Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2021>
lunmarmergiovensabdom
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293012345
Mensile
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov24


24/11/2021 15.21 

 
 
 
 
La cartuccia calibro 7 x 66 Vom Hofe, nota anche come 7 x 66 Vom Hofe Super Express, 7 x 66 Belted, 7 x 66 Super Express, 7 x 66 Vom Hofe High-Velocity, 7 x 66 Vom Hofe Belted, ecc, fu sviluppata da Walter Gehmann su ispirazione di August Ernest Vom Hofe tra il 1956 e il 1958. Gehmann, noto campione di tiro con la carabina ed appassionato di munizioni dalle alte prestazioni, era rimasto molto impressionato dagli studi fatti da Vom Hofe, un esperto tedesco di fucili da caccia in grosso calibro, che intorno agli anni Trenta, oltre alla 7 x 66, mise a punto altri capolavori balistici come il 5,6 x 61 e il 5,6 x 66 VHSE (le più potenti .22 a percussione centrale europee ed ancora oggi tra le 5,6 mm più veloci), il 7 x 73, il 7 x 75 R e il 9,6 x 66. Sembra che per creare il 7 x 66 VHSE Gehmann e Vhon Hofe siano partiti dal bossolo del .404 Jeffery, semplicemente riducendo il diametro del colletto, fino a consentire l'introduzione di un proiettile del diametro nominale di 7,21 mm – 284” e da una carabina svedese Husqvarna.
 
 

Il 7 x 66 è una cartuccia molto potente, capace di sviluppare elevatissime velocità alla bocca con pressioni di esercizio notevoli. Quando fu presentata sul mercato europeo e mondiale ancora non esisteva la 7 mm Remington Magnum (che apparve nel 1963) e tutta la nutrita famiglia delle 7 mm ad alta intensità, così si guadagnò subito l’appellativo di “sette millimetri” più potente al mondo. Anche dopo la comparsa della famosa quanto fortunata cartuccia americana, il 7 x 66 VHSE è rimasta una cartuccia molto valida e per molti aspetti migliore della popolarissima concorrente americana perché meglio proporzionata e con un bossolo più capiente, che permette di sviluppare velocità uguali a quelle della 7 mm Remington ma con pressioni più basse. Coerentemente con la filosofia progettuale tedesca nel campo delle cartucce metalliche da caccia, anche la 7 x 66, come la 6,5 x 68 e l’8 x 68 Shuler, adotta un bossolo “Redated Rimless”, cioè di tipo Rimless, ma con il collarino di diametro inferiore a quello del corpo del bossolo, anche se di pochi decimi. In comune con queste due cartucce presenta un bossolo d’insolita robustezza, sia delle pareti sia del fondello, cosa quest’ultima che la mette in grado di tollerare senza cedimenti elevate pressioni di esercizio superiori alle 3800 atmosfere. Tutte le carabine per essa camerate, per lo più di fabbricazione tedesca o austriaca, sono tutte costruite con free boring piuttosto lunghi. Il diametro del fondello della 7 x 66 è di 12,8 mm e quello del corpo subito al di sopra della scanalatura per l’estrattore è di 13,7 mm, in pratica le stesse quote della 6,5 mm e della 8x68, tanto che sarebbe possibile ricavare per fire-forming i bossoli calibro 7 x 66 dai 6,5 x 68 dopo averne dilatato il collo per palle di 7mm. Stando a quanto dice Frank Barnes nel suo splendido libro Cartridges of the World, che le armi prodotte da Vom Hofe negli anni precedenti la seconda guerra mondiale avevano un particolare profilo della camera a livello della spalla. Barnes la definisce come “Venturi type Shoulder”, con la spalla a due angoli, e non si capisce bene da dove egli abbia preso quella definizione.
 
 
 

Le attività di Vom Hofe e di Gehmann, s’interruppero durante il conflitto mondiale, e solo quest’ultimo riprese a costruire armi dopo la cessazione delle ostilità. Le cartucce originali prodotte nell’immediato dopoguerra recavano sul fondello la scritta “7 mm Super Expr. Vom Hofe” con una “K” e una “V” contrapposte, mentre i bossoli di recente produzione sono marcati “V Hofe 7 x 66 S.E. W.Gehmann”.

Restando in tema, può capitare di trovare ancora dei bossoli 7 x 66 con sedi innesco Berdan (con incudine e doppio foro) che se qualcuno li ritiene non proprio ricaricabili, o meglio non decapsulabili con i comuni dies, con un certo le sforzo possono comunque essere utilizzati dal ricaricatore. Attualmente cartucce originali cariche calibro 7 x 66 le produce la Norma con palla Nosler Partition di 140 grani JSP che raggiungono i 1040 m/s in canna da 660 mm (26”), se ne possono trovare prodotte dalla RWS con palla da 170 grani Torpedo Storping (905,2 m/sec e 459,6 kgm di energia) e forse in qualche fondo di magazzino esistono ancora quelle prodotte dalla DWM di Karlsruhe con palla StarkMantel da 172 grani oppure le originali Inhaber Walter Gehmann con palla Hornady Spire Point da 140 grani in confezioni da dieci, nella caratteristica scatolina di cartone verde pallido bordata di nero.
 
