Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2022>
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678
Mensile
dicembre 2022
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ott14


14/10/2022 16.50 

 
Se un cacciatore italiano non avesse in previsione d’intraprendere dispendiosi safari africani o impegnative avventure venatorie fuori dai patri confini, non dovrebbe aver bisogno di una carabina camerata in un calibro molto potente ad altissime prestazioni. D’altronde, se invece decidesse di viaggiare per il mondo alla ricerca di trofei importanti in zone impervie e sconosciute, allora sì che gli servirebbe una bella carabina Weatherby, non a caso l’arma preferita da moltissimi “safaristi - collezionisti di trofei importanti” di fama internazionale! Perché, ad essere sinceri, sia in Italia sia in Europa - anche includendo la caccia in montagna e quella nelle sterminate pianure Ungheresi - non esiste un reale bisogno di utilizzare armi dalla potenza e dalla radenza eccezionali. In alcuni angoli sperduti del nostro pianeta, invece, quelle caratteristiche non solo sono ben accette, ma oserei dire addirittura indispensabili. Oggi, con l’avvento dei nuovi telemetri laser, il cacciatore a palla può contare su un grandissimo aiuto nel tiro a lunga distanza. Con un minimo di pratica e seguendo alla lettera le indicazioni riportate sulle tabelle balistiche, è facile  colpire un piccolo bersaglio a lunga distanza, anche utilizzando calibri non particolarmente tesi. Qualche anno fa invece, chi si recava nelle  desolate savane della Namibia o sulle gelide montagne Kyrghyse del Thien Shan a caccia di Marco Polo e avvistava un grande kudu all’orizzonte o un ariete in cima ad una vetta  sull’altro versante della valle, non potendo magari stimare perfettamente la distanza che li separava,  azzardava il tiro confidando nelle eccezionali caratteristiche balistiche della sua potente carabina Weatherby Magnum Mark V calibro 300! Ma le famose Mark V, con i loro bellissimi calci in legno lucido rifiniti con resine epossidiche o in materiale sintetico Aramid della Bell & Carlson e con la mitica azione a nove alette di chiusura poste su tre file contrapposte a 120° a rotazione breve, non sono certo a buon mercato.
 
 
 
Fu cosi allora, che negli anni '60, Roy Weatherby riconobbe la necessità di produrre una carabina che potesse camerare le sue cartucce magnum, che fosse alla portata di tutti, anche del cacciatore economicamente più modesto. Weatherby, avendo appena collaborato con Howa nella produzione delle azioni MarkV prodotte nel Sol Levante e riconoscendo la precisione e l'attenzione ai dettagli forniti da questa nuova manifattura giapponese, decise di dare il via al progetto Vanguard.  Iniziò partendo da un'azione tipo Mauser, molto meno sofisticata della Mark V perché dotata di due sole alette di chiusura; adottò anche delle calciature meno raffinate e un gruppo scatto più semplice. Nient’altro! Ovviamente mantenne inalterata la qualità dei materiali e la serietà della lavorazioni, ottenendo un  risultato semplicemente ottimo. Oggi è possibile possedere una carabina calibro 257, 270, 300 Weatherby Magnum dal costo quasi dimezzato della progenitrice Mark Five! E’ ovvio che, dovendo impiegare calibri così potenti, sono stati mantenuti la testa dell'otturatore incassata che incapsula il fondello della cartuccia  e il corpo scanalato tipico delle Mark V, che garantisce un funzionamento più fluido quando i rigori della caccia lasciano il fucile sporco e polveroso. 
 
