Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<agosto 2022>
lunmarmergiovensabdom
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234
Mensile
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
gen25


25/01/2022 10.55 

 
Tempo fa venne a trovarmi un vecchio e carissimo amico da lunga data, per mostrarmi con orgoglio il suo ultimo acquisto: una bella carabina semiautomatica Browning Long Track in calibro 30.06 Springfield. A settant’anni suonati, quell’espertissimo cacciatore di cinghiali e in assoluto uno dei miei primi maestri, si era finalmente “convertito” alla canna rigata. Meglio tardi che mai. Silvano mi aveva portato l’arma per mostrarmela ma anche per montargli un punto rosso, così, mentre io lavoravo con barra pilota, brugole, cacciaviti e Loctite, lui per ingannare il tempo si mise ad ammirare la mia collezione di armi. “Marco, possiedi parecchi fucili, ma non ne hai uno come il mio”. “Che fucile avrai mai di così particolare?” gli risposi, consapevole che, da quando lo conoscevo, aveva sempre usato un vecchio sovrapposto con le canne tagliate! “Ho anche una carabina Winchester M1, come quella che avevo cinquant’anni fa in dotazione quando facevo il militare”. A quel punto l’anziano cacciatore mi sorprese per davvero e gli chiesi se poteva farmela vedere e in che condizioni fosse. “Vado a prenderla subito, così, se ti piace, te la regalo”. Mi colse talmente impreparato che rimasi senza parole. Lo vidi uscire dalla porta di casa svelto come un gatto e ritornare dopo neanche mezz’ora con in mano una “cosa” avvolta in un sacco nero della spazzatura. Mentre Silvano scartava l’involucro immaginai di trovarmi di fronte ad un vecchio cimelio reduce da chissà quante battaglie, invece mi porse una bellissima carabina Iver Johnson praticamente nuova d’arsenale e in ottimo stato, con una bella finitura “parkerizzata” grigio chiaro e dei legni rossicci veramente belli. Insieme alla denuncia mi diede anche circa 200 cartucce! In un batter d’occhio mi ero trovato felicissimo possessore di un pezzo di storia. Per me le armi sono come le donne: devo ancora trovarne una brutta, ma non ho molta passione per quelle ad avancarica come per i vecchi fucili ex ordinanza bolt action. Devo comunque ammettere che la piccola M1 fu veramente un regalo molto gradito.




Una volta “mia”, come tutte le armi che possiedo, per essere degna di entrare nella mia rastrelliera, prima doveva passare un piccolo test al poligono. Dopo aver sparato parecchio a vuoto per familiarizzare con lo scatto, tirai cinque colpi a cinquanta metri. Il funzionamento fu impeccabile, la precisione non male, ma la rosata purtroppo era venti centimetri in basso e spostata di una quindicina sulla destra. Operai sulla semplice ma funzionale diottra e ripetei la serie di colpi. Cinque centri ristretti in un pugno di una mano. Ottimo per il tipo d’arma. Mi considerai abbastanza soddisfatto. Riempii completamente i due caricatori in dotazione da 15 e da 30 colpi e mi divertii a tirarci qualche “raffica”, ma quando vidi che avevo sparato un centinaio di cartucce pensai: “E adesso con questi bossoli cosa ci faccio? Ma che domande: li ricarico!” Perdonatemi il tedioso racconto di come ho avuto la simpatica carabinetta M1, ma volevo farvi sapere come a volte possa essere suscitato il mio interesse verso una munizione.
 
 

Il calibro .30 M1 (7,62 x 33 mm) è nato nel 1941 e precisamente il 15 settembre, il giorno in cui che la Winchester si aggiudicò la commessa per produrre i primi lotti della carabina semiautomatica M1. Chi l’avrebbe mai immaginato che nel corso degli anni ne sarebbero state costruite oltre sei milioni di esemplari? La commissione incaricata all’adozione della nuova arma (l’US Ordinance Department) aveva chiesto ed ottenne una munizione che avesse le seguenti caratteristiche: calibro .308” (7,62 mm, lo stesso del 30.06) peso della palla 110 grani (7,13 grammi); velocità in canna da 18” di circa 600 m/s, energia erogata di 1283 joule (131 Kgm). Il nuovo Cal. 30 Carbine Ball Cartridge M1 non era certo il massimo per affrontare il nemico a lunga distanza, ma si dimostrò molto indicato sia a colpo singolo sia a raffica nelle intricate giungle asiatiche e negli scontri “casa per casa” in molte città europee. Dato che la vita della munizione è parallela a quella della sola arma che l’ha camerata (esiste anche una pistola semiautomatica in calibro .30 Carbine, la AMT, ma non credo che sia più in produzione), vediamo di conoscere un po’ meglio anche quest’ultima. La US Carbine M1A1 (la denominazione ufficiale) è conosciuta da tutti semplicemente come la “Winchester” 30 M1, anche se non tutti sanno che, con diversi gradi di finitura, è stata anche prodotta da ditte come: General Motors, Underwood-Inland, Elliot Fischer, Rock-Ola Manufacturing Corp., Qualità Hardware, National Postal Meter, Standard Products, I.B.M, Saginaw e appunto la Iver Johnson.

