Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
31123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
2829301234
567891011
Mensile
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
set1


01/09/2020 10.03 

 
Sicuramente una delle frasi più celebri della letteratura venatoria mondiale è quella scritta dal famoso conte cecoslovacco Paul Pallfy nel suo libro cult Mezzo secolo di caccia: “Non contano gli anni che mi restano da vivere, ma quante stagioni di caccia al bramito mi possono essere ancora concesse”.
 
Come potremmo biasimarlo? Solo che io, maremmano di nascita e tuttora residente in quella meravigliosa fascia litoranea di macchie immense che va da Cerveteri a Cecina, l’ho riadattata alle mie esigenze in: “Non contano gli anni che mi restano da vivere, ma quante stagioni di caccia al camoscio mi possono essere ancora concesse!”. Perché se per cacciare il cervo al bramito non occorrono grandi doti fisiche, per inseguire il Signore delle Vette occorre invece essere super allenati e con tutti i controlli medici a posto. Credo che la caccia in montagna in generale dovrebbe essere considerata come una vera e propria ”verifica dello stato fisico di un cacciatore” e delle sue reali possibilità. Perché spesso lo sforzo necessario per catturare un camoscio può farci conoscere i nostri limiti. Detto ciò, mi sembra superfluo ricordare che, in previsione di un’uscita autunnale in montagna, bisogna provvedere con largo anticipo a fare un duro e costante allenamento.

Grazie alla mia infinita passione, alla mia caparbietà e alla preziosa collaborazione di pochi ma sinceri amici, nella mia vita ho avuto la fortuna d’inseguire tutta la selvaggina cacciabile in Italia e buona parte di quella europea e di tutte le cacce che ho praticato, quella che mi ha maggiormente entusiasmato e di cui ho i ricordi più belli è sicuramente la caccia al camoscio in alta montagna. Persino le mie ferie estive sulle Alpi sono in parte dedicate alla continua e frenetica ricerca di nuove occasioni che mi possono mettere nelle condizioni di cacciare il Re delle Vette e per preparare il mio “non più giovanissimo” fisico per l’eventuale, splendida avventura. Da anni ho scoperto a mie spese che c’è una grande differenza tra il camminare nella macchia per un giorno intero e lo scalare le rocce anche per poche ore soltanto! Poi, per trascorrere una bellissima, indimenticabile giornata in alta montagna, occorre anche un’altra cosa: una coppia di veri amici! Ed io, per recarmi a caccia di camosci, ormai ne ho due fedelissimi: Pietro e suo figlio Andrea, appassionati ed esperti cacciatori di montagna, con i quali un bel giorno decidemmo di partire per una spedizione sulle Alpi cuneesi.
 
 

Organizzare il tutto ed arrivare puntuali, come sempre, all’appuntamento con le nostre guide, fu più facile a farsi che a dirsi. E’ risaputo che per cacciare il camoscio non sono necessarie delle levatacce, ma io quando devo andare a caccia se non parto da casa almeno un’ora e mezza prima che sorga il sole non mi diverto. Guarda caso anche Pietro e Andrea la pensano allo stesso modo, così uscimmo dall’agriturismo che ci ospitava salutati da un cielo terso e stellato che preannunciava una bellissima giornata. Ci avrebbero fatto da guide Maurizio e Giuliano, due cacciatori del luogo dotati d’infinita esperienza ed instancabili arrampicatori. Capimmo al volo che erano animati da un profondo amore sia per le loro montagne sia per i selvatici che le popolavano e in seguito si dimostreranno anche oltremodo cordiali e simpatici.
 
