Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<aprile 2021>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
Mensile
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
gen26


26/01/2021 11.46 

 
Non credo sia il caso ricordare ai miei amici cacciatori-tiratori, quanto sia ormai diffusa la caccia a palla in Italia ed anche le armi a canna rigata in generale. Dico questo perché, oltre a moltissimi cacciatori sia esperti sia neofiti che usano la carabina, conosco dei semplici appassionati che amano trascorrere qualche ora in poligono alla faccia degli immancabili problemi quotidiani. Per acquistare un’arma rigata: carabina, kipplauf o combinata mista, un’ottica da mira ed i relativi attacchi, non esiste nessun problema, i problemi sorgono invece quando c’è da montare il tutto, correttamente e in maniera definiva. Siamo capaci di farlo noi stessi oppure dobbiamo rivolgerci ad un armaiolo competente? Purtroppo di tecnici specializzati nell’accuratizzazione delle armi rigate e nel montaggio “a regola d’arte” dei cannocchiali ce ne sono pochi e questi risiedono e lavorano quasi tutti nel Nord Italia. Non mi permetterò di consigliarvi da chi portare la vostra bella carabina per fargli montare sopra un ottimo (e costoso) strumento ottico, ma siccome personalmente ne monto diverse decine l’anno, mi sono sentito in dovere di dare alcuni piccoli e spero utili consigli a chi volesse tentare il “fai da te”.
 

Tanti anni fa esistevano pochissimi tipi di attacchi, che potevano essere catalogati in tre piccole famiglie: quelli in acciaio fissi, quelli in acciaio a sgancio rapido (a pivot o ad incastro a piede di porco) e quelli in alluminio brevettati dalla Weaver. Esistevano anche degli attacchi specifici per certe armi come: le Blaser, le Sako, le Tikka, le Valmet, le Heckler & Kock, le Ruger, le CZ ecc, ma in genere l’offerta era alquanto limitata e, oserei dire, appena sufficiente. Quante volte in passato sono dovuto ricorrere alle provvidenziali barrette tipo Weaver grezze o semifinite per costruire delle basi che nessun catalogo di attacchi riportava? Per fortuna col passare del tempo ai vecchi Tasco, Redfield, Burris, Leupold, B- Square, EAW e POLI Nicoletta-Erredi si sono aggiunti i Warne, i Talley, i Recknagel, i Mak, i Shul, i Leapers, i Sports Match U.K. e i nuovissimi CONTESSA ideati dai fratelli Alessandro ed Andrea che con i loro prodotti hanno risolto molti dei problemi dei cacciatori a palla italiani, ma purtroppo non tutti.
 
 
 

Montare un cannocchiale sopra una carabina (per un Kipplauf o per un’arma mista il discorso è diverso) può essere allo stesso tempo facile o difficile, anche se si possiede una certa esperienza pratica, perché spesso le cose non vanno come avevamo previsto. Oggigiorno è esplosa la moda dei cannocchiali a forte ingrandimento. A me non piacciono molto, ma non posso negare che sono degli ottimi prodotti, specialmente quelli di buona marca. Di solito questi strumenti hanno più pregi che difetti, ma un piccolo handicap, se proprio vogliamo definirlo tale, è il loro ristretto “Range” di regolazione del reticolo, molto inferiore di quello dei modelli ad ingrandimento fisso. Questa caratteristica implica, in fase di montaggio, di avere un allineamento arma-attacchi–ottica molto accurato. E’ proprio per sopperire a questo inconveniente che esistono alcuni tipi di attacchi che consentono sia la regolazione della deriva che quella dell’alzo.
 
 
 
Ma ci sono anche dei modelli che non permettono nessuno spostamento degli anelli, cosa di fondamentale importanza durante il montaggio dell’ottica e soprattutto della successiva taratura. Prendiamo per esempio gli attacchi originali CZ oppure i Talley e i Warne. Sono componenti molto ben fatti, precisi e robusti, ma se per un qualsiasi motivo il reticolo del cannocchiale che vogliamo montarci sopra non ne vuole proprio sapere di “allinearsi” con la griglia quadrettata del collimatore ottico, cosa ci rimane da fare? Se alla fine dei “click” disponibili il reticolo è ancora troppo a destra, troppo a sinistra, troppo in altro o troppo in basso, bisognerà modificare per forza di cose l’anello anteriore o il posteriore. Come? Lavorando con una piccola fresa la sede del bulloncino di serraggio dell’anello oppure spessorandolo con del lamierino (orpella, carta di Spagna o lamierino di alluminio). Se gli attacchi sono monopezzo non è raro che si debba intervenire persino sull’incastro a coda di rondine tra le basi degli anelli e quelle fisse sulla culatta, apportando o asportando del materiale. Per abbassare il reticolo si dovrà alzare l’anello posteriore e viceversa se si dovrà alzarlo.
 
