Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2022>
lunmarmergiovensabdom
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456
Mensile
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ago26


26/08/2022 8.37 

 
Senza voler irritare la suscettibilità di nessuno né innescare inutili polemiche, vorrei elencare quelle che personalmente ritengo le cause del declino  morale dell’uomo moderno. Nel campo lavorativo secondo me sono stati i Sindacati e nella quotidianità…ovviamente Internet! Perché? Perché i Sindacati, almeno quelli che ho conosciuto io, hanno sempre spesso operato (o regnato a dir si voglia!) in base alle direttive politiche e al numero dei tesserati (paganti), a discapito della cruda e pura meritocrazia, mentre Internet ha partorito una moltitudine di super, mega, ultra sapientoni che, “studiando” pochissimo a tavolino si sono auto proclamati laureati, geni, iperesperti, ingegneri meccanici, periti balistici o Professional Hunter, senza  aver sostenuto nessun esame. 
 
Scusate lo sfogo.. ma quando è troppo è troppo! 

Quello che era accaduto più di trent’anni fa con il nascere della caccia di Selezione a caprioli e daini nell’Appennino Tosco – Emiliano ora si sta ripetendo con la caccia di Selezione ai cinghiali in tutto il resto dell’Italia, in zone dove non solo la caccia a palla con la carabina era quasi sconosciuta, ma dove non esisteva neanche la cultura e la conoscenza generale necessaria per praticarla. Cosa è accaduto? E’ accaduto che molti neo selecontrollori si sono visti piovere dal cielo la possibilità di poter cacciare un grosso, nobile selvatico TUTTO l’anno, senza dover spendere una lira, pardon, un euro e ne hanno voluto approfittare subito. Con la sola condizione imposta, quella di dover acquistare una carabina dotata di cannocchiale da mira. E qui cascò l’asino.  Dapprima con diffidenza e poi con un timido entusiasmo, molti cacciatori di selvaggina minuta si sono ritrovati ad intraprendere l’avventura della caccia a palla alla “Grossa selvaggina” e ben pochi dei suddetti avevano in rastrelliera una carabina e ancora meno le nozioni Tecnico-balistiche necessarie per acquistarne una. L’ho già raccontato in molte altre occasioni, ma mi trovo costretto a dover rispolverare  un vecchio episodio che ritengo come una pietra “miliare” col nostro tema.
 
 
Una volta, tanti anni fa, mi recai a visitare l’allora grande armeria Ravizza di Milano. Mi trovavo da quelle parti per lavoro, così sfruttai un sabato mattina per fare qualche piccolo acquisto nel prestigioso negozio. Chi ancora ricorda come era “ Ravizza “ a quei tempi, saprà di certo come i commessi gestivano le vendite. Mentre spulciavo la lista dei componenti di ricarica che dovevo comperare, entrò un distinto signore che andò subito spedito al reparto “Canna rigata” chiedendo: “ Vorrei acquistare una carabina” ed il commesso, competente, gli disse: “ Cosa deve cacciarci ? ” Non  gli chiese di che marca la volesse e sopratutto in che calibro, quello glielo avrebbe consigliato lui, insieme alle munizioni che avrebbe ritenuto più idonee per quel tipo di caccia ed all’ottica che ci avrebbe montato, in base alla sua lunga e collaudata esperienza. Provate a fare lo stesso oggi, in un modesto negozio di Caccia, Pesca, Sport, dove il proprietario fino al giorno prima sapeva consigliarti quali cartucce tirare con la tramontana oppure quelle da usare con il vento di scirocco, mentre incartava una scatoletta di esche vive.  Purtroppo i tempi sono cambiati, i commercianti lavorano esclusivamente su catalogo, non investono più decine di migliaia di euro  per riempire le vetrine e le giacenze di magazzino.
 