 

Lasciate le macchine sulla strada provinciale, zaini e armi in spalla, cominciammo subito a salire. Il dislivello mi mozzò il fiato e occorsero diversi minuti prima che riuscissi a regolarizzare la respirazione. La temperatura era di qualche grado sopra lo zero e l’erba brinata scricchiolava sotto i nostri scarponi. Procedevamo in silenzio con un’andatura abbastanza veloce, senza incertezze, spesso dovendoci aiutare anche con le mani. Giuliano apriva la fila seguito da me poi da Andrea, Maurizio ed infine Pietro che chiudeva la fila. Insolitamente in cinque non facevamo praticamente nessun rumore, tolto quello provocato dal nostro sommesso ansimare. Dopo aver percorso poche centinaia di metri, avvistammo quattro caprioli e un fugace camoscio. Come dice quel proverbio? “ Il buon giorno si vede dal mattino”. Io ero in preda ad un entusiasmo degno di un novellino, mentre i miei due nuovi compagni piemontesi si scambiavano, frequentemente e sorridendo, delle fugaci occhiate. Chissà cosa pensavano?!
 

La mia curiosità venne ben presto appagata, quando dopo circa un’ora di marcia, silenziosissimi, ci affacciammo in una grande valle. Il cuore mi saltò subito di qualche battito. In bella mostra, come se fossero stampati sopra una cartolina, un discreto numero di camosci pascolava ignaro della nostra presenza. Saranno stati almeno una decina e ce n’erano di tutte le classi di età. Maurizio e Giuliano mi chiesero cosa ne pensassi della loro riserva, ma sinceramente non ebbi la voglia  di rispondergli, perché in un momento simile rompere il silenzio sarebbe sacrilego. I camosci avvistati erano praticamente tutti a tiro, tra i 160 e i 360 metri. Andrea al telemetro (benedettissima invenzione) ci aggiornava di continuo. Maurizio, oltre ad avere innumerevoli doti, era soprattutto un professionista e quindi si comportò come tale. Dopo alcuni minuti spesi a valutare ogni singolo capo, sentenziò che uno dei due maschi che stavano sopra ad un costone di roccia simile a un dente gigantesco rispondeva alle caratteristiche del capo che stavamo cercando. Senza perdere tempo mi preparai al tiro adagiando la mia Weatherby Ultralight Mark V calibro 270 Magnum sul bipiede. La mia Weath è in grado di fare una rosata di quattro colpi in due–tre centimetri a duecento metri di distanza. Il camoscio prescelto si trovava a duecentosette metri esatti, quindi, sfruttando la precisione delle mie palle originali Hornady Spire Point da 130 grani, avrei potuto tentare il tiro al collo, quando invece…
 
 
 
 
Posizionai il parallasse del mio 25 x 52 sui 200 metri, misi a 12 - 14 gli ingrandimenti e mirai il maschio designato al centro della spalla. Calmo, regolai il respiro, armai lo stecher e ricontrollai se ci fosse del vento laterale. Quando mi sembrò che fosse tutto a posto e di non aver trascurato nulla, sfiorai il grilletto. Mi aspettavo di assistere ad un abbattimento netto e pulito, quando invece vidi la palla impattare sulla parete rocciosa alta. Troppo alta! Inspiegabilmente avevo volato il camoscio, così ricaricai veloce, mirai “filo pancia” e ripetei il tiro, questa volta con più successo. Il camoscio rotolò sui massi per poi volare fino in fondo alla valle. Come potevo aver fallito il primo colpo così clamorosamente?

