Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<luglio 2022>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
giu13


13/06/2022 10.50 

 
 
Ripensando alla stagione venatoria appena trascorsa, in particolare alla caccia al cinghiale in battuta, mi vengono in mente due vecchi proverbi maremmani: “Meglio pochi ma buoni” e “Tirare al cinghiale in battuta è un fenomeno….annuale!”. Parole sacrosante, primo perché preferisco abbattere pochi cinghiali ma belli grossi e magari portatori di ottimi trofei, piuttosto che una moltitudine di porcastri; secondo, perché alla fortuna davvero non si comanda! Ci sono degli anni che  tiri sempre, ovunque ti mettano di posta, come altri in cui la sfortuna  ti perseguita implacabile, nonostante scaramanzie o strategie che  decidi di adottare. Purtroppo, o per fortuna.. questa è la caccia, anzi è proprio il “bello della caccia!”.  
 
 
Come stavamo dicendo, la stagione venatoria appena trascorsa è stata molto avara d’incontri ma benevola come “qualità”! Infatti, dei pochi cinghiali abbattuti (appena dodici),  molti erano davvero belli sia come mole sia come trofei.  Ma iniziamo dall’inizio, dall’apertura generale!  Di fagiani e di lepri ne avevo trovati il minimo storico, figuriamoci cosa avevo scovato poi ad ottobre. Speravo di rifarmi con la caccia al cinghiale, ma quando ti dice sfiga o  merd.. come dicono i toscani, non devi far altro che rassegnarti, stringere i denti e sperare che vengano tempi migliori. Ho partecipato ad una lunga serie di battute, trascurando parecchio i miei cani da ferma, durante le quali non solo non ho visto l’ombra di un cinghiale, ma puntualmente tiravano sempre le poste che avevo a fianco, sia a destra sia a sinistra. Così oltre al danno anche la beffa, con la solita speranza che prima o poi la sorte sarebbe dovuta cambiare, ma quando?
 
 
 
Grazie a Dio la nostra è una passione sana, primordiale, che ti abitua a situazioni simili, devi solo pazientare e sperare nella clemenza “congiunta” di Diana e Sant’Umberto e di tutti i santi dei boschi perché,  come disse un giorno il mio mentore, il compianto dott. Leonardo Chiri: “Ogni battuta che ti dice male è un buono di fortuna che accumuli”! Con gli anni ho dovuto dargli ragione, perché la sorte cambia sempre, a volte in bene a volte in male, ma non bisogna mai disperare ed essere sempre fiduciosi.
 
Dopo una apertura eclatante in Val d’Orcia, ad un “ tiro di schioppo” da Montalcino, dove ho abbattuto un bellissimo verro con un altrettanto bel tiro da lunga distanza per una larga, nelle dieci battute successive d’interessante ho visto soltanto una bella volpe! Intendiamoci bene, non pretendo di sparare tutte le volte che partecipo a una braccata, perché godermi una spettacolare canizza e una coreografica Cacciarella  Maremmana è più che sufficiente ad appagare la mia passione venatoria, ma non posso certo negare che quando imbraccio una delle mie Browning BAR o la Benelli ARGO  spero sempre di avere un magico faccia a faccia con il “ Re della Macchia“.
 
Comunque, il cinghiale più bello, il più grosso della stagione, l’ho abbattuto a Mantauto, nella riserva consorziale gestita magistralmente con passione, impegno ed anche.... tanta pazienza, dai miei cari amici di Manciano: Davide, Ivaldo, Alberto, Jones,  Marco, Luca etc. . tanto per citarne qualcuno. Nella riserva si caccia soltanto la domenica, ovviamente il giorno di festa, ed ogni battuta, indipendentemente dal carniere, è davvero sempre un evento piacevole perché alle quattordici, raramente più tardi, ci si ritrova tutti insieme intorno ai fuochi per fare baldoria.
 
Un’altra nota positiva della AFV di Montauto è il sorteggio delle poste, così non si fa torto a nessuno. E non solo, se ti organizzi bene con gli amici più intimi, riesci a metterti di posta insieme, vicini.  Quella domenica mattina, al ritrovo trovai Mirto e Maurizio che avevano già preso i bigliettini delle le poste per tutti e tre. A Mirto toccò la 28 a Maurizio la 29 e a me la 30, uno dei miei numeri preferiti. Non a caso il mio povero padre era nato nel 1930, io nel 1960 e mio figlio Giuliano nel 1990. Stando ai bene informati le nostre dovevano essere delle buone poste, piazzate a vento favorevole lungo un tratto di macchia intricatissima che s’affaccia sul mare di Pescia Romana e Fiorentina a due passi da Capalbio e l’Argentario.
 