 
Puoi ritenerti  fortunato se, entrando in un’armeria, nelle rastrelliere trovi quattro o cinque carabine. A volte sono sufficienti per poter soppesare e scegliere quella che risponde meglio alle nostre esigenze e perché no, quella che più ci ha più colpito esteticamente. Ma poi dobbiamo corredarla di ottica, di attacchi seri e di munizioni che intenderemo utilizzare ed ecco che qui si scatena un irrefrenabile, smodato, irresponsabile “fai da te!” Ci mettiamo davanti al PC o meglio seduti ad un tavolino di un Bar gustando uno Spritz ghiacciato, ed iniziamo col telefonino ad avventurarci nel torbido, oscuro mondo del Web. Morale della favola? Che poi qualche povero Cristo che fa l’armaiolo di professione si vede arrivare in negozio (o su l’uscio di casa nella fattispecie del sottoscritto!) dei personaggi con dietro un’accozzaglia di cianfrusaglie, più o meno inutili, che ti chiedono di assemblarla e di mettere a punto il tutto. No, mi spiace,  sono stanco, non ce la faccio più di star perdere ore ed ore a rattoppare, aggiustare, modificare armi e attacchi perché il proprietario ha fatto degli acquisti a dir poco osceni. Poi per cosa? Per risparmiare due – trecento euro? Negli anni  mi è capitato di dover arrangiare vecchissime BAR in acciaio primo tipo con delle ottiche con le scritte in cirillico o con gli ideogrammi cinesi a persone che in tasca avevano degli IPhon d’ultimissima generazione da1400 euro. Su, bisogna avere un minimo di ritegno e soprattutto anche un certo rispetto per la caccia e per il selvatico da cacciare.
 
 
 
Ormai dove risiedo mi conoscono tutti e tutti ben sanno che, data la mia passione e il mio animo altruista, non so dire di no a nessuno, anche se certe volte faccio davvero fatica a farlo. Ho deciso di sollevare questo, diciamo polverone, perché giorni addietro,  nel mio piccolo laboratorio che per gli amici è: Il Club della Canna Rigata, è venuto a trovarmi un anziano, simpatico signore in ciabatte e pantaloncini, con una vetusta, ma sempre bellissima, carabina Voere Titan calibro 270 Winchester da sistemare.
 
L’arma era stata acquistata presso un’armeria del circondario che stranamente non conoscevo e il buonuomo intendeva montarci sopra un bel cannocchiale Leica ma non aveva né gli attacchi né ovviamente le capacità per farlo. Io sospettai che neanche l’armiere che gliel’aveva venduta le avesse quelle capacità, ma quello è un altro problema..“Che problema c’è” , gli risposi! “Gli attacchi, o almeno le basi, glieli faremo noi su misura, ci monteremo sopra il cannocchiale, preparerò una cinquantina di buone munizioni e poi andremo a tararla!”. Soddisfatto della mia risposta il brav’uomo se ne tornò a casa tutto contento ignaro di quello che poi sarebbe successo. Le basi per gli attacchi, praticamente introvabili perché a base piana e non concava, dovetti costruirle partendo da un semilavorato Contessa, poi usai una coppia di anelli anch’essi prodotti dai cari amici Alessandro e Andrea di Marcheno.  Persi parecchio tempo anche per controllare l’incassatura, per regolare lo scatto un po’ duro, gli diedi anche un’energica pulizia finale e, una volta soddisfatto del mio operato, presi accordi col proprietario dell’arma per andare insieme a provarla al poligono. Perché,  nonostante l’abilità del preparatore e del taratore, gli ultimi colpi al bersaglio “cartaceo” deve sempre tirarli il proprietario dell’arma.
 
 
 
Di solito per mettere il cannocchiale in asse perfetta con la canna e per non avere brutte sorprese al poligono coi Click (nel senso che potrebbero non bastarmi per effettuare la taratura!), uso un collimatore ottico che spesso mi permette di colpire un cerchio di 15-20 cm di diametro a 100 mt. A  volte faccio anche centro, ma comunque consente di recarmi al poligono con un’ arma tarata al 90 e son al 95%. Quel mattino invece, chissà , forse perché me lo sentivo, decisi di sparare il primo colpo a 50. Risultato? Non presi neanche il bersaglio. Ne tirai subito un altro.. idem. Spostai il cartello a 30 metri e provai di nuovo. Colpii 15 cm a dx e 10 in basso, feci le dovute regolazioni e tirai di nuovo. Zero! Colpo fuori sagoma. A posto così!
 