 

Vediamo  ora  meglio la carabina Vanguard S2 Synthetic nei dettagli.
LA MECCANICA: L’azione è ricavata interamente per microfusione, utilizzando le più avanzate tecnologie ed ottimi acciai bonificati ad alta resistenza. La microfusione è un tipo di lavorazione abbastanza nuova e molto costosa, che riscuote critiche, ma anche parecchi consensi. Questo procedimento, se ben eseguito, permette di costruire  ottime armi, mantenendo contenuti, e quindi competitivi, i costi  di produzione. Non dimentichiamo, poi, che nella produzione a controllo numerico il grado di sicurezza dei prodotti finiti è elevatissimo, inoltre i moderni controlli non distruttivi (liquidi penetranti per le fusioni e ultrasuoni, raggi x e gamma per le successive fasi di lavorazione), permettono  di rilevare immediatamente qualsiasi piccola imperfezione e lavorare con tolleranze molto ristrette. Il castello è in acciaio trilegato 42CrMo4, macchinato con tolleranze molto ristrette. L’otturatore deriva dal classico Mauser, con due tenoni di chiusura anteriori posti a 180 gradi tra loro ed è in acciaio speciale 18NiCrMo5 cementato, in modo da mantenere una notevolissima resistenza superficiale, unita ad una buona resilienza totale. L’azione scorre  piacevolmente senza eccessivo gioco  e senza nessuna incertezza. L’estrazione e l’espulsione del bossolo sono garantiti da un efficiente estrattore laterale, abbinato ad un espulsore a pistoncino posto sulla testa dell’otturatore. Lo scatto può essere richiesto di vari tipi, monogrillo semplice regolabile, con stecher singolo cosiddetto  alla “francese”,  che funziona molto bene sia quando è armato in avanti sia quando viene premuto direttamente, oppure diretto ma con una leggera precorsa di sicurezza. La sicura a due posizioni è silenziosa e facilmente azionabile dal pollice della mano che impugna l’arma e blocca l’otturatore quando viene inserita. E’ assolutamente affidabile a prova di qualsiasi sollecitazione. Le Weatherby, anche se non possono certo essere definite delle carabine Custom, lavorano  con tolleranze bassissime, purtroppo  necessarie, viste le pressioni in gioco ed il grado di precisione richiesto. Lo sportellino di svuotamento rapido del caricatore e la guardia – grilletto sono in alluminio.
 
 

LA CANNA: Indipendentemente dal calibro scelto,  i tubi sono sempre  costruiti con ottimi acciai speciali al cromo molibdeno e la tecnica usata per la foratura chiamata hammer forged è la martellatura a freddo. Tutte le Vanguard, specialmente i modelli più recenti, sono garantite dalla Casa Madre per generare rosate Sub-Moa. La  carabina in oggetto monta una canna lunga 660 mm pari circa a 26”, dotata di freno di bocca per attutire il vigoroso rinculo. Presenta quattro rigature ad andamento destrorso con un passo (twist) 1/10”. Il  profilo della canna è leggermente conico e  se vista come un prodotto industriale costruito in serie, possiamo ritenere molto buona l’esecuzione del vivo di volata. Non sono presenti le mire metalliche, ma ovviamente il castello è predisposto per il montaggio degli attacchi con dima di foratura  compatibile con quella delle carabine Remington, Howa, Mossberg e  BSA. Per montarci sopra un bel cannocchiale Leica ER abbiamo scelto degli attacchi QRW Leupold che abbinano un prezzo competitivo ad una robustezza eccezionale. 
 

IL CALCIO Il calcio della Vanguard (i primi modelli li costruiva la nota marca Buttler & Creek, famosa per i pratici sportellini Flip Open per cannocchiali). E’ robusto, ben eseguito ed ha un bel poggiaguancia, per quanto possa esserlo in un calcio in materiale plastico. Viene denominato Monte Carlo Griptonite con speciali inserti antiscivolo nell’impugnatura e sull’astina,  che garantiscono un’ ottima crimpabilità. Non poteva certo mancare un provvidenziale calciolo in gomma morbida, vero toccasana quando l’arma è camerata in calibri esuberanti.
 

