Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mag26


26/05/2020 9.47 

 
Fino a pochissimi anni fa, conservare i trofei degli animali abbattuti era un’usanza prettamente mitteleuropea. da noi praticata esclusivamente sull’arco alpino e in alcune esclusive riserve del Centro Italia, ma ultimamente, grazie alla caccia di Selezione e ad una nuova e più seria cultura venatoria, sono molti quei cacciatori che si sono appassionati alla trofeistica. Oggigiorno si vedono sempre più spesso trofei in “bianco” o naturalizzati in “Cape”, appesi alle pareti delle case dei cacciatori.
 
 
 
 
Credo vengano conservati principalmente come ricordo delle loro belle avventure, ma anche per testimoniare che sono stati eseguiti dei prelievi corretti. Una volta, invece, i trofei erano considerati soltanto degli arredi per alberghi e ristoranti e qualcuno li acquistava addirittura per abbellire baite e chalet. Se avessimo a disposizione spazio e mezzi (economici!), il massimo sarebbe quello di collezionare tutte le teste dei selvatici naturalizzate dal tassidermista (fino alla spalla, all’americana!) oppure, meglio ancora, preparare gli animali interi, come fanno tanti grandi safaristi (primo tra tutti il dott. Giorgio Barbero). Invece, il più delle volte dobbiamo accontentarci di conservare soltanto i teschi degli ungulati, i crani dei predatori (orso, lupo, lince e volpe) e le zanne dei cinghiali, perchè occupano meno posto e perché costa molto meno prepararli. In un’abitazione moderna, simili oggetti potrebbero sembrare un po’ macabri, così per cercare di abbellirli (ed anche per addolcire le nostre comprensive compagne), il buon gusto impone di montarli su degli scudi di legno.
 
 
 
 
In commercio di tavole porta trofei non se ne trovano moltissime, ma quelle poche che si riesce a reperire devo dire che sono veramente ben fatte. Purtroppo anche in questo campo la nutritissima schiera degli amanti del “fai da te” si è sbizzarrita a più non posso! Nelle case dei cacciatori di mezza Europa (ma in particolare di quelli italiani!) ho visto di tutto. Trofei di cinghiale legati col fil di ferro a semplici tavolette quadrate di abete e corna di capriolo, daino e cervo “imbullonate” con viti arrugginite su brutte fette di tronco tarlate, su taglieri per salumi, su piatti da polenta e così via. Nell’era del consumismo sfrenato c’è ancora chi per certe determinate cose si ostina a non voler spendere neanche una lira, pardon, neanche un euro! Non ho ancora capito bene cosa prova un cacciatore quando mette un obbrobrio al muro; perché lo fa? Nessuno lo obbliga ad esporre un trofeo preparato male e/o montato peggio.
 
 
 

Chi ha seguito i miei consigli sulla preparazione dei trofei in bianco può anche allentare i cordoni della borsa ed acquistare delle belle tavole su cui montarli. Ho visto degli scudi porta trofei che per quanto sono belli potrebbero benissimo essere attaccati alle pareti da soli come quadri. Esistono dei modelli, sia scolpiti artigianalmente sia pantografati industrialmente, che sono delle vere e proprie piccole opere d’arte. Ne ho visti ed usati ornati con foglie di quercia e ghiande, con stelle alpine e mughetti, con addirittura incise o riportate delle piccole miniature raffiguranti ungulati. Più rare sono le tavole stile bavarese coi bordi verdi, bronzati, dorati ed “invecchiati”, ma anche i modelli più sobri in onesto noce finiti ad olio, in cirmolo, o in altri legni nobili, sono tutti dei begli oggetti. Se affermo che certi scudi costano meno di quel che valgono, potete crederci. La distribuzione e vendita di tavole porta trofei, scudi e crest è un’esclusiva di famosi importatori come la Bignami di Ora e la Jawag di Marengo, ma lo sapevate che molto di recente una nuova ditta è entrata prepotentemente sul mercato con una linea di prodotti validissimi? E’ la Bottega Artigiana dei Fratelli Spaliviero.
 
 
 
Dalla stretta e provvidenziale collaborazione tra Vittorio Cibien (notissimo tecnico faunistico di Treviso) che li ha disegnati, ed i fratelli Spaliviero che li fabbricano e distribuiscono, è iniziata la produzione di una linea di scudi porta trofei che conta oltre dieci modelli, tutti ben proporzionati, adatti a ricevere trofei delle dimensioni di un capriolo e simili fino ad arrivare all’alce, senza tralasciare dei modelli particolari come la tavola porta trofei di muflone caratterizzata dalla staffa a sbalzo.
 
 
 
Non bisogna certo essere degli architetti specializzati in arredamento per interni per capire che ogni trofeo dovrebbe essere montato sul suo scudo specifico. Un trofeo di capriolo sopra una tavola da daino è ridicolo, come lo sarebbe anche il montare delle difese di cinghiale sopra ad uno scudo porta trofei di camoscio! C’è da ammettere che non tutte le armerie vendono delle tavole porta trofei e che non è facile procurarci i modelli che c’interessano. Per fortuna su Internet ci sono alcuni siti dove è possibile acquistare tutto quel che ci occorre: tavole, oggettistica ornamentale (foglie di quercia e ghiande in metallo) e staffe di fissaggio. Insomma: “Volere è potere”. Se siamo intenzionati a conservare i nostri trofei nel rispetto di chi li ha portati e diciamolo pure, con un certo stile, il modo di farlo c’è e tutto sommato non costa neanche molto.
 


Marco Benecchi
 
 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.68.142.123
Aggiungi un commento  Annulla 

Cerca nel Blog
Lista dei Blog