 
Consegnai l’arma al legittimo proprietario pregandolo di riportarla dove l’aveva comperata perché non era in caso di proseguire oltre con quella sofferenza. Interruppi le operazioni di taratura perché continuare a sparare sarebbe stato, oltre che inutile, anche  poco piacevole e dispendioso consumare delle ottime munizioni ricaricate con delle nobili e preziose palle Nosler Partition da130 grani. Demoralizzato come non mai, perché oggigiorno è davvero rarissimo, se non quasi impossibile, trovare una carabina che spari così male, chiesi al proprietari di raccontarmi la sua storia, per intero, partendo dall’inizio. Il buonuomo mi disse di averla pagata, senza attacchi né ottica, la stratosferica cifra di 800 euro, quando con quei soldi avrebbe potuto tranquillamente prendere una Sabatti, una Ruger, una Franchi Horizon, una Browning, una Winchester e forse anche una Bergara nuova. Poi mi confidò che  l’armiere (assolutamente da NON confondere con un armaiolo!), con degli attacchi cinesi da pochi euro accoccati alla bene in meglio e con un cannocchialetto di marca sconosciuta gliel’aveva fatta provare a…36 metri, distanza da lui ritenuta perfetta per il tiro a lunga distanza, asserendo una serie di scuse balistico – geometriche sulle varie intersecazioni del proiettile con la linea di mira! Evidentemente la povera Voere, ultracinquantenne, doveva aver subito qualche brutto trauma durante la sua lunga e gloriosa vita in montagna (visto il calibro!). Ipotizzai che dovessero averci sparato dei colpi con qualche piccola ostruzione nella canna oppure che l’arma dovesse aver subito un urto o chissà che cosa. Di colpi ne doveva aver ricevuti parecchi e come fosse finita in Maremma una carabina destinata alla caccia al camoscio in Alta Montagna rimarrà per noi sempre un mistero! Purtroppo molti cacciatori non hanno ancora capito, e non c’è sordo più sordo di chi non vuol sentire, che la parola risparmio non si coniuga bene né con la parola “caccia” né tanto meno con le parole “caccia a palla con la carabina”.
 
 
 
Nel nostro magico, meraviglioso mondo, non esistono compromessi strani e/o stravaganti, quindi se vogliamo avere armi, ottiche, attacchi ed accessori efficienti, robusti e pratici dobbiamo pagarli il giusto. Stesso discorso vale anche per i lavori di montaggi - accuratizzazione e per la taratura definitiva. Sono un fervidissimo sostenitore del fai da te, purché a praticarlo siano delle persone serie, competenti e dotate di una buona dose di manualità e non degli improvvisati aggiustatori della domenica addestrati dall’IKEA. Un conto è stare molto tempo su una morsa con una lima in mano, un altro è stare invece comodamente seduto su una poltrona davanti allo schermo di un PC. Ho conosciuto delle persone che si sono orgogliosamente montate e tarate i cannocchiali da soli, che poi al poligono non sono mai riuscite a fare una rosata decente e  che a caccia hanno sempre fatto più feriti che morti, è un altro discorso!
 
Purtroppo per tanti appassionati cacciatori l’imperativo è risparmiare! Sempre! Sarebbe da stupidi o da incoscienti non tener conto della crisi economica mondiale e non pretendo che tutti siano come me, che quando ho un soldo in tasca acquisto subito un’arma, un nuovo accessorio, oppure ne compro uno ancora migliore; ma se dobbiamo acquistare un cannocchiale o degli attacchi, che sono accessori FONDAMENTALI per la precisione dell’arma e quindi per il buon esito della caccia, il prezzo ne identifica inequivocabilmente la qualità. Come possiamo pretendere di acquistare una carabina di terza o quarta mano,  un attacco per l’ottica da 30 euro e un cannocchiale da 200 e poi di poterci cacciare la grossa selvaggina in condizioni ideali?  Capisco che un operaio che con un modesto stipendio da metalmeccanico deve mantenere da solo la famiglia  soffre parecchio se deve spendere molto per la sua passione, ma non ammetto invece chi si  ritiene talmente furbo (perché solo Lui sa controllare e ricontrollare i prezzi On Line!) da non voler spendere soldi per la caccia  anche se non ha problemi economici.
 