Mi tornarono in mente anche gli altri tiri falliti allo stesso modo, sempre con la stessa arma e sempre a caccia di camosci. Ma così su due piedi non seppi dare una spiegazione a quegli errori. A risolvere lo spinoso dilemma ci pensò Andrea poco dopo, quando, chiesta la Weatherby in prestito, abbatté un altro bel maschio che nel frattempo gli era stato indicato da Giuliano. Solo che lui, a differenza di me, invece di usare il bipiede preferì avvalersi dello zaino e il colpo fu di una precisione chirurgica. In meno di dieci minuti avevamo già abbattuto due splendidi esemplari, un fatto non certo eccezionale per quella splendida, ricca zona di caccia! Comunque penso sia doveroso ritornare al tiro precedente, per cercare di dare una spiegazione logica all’insolito fatto. Credo che il colpo fallito sia dipeso da alcuni fattori: come l’appoggio troppo rigido del bipiede sulla roccia, la lunghezza della canna della Mark V e forse anche la sua snellezza o il peso troppo contenuto della Ultralight. Per esperienza so che se si utilizza un bipiede tattico dopo aver tarato una carabina in poligono sul rest, il tiro risulta sempre leggermente più alto, ma non mi era mai capitato così accentuato. Un “Weidmannsheil” pronunciato da Maurizio, abbinato a una calorosa pacca sulla spalla furono il premio che desideravo. Lo stesso trattamento lo ricevette anche Andrea per essere stato altrettanto bravo, se non di più. Tutte le volte che ho l’occasione di abbattere un camoscio, provo delle emozioni particolari. Ero felicissimo del risultato e orgoglioso del fatto che ancora una volta il mio fisico aveva risposto bene a tutte le chiamate.
 
 

Insieme ad Andrea incitammo i nostri accompagnatori ad andare subito al recupero, ma loro ci gelarono dicendoci che anche Pietro aveva diritto ad impugnare una carabina in quella valle incantata. Che indelicatezza! Sia io, sia suo figlio ce ne eravamo quasi dimenticati! Giuliano, dopo aver perlustrato l’intera zona con binocolo sempre incollato agli occhi per almeno un’altra mezz’ora, a gesti c’invitò a seguirlo, mentre nel frattempo Maurizio sarebbe partito da solo per il recupero delle due spoglie. Avrebbe eviscerato i camosci per poi sistemarli in attesa del nostro ritorno. Ora che eravamo rimasti in quattro, con “il sessantasei per cento del lavoro già fatto” camminavamo con maggior vigore e con uno stato d’animo diverso. Eravamo nel regno dei camosci ed era tutt’altro che remota la possibilità d’incontrare ancora animali giusti. Aggirammo la montagna per scorgere un tratto della stessa valle che prima non riuscivamo a vedere e alla prima sosta ne approfittammo per rifocillarci. Mentre io preparavo i panini per l’intera comitiva, Giuliano prese a controllare minuziosamente il perimetro circostante. Mi accorsi che doveva aver visto qualcosa d’interessante dal sorriso che gli affiorò sulle labbra. Seguendo le sue indicazioni individuammo un gruppo di femmine che con i loro piccoli brucavano tranquille, ma nessun maschio era nelle vicinanze. L’amico piemontese conosceva i camosci della riserva uno ad uno e sapeva quel che faceva. Invitò Pietro a prepararsi perché un buon becco “doveva” pur esserci in zona. Infatti, poco dopo: “Eccolo!!” esclamò Giuliano: “Quello è il nostro capo. Quando sei pronto puoi sparare”.
 
 
Andrea al telemetro sussurrò la distanza: “Duecentocinquantaquattro metri”. Quando finalmente riuscii a vederlo anch’io nel binocolo, puntellai subito i gomiti aspettando di vedere l’esito della fucilata. Era un maschio bellissimo. Fiutava l’aria a bocca aperta assaporandone l’usta. Pietro non perse tempo e con movimenti lenti ma coordinati si mise in punteria. Posizionò la sua Weatherby Vanguard calibro 257 WM sullo zaino e prese accuratamente la mira attraverso il  12 x 56. Suo figlio Andrea gli confermò definitivamente la distanza poi regnò il silenzio. Passarono pochi secondi durante i quali Giuliano ed io tenevamo sotto controllo con i nostri rispettivi binocoli il camoscio, mentre Pietro regolava la respirazione. Il colpo partì inatteso fulminando l’animale. La centoquindici grani Ballistic Tip ricaricata dal sottoscritto aveva fatto un ottimo lavoro. Solo allora potemmo dare sfogo a tutta la nostra gioia, alla quale seguì il solito copione, già visto molte altre volte.
 
