Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<gennaio 2021>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
set2


02/09/2009 16.00 

L'Alce Europeo
 
Quando anni fa decisi di accantonare per un momento le armi e la caccia per dedicarmi alla “penna” e allo scrivere, lo feci perché  dagli articoli che leggevo sulle Riviste specializzate sul nostro magico mondo,  capivo che molti dei più gettonati “esperti” di armi e di calibri da caccia non avevano neanche la licenza!
 
Chiunque può scrivere di pesca, vela, golf, tennis ecc., basta che si documenti a dovere e che sappia fare un buon “collage” di quel che ha appreso. Ma se un vero appassionato vuole svolgere un lavoro estremamente professionale, permettendosi anche di dare alcuni buoni consigli, deve poter scrivere di cose che conosce alla perfezione, in base alle proprie esperienze personali acquisite sul campo, sia direttamente che indirettamente, ma sempre tassativamente sul “campo”, e non stando seduti dietro ad una scrivania. Per questo motivo ho sempre cercato di trattare argomenti di cui ho una certa esperienza oppure mi sono avvalso di quella di molti altri validi cacciatori con cui ho avuto l’occasione di scambiare opinioni personali.
 
Perdonatemi lo sfogo, ma ho voluto “mettere i puntini sulle i” perché non mi sarei mai permesso di dedicare questo piccolo studio sulle armi e sui calibri per la caccia all’alce europeo se prima non gli avessi dato la caccia per una decina di giorni! Sottolineo alce europeo perché come mole, più che come abitudini,  si distingue sia da quello del Nord America che da quello Eurasiatico (il grande alce siberiano e quello della penisola del Kamchakta). Come nostra abitudine cerchiamo di conoscere meglio il signore del Grande Nord .
 
L'ALCE EUROPEO: CARATTERISTICHE GENERALI
 
L’alce è un selvatico molto diffuso in tutti i Paesi Scandinavi e in buona parte del Nord Europa. Lo si trova appunto in Polonia, in alcune Repubbliche baltiche e in molti dei Paesi dell’Ex Unione Sovietica, dove la specie gode di ottima salute grazie soprattutto alla caccia regolamentata e selettiva. Questi sono i suoi dati sistematici, biometrici e morfologici: Classe: Mammiferi; Super ordine: Ungulati; Ordine: Artiodattili; Sottordine: Ruminanti; Famiglia: Cervidi; Gruppo: Telemetacarpali; Sottofamiglia: Odocoilini; Genere: Alces; Specie: Alces; Sottospecie Alces alces alces. Lunghezza del corpo: 200 – 300 cm; Altezza al garrese: 160 -200 cm; Peso: 250 – 600 Kg; Accoppiamento: Settembre – Ottobre; Gestazione: 224 – 243 giorni; Parto: Maggio – Giugno; Nascituri: 1 – 2; Lunghezza media della vita: 8 – 10 anni, ma si conoscono casi di addirittura 15 – 16 anni. Il trofeo cade da dicembre a febbraio e rispunta in primavera fino allo sviluppo completo, privo di velluto,  in agosto. I francesi lo chiamano Elan, i tedeschi, Elch – Eleutier, gli inglesi Elk, i russi Los, i norvegesi, Elg, gli svedesi Alg e i finlandesi, Hirwi. E’ un ottimo nuotatore ed un possente corridore, i suoi lunghi arti gli permettono di raggiungere  i 55 km/h anche su terreni impervi e/o innevati. Ama la tranquillità che possono offrirgli le immense foreste di conifere, latifoglie, faggeti, betulle e le paludi e gli acquitrini. Si pensa che in passato fosse presente addirittura nelle pianure lombarde. Si nutre soprattutto di foglie di salice, di betulle, di ontano e di sorbo. Non disdegna felci, muschi, licheni e le piante acquatiche, ma è il salice la base della sua alimentazione, perché si è notato che dove questo albero manca l’alce non prospera e i suoi palchi sono scadenti. Vive isolato o in piccoli gruppi e,  oltre all’orso e ai lupi (se in branco), non teme nessun altro predatore. Si racconta che in condizioni particolari è stato abbattuto persino dai ghiottoni, di cui conosciamo l’aggressività e la ferocia.
 