Per concludere vorrei ricordare che la carabina Bolt Action è senz’altro l’arma che più di ogni altra racchiude tutte le caratteristiche necessarie per il buon esito della caccia di selezione. E’ precisa, pratica, maneggevole, anche bella esteticamente e che non costa un capitale. Fortunatamente ne esistono alcune che valgono ancor più di quello che costano, sono oneste ed hanno delle prestazioni più che sufficienti. Su, facciamolo un piccolo sforzo e cerchiamo di comperarne una decente. Poi, con pochissimi ritocchi all’incassatura, allo scatto, un montaggio corretto dell’ottica e un’ottima munizione i risultati si vedranno di sicuro. 
 


Marco Benecchi
 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.174.124
Aggiungi un commento  Annulla 

11 commenti finora...

Re: Basta! Mi arrendo, avete vinto voi!

Norma TipStike, si vendono anche per la ricarica. Sono anche meglio delle Balistic TIp sia come flessibilita' in termini di balistica terminale sia come facilita' di caricamento massimizzando sia precisione che velocita'. In .308 ci sono da 170 grani. Poca differenza rispetto a 165....

da Flagg  06/09/2022 11.35

Re: Basta! Mi arrendo, avete vinto voi!

ho visto un video di una nota armeria fiorentina dove il saputo fa vedere come i colpi di stoccata vanno a finire a destra del bersaglio , veramente una cosa ridicola di uno che non capisce piu' di tanto, ma e' chiaro che se il fucile non ti viene bene i colpi di stoccata vanno dove gli pare

da Deluso  03/09/2022 15.23

Re: Basta! Mi arrendo, avete vinto voi!

Caspitolina! Mi hai copiato il..kit!
Ora ci vorrebbero le Nosler Ballistic Tip da 165 grani ma....
NON SI TROVANO!!!!!
Sono disperato!
Per gli attacchi io uso i Leupold STD da 40 anni sempre con OTTIMI risultati,
Ma devo dire che la scina Piccatinny e una buona coppiadi anelli FIFFI Contessa non sarebbero da meno
Se vai a rispolverare i miei vecchi articoli sulle mie due Bergara: La green Hunter e la B 14 HMR li vedrai montati entrambi
Per l'altezza ci vogliono gli alti
Già vanno bene,
Ma se non dovesse piacere l'obiettivo quasi attaccato alla canna allora dovresti prendere gli Extra Alti!
Mi raccomando, in entrambi i casi usa una BARRA PILOTA durante il montaggio
Come quella in foto nell'articolo
Altrimenti ti fai una passeggiata, vieni da me che ti monto tutto io
Ovviamente gratis!
Buona
M
e...complimenti per l'acquisto,
Ti darà TANTISSIME soddisfazioni!

da Marco B x Andrea!!!  03/09/2022 11.26

Re: Basta! Mi arrendo, avete vinto voi!

Ciao Marco, ho comprato una Bergara 308 win e un'ottica Delta TITANIUM HD – 2.5-15X56.
Tu che hai il kit identico, quali attacchi hai usato?
Io sarei orientato sui Leupold std, in questo caso quale altezza degli anelli devo scegliere?
Posso usare il tipo non brandeggiabile degli Std?
Sono in dubbio poi in luogo degli std sul prendere una guida picantinny e montarci degli anelli in acciaio fissi o ancora una slitta contessa 12 mm 60° con i relativi anelli.
Nel dubbio, visto la tua notevole ed indiscussa competenza, aspetto un tuo parere, al quale mi adeguerò. Grazie.
Un abbraccio
Andrea

da Andrea  03/09/2022 8.41

Re: Basta! Mi arrendo, avete vinto voi!

solita routine: armieri incompetenti e poco professionali. sono passati dai "pallini" ai "proiettili" senza saperne nulla e hanno fatto ei danni incredibili, che ci trasciniamo dietro da anni e anni . occorre competenza, serietà, professionalità, capacità e onestà! Ma non è cosi

da Franco  31/08/2022 14.45

Re: Basta! Mi arrendo, avete vinto voi!

