
Infatti di 308 in MONTAGNA non ne ho mai visti....
Non dico che è un calibro che "Non potrebbe andare bene"..
Assolutamente no...
Solo che per tirare OLTRE i 300 mt esistono calibri più adatti che soprattutto ti creano meno problemi nel calcolo delle traiettorie dei proiettili..
Saluti
M


NB Comunque, entro i 200 mt, un buon 308, ben caricato con la palla giusta, svolge benissimo il proprio lavori fino al cervo, tranquillamente!

da Marco B x Topolino  30/11/2022 6.28

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

Piuttosto che usare un 308 sparo con il 12 a palla che va meglio??????????????????????????

da Topolino  29/11/2022 16.32

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

Grande MARCO!!!

da uN AMMIRATORE FAN  20/11/2022 14.37

Re: Speciale Montagna "Armi & Calibri”

UN BEL 308 CI SI PIGLIA TUTTO TUTTO

da oSCARINO  18/11/2022 17.33
Cerca nel Blog
Lista dei Blog