Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<aprile 2021>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
Mensile
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mar15


15/03/2021 10.43 

 
 
E’ piuttosto facile costruire una carabina “bolt action”, con funzionamento ad otturatore manuale scorrevole girevole, partendo da una azione già bell’e pronta. Non a caso, ancora oggi, moltissimi e noti costruttori di ottime carabine sia industriali sia artigianali, partono da azioni-otturatori stracollaudate delle classiche Mauser K98, delle Remington 700, delle Winchester Pre 64, delle CZ-Brno ZKK, delle Tikka, delle Sako, delle Sabatti, ecc. Ma a volte, fortunatamente, qualcuno non si adegua a questo sistema di cose, non si accontenta di abbinare il suo marchio con un altro e quando decide di costruire un’arma rigata da caccia lo fa progettandola di sana pianta con delle caratteristiche esclusive e d’avanguardia. Uno di questi costruttori è la Sauer & Shons, la notissima ditta tedesca che da secoli produce armi lisce, combinate miste e carabine caratterizzate da un elevatissimo standard qualitativo e da soluzioni molto spesso innovative. E fu proprio un’arma da essa prodotta quella che lasciò un segno, una pietra miliare nel mondo delle carabine da caccia: la Sauer modello 80, seguita anni dopo dalla più moderna Sauer 90. La dinamica ditta di Eckernfurde-Isny decise che non ci fosse miglior trampolino di lancio per la sua creatura del continente americano, dove fu subito commercializzata addirittura dalla Colt con il nome di Colt-Sauer.
 
 
 
In seguito anche la FN-Hertsal costruì (o meglio commercializzò) un suo modello, basato sulla rivoluzionaria azione Sauer. Ma cos’ha di così speciale l’otturatore scorrevole-girevole delle carabine 80-90? Cerchiamo di vederlo insieme. Innanzi tutto il castello, che è di spessore maggiore delle altre perché adotta una chiusura posteriore dell’otturatore (simile a quella delle carabine Steyr-Mannlicher), che impone le classiche fresature dove alloggiano i tenoni di chiusura ridotte al minimo indispensabile, con le aperture limitate in quanto a superficie. Ne consegue che l’insieme è particolarmente rigido e poco propenso a flessioni e/o torsioni. L’otturatore delle Sauer è un gioiello della meccanica applicata, un vero inno all’ingegno umano, costruito con un livello d’eccellenza assoluta. La faccia è incassata di circa 3 mm, per permettere alla cartuccia di essere inglobata dalla testa dell’otturatore stesso e l’anello che circonda il fondello è interrotto solamente quel minimo necessario per consentire l’inserimento dell’estrattore e il passaggio dell’avvisatore di cartuccia in camera di scoppio.
 
L’espulsore è il classico a nottolino. In tutte le carabine della serie Sauer 80-90 l’otturatore scorre nel castello come “un coltello caldo taglia il burro”, senza nessunissimo impuntamento, con dei giochi ridottissimi ed una fluidità ancora insuperata, grazie all’altissimo livello qualitativo di finitura delle parti e alla bontà dei materiali utilizzati. L’otturatore è costituito da due parti, da una cilindrica anteriore che provvede alla chiusura vera e propria tramite tre alette retrattili poste a 120° gradi tra loro, e da una posteriore delegata principalmente al comando della parte anteriore. La posteriore dell’otturatore contiene il percussore, il relativo stelo e due importantissimi organi meccanici: una camma che tiene collegate tra loro le due parti dell’otturatore, e una superficie prismatica che sovrintende all’apertura delle alette-chiusure. Il disimpegno delle stesse si ottiene per mezzo di un’appendice che s’insinua nelle tre rispettive fresature di profilo sfuggente, ricavate in un anello di acciaio interposto tra la parte anteriore e quella posteriore dell’otturatore.
 