 
Non spaventatevi se vi capiterà di dover eseguire queste modifiche, perché se ben fatte non comprometteranno in alcun modo il risultato finale. Io, ad essere sincero, preferisco sempre modificare gli attacchi piuttosto che tarare il cannocchiale “stirando” al massimo le regolazioni del reticolo. Quando s’interviene su uno dei due anelli che compongono l’attacco completo, inevitabilmente sorgono dei problemi di allineamento. Per correggerli è necessario utilizzare sempre la provvidenziale barra pilota, un accessorio tanto utile quanto pochissimo usato, che invece dovrebbero avere tutti i tecnici–armaioli specializzati nel montaggio delle ottiche da mira. La barra pilota è uno spezzone di circa 150–200 mm di tondo in acciaio legato o inox di diametro identico a quello del cannocchiale da montare, e cioè da: 1”, 26 mm e 30 mm. Può essere pieno o forato, l’importante è che sia perfettamente rettificato e robusto. A cosa serve? Serve per montare gli anelli allineati e perpendicolari e per correggere anche i piccoli difetti di fusione, come sbavature e ovalizzazioni che potrebbero avere gli anelli. Con i due semi-anelli stretti “a morte” intorno alla barra pilota si possono eseguire sugli attacchi tutte le modifiche che vogliamo, con la certezza che quando rimuoveremo la barra per sostituirla con il cannocchiale (che una volta aveva il corpo esclusivamente in acciaio, mentre oggi lo hanno quasi tutti in lega leggera) lo accoglieranno come in una culla e soprattutto lo stringeranno alla perfezione. A voler essere pignoli, sarebbe meglio lasciare montata la barra pilota per un paio di giorni prima di montare l’ottica, in questo modo si eliminano quasi tutte le tensioni anomale che potrebbero crearsi, specialmente se abbiamo dovuto eseguire dei piccoli aggiustaggi.
 

Chi di voi conosce la resina frenafiletti? L’avete mai usata? Siete sicuri che il vostro armaiolo di fiducia l’abbia applicata a tutte le viti che compongono un attacco completo? Al momento dello sparo, all’interno della camera di scoppio avviene una piccola esplosione e quindi le sollecitazioni generate sono notevoli. Non stupiamoci poi se a lungo andare le viti si allentano, le basi si muovono e di conseguenza si altera la taratura. In fase di montaggio tutte le viti che compongono un attacco (che nel caso di un pivot classico sono una ventina!) dovranno essere smontate, pulite, sgrassate e cosparse di resina frenafiletti (di tipo “Medio” che in caso di necessità è facilmente rimovibile). Questo se vogliamo fare un lavoro preciso e definitivo. Concludo con un ultimo consiglio: diffidate di quegli armieri che vogliono montarvi e tararvi il cannocchiale gratis. Quando acquisterete una carabina e la vorrete già equipaggiata di attacchi ed ottica, dovrete insistete per pagare loro il giusto compenso per il tempo che avranno speso per assemblarvela, ma anche pretendere che vi facciano un buon lavoro.


Marco Benecchi 
 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.33
Aggiungi un commento  Annulla 

13 commenti finora...

Re: Il montaggio casalingo del cannocchiale da mira

de cordelli nun cecapide ncazzu ma quale mola e v li cordelli se affileno co le petre de belgio

da Lucio  07/03/2021 0.42

Re: Il montaggio casalingo del cannocchiale da mira

Io ho la fortuna di avere a dieci minuti da casa il Maestro Livi. Guardate su internet cosa sa fare... Qualche cosa ho imparato ma lui è un vero e proprio artista... Come affila lui credo ce ne siano pochi

da Filippo 53  12/02/2021 8.31

Re: Il montaggio casalingo del cannocchiale da mira

Il filo delle lame da Lavoro sono il cruccio di ogni cacciatore di grossa selvaggina.
Un VERO dramma...
Io in vita mia di coltelli ne avrò costruiti a centinaia (lavoravo nell'officina di una Centrale Elettrica!) ma per il filo mi sono sempre dovuto affidare ad un validissimo arrotino...
Per "Ravvivare il filo" non per farlo,
Mi aiuto con degli arrotini commerciali. di quelli a doppia placchetta a V e a diversi tipi di coti, sia metallici sia in pasta abrasiva, ma quando il filo è andato allora tocca fare un bel fagotto e portare il tutto da un amico molto bravo ed appassionato che con la mola ad acqua che gira al giusto numero di giri, mi prepara le lame per la prossima volta..
Dove macello non ha mai meno di 10 coltelli in giro.....
Questo è quanto...