 
La M1A1 era un’arma nata principalmente per equipaggiare i soldati non impegnati in prima linea, ma ben presto le sue caratteristiche di maneggevolezza, leggerezza, affidabilità e di precisione, abbinate ad un rinculo molto esiguo e ad un discreto potere invalidante, la fece diventare una delle protagoniste della seconda guerra mondiale. Sulla scia del successo ottenuto dal modello M1A1, seguirono subito il mod. M1A2 col calcio pieghevole, l’M2 dotato di selettore per il tiro a raffica e il caricatore da 30 colpi, ed infine l’M3, con cannocchiale ad infrarossi espressamente concepito per il “cecchinaggio” notturno. La M1A1 meccanicamente assomiglia ad un Garand in miniatura; adotta un sistema di presa gas molto simile e con lo stesso otturatore rotante a due alette. E’ una carabina di facile manutenzione e di grande maneggevolezza e mi permetto di affermare che sia il munizionamento (né da pistola, né da fucile) sia il concetto d’arma, sono stati i progenitori di tutti i moderni fucili d’assalto. Che la Ruger si sia ispirata alla M1 per la sua Deerstalking 44 Magnum ed anche per la Mini 14 è innegabile, così come la Winchester per il modello 100 e la Erma tedesca per una serie di carabine in calibro 22 LR. Inoltre c’è da ricordare che tra tutte le armi ex ordinanza reduci dalla 2° WW, la carabina M1A1 è tuttora l’unica ad essere ancora in servizio presso diversi eserciti regolari (compreso il nostro) e in moltissime forze armate irregolari o gruppi paramilitari. Se faceste attenzione ai reportage televisivi, la vedreste spesso nelle mani di chi ancora combatte guerre dimenticate in nome di chissà quale causa.
 
 

Venatoriamente parlando, il calibro .30 Carbine potrebbe arrivare (e sottolineo “potrebbe” perché purtroppo non ho avuto modo di provarlo personalmente) ad abbattere fino a 100-50 metri di distanza un selvatico della mole di un capriolo, ma chi oserebbe farlo? Può andar bene per un tiro occasionale ad una volpe oppure per la caccia di contenimento alle nutrie, ma esistono senz’altro mezzi e calibri più appropriati. La carabina M1A1 va apprezzata ed amata per quello che è: un’onesta arma ben costruita, compatta, bilanciata e soprattutto molto piacevole da usare. La vedrei nelle mani dei guardacaccia come arma per la difesa personale o quella abitativa per chi vive in campagna o fuori dai centri urbani. Col suo bel caricatore a banana da 30 colpi montato ha senza dubbio un aspetto abbastanza deterrente. Oggi tutte le maggiori case produttrici di munizioni hanno in catalogo cartucce finite in calibro .30 Carbine, comprese quelle europee (addirittura anche la RWS). Tutte adottano palle da 110 grani ma almeno in varie configurazioni. Oltre alla classica Full Metal Jacket se ne trovano a punta cava HSP, a punta tonda RN ed anche Spitzer Soft Point. Il loro costo è contenuto e sono tutte di ottima fattura, ma nessuno ci impedisce di prepararcene “ad Hoc” ricorrendo alla ricarica casalinga. Dies e Shell Holder, anche se non comunissimi, sono abbastanza reperibili. Non so poi se convenga più comprare i bossoli nuovi o un qualsiasi tipo di munizione di derivazione militare. Per inneschi monta dei normali Small Rifle tipo: CCI 400, Federal 200, WW 6 1/5-116, Rem. 6 ½. Per la ricarica del calibro 30 M1 Carbine possono essere utilizzate palle da 85, 90, 100, 110, 112, 115 e 120 grani; come mia abitudine elencherò alcuni dati di ricarica relativi all’utilizzo di palle che rientrano come granitura nello standard del calibro. Qualsiasi tipo o peso di palla utilizzeremo, onde evitare malfunzionamenti, sarà necessario mantenere la lunghezza della munizione finita entro i 42,7 millimetri.






Peccato che la piccola e simpatica carabina M1A1 non sia possibile utilizzarla per un impiego venatorio, ma in compenso la sua grande maneggevolezza ed il basso costo delle munizioni possono tornare molto utili per allenarci nel tiro informale, magari per sparare alla sagoma del cinghiale corrente e quindi per prendere la necessaria confidenza con una carabina semiautomatica prima di confrontarsi con il “Re della macchia”.