 
La sezione prismatica è quella che ha il compito di comandare l’espansione delle alette e di farle muovere sia verso l’interno sia verso l’esterno nell’anello stesso, costringendolo a seguire i movimenti della parte posteriore dell’otturatore tramite la manetta d’armamento. Le tre alette, una volta che entrano nei recessi del castello, assicurano una superficie di contatto veramente ampia e robustissima e la pressione sviluppata dalla combustione della carica sulla testa dell’otturatore fa premere le alette nei recessi del castello e in misura inferiore anche contro la restante superficie, portando quindi il rischio d’inconvenienti a livelli pressoché minimi. Rivoluzionaria per quei tempi, anche la possibilità di poter aprire l’otturatore con il colpo in canna e con la sicura inserita, senza togliere quest’ultima mediante un pulsantino posto sulla manetta–otturatore. Il percussore ha una corsa molto breve, circa 8 mm, a vantaggio della precisione di tiro. In una carabina di tipo tradizionale, il traversino ferma rinculo, il famoso recoil lug, si limita a un rinforzo di metallo più o meno robusto e ingombrante. Nella Sauer 90 invece è la parte anteriore del castello ad accogliere la filettatura della canna in un blocco di notevoli dimensioni, tagliato longitudinalmente e forato per consentire il passaggio di due grosse viti Allen contrapposte tra loro, che serrano il manicotto in un corpo rigido omogeneo su tutta la circonferenza della filettatura. La tensione di chiusura delle due viti è regolata con chiave dinamometria della Casa e non deve essere assolutamente modificata. E’ superfluo ricordare che le due viti sono state registrate dopo aver accuratamente controllato che l’avvitamento della canna nel castello consenta un perfetto Head Spead, la giusta distanza tra la testa dell’otturatore e il fondello della cartuccia camerata.
 
Anche la catena di scatto della Sauer 90 è diversa dalle altre carabine tradizionali, molto più raffinata, più robusta e più curata nell’esecuzione meccanica. Gli scatti tradizionali solitamente hanno un solo punto d’aggancio tra il ritegno del percussore e il dente di scatto di tipo radente, un semplice appoggio tra minuscole superfici; nella Sauer 90 questo non avviene, in quanto il dente di ritegno del percussore una volta armato, poggia su un rullino che è parte integrante di una barretta metallica incernierata al castello nella parte posteriore, che può consentire lo sgancio del percussore solo quando la pressione esercitata sul grilletto modificherà una particolare articolazione a ginocchio che poggia su una estremità sagomata. La canna è in acciaio speciale legato a cromo-molibdeno trattato termicamente. E’ lappata e rotomartellata a freddo ed è lunga 570 mm nei calibri normali e 660 mm nei calibri magnum. L’anima del modello provato in calibro 7 mm Remington Magnum presenta 6 rigature destrorse e ha un profilo tipicamente da caccia con un diametro di 14 mm alla bocca, 17 mm a metà lunghezza e 28 mm alla camera di scoppio. La canna riporta saldati una tacca di mira a una foglietta regolabile in deriva con incavo di media larghezza e un bello e solido mirino regolabile in elevazione. Anche se, secondo il mio modesto parere, gli organi di mira metallici sono quasi inutili, quelli delle carabine Sauer sono realizzati in modo esemplare, così come le scritte lungo la canna, molto eleganti e ben curate come raramente capita di trovarne in un’arma da caccia costruita in serie. Il calcio è in noce europeo d’ottima scelta e discretamente venato, con una zigrinatura a passo medio sia sull’astina sia sull’impugnatura. Quest’ultima è a pistola e abbondantemente dimensionata per riempire bene la mano. Il calcio è provvisto di Montecarlo e di un calciolo (forse troppo generoso nelle dimensioni) in morbida gomma nera, ventilato e molto efficace. La calciatura accoglie l’azione in modo esemplare e non mi risulta che nessun tiratore–cacciatore di mia conoscenza, felice possessore di Sauer 80-90, abbia dovuto ricorrere a un Bedding integrale per migliorare la precisione della sua carabina. La precisione di accoppiamento delle parti metalliche con il legno è perfetta.