 

Sebbene le cartucce commerciali non superino mai, in nessun caso, i 460 kgm, la 7 x 66 VHSE è una munizione capace di raggiungere senza particolari problemi energie cinetiche prossime ai 480-500 chilogrammetri. Cosa comunque da evitare per non creare inutili stress sia all’arma sia ai bossoli. Quindi è sempre meglio restare al di sotto di queste quote. La 7 x 66 è nata come munizione prettamente da caccia, quindi in grado di abbattere pulitamente qualsiasi selvatico europeo e anche selvaggina africana e nord americana a patto di usare sempre delle palle adeguate. Per la caccia al capriolo ed al camoscio possono andar bene le 140-150 grani che non temono condizioni meteorologiche avverse e all’occorrenza possono dire la loro anche contro lo stambecco, che può tranquillamente superare il quintale di peso, ed il cervo. Da ricordare che una palla da 140 grani tarata a duecentoventi metri di distanza, a trecento ha appena un calo di 14 centimetri. L’uso di palle pesanti come le 160-175 grani è giustificato soltanto per cacciare selvatici veramente grossi come i cervi danubiani, i cinghiali dell’est Europa, l’orso bruno e l’alce.
 

Pur avendo goduto di una buona diffusione durante il secondo dopoguerra, la fama ed il prestigi del 7 x 66 VHSE sono stati oscurati dall’avvento di nuove cartucce statunitensi senz’altro più pubblicizzate, fornite con una gamma di palle più completa e soprattutto molto più economiche. Inoltre, l’essere sempre stato camerato in armi di gran pregio, ha certamente contribuito a limitarne la diffusione. Potremmo dire che il 7 x 66 VH è stato un calibro sfortunato perché a differenza dei suoi “cugini” ideati da Shuler, esistono molte, se non troppe, munizione alternative. Come spesso accade per quasi tutte le vecchie ed inusuali munizioni da caccia, anche per il 7 x 66 la ricarica casalinga diventa veramente d’importanza “strategica”, se non si vuole correre il rischio di ritrovarsi tra le mani una splendida carabina, ma inutilizzabile per una prematura scomparsa di munizioni commerciali. Nel nostro caso la ricarica non deve essere vista come un mezzo economico ed alternativo alle cartucce di fabbrica, magari per poter sparare a destra e a manca senza limitazioni, ma una garanzia contro insane scelte di mercato. Non dimentichiamo poi che la 7 x 66 VHSE resta pur sempre una potente e valida alternativa al 7mm Remington, al 7 x 61 S & H, al 7 mm STW, al 7 mm WM, al 7 SAUM, al 7 WSM, ecc. Può essere attualmente considerata come una splendida cartuccia da caccia grossa elitaria per così dire, destinata ai molti appassionati di caccia, di belle armi, della cultura mitteleuropea e delle sue tradizioni. Il 7 mm VHSE non è molto nota e diffusa in Italia, ma credo che in Germania e Austria abbia ancora molti estimatori, perchè capace di offrire grandi soddisfazioni in ambito venatorio e gratificare con il solo possesso. A puro titolo informativo pubblichiamo il solito piccolo studio di ricarica espressamente concepito per un uso venatorio.
 

Ho scelto soltanto tre pesi di palle: 140, 162 e 175 grani, per tutte le ricariche sono stati usati bossoli di produzione Norma (ma è possibile trovare anche piccoli lotti di bossoli B.E.L.L. e Bertan) ed inneschi CCI Large Rifle Magnum. Per i propellenti più indicati per la ricarica del 7 x 66 la scelta è caduta su quelli altamente progressivi maggiormente reperibili sul nostro mercato. Le dosi elencate sono da considerarsi come massime e da raggiungere per gradi partendo da dosi inferiori di circa il 5 %.