 

Il recupero fu facile e le fotografie si susseguirono numerose. Il camoscio era un bel capo, reso ancora più bello dal fatto che né io né Andrea ancora avevamo visto i nostri. Come d’incanto, nelle mani di Giuliano apparve una bottiglia di vino rosso pregiato. Un bel brindisi fu d’obbligo. Ma dopo il piacere c’è sempre il dovere e noi dovevamo organizzarci per il rientro. Raggiungere Maurizio non fu certo uno scherzo, ma alla fine ci ritrovammo tutti felici come non mai. Io e Andrea ci tuffammo letteralmente sui nostri rispettivi capi, godendo del loro possesso. Era da tanto tempo che desideravo poter di nuovo annusare l’odore aspro e caratteristico dei becchi in amore. Messi vicini, i tre maschi sembravano figli della stessa cucciolata, erano praticamente identici. Ad occhio dovevano avere dai quattro ai cinque anni, il maschio di Pietro aveva il trofeo “molto resinato”, quindi era più caratteristico. Tutti avevano un bel manto folto e nero con le “briglie” ben marcate. Maurizio eseguì correttamente il nobile rito del Weidmannsheil porgendo ad ognuno di noi il Bruch, mentre Giuliano marcava i selvatici con le apposite fascetta al garretto e poi ne valutava correttamente l’età.
 
Mentre eravamo tutti euforici intorno ai capi abbattuti, cambiò il tempo come a volerci ricordare che il rientro non sarebbe stato né veloce né agevole, così cominciammo a prepararci. Eravamo in cinque con tre robusti capi da trasportare a valle. Approntammo una strategia che si dimostrerò vincente. Io avrei trasportato il mio camoscio nello zaino, Giuliano il maschio di Pietro nel suo, Maurizio quello di Andrea, mentre padre e figlio si sarebbero accollati l’onere di trasportare tutte le nostre attrezzature. Quando si è allegri e con il carniere pieno la stanchezza grava molto meno. Arrivammo in paese che ancora era giorno e ne approfittammo per mangiare ancora qualcosa prima di portare i capi all’Ufficio Caccia, dove sarebbero stati misurati e pesati per riportare i dati biometrici nelle apposite schede. Alla spicciolata ci raggiunsero altri cacciatori, locali e non, che si unirono a noi per conoscere l’esito dei colpi che avevano disturbato il silenzio ovattato della loro valle incantata. Tutti insieme rivivemmo ogni singolo attimo di quella stupenda giornata, saziandoci il corpo e lo spirito con le specialità della montagna e con la genuina amicizia dei suoi indomiti abitanti. Al pensiero che avrei dovuto lasciarli mi venne un nodo allo stomaco, ma sperai che la vita mi potesse concedere ancora giornate come quella.

Voglio ringraziare i miei amici piemontesi per la loro competenza e loro infinita diponibilità. Mentre a Pietro e Andrea va invece tutta la mia gratitudine per aver reso possibile questa splendida avventura.


 
Marco Benecchi
 
 
 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.79.195
Aggiungi un commento  Annulla 

13 commenti finora...

Re: Caccia al camoscio

Perdonate l'intrusione e la domanda ,ma se sono a tordi nelle zone non assegnate alla caccia al cinghiale e mi passa davanti un setolone posso sparargli e portarmelo a casa oppure ci vuole un autorizzazione ,zona lazio. Grazie per la eventuale risposta

da Novellino novello  20/09/2020 19.02

Re: Caccia al camoscio

Guarda,
Anche io ho l'esperienza "minima" fatta più sugli orsi che sui cinghiali...
Ma un pochino le ossa me le sono fatte...
SECONDO ME il MIRINO diretto sarebbe migliore (Yukon Pulsar ATN DEDAL, etc etc) ad avere più armi e il PERMESSO SELETTIVO all'uso!
ma per i cacciatori notturni "occasionali" gli "aggiuntivi" li vedo preferibili perché ti permettono di TRASFORMARE all'occorrenza il tuo cannocchiale in un mirino notturno,
ANCHE PERCHE' la legge è un po controversa...
Specialmente col grado d'istruzione di certe guardie giurate..
Ti fai trovare alle 8 del mattino con un termico sulla carabina cosa gli dici?