 
La canna non poteva essere che completamente flottante, ma purtroppo, secondo i miei gusti strettamente personali, tutti i modelli di carabine Sauer 80-90 che ho avuto il piacere d’imbracciare avevano una tonalità dei legni leggermente chiara, ma sempre all’altezza del lignaggio dell’arma. Coccia e puntale in legno esotico sono un tocco al quale la tradizione teutonica difficilmente rinuncia. Lo scatto è completamente regolabile e dotato di stecher alla “francese”, che s’inserisce spingendo in avanti il grilletto. Questo tipo di scatto oggi è tra i migliori e più diffusi, ma quando trent’anni fa la Sauer decise di adottarlo, fu un’altra delle novità che offrì con l’arma. Volendo trovare dei difetti a una Sauer 90, uno è sicuramente il peso e un altro la lunghezza totale (specialmente nei calibri magnum), sicuramente dipesi dall’uso d’ottimi acciai e dalle generose dimensioni della calciatura. Mi viene da pensare che forse siano state proprio le lamentele di molti cacciatori di montagna a decretare la prematura e immeritata “messa in pensione” delle 80-90, a favore di modelli più moderni e soprattutto più leggeri e maneggevoli come la Sauer 202 e 92. Nonostante ciò, la vecchia Sauer 90 è ancora una carabina “Cult”, un vero e proprio mito, molto ricercata dai collezionisti di tutto il mondo, perché ancora si distingue per originalità e intelligenza meccanica eseguita con grande tradizione e perizia.
 
 

SCHEDA TECNICA


Costruttore: J. P.Sauer & Sohn GmbH

Sauerstrabe 2-6 D, 24340 Eckernfurde-Isny Germania

Fax 00494351471160 – www.sigsauer.de

Importatore – Distributore Bignami spa - Ora (BZ)

Modello: 90

Tipo: Carabina da caccia a ripetizione manuale tipo “Bolt Action”

Funzionamento: A otturatore scorrevole- girevole con tre tenoni di chiusura retrattili a scomparsa posti posteriormente a 120°.

Percussore: Monopezzo lanciato a corsa breve.

Sicura: E’ manuale ambidestra a due posizioni, azionabile da una leva posta sul dorso castello, che blocca il grilletto, lo scatto e l’apertura dell’otturatore. La carabina è anche fornita di un pulsante di sblocco otturatore posizionato sul manubrio stesso che deve essere premuto per consentirne l’apertura quando è inserita la sicurezza manuale. Ciò costituisce un ulteriore elemento di sicurezza nell’uso dell’arma. Sulla parte sinistra del castello è presente un bottone che indica quando è presente una cartuccia in camera.

Azione: in acciaio legato e bonificato ad alta resistenza.

Calibri: dal 222 Remington al 458 Winchester Magnum

Canna: In acciaio speciale trattato termicamente, lappata e rotomartellata a freddo lunga 570 mm nei calibri normali e 660 mm nei calibri magnum

Estrattore: misto ad unghia e pistoncino posto sulla testa dell’otturatore

Alimentazione: Tramite caricatore monofilare amovibile da 2-3 cartucce in lamiera di acciaio.

Organi di mira: Tacca di mira regolabile in deriva e mirino a lamina regolabile in altezza.

Castello: Predisposto per il montaggio del cannocchiale da mira con 4 fori filettati 6/48”

Scatto: monogrillo con stecher “alla francese”. Peso 1300 gr diretto e 300-350 con stecher armato.

Calcio: In noce europeo scelto, a pistola con guanciale laterale tipo Montecarlo. Disponibili anche modelli con calciatura lunga fino alla bocca meglio conosciuta come Stutzen. Sempre presente in tutti i modelli la coccia in palissandro con il logo della Sauer nell’ovale.

Finiture particolari: per decenni la brunitura Sauer 80–90 è stata definita come una delle più belle mai eseguite.

Peso: da 3300 a 4800 grammi secondo modello e calibro.




Marco Benecchi
 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


173.245.52.127
Aggiungi un commento  Annulla 

7 commenti finora...

Re: La carabina Sauer 90

Dimenticavo...
Costruire una Bolt è Molto ma Molto più semplice,
Specialmente OGGI che puoi fartela fare a pezzi da 100 artigiani diversi e poi assemblare il tutto in ditta e mettergli il tuo marchio...
M

da Marco B x Benellista etc etc etc  29/03/2021 16.31

Re: La carabina Sauer 90

Perdonami, ma se vuoi che restiamo amici..
Parole come Cesso o cessi cerchiamo di non scriverle - dirle..
Ok?
Perché dietro a TUTTI i prodotti del mondo, Ferrari comprese, c'è sempre il duro lavoro e il sudore sia fisico sia mentale di tante brave persone..
Detto ciò cominciamo per ordine..
Secondo me da Armaiolo ultra mega super dilettante (mi sono permesso di dire che ho certa esperienza per poco non mi fanno un attentato in casa!), posso dirti che la Benelli
ha fatto bene a "fare dei prodotti un pochino più scadenti del solito"
Nel caso specifico delle Benelli ARGO per poi raggiungere...
Vogliamo dire la perfezione?