 
Polvere  Dose (grani) Palla (grani) Velocità (ft/sec)
Norma MRP
75
140 3.298
Norma MRP 70  162 3.120
Norma MRP
69
175 2.998
IMR 4350
68 140 3.279
IMR 4350 63 162 3.010
IMR 4350 52 175 2.918
IMR 4831 71 140 3.287
IMR 4831 66 162 3.089
IMR 4831 64  175 2.970
H 4831
75 140 3.259
H 4831 72 162 3.082
H 4831 70 175 2.936
V.N160 72 140 3.237
V.N160
70 162 3.085
V.N160 68  175 2.883
V.N560 74 140 3.267
V.N560 72  162 3.133
V.N560 71  175 2.993
Vectan T 8000
74 140 3.283
Vectan T 8000 72 162 3.165
Vectan T 8000 70 175 2.977
 
 

Purtroppo le combinazioni descritte non sono molte, ma possiamo ritenerle sufficienti. D’altro canto la scelta di palle calibro 7,21 mm – 284” reperibili sul nostro mercato è invece notevolissima. Sarà compito nostro scegliere attentamente il tipo di palla da caricare in funzione del selvatico che intenderemo cacciare. Una regola che si è dimostrata molto valida sul terreno di caccia è quella che impone l’utilizzo di una palla leggera ed a rapida espansione quando si vogliono cacciare animali di modeste dimensioni, mentre viceversa sarà bene utilizzare una palla pesante e di struttura robusta se intenderemo cacciare grossi selvatici a pelle dura ed in terreno coperto. Il 7 x 66 Vom Hofe Super Express possiede delle caratteristiche balistiche eccezionali da sfruttare al meglio nel rispetto del buon senso, dell’etica venatoria e con un pizzico di stile in più che, specialmente oggi, non guasta di certo.

Marco Benecchi



Diametro massimo del proiettile 7,21mm (.284")
Lunghezza massima della cartuccia assemblata (O.A.L.) da 83,8mm a 87,00mm.
Lunghezza massima del bossolo  65,64 mm, ma in sede di ricarica casalinga i bossoli vengono tagliati e rifilati a 65,40 mm esatti
Lunghezza del bossolo alla spalla 61,60mm
Lunghezza del bossolo sotto la spalla   53,50mm
Diametro del colletto da 8,02mm a 8,08mm
Diametro alla base della spalla 12,66mm
Diametro alla base del corpo 13,78mm
Diametro del fondello 17,47mm
Pressione di esercizio (media massimale) 3800 atm
Tipologia degli inneschi Large Rifle Magnum
Passo di rigatura (commerciale) tipico Twist di un giro in 9" per canne da 660mm (26")
Esistono anche armi con passo di 1 giro in 10"



Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.68.50.190
Aggiungi un commento  Annulla 

9 commenti finora...

Re: La Cartuccia 7 x 66 mm Vom Hofe Super Express

Le cartucce cariche sono (forse) disponibili da Bignami o almeno così risulta dalla rete.
Un'altra fonte sicura è Dorfner di Vienna (email [email protected]) che presenta però due problemi pratici la lingua e il passaggio della frontiera (licenza importazione ecc.).
I bossoli sembra siano disponibili presso l'Armeria Roma (telefono 06 66410 019 email [email protected]) o almeno così risulta in rete.

da bansberia x rifle man  30/11/2021 9.25

Re: La Cartuccia 7 x 66 mm Vom Hofe Super Express

RCBS produce i dies. Casomai i bossoli nuovi sono il problema piu' grosso. Tuttavia Horneber e SHM sono due ditte che ancora li fanno ed e' possibile trovarli occasionalmente preso le buone armerie. Cerca in rete e li trovi sicuro con un po' di pazienza, basta mettere le parole chiave "7x66 dies" oppure "bossoli 7x66". Altrimenti, il modo alternativo per avere i bossoli e' comprare cartucce in tale calibro. La ditta francese Sologne produce 2 cartucce in 7x66: una con la Ballistic Tip da 150 grani ed una con la monolitica GPA da 150 grani. La GPA e' una palla tutta in rame a frammentazione, una delle migliori dal punto di vista tdella balistica terminale. Per uso generico in qualunque calibro ha dei limiti a causa del coefficiente balistico modesto ma non nel 7x66 che grazie alla sua elevata velocita' iniziale consente di sfruttarla sicuramente fino a 250 metri. Ultima spiaggia e' formare i bossoli in 7x66 a partire dal 6.5x68 ma questa e' una soluzione solo per gente esperta..... Di proiettili in 7 mm c'e' l' imbarazzo della scelta. Volendone caricare uno soltanto i starei sui 160-165 grani e gia' su questo peso specifico c'e' ne stanno una miriade....magari uno non troppo soft viste le elevate velocita' in gioco.