LA CACCIA ALL'ALCE
 
La caccia all’alce in Europa si pratica in battuta, all’aspetto (Stalking) ed alla cerca (Walking) durante il periodo degli amori anche con l’uso di un richiamo,  e alla “ferma” con un buon cane Jamten.
 
In battuta
 
La caccia in battuta è simile a quella praticata per tutti gli altri ungulati. Non è molto diversa da una “Cacciarella” maremmana anche se di solito si pratica con meno persone e con pochissimi cani.
 
La caccia all’aspetto si pratica in solitario in quelle zone dove la densità dei selvatici è molto alta. Lo si apposta all’alba e al crepuscolo ai margini della tundra o presso gli acquitrini dove è solito uscire in pastura. La caccia alla cerca si svolge invece nei boschi radi e abbastanza puliti dove è maggiore la visibilità anche a lunga distanza. E’ preferibile praticarla durante la stagione degli amori e accompagnati da una espertissima guida locale che, all’occorrenza, riesce a individuare ed attirare i maschi anche con l’aiuto di un richiamo acustico.
 
Alla ferma
 
L’ultima tecnica di caccia, la più bella, la più difficile e la più emozionante è quella  alla “Ferma” con il cane. L’avete mai provata? No? Allora dovreste provarla almeno una volta nella vita. Cercherò di descriverla, ma difficilmente riuscirò a trasmettervi le emozioni che è in grado di suscitare.
 
La caccia alla “Ferma”, come s’intuisce dal termine stesso, consiste nel cercare le tracce di un grosso alce, seguirle, liberarci sopra un cane specialista di razza Jamten (sembra un incrocio tra un Husky-Malamute e un lupo siberiano) ed aspettare che questi lo trovi. Una volta trovato l’alce, un buon cane lo deve bloccare per consentire al cacciatore di abbatterlo con un colpo preciso dopo averlo valutato attentamente. Purtroppo spesso è più facile a dire che a fare, ed il bello sta tutto lì. Innanzi tutto ci sono da percorrere diversi chilometri prima di trovare la traccia giusta su cui liberare il cane, inoltre non è detto che il cane trovi subito l’alce, anzi  spesso il preziosissimo ausiliare (Kung, lo Jamten con cui ho cacciato era assicurato per 25.000 €!) si allontana talmente tanto che il conduttore per mantenere il contatto è costretto a mettergli un radio collare munito di antenna. Raggiunto l’alce il cane deve cercare di bloccarlo abbaiando e ringhiando in attesa del cacciatore. La guida che lo accompagnerà dai latrati potrà capire se l’alce è  finalmente alla ”Ferma” così, dopo aver impartito all’emozionantissimo cacciatore le ultime istruzioni, lo autorizzerà ad avvicinarsi da solo per tentare il tiro da breve distanza.
 
Si caccia nel folto, spesso con la neve o negli onnipresenti acquitrini, ed evitare di far rumore è quasi impossibile. Il cane (spero che voi tutti possiate vederlo in azione), darà l’anima per tenere bloccato il possente animale, almeno il tempo necessario, ma purtroppo non sempre ci riesce. Un giorno vi racconterò l’ avventura che ebbi con Kung in Svezia, ma adesso parliamo di quel che più c’interessa: quali sono a mio avviso le armi ed i calibri migliori per dare la caccia al più grande degli ungulati europei.
 
ARMI E CALIBRI
 
Nei Paesi Scandinavi sono autorizzati soltanto quei calibri che usino un proiettile di almeno 10 grammi (156 grani), che abbia un’energia uguale o superiore a 200 chilogrammetri a cento metri. Già da soli questi dati ci confermano che, a dispetto delle apparenze, l’alce non è un forte incassatore. Un grosso “Bull” ha un’area vitale grande come uno schermo da 28 pollici e se ben colpito da una buona palla in zona cardiovascolare o nei polmoni difficilmente fa molta strada. Non dobbiamo comunque dimenticare che stiamo parlando di un selvatico forte e robusto che spesso supera la mezza tonnellata. Io quando ho cacciato nello Jamtland non ho avuto nessuno a consigliarmi, così sono partito con il mio splendido Steyr Mannlicher calibro 8 x 68 Shuler, dotato di canna lunga 650 millimetri, di stecher e di ottica fissa da 6 ingrandimenti. E’stata una pessima scelta, non tanto per il grande calibro tedesco, quanto per l’inadeguatezza della carabina; il suo  ingombro, il peso, i due grilletti e l’ottica mi hanno creato  non pochi problemi, ma ho fatto tesoro di quell’esperienza e adesso credo di potermi “permettere” anche di dare qualche consiglio.
 