i DEDALç sono i numeri uno ma costano un occhio della testa, mentre ce ne sono altri, come appunto il PARD con il quale puoi fare delle cose davvero INCREDIBILI fino a 200 mt a notte super ultra fondissima!

Ovvio, con i loro pro e i loro contro...
Ma il discorso sarebbe lunghissimo
Un caro saluto
Marco

da Marco x Andrea  15/09/2020 17.40

Re: Caccia al camoscio

Ciao Marco, sono.totalmente ignorante in materia, mi spiegheresti la differenza tra mirini notturni aggiuntivi, quello da te indicato, per esempio, e i visori notturni e le ottiche digitali. Grazie sempre per la tua cordialità

da Andrea  12/09/2020 9.27

Re: Caccia al camoscio

MAI provate,
Davvero non saprei cosa dirti......
Magari un giorno mi capiterà di farlo...
Un caro saluto
M

da Marco B x Tiroler  12/09/2020 5.14

Re: Caccia al camoscio

Ciao Marco, come sono le munizioni "sologne"? Bignami adesso commercializza queste. Grazie. WH

da tiroler x Marco  11/09/2020 20.34

Re: Caccia al camoscio

RAGAZZI (si fa per dire!)
Ho disponibile una bellissima cucciolata di JAGD TERRIER,
Ovvio che mamma e papà sono di mia proprietà.
Disponibili 4 femmine e 3 maschi,
Ne vendo qualcuno per.. Coprire le spesse..
Vi pregherei di far girare la notizia coi Vostri amici e conoscenti..
Grazie
NB Linea di sangue selezionata per grossa selvaggina NO TANA!
I miei jagd a lavoro potete vederli su you tube in "
Marco Benecchi braccata maremmana jagd terrier in azione..
Vi avverto che il filmato (fatto da Caccia e Pesca) è un po..cruento!

da Marco B x TUTTI GLI AMICI DEL BLOG  10/09/2020 17.34

Re: Caccia al camoscio

"""Io credo che a volte si sbagli il colpo per troppo sicurezza , quasi una routine ed invece! Quindi, sbagliare è una Manna per non rilassarsi mai ! """

Condivido pienamente...
Buona serata
Marco

da Marco B x il SAGGIO  10/09/2020 17.29

Re: Caccia al camoscio

Fede, innanzi tutto perdonami, anzi Perdonatemi tutti cari amici del BLOG se intervengo con meno frequenza ma...
Vado a caccia praticamente TUTTI i giorni
anche di martedì e di venerdì (addestramento cani e contenimenti!)
Non vedo l'ora che apra la caccia Generale per.. Riposarmi un po'!!!

Una BUONISSIMA carabina economica e funzionale?
BERGARA B14 GREEN HUNTER
in cal. 308 W
O magari in un altro medio calibro di tua scelta
E' quella che sto usando ORA in questi giorni per tutti i selvatici: Caprioli, Cinghiali Daini
con un buona ricarica con palla Nosler Ballistic Tip da 165 grani!
Sopra ho montato con attacchi Leupold STD un altrettanto onestissimo DELTA Titanium 2.5 - 15 x 56 HD e... All'occorrenza, Mirino notturno "aggiuntivo" PARD NV 007....