 
 
Il primo a fermasi fu Mirto, che salutai  con un “in bocca al lupo“ e come risposta ricevetti il solito.. “crepi”. Poi toccò a Maurizio e una trentina di metri più in basso presi posizione anch’io. In quella macchia non c’ero mai stato, quindi non conoscevo né il verso della battuta né tantomeno la potenzialità della mia posta. Durante una battuta al cinghiale è fondamentale cercare di ipotizzare sia dove possono essere le lestre dei selvatici sia le direzioni che potrebbero prendere una volta scovati. Così persi un po’ di tempo per fare il punto della situazione.
  
 
Controllai dove fossero i miei vicini per essere certo di sparare in completa sicurezza. Con occhio esperto studiai la macchia circostante per cercare d’individuare da quanti e quali passi sarebbe potuto arrivare  un cinghiale e dovetti ammettere che la sorte mi aveva assegnato veramente un’ottima postazione. La visibilità era discreta fino a una trentina di metri, cosa alquanto eccezionale per essere nella macchia mediterranea.
 
Dopo aver sistemato lo zaino in modo che non m’intralciasse i movimenti, posizionai lo sgabellino a treppiede, diedi una rapida pulita con le forbici per potare alle ipotetiche linee di tiro e mi sedetti con la fida Browning BAR Composite calibro 30.06 di traverso sulle gambe. Mancava solo il suono del corno, che non tardò ad arrivare, allorché arretrai l’otturatore per camerare una Winchester Supreme Ballistic Silvertip originale da 168 grani in canna, controllai che la mia ottica da puntamento fosse accesa e poi cercai di rilassarmi in paziente attesa. Numerose mute dei cani vennero immediatamente liberate sopra le impronte fresche dei cinghiali, mentre i battitori si schierarono a ventaglio con il vento alle spalle. Non passarono neanche cinque minuti che dopo una brevissima abbaiata a ferma esplose la canizza.
 
 
La sentivo lontanissima, era appena percepibile, ma avanzava inesorabilmente. La grande macchina venatoria s’era messa in moto nel migliore dei modi. Man mano che il tempo passava la canizza era sempre più forte, ma non era lei a preoccuparmi, bensì l’involarsi di tordi, merli e ghiandaie. Infatti fu proprio il chioccolare delle merle che m’indusse a guardare in fondo al bosco verso la mia sinistra, dove vidi una coppia di cinghialotti di una quarantina di chili attraversare un breve tratto scoperto. Imbracciai la BAR ma dalla direzione che avevano preso stavano andando dritti in bocca a Mirto, così li lasciai stare. Il rispetto del tiro è per me la regola più sacra nella caccia in battuta. Poco dopo sentii uno sparo, un grugnito e vidi rotolare in discesa il primo cinghiale Pochi attimi dopo la scena si ripeté ed anche il secondo andò a fare compagnia al primo. Bravissimo Mirto.
 
Aveva fatto una coppiola stupenda, anzi memorabile, se si considera che usa un express Zoli sovrapposto. Two shots two kills! Stando agli spari ipotizzai che sul versante opposto del monte si stessero divertendo parecchio. Pensai alle poste in alto con un pizzico d’invidia, curioso di sapere come stesse andando la battuta da quelle parti. Comunque a ogni secondo che passava  l’abbaiare dei cani si faceva sempre più vicino, avevano addirittura superato il crinale.
 
 
 
Cosa avrei dato per conoscere il vantaggio che il cinghiale aveva sulla muta! Cominciavano a sudarmi le mani, così imbracciai la Browning per controllare che il punto rosso fosse acceso, poi la riabbassai ma sempre pronta. Ora la canizza era a meno di cento metri! Concentrai tutti i sensi in quella direzione ed ecco che sentii quello splendido, emozionantissimo rumore che provoca un cinghiale quando si avvicina alle poste. Si, perché se qualcuno mi chiedesse quali sono le cose che più mi appassionano di una battuta gli risponderei: la canizza, il lavoro dei bracchieri e dei battitori e soprattutto il passo furtivo di un cinghiale quando si avvicina alla posta. Quel trotto inconfondibile, silenzioso ma non troppo, che ti fa saltare il cuore in gola quando lo senti e quando lo riconosci. Quell’animale doveva essere anche grosso. Con la coda dell’occhio vidi che anche Maurizio doveva averlo sentito, perché era pronto col fucile ben imbracciato.
 