da Flagg  29/11/2021 14.16

Ricarica 7x66

Qualcuno ha trovato dei dies per la ricarica del 7x66? Io possiedo una carabina, che il mio trisavolo aveva largamente utilizzato, camerata in questo ammirevole calibro. Tuttavia non possiedo nè proiettili pronti nè mezzi per produrne specificatamente di questo calibro

da Rifle man  28/11/2021 19.57

Re: La Cartuccia 7 x 66 mm Vom Hofe Super Express

Mah, a me sembra che il 7 mm Rem Mag non sia un calbiro in declino quindi non vedo perche' il 7x66 debba scomparire. E' solo un calibro di nicchia e quindi piu' costoso ma e' pure un po' piu' performante. C'e' un articolo sul sito della Norma (Norma Academy) ad opera di un italiano....la sua esperienza con i vari proiettili fino ad appordare alla TipStrike da 160 grani che nella ricarica finale (e che spara con precisione) viene lanciata a 965 m/s....mica robetta! Non e' solo questione di tirare a 300 metri senza fare troppi calcoli ma anche questione di che animale si tratta. Selvaggina di mole importante come un cervo, a 300-350 metri non si puo' cacciare con un calibretto o un piu' grosso ma loffio, pena morte lenta e patemi vari. Giorni fa dissi che con un .308 ci sipotrebbe conviere tranquillamente come unico calibro e non ho cambiato idea pero' ci sono dei limiti. Se un .300Win Mag e' ottimale fino 350 metri in una determinata situazione, tanto per dire, il .308 fara' lo stesso lavoro fino 200-250 usando lo stesso proiettile.

da Flagg  26/11/2021 19.35

Re: La Cartuccia 7 x 66 mm Vom Hofe Super Express

Caro Amico mio,
Ne stavamo parlando poco fa con un amico che oggi ha comperato una bella TIKKA T 3 Lite Roughten calibro 308 da usare per cinghiali (prevalentemente) ma anche per caprioli e daini in selezione.
Parlavamo di caccia in montagna e di calibri radenti
Materie di cui tu sei espertissimo.
Come tutti ben ricordiamo i calibri che fino a qualche decennio andavano per la maggiore per la caccia al camoscio erano i Weatherby 240 - 257 - 270 e il mitico 6,5 x 68 Shuler.
Perchè? Perchè avevano una radenza tale da sembrare lineare
Praticamente dai 50 ai 300 mt stavi sempre "dentro" l'animale...
Ancora perchè...la stima delle distanze era molto approssimativa..
Chi non poteva spendere ripiegava sul 270 Winchester, molto più economico sia come prezzo delle armi sia come costo delle munizioni.
Poi sono arrivati i telemetri e tutto è diventato più facile...
Ed ecco che "anche" il 308 può essere adatto alla caccia in montagna!.
Ma il buon 7 VHSE era davvero destinato ad una utenza molto elittaria proprio in funzione dei costi...
Vedi le armi che lo cameravano (custom o Mauser Europa) visto il costo delle munizioni che negli anni 90 giravano sulle 12.000 lire cadauna!

M

da Marco B x Bansberia  26/11/2021 17.37

Re: La Cartuccia 7 x 66 mm Vom Hofe Super Express

Ossia non e' che non serve ma c'e' di meglio allora alla fine diventa tutto tanto per chiacchoerare e allora

da bobu  26/11/2021 14.01

Re: La Cartuccia 7 x 66 mm Vom Hofe Super Express

e che ci fai con sto' calibro non serve a niente

da bobo'  26/11/2021 13.59

Re: La Cartuccia 7 x 66 mm Vom Hofe Super Express

Concordo sulla prima parte dei commenti ma non credo che il 7x66 possa ancora avere una nicchia in futuro.
Gli stravolgimenti (telemetri, torrette balistiche, ecc.) sono arrivati e stanno, sia pur lentamente, eliminando i calibri "buoni fino a 300 m senza correzioni".
Penso che anche questa creatura di Vom Hofe, insieme con il 5,6x61, sia destinata al dimenticatoio.
Ciò non significa che i possessori di carabina così camerata debbano svendere o rottamare l'arma.

da bansberia x flagg  26/11/2021 8.56

Re: La Cartuccia 7 x 66 mm Vom Hofe Super Express

Il 7x66 VH ha la spalla di 30 gradi come il 6x47, 6mm Creedmoor, 6XC, 6mm ARC, 6.5x47 Lapua, 6.5 mm Creedmoore, 6.5 mm PRC, 7 mm SAUM...in pratica TUTTE le cartucce oggi piu' popolari per il tiro di precisione sulla lunga distanza. Vom Hofe aveva davvero estratto un jolly, Sfortunatamente, il successo commerciale e' solo in minima parte legato alla bonta' del progetto e molto piu' ad altre questioni al di fuori della balistica. Ms l' appassionato sorvola sull' aspetto meramente commerciale grazie al fatto che per estrarre veramente il massimo potenziale la ricarica e' l' unica strada. Naturalmente il 7x66 e' poco adatto alle piu' comuni competizioni di tiro a segno per via del rinculo e la durata della canna rispetto ad un 7 mm SAUM tanto per rimanere sullo stesso calibro. Ma, secondo me, avra' sempre la sua nicchia a meno di stravolgimenti....

da Flagg  24/11/2021 23.52
Cerca nel Blog
Lista dei Blog