CONSIDERAZIONI FINALI: La Vanguard S2 in oggetto rientra nei modelli “SUB-MOA”, che garantiscono rosate di tre colpi a cento yard in circa 20 mm di diametro. E’ fornita con un grilletto Match a due stadi,  netto e pulito  per sganci sempre ottimali. E’ possibile regolarlo sino a circa 1000 grammi, peso che riteniamo sufficiente per un impiego venatorio.  Le finiture delle parti metalliche sia esterne sia interne sono molto buone, anche se la Weatherby si è sempre più preoccupata della sostanza che della forma.  Sopra ad una carabina concepita per tiri molto lunghi non potevamo che montarci un’ottica a forte ingrandimento. La scelta è caduta su un meraviglioso cannocchiale della Leica: il modello ER5 4 – 20 x 50 con correttore di parallasse e tubo da 30 mm. E’ uno strumento di eccellente qualità sia ottica sia meccanica, caratterizzato da un prezzo contenuto, peso ridotto, ampio campo visivo e regolazione affidabile. Le prove di precisione e la relativa taratura finale non potevamo che farle con delle munizioni ricaricate. Per assemblarle sono stati utilizzati bossoli nuovi Weatherby – Norma, inneschi Federal 215 Gold, 69,4 grani di polvere Norma MRP e palle Nosler Ballistic Tip (quelle con l’ogiva in polimero di colore blu!) da 115 grani. Dopo i primi colpi di prova a cinquanta e cento metri sono passato ai canonici duecento. La Vanguard ha mantenuto tranquillamente quanto promesso! Per concludere vorrei spendere ancora due parole sulla qualità dell’ama, sull’eccezionale rapporto qualità-prezzo-prestazioni. E’ davvero stupefacente poter acquistare una carabina camerata nel potentissimo 300 Weatherby Magnum con forse meno di 1000 euro. Poco più se la vogliamo nuova, forse molti meno se la dovessimo trovare usata. Detto ciò, mi sembra ovvio che, semmai qualcuno decidesse di regalarsi, magari per un evento importante o per un compleanno significativo,  un piccolo safari alle grandi antilopi africane, bhe’, almeno per quanto riguarda l’arma non dovrebbe spendere un capitale per averla! 


 



SCHEDA TECNICA DELL’ARMA

Costruttore: Weatherby inc
3100 El Camino Real Atascadero CA 93422
(805) 466-1767 www.weatherby.com
Importatore – Distributore: Bignami spa via Lahn 1 39040 Ora (BZ) 
Tel.0471803000 - Fax 0471810899  www.bignami.it
Modello: VANGUARD S2 Synthetic
Tipo: Carabina da caccia a ripetizione manuale
Funzionamento: Ad otturatore scorrevole girevole tipo Mauser modificato, con due tenoni in testa
Percussore: Lanciato
Sicura: Manuale a due posizioni azionabile da una leva posta sul lato destro del castello. Blocca l’otturatore quando inserita
Azione: in acciaio speciale  42CrMo4 bonificato
Calibro: 257 Weatherby Magnum
Canna: In acciaio speciale al cromo molibdeno ottenuta per martellatura a freddo. La  carabina in oggetto ne monta una da 660 mm - 26” dotata di freno di bocca con passo di rigatura Twist 1/10. La brinitura è opaca.
Alimentazione: Tramite caricatore interno bifilare della capacità di tre colpi (3+1), dotato di sportellino per lo svuotamento rapido 
Organi di mira: Assenti 
Castello: Predisposto per il montaggio del cannocchiale da mira con foratura 6/48 UHS
Grilletto: Lo scatto è monogrillo a due stadi,  ma può essere singolo normale diretto oppure con stecher cosiddetto “alla francese”,
Calcio: In materiale sintetico Monte Carlo Griptonite con speciali inserti antiscivolo nell’impugnatura e sull’astina  che garantiscono un ottima crimpabilità
Peso: circa 3300 grammi
Lunghezza total.e 1130 mm


Marco Benecchi  
 
 


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.174.69
Aggiungi un commento  Annulla 

8 commenti finora...

Re: Carabina Weatherby Vanguard. “La supermagnum economica ideata da Roy Weatherby!”