Intanto la canizza veniva verso di noi veloce, troppo per avere davanti un cinghiale grosso. Di solito i verri o meglio i vecchi solenghi vengono più piano, camminano quasi svogliati perché sono restii a lasciare le lestre, spesso ingaggiano lotte furiose con gli ausiliari e difficilmente scelgono di fare lunghe fughe. Così mi preparai aspettandomi di veder apparire da un momento all’altro un cinghialotto di media mole come quelli abbattuti da Mirto, invece… La macchia sembrò esplodermi davanti, lasciandomi appena il tempo di mettere il red dot del Leica su una grossa sagoma pelosa di colore grigio-bruno e tirare due colpi prima che mi travolgesse. Benedettissima combinazione BAR, Tempus, Winchester Ballistic Silvertip!
 
Avevo abbattuto  un grosso solengo che stimai bel oltre il quintale, portatore anche di discrete difese. Era proprio quello che ci voleva per farmi dimenticare il lungo periodo di magra. La muta sopraggiunse come un fiume in piena e prese a ringhiare e ad azzannare il cinghiale morto. Nonostante mi fossi premunito di una grossa frasca, riuscii a stento a rimandarli tutti i cacciata. 
 
 
Nelle ore che seguirono fu tutta una cacofonia di canizze e di spari. Non avvistai più cinghiali ma quella massa di setole, muscoli e zanne che avevo ai piedi era la conferma che finalmente la fortuna stava proprio girando.  Intanto le canizze si susseguirono e, con il morale alle stelle mi stavo godendo la battuta come soltanto i canai di Montauto sanno organizzare.
 
 
La mattinata era molto assolata ma nel sottobosco regnava una cupa penombra. Ai margini del mio campo visivo mi sembrò di percepire qualcosa d’insolito. Dove prima c’era un raggio di sole ora c’era un’ombra scura. Un capriolo si stava avvicinando furtivo per cercare di forzare la linea delle poste. Portai lentamente la BAR alla spalla e lo mirai col dito ben lontano dal grilletto. Giusto per il piacere di tenerlo un po’ sotto mira. L’astutissimo animale, come avvertì la mia presenza scattò subito verso il fitto e con pochi lunghi salti si guadagnò la libertà.  
 
 
Come passa il tempo quando ci si diverte! Non mi ero accorto che si era fatto tardi, da lì a poco avremmo dovuto smettere per andare a pranzo al Rialto, dove dei vecchi amici, improvvisati cuochi,  erano impazienti di mettere a scaldare le loro specialità.  Dapprima arrivarono i cani seguiti poi dai loro bravi conduttori, che mi aiutarono mettere in posa il grosso solengo per le immancabile foto di rito.
 
Questa bella avventura che ho avuto la fortuna di vivere nei boschi di Montauto, nel cuore della Maremma Toscana, deve essere da monito per tutti quei colleghi cacciatori di cinghiali che a volte vengono presi dallo sconforto se per un lungo periodo non sparano al cinghiale. Date retta a me, non arrendetevi, non rassegnatevi  ma continuate ad andare a caccia con serietà e passione e vedrete che le soddisfazioni non mancheranno di arrivare. Dimenticavo..per smacchiare il cinghiale occorsero più di dieci persone e chi volesse vedere quel goliardico recupero può farlo guardando il mio filmato su you tube!
 

https://www.youtube.com/watch?v=7xR3OyIII9I

                                                       
Marco  Benecchi
 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.54.144
Aggiungi un commento  Annulla 

2 commenti finora...

Re: La stagione dei solenghi. Caccia al cinghiale a Montauto!

Impressionante il recupero!! Ecco perché io a caccia di selezione, da solo, più di una volta ho rinunciato al tiro ad animali troppo grossi! Specie se erano in basso rispetto a me.

da Dario  18/06/2022 14.23

Re: La stagione dei solenghi. Caccia al cinghiale a Montauto!

Io preferisco i cinghialotti da 30-40 Kg quando posso scegliere. Sempre. Sono i migliori. Sara' perche' mi diletto a cucinare ed al mo paese, siamo un gruppo abbastanza grosso di amici d' infanzia, per meta' fuori sede, ma ci si ritrova 3-4 volte l' anno per banchettare alla grande. Io, l' unico cacciatore. Pochi cinghiali ma buoni anche in questo caso. Anzi quando uno di questi miei carissimi amici, che e' un tartufaro, porta pure del bianco pregiato, porcini e/o castagne, in autunno, e' l'apoteosi!!! Tutto s' incastra alla perfezione. Comunque abbattere un grosso solengo e' sempre un evento e non lo disprezzo affatto. E' sicuramente un' emozione diversa e piu' intensa. I trofei appesi al muro pero' non mi piacciono. Solo qualche foto o video per ricordo e basta. A casa mia trofei non ce ne sono e mai ce ne saranno. Li trovo superati.

da Flagg  13/06/2022 20.16
Cerca nel Blog
Lista dei Blog