No. non ho controllato la canna con boroscopio o semplice luce riflessa...
Purtroppo dopo essere stato al poligono ho riconsegnato l'arma al povero proprietario pregando di riportala SUBITO a chi gliel'aveva venduta...
Spero solo che abbia seguito il mio consiglio
M

da Marco B x Massimo  30/08/2022 13.45

Re: Basta! Mi arrendo, avete vinto voi!

Nessuno è nato imparato o quanto meno perfetto. Dispiace perchè sono soldi che se ne vanno assieme alla frustrazione. Chi inizia dovrebbe sempre acquistare un'arma nuova specie se non ha la capacità di capire se è valida o meno. Io ho la mia Cz di 16 anni, comprata nuova, ad un prezzo minimo se paragonato alle qualità balistiche che, nel tempo, ho migliorato (calcio polimerico, poggiaguancia, calciolo, slitta picatinny, etc...) Assieme ai sindacati ed Internet io aggiungerei il tempo: tutto e subito, senza capire o quanto meno tentare di apprendere. A Marco farei una sola domanda: uno sguardo con il boroscopio lo hai dato a questa vecchia signora ? A titolo di mera curiosità, perchè risultati così disastrosi dovrebbero avere come controaltare una canna in condizioni pietose..

da Massimo  30/08/2022 12.58

Re: Basta! Mi arrendo, avete vinto voi!

Disamina perfetta sul disastro perpetuato dai sindacati italiani. Fatte le dovute proporzioni , o non fatte, scegli te, alla pari o peggio della messa in atto del Reddito di cittadinanza. A mio modesto punto di vista.....

Sul resto a vedere dalle foto non mi sembrano attacchi da centinaia di euro..

E comunque sulla tua bravura e conoscenza in materia , nessuno può obiettare nulla !
Come era quella di Renato Zero ? @

da Massy  29/08/2022 10.59

Re: Basta! Mi arrendo, avete vinto voi!

Caro Claudio non posso che darti ragione,
Ma si sa...la MUNIZIONE PREFERITA è un po' come il barbiere, il dottore, il meccanico, il fornaio preferito...
Io uso ESCLUSIVAMENTE palle Nosler Ballistic Tip nel 95% dei calibri che adopero a caccia da almeno 40 anni!
Saluti
Marco

da Marco B x Claudio  28/08/2022 16.35

Re: Basta! Mi arrendo, avete vinto voi!

Sierra GAME KING o PRO HUNTER. Si trovano dappertutto. E non temono confronti.

da Claudio  26/08/2022 20.23

Re: Basta! Mi arrendo, avete vinto voi!

Cari Amici e Colleghi,
E chi se lo sarebbe mai immaginato di dover fare questa fine....?
Mi trovo infatti costretto a fare un APPELLO a tutti Voi perchè possiate aiutarmi a
REPERIRE delle
PALLE NOSLER BALLISTIC TIP DA 165 GRANI CAL. 308
Ormai INTROVABILI da oltre un anni...
Mi rivolgo a chi "per caso" potrebbe riuscire a procurarmene qualche scatola
in qualche armeria , magari poco conosciuta e/o remota che tratta materiale da ricarica..
Io, non so più dove cercarle!
Grazie

NB in caso di successo nella ricerca Vi prego di contattarmi tramite la Redazione
Grazie
Marco

da Marco Benecchi a TUTTI gli amici del Blog  26/08/2022 10.24
Cerca nel Blog
Lista dei Blog