Ti spiego subito il mio pensiero un po' strambo ma del tutto personale..
La Benelli ha deciso d'immettere sul mercato una carabina semiauto..
Il modello di carabina da caccia più difficile da costruire in assoluto
tanto che nel farle...."C'hanno sbattuto il grugno in tanti"
Marche teutoniche comprese...
Vuoi che faccia qualche nome?
Lasciamo stare vai...
Cos'hanno fatto alla Benelli?
Una cosa Molto Semplice ma al contempo...Geniale!!!!!!
Invece di far trascorrere anni ed anni di TEST sia da tecnici interni sia da collaudatori esterni (ci sono andato anche io un paio di volte a collaudargli le carabine!!!!) più o meno veritieri,
Hanno costruito la ARGO e l'hanno...
MANDATA SUBITO ALLO SBARAGLIO nell'esigentissimo mercato italiano
Delegando non uno due tre quattro cinque sei... terster al collaudo, ma qualche decina di migliaia di cacciatori....
Che OVVIAMENTE hanno riscontrato TUTTI i problemi che poteva avere l'arma,
Si sono adirati parecchio, ma che poi i loro problemi se li sono visti risolvere GRATIS e in brevissimo tempo...
Ecco cosa è successo alla Benelli,
Io la vedo in questo modo,
molti altri invece..., magari come Te Ricordano quel periodo ancora con tanta acredine..
Io credo invece che la buona volontà e soprattutto la serietà e la disponibilità doveva essere compresa, capita

Tu ad esempio, lo compreresti un SUV Ferrari, per rimanere in tema?
Io no o forse si.. Ma solo Dopo tre quattro anni che è già sul mercato e dopo che sono stati gli altri, più audaci di me, a collaudarlo..
ORA credimi, le ARGO funzionano MOLTO bene...
Saluti
M

da Marco B x Benellista etc etc etc  29/03/2021 16.29

Re: La carabina Sauer 90

Benelli anche ne ha sfornati di cessi.

da Benellista x quei 5 che ha fatto buoni  29/03/2021 5.16

Re: La carabina Sauer 90

Se non arriva la marchetta la lupo sta bene n'dò stà

da Sient'a me cumpà  24/03/2021 13.16

Re: La carabina Sauer 90

Esteticamente non mi dispiace.

da massy  17/03/2021 11.00

Re: La carabina Sauer 90

No caro Andrea...Non solo non l'ho provata la nuova Lupo (poi qualcuno mi spiegherà il perché di quel nome!!!)Ma non l'ho ancora neanche mai vista dal vivo...Sicuramente sarà un'ottima carabina, come tutta la produzione Benelli, ma credo che alla Benelli stiano guardando un pochino TROPPO al Futuro...Come hanno fatto anche per il sovrapposto liscio.... Non a tutti è piaciuto....Io la penso come te...Com'è noto a tutti i miei lettori, più o meno fedeli...E' già tanto che mi concedo di cacciare con de calci in polimeri...Ma questo è dovuto proprio al fatto che, amando troppo i "Vecchi Classici!", per la caccia ormai uso ESCLUSIVAMENTE calciature in materiale sintetico Per TUTTE le forme di caccia, dalla liscia alla battuta...Fermo restando che in rastrelliera ho le mie belle carabina in legno che custodisco gelosamente come se fossero delle vere e proprie opere d'arti...Che dire...Mi piacerebbe spararci 4 colpi al poligono con la Lupo Ma in un bel calibro magnum, dal 7 mm RM in su, per collaudarne davvero le prestazioni balistiche...A buon intenditor...Poche parole!M

da Marco B x Andrea  17/03/2021 10.04

Re: La carabina Sauer 90

Ciao Marco, hai provato la nuova Benelli Lupo? Quali sono le tue prime impressioni?
Io sono un estimatore delle vecchie glorie, tanta, troppa plastica ed alluminio, non mi impressionano molto. Preferisco una bella brunitura, un solido acciaio un bel legno.
Ad ogni modo occorre dare spazio al progresso.
Un saluto
Andrea

da Andrea  16/03/2021 9.00
Cerca nel Blog
Lista dei Blog