Il benecchi ha scoperto la weatherby vanguard nel 2022
Complimenti sei arrivato primo
Comprati un Howa 1500 e spendi pure meno

da A chi la vuoi piazza’?  03/11/2022 9.17

Re: Carabina Weatherby Vanguard. “La supermagnum economica ideata da Roy Weatherby!”

E' vero, il Vanguard è un progetto Howa, che lo vende con altro nome, mentre il Mark V è un'arma progettata dalla Weatherby e poi prodotta da Howa in Giappone, da Sauer in Germania e poi da azienda americana il cui nome mi è sconosciuto.
Il Vanguard è molto meno sofisticato del Mark V, però spara splendidamente. Lo possiedo da una dozzina d'anni e ne sono soddisfatto.

da bansberia x Renato  26/10/2022 8.12

Re: Carabina Weatherby Vanguard. “La supermagnum economica ideata da Roy Weatherby!”

il vanguard non è come il mark V

da Renato  25/10/2022 16.30

Re: Carabina Weatherby Vanguard. “La supermagnum economica ideata da Roy Weatherby!”

VADO A CACCIA CON IL WEATHERBY 270 DA 20 ANNI. MAI UN PROBLEMA E CENTRI DA FAR PAURA.
CAMOSCI.CAPRIOLI E CERVI.

da Cristian  21/10/2022 14.28

Re: Carabina Weatherby Vanguard. “La supermagnum economica ideata da Roy Weatherby!”

Come posso darti torto?

Sono appena rientrato da una meravigliosa avventura in montagna dove ho avuto l'ennesima conferma (semmai ce ne fosse stato il bisogno!) della SUPERIORITA' dei prodotti Weatherby,
Almeno per quanto riguarda i calibri!
Abbattuto un camoscio da 350 mt e una femmina di muflone da 390.
Con carabina Weatherby MK V Ultralight calibro 270 WM..
Cartucce ricaricate con Palla Hornady Spire Point Interlockt da 130 grani!
Ambedue FULMINATI sul posto e senza dover ricorrere a torrette e/o altri accrocchi balistici.
Arma tarata a 200 mt..
Radenza semplicemente straordinaria, ineguagliabile, insuperabile
Saluti
Marco

da Marco Benecchi x Weaaaa  21/10/2022 11.41

Re: Carabina Weatherby Vanguard. “La supermagnum economica ideata da Roy Weatherby!”

le Weatherby sono carabine OTTIME , costano quanto altre blasonate marche austriache , svedesi e italiane ...le cartucce costano un botto ma anche con la ricarica la spesa è di poco inferiore . In America usano Remington che non costano un tubo , sono belle e vanno benissimo. Ne ho di svariati modelli ma per me le Weatherby sono superiori in tutto e per tutto .

da Weaaaa  21/10/2022 10.41

Re: Carabina Weatherby Vanguard. “La supermagnum economica ideata da Roy Weatherby!”

Che fine ha fatto la semplicita' ? sembriamo tutti messi su un palcoscenico e ci sentiamo tutti in dovere di dare spettacolo.

Bukowsky

da 25  15/10/2022 13.24

Re: Carabina Weatherby Vanguard. “La supermagnum economica ideata da Roy Weatherby!”

E certo le carabine magari si acquistano per poco nell'usato ma sono tutte quelle in calibri proprietari. Anche in America ormai si viaggia sui 150 dollari per 20 cartucce....Chi non ricarica e' fuori. La testardaggine della Weaterby circa i calibri proprietari e' secondo me, l' inizio della fine. Le scelte su calibri piu' comuni sono limitate. Un tempo questa politica aveva senso ma oggi no. Ci sono calibri migliori dei Wby, piu' efficenti e diffusi. Il calibro .257 in generale, incluso anche il .25-06, sono poi quasi morti. Nessuno produttore europeo di munizini ce l' ha piu' in catalogo e quelli americani hanno ridotto la scelta..

da Flagg  15/10/2022 10.52
Cerca nel Blog
Lista dei Blog