L’arma migliore per la caccia all’alce alla cerca, che possa andar bene anche per la battuta e l’aspetto, deve essere leggera, corta e maneggevole (adesso capite perché la Sako e la Tikka costruiscono delle carabine in calibro 300 Winchester Magnum con le canne da 460 millimetri!). Deve avere delle visibilissime mire da battuta, uno scatto diretto ed un’ottima impostazione. Sette dei dieci cacciatori svedesi che ho conosciuto avevano sulle loro Bolt Action  un collimatore elettronico Aimpoint (guarda caso) mentre gli altri tre utilizzavano delle ottiche variabili da battuta 1,25 – 4 x 24. Una carabina che abbia le suddette caratteristiche va più che bene, ma, specialmente in battuta, sono molto indicati anche gli Express (sia giustapposti che sovrapposti) e le carabine semiautomatiche. Quando si praticano cacce così impegnative poter disporre di due o più colpi in rapida successione può fare veramente comodo. Per questo motivo si trovano sul mercato delle belle e funzionali semiauto (Browning, Voere, Remington, Benelli, Verney Carron, H. & K.) in calibri come: il 300 WM, il 338 WM, il 35 Whelen e il 9,3 x 62 non certo per usarle contro i cinghialotti nostrani! Il 90% dei cacciatori sportivi e semiprofessionisti del Nordamerica e del Canada usano per l’alce delle carabine in calibro 300 Winchester Magnum, il rimanente 10% impiega armi in calibro 30.06, 303 British e 338 WM. Fino a pochi anni fa molti cacciatori Scandinavi per atterrare il grosso cervide usavano delle carabine Carl Gustaf, Husqvarna e Schultz & Larsen in calibro 6,5 x 55 Sweedish, ritenendole sufficienti e giustificandone l’esigua potenza con la loro accuratezza di tiro! Oggi in Svezia, Norvegia e Finlandia circolano anche molte armi in calibro 300 WM, 9,3 x 57 e 9,3 x 62 e ci sarà pure un motivo valido se la Norma ha deciso di offrire ai cacciatori di alci splendidi calibri come il 308 e il 358 Norma Magnum.
 
Da un’approfondita indagine fatta durante la mia spedizione  “nel Grande Nord” sono arrivato alle seguenti conclusioni. I calibri più accreditati e largamente utilizzati nella caccia all’alce europeo sono nell’ordine: il 6,5 x 55 S, il 7 mm Remington Magnum, il 308 W, il 30.06 Springfield, il 7,62 x 54 Russian, l’8 x 57 Mauser, il 300 WM, il 308 Norma M, il 358 NM, il 9,3 x 57, il 9,3 x 62 e il 9,3 x 74R. Le statistiche indicano i suddetti calibri come quelli che hanno abbattuto più alci in assoluto, sempre a patto di utilizzare palle lente e pesanti, particolarmente robuste e/o ad espansione controllata. Nella categoria rientrano ottimi prodotti come: le RWS DK, KS e TUG; le Nosler Partition, le Barnes X- Bullet, le Norma Vulcan PPC, Oryx e TXP, le Lapua  Mega, le Sako Powerhead e Twinhead, le Woodleigh Weldcore, le Swift A-Frame, le Trophy Bonded, le Speer GS e le Blaser CDP. Grazie alla professionalità e alla preziosa collaborazione di Aliaksander Hacharou contitolare dell’Agenzia Turistica Venatoria  “Belhunservice” di Minsk Tel.375294070120 – 375297624071 – [email protected] - www.belhuntservice.com,  sono riuscito ad abbattere la mia prima alce in Bielorussia. In quell’occasione ho lasciato a casa la bella Steyr 8 x 68 S ed al suo posto ho portato invece  la mia fidatissima CZ 550 Stutzen calibro 9,3 x 62 Mauser dotata di ottica DOCTER 1,5 – 6 x 42 che mi aveva dato grandi soddisfazioni anche nella caccia all’orso bruno. La CZ si è dimostrata un’ottima compagna  per questa emozionante ed impegnativa caccia.