Per la prova dell'arma ti rimando a un mio recentissimo articolo pubblicato sull'altro mio Blog Armi & Munizioni...
IO mi ci sto trovando MOLTO bene,
Potrei dire di essere un po' "Influencer condizionato" perché TUTTO il kit Completo mi è stato fornito dal caro amico Mauro Redolfi della RA Sport per COLLAUDARLO, ci conosciamo e collaboriamo insieme da oltre vent'anni
E devo dire che non rimpiango NESSUNA delle armi che usavo in precedenza
O forse solo la Weatherby 257 quando prevedo di tirare veramente lungo, dai 250 ai 350 mt!
Ma, credimi, per cacciare fino a 200 ..
anche a NOTTE fonda non ho problemi!

Fammi sapere
Un caro saluto
Marco

da Marco B x Federico  10/09/2020 17.28

Re: Caccia al camoscio

per tirare a 200 metri la pressione atmosferica cosa vuoi che cambi? Niente. quando si sbaglia un colpo
con il bipiede, zaino, sacchetti, bastone, colpa è solo nostra. Ma non vi è mai capitati di sapere già che sbaglierete il colpo come il contrario? E' questo il vero problema . Io credo che a volte si sbagli il colpo per troppo sicurezza , quasi una routine ed invece! Quindi, sbagliare è una Manna per non rilassarsi mai !

da il Saggio  09/09/2020 13.41

Re: Caccia al camoscio

Ciao Marco, conosci la carabina Beretta Mato su azione Dakota? Se la conosci cosa ne pensi? E della Franchi Horizon? Sono in cerca di una carabina economica ma funzionale. Qualche consiglio su armi diverse. Calibro 308 win o 30.06.
Cordiali saluti
Federico

da Federico  07/09/2020 16.18

Re: Caccia al camoscio

Alle nostre latitudini la minor pressione atmosferica, dovuta all'altitudine, è compensata da temperature più fresche. Provate a una simulazione con Quickload-Quicktarget e ne avrete la riprova.
Il bipiede, per la sua elasticità, dà rosate diverse ma anche "spostate" rispetto a quelle con i sacchetti o con lo zaino. Una correzione, specialmente in direzione fatta con il bipiede lo carica come una molla mettendolo in tensione. Allo sparo il bipiede si riassesta e il colpo va dove vuole. Provare per credere.L'uso del bipiede non è così semplic come può sembrare.
Weidmannsheil per il bel racconto e l'avventura.

da bansberia  03/09/2020 6.37

Re: Caccia al camoscio

A dimenticavo. A quello che prima ho detto va aggiunto il fatto che l'aria in montagna è più rarefatta e oppone meno residenza al volo delle palle facendo quindi appiattire maggiormente le traettorie, con l'inevitabile innalzamento del punto d'impatto di qualche centimetro, a seconda del calibro. Ovviamente, con due o tre centimentri in più il camoscio sarebbe stato comunque abbattuto senza problemi ma questo, aggiunto al problema dell'arma, ha certamente amplificato il risultato negativo. Saluti. Cochise

da COCHISE  01/09/2020 12.04

Re: Caccia al camoscio

Ciao Marco. Complimenti per il bel risultato. Secondo me, in base alle mie esperienze di tiro e di caccia (abbiamo più o meno la stessa età) l' innalzamento di traettoria del tiro della tua carabina è dovuto ad una scarsa rigidità della calciatura in punta, proprio dove il bipiede fa presa. E' verosimile che la calciatura della tua ultraslight, proprio per guadagnare leggerezza, è troppo esile e, pertanto, quando usata con il bipiede, tutto il peso arma/ottica la fa flettere verso l'alto cosicchè la stessa cassa va a toccare la canna, seppur di poco, ma giusto quel tanto sufficiente a modificare il regime vibratorio della stessa. La prova di questo è il fatto che con appoggio su zaino il problema non si verifica poichè il peso dell'arma viene distribuito su una parte più ampia di calciatura e, in particolare, sulla parte sottostante l'azione che per sua costituzione non flette. In bocca al lupo

da COCHISE  01/09/2020 11.43
Cerca nel Blog
Lista dei Blog