da Marco B x Banberia  09/02/2021 15.59

Re: Il montaggio casalingo del cannocchiale da mira

Marco, nella tecnica armiero-venatoria rientrano anche i coltelli. Cosa diresti di un paio di articoli sulla tecnica di affilatura? Ho visto più volte stupendi coltelli assassinati da affilature fatte con la flex, con tanto di aloni multicolori. Con la tua esperienza di utilizzatore di lame certamente avresti parecchio da dire.
IBAL

da bansberia x marco  09/02/2021 12.42

Re: Il montaggio casalingo del cannocchiale da mira

Che campione...giochi ancora a guardie e ladri?

da Sceriffo stellato  09/02/2021 9.56

Re: Il montaggio casalingo del cannocchiale da mira

Faccia il favore non consigli piu' redolfi armi per cortesia!

da Jennaro  05/02/2021 11.15

Re: Il montaggio casalingo del cannocchiale da mira

Maìì io fino a 150 metri uso solo la tacca di mira tutti questi accorgimenti non ne ho mai avuto bisogno in 50 anni

da fofo'  03/02/2021 15.04

Re: Il montaggio casalingo del cannocchiale da mira

Il vantaggio di montare due anelli coassiali con un alesatore è quello di avere, una volta serrati i due semianelli, il foro super perfettissimo, perché gli alesatori servono per RETTIFICARE un foro!
Ma OGGI, quasi tutte le case costruttrici di attacchi producono anelli talmente precisi che una simile lavorazione, oltre ad essere molto laboriosa e difficile da farsi, è pressocchè inutile.
Una volta che hai montato gli anelli su una robusta barra pilota, e dopo averli "Presi a martellate!" con decisione con un martello di gomma l'acciaio prende la forma dovuta e voluta....
E' ovvio che NON è un lavoro da FARE ASSOLUTAMENTE con il cannocchiale già montato...
Cosa che invece fanno il 98% degli armieri sul banco delle vendite direttamente davanti al cliente....
Secondo il mio modestissimo parere è IMPOSSIBILE vendere ad un cacciatore una carabina, attacchi e cannocchiali e montarglieli lo stesso giorno, a meno che non abbiano una officina specializzata dove un buon ARMAIOLO (non armiere!) mette a punto il tutto mentre il cliente continua con le compere oppure si fa una bella chiacchierata di almeno un ora con un altro compratore....
M

da Marco B x Filippo 53  02/02/2021 6.54

Re: Il montaggio casalingo del cannocchiale da mira

Salve. Ho una discreta manualità, e montare ottiche con le avvertenze di MB, compresa la barra pilota, credo sia alla portata di molti. Io stesso nel mio piccolo mi ci sono cimentato con risultati decenti. Invece un alesatore mi metterebbe soggezione... ma a parte questa mia difficoltà, che vantaggio ci sarebbe? Domanda da inesperto, non è polemica

da Filippo 53  01/02/2021 19.50

Re: Il montaggio casalingo del cannocchiale da mira

Quanto ti piace sentir parlare la tua lingua....

Ma che ne sanno il 95% degli....
Armieri....

M

da Marco B x Massy  01/02/2021 16.41

Re: Il montaggio casalingo del cannocchiale da mira

Poi l'alesatore è un utensile NON un accessorio..
Serve per "mangiare" il metallo..

gia'

da Massy  01/02/2021 11.35

Re: Il montaggio casalingo del cannocchiale da mira

Carissimo,
A parte il fatto che avere in casa alesatori CILINDRICI da 1", 26 mm, 30 mm e 34 mm non è certo cosa da poco,
Poi l'alesatore è un utensile NON un accessorio..
Serve per "mangiare" il metallo,
In eccesso si, ma che comunque andrebbe ricontrollato e magari anche rimpiazzato...
Se in fase di montaggio - allineamento degli anelli si dovesse usare un alesatore, quasi sicuramente poi occorrerebbe fare un "similbedding" agli anelli incollandoli al cannocchiale,
E non credo rientri a pieno titolo nel...
"Montaggio Casalingo!"

Buona giornata.
M

da Marco B x Bansberia  31/01/2021 6.31

Re: Il montaggio casalingo del cannocchiale da mira

Marco, concordo sull'utilità della barra pilota, ma una valida alternativa è anche l'alesatore per gli anelli.
E' più caro della barra pilota però conviene al professionista perché non richiede tempi di attesa.
Sia Celestino Torresani sia i fratelli Zentile (suoi discepoli) ne fanno largo uso.

da bansberia  30/01/2021 12.14
Cerca nel Blog
Lista dei Blog