                                                                            
Marco Benecchi 

 

VAI ALLA SEZIONE LE OTTICHE DI MARCO BENECCHI

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.68.65.56
Aggiungi un commento  Annulla 

7 commenti finora...

Re: ARMI E CALIBRI PER LA CACCIA AL “SIGNORE DEL GRANDE NORD”: L'ALCE EUROPEO

Ciao Marco, quali sono le distanze tipiche di ingangio dell'Alce, da quel ke leggo ipotizzo sino tra i 30 e 100 metri. poi una curiosità, se puoi rispondere... tra quelli che scrivono di caccia senza aver cacciato tanto.. c'è un tale che come iniziali del nome A.M.G. ?? te lo chiedo perchè vedendo i suoi video e leggendo i suoi articoli mi pare ke di esperienza di caccia vera ce ne sia poca.

ciao e grazie

da Luca  21/04/2014 18.29

Re: ARMI E CALIBRI PER LA CACCIA AL “SIGNORE DEL GRANDE NORD”: L'ALCE EUROPEO

buongiorno a tutti.
Nella mia breve esperienza di caccia agli ungulati italici (cinghiale e cervo) utilizzo il 30.06 con palle da 168 grani TTSX. A questo binomio (calibro+cartuccia) ci sono arrivato quasi per caso, e per obbligo di utilizzo monolitica nelle aree protette, e devo dire che l'unico animale che se ne è andato.....è per merito di una "padella" clamorosa da parte mia. ma....questa è la caccia.
Credo quindi (ma chiedo conforto agli esperti) che il vecchio di Springfield sia quanto di meglio utilizzabile nelle svariate situazioni di caccia (escluso big five...ovviamente), a patto di rimanere nel raggio del corretto tiro venatorio (max. 200 mt).

da pier  28/12/2012 9.50

Re: ARMI E CALIBRI PER LA CACCIA AL “SIGNORE DEL GRANDE NORD”: L'ALCE EUROPEO

perchè non vai a cacciare tua mamma e lasci in pace l'orso ?

da ciao  15/09/2012 5.46

Re: ARMI E CALIBRI PER LA CACCIA AL “SIGNORE DEL GRANDE NORD”: L'ALCE EUROPEO

un saluto a tutti gli amici cacciatori, io domani vado in vacanza per dedicarmi alla mia specialità: la caccia all'orso!

da kammamuri  27/04/2011 17.14

Re: ARMI E CALIBRI PER LA CACCIA AL “SIGNORE DEL GRANDE NORD”: L'ALCE EUROPEO

saluti a tutti i cacciatori della grossa caccia,vivo in canada,montreal da oltre quarant`anni e la caccia al cervo,moose(alce)E la mia passione,riguardo i calibri da usare,personalmente preferisco 7mm remington magnum con una punta di 160 grani molto efficace pure a grande distanza 200metri e piu.la caccia alla ferma con l`arco sicuramente lamia preferita,l`autunno 2009 con il richiamo imitando una femmina in calore ho tirato sopra un buck(maschio)A DIECIMETRIgrandi brividiha pesato 1160lb 700kg.CIAO A TUTTI I CACCIATORI ITALIANI.ps-scusate il mio italiano

da andrea mastroeni  25/01/2010 17.28

Re: ARMI E CALIBRI PER LA CACCIA AL “SIGNORE DEL GRANDE NORD”: L'ALCE EUROPEO

io domani vado in toscana per cacciare fagiani,quaglie,starne,coturnici ecc..... come ha detto Marco Benecchi la caccia con il cane da ferma è veramente emozionante....per chi non l'avesse mai provata, la consiglio volentieri a tutti.
ciao a tutti.

da Benelli  03/11/2009 11.00

Re: ARMI E CALIBRI PER LA CACCIA AL “SIGNORE DEL GRANDE NORD”: L'ALCE EUROPEO

sono ospite da domani nella riserva di caccia del marchese di cassibile, e' per pochi!, non ci vuole nessuno e fino ad ora ,circa 15 anni, ci sono andati solo lui, il cugino con i figli e ilfratello: io sarei il 3° o 4° ospite in tutti questi anni!!!!

da edo  22/09/2009 21.56
Cerca nel Blog
Lista dei Blog