Marco Benecchi
 
 
 


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.134.156
Aggiungi un commento  Annulla 

10 commenti finora...

Re: Carabine: Il calibro .30 M 1

le bergara sono fuciletti

da Bobo craxi  13/02/2022 18.55

Re: Carabine: Il calibro .30 M 1

Ma''' , tutti sti calibri... un bel 308w e assortimento di cariche ci fate di tutto e di piu'. Ma che cxxxxxo andate cercando .

da Bobo craxi  13/02/2022 18.55

Re: Carabine: Il calibro .30 M 1

Caro Simone..
Siamo partito MOLTO male!
Se mi ridarai del Lei oppure mi definisci ancora egregio...
Litighiamo davvero
Nei NOSTRI Blog,
Siamo Tutti amici e agli amici si da del tu....
Ora possiamo procedere

Non dico che la lUPO è una cattiva arma, ma ancora devo imbracciare (sul serio intendo!) una
Quindi non è il caso di pronunciarsi..
La TIKKA è semplicemente SUPERBA!
Tutti i modelli
Io caccio con due BERGARE B 14..
Vedi tu...
Comunque ti consiglierei di "farti le ossa"
Di prendere confidenza con la vecchia, mitica, onestissima CZ
Pesa un pochino?
Pazienza, mica devi andarci a fagiani e/o a tordi allo schizzo!
Per quanto riguarda il discorso OTTICHE,
Tolte le grandi MARCHE che sono TUTTE una garanzia, visto anche il loro prezzo,
Nella fascia MEDIA io scegliere due sole marche: DELTA e KITE...
Vedi tu,
Un caro saluto
M

NB per capriolo e daino usa delle Nosler Ballistic Tip da 150 grani
Per cinghiale e cervo stessa palla ma da 165 grani...
Non farti indurre dalla tentazione..
Non salire di peso....
La 180 grani in 30.06 va bene per orsi alci e cervi danubiani!

da Marco B x Simone  03/02/2022 14.02

Re: Carabine: Il calibro .30 M 1

Egregio sig. Benecchi, ho superato il corso da selecontrollore, facendo le prove con una cz 550 in 30.06.
La mia carabina è precisa, ma pesante ed ingombrante.
Mi piacerebbe acquistare qualcosa di più leggero e maneggevole.
Ho visto, leggendo suoi precedenti post, la Tikka t 3 e la Benelli Lupo.
Già conosco quello che pensa della Tikka, cosa ne pensa della nuova Benelli?
Quale acquisterebbe tra le due?
Come ottica sarei orientato sulla Meopta Optica 6, opinioni?
Un ringraziamento per il tempo che le ho sottratto ed un saluto.
Simone

da Simone  02/02/2022 11.29

Re: Carabine: Il calibro .30 M 1

x il beccamorto sotto tu di calibri non capisci una nerchia

da x il beccamorto eugenia  30/01/2022 3.09

Re: Carabine: Il calibro .30 M 1

Il fatto che un'arma fosse la prediletta di un delinquente non significa che fosse particolarmente valida
Una delle armi preferite da Dillinger era il Winchester 1907 calibro .351 WSL.
E con ciò cosa dimostri?
La M1 è un grazioso giocattolo ma la cartuccia non vale niente.

da eugenio  29/01/2022 20.30

Re: Carabine: Il calibro .30 M 1

eugeniuccio vai su lo cesso

da x eugenio sul cesso ha ha ah  28/01/2022 20.51

Re: Carabine: Il calibro .30 M 1

Mi perdoni,
Semmai fosse appassionato di storia,
Magari cme me....
Mi ero dimenticato di dirle che sia la Carabina M1 sia il calibro in essa camerato erano i preferiti del comandante Che Guevara...

da Marco Benecchi x Eugenio  28/01/2022 18.07

Re: Carabine: Il calibro .30 M 1

L'articolo ha avuto successo, perchè l'ha letto Lei..
Quindi ..questo già è tanto..
Un articolo deve essere "informativo" non deve riscuotere successo...
Perchè..non è un prodotto........... in vendita..
INOLTRE la munizione di successo ne ha avuto MOLTISSIMO,
Ha fatto una guerra mondiale ed è ANCORA in servizio in Italia presso i nostri carabinieri!
Più successo di così...

da Marco Benecchi x Eugenio  28/01/2022 15.29

Re: Carabine: Il calibro .30 M 1

Che successo la munizione!
Che successo l'articolo!

da eugenio  28/01/2022 8.50
Cerca nel Blog
Lista dei Blog