Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mar15


15/03/2020 17.15 

 
Bwana Mucubwa, “Il Grande Signore”, è l’appellativo che è stato dato a Fausto Cristiani in Africa tanti anni fa e che si è portato orgogliosamente dietro per tutta la vita. Fausto, per i pochi che ancora non lo conoscono, è una legenda vivente, sia nel mondo della caccia grossa sia in quello dell’arte perché, oltre ad essere un grandissimo cacciatore ed un esponente di spicco del Safari Club International, è un pittore d’innata ed insuperabile bravura, famosissimo in tutto il mondo. Ho avuto l’onore di conoscere Fausto dove due “portatori della stessa passione” (frase sua, non mia!) dovevano per forza incontrarsi: nel bosco, durante una battuta di caccia al cinghiale. Quel giorno io ero armato con una BAR 30.06, mentre lui aveva una RUGER in 243! Fu sufficiente apprendere con che calibro Fausto cacciava il re della macchia per farmi capire che stavo stringendo la mano ad uno che di caccia se n’intendeva parecchio. Da allora Fausto ed io non ci siamo più persi di vista.
 
 

Nel corso degli anni, tutte le volte che ne ho avuto l’occasione mi sono fatto raccontare buona parte della sua incredibile, avventurosa vita, di quella che Fausto ha vissuto attimo per attimo in giro per il mondo, sempre con due valige in mano, una per la carabina e l’atra per pennelli e colori. Fausto mi ha raccontato delle sue innumerevoli avventure; di come ha abbattuto sette elefanti, di come ha inseguito non so più quanti bufali, dei grandi leopardi, delle prestigiose antilopi, ma ha buoni ricordi anche di lupi, cervi, daini, caprioli e mufloni. Nonostante la notevole differenza d’età che c’è tra noi (io sono del “sessanta”, mentre lui è nato a Roma l’8 settembre del 1934), Fausto ed io siamo molto legati e sempre sintonizzati sulla stessa lunghezza d’onda. Abbiamo condiviso e tuttora condividiamo la stessa passione per la caccia a palla in tutte le sue forme, per i calibri “giusti”, per la ricarica casalinga delle munizioni, per l’arte in generale ed in particolare per la pittura. La pittura naturalista, quella dove sono riprodotti gli animali selvaggi liberi nel loro ambiente naturale che soltanto Fausto e pochi altri artisti sanno dipingere con superbo ed ineguagliabile stile. I quadri di Cristiani vibrano di vita propria, perché prima di esser messi su carta, tela o meglio ancora su una tavola di legno esotico con colori e pennelli, nascono dal profondo dell’anima.
 
 
Sin da giovanissimo ha cominciato a percorrere i sentieri dell' arte, quei sentieri che negli anni lo hanno portato sempre più lontano. Un lungo cammino che iniziò nel 1950, quando ancora sedicenne, decorava chiese e palazzi gentilizi sotto la guida del professor Lamberto Barbi; apprendendo pian piano le diverse tecniche dalla tempera, dell’acrilico, dell'olio, dell' affresco ed i segreti del restauro. Ben presto acquisì una grande esperienza diretta che lo rese padrone del mestiere del pittore. Ma a Fausto urgeva innato e più forte che mai il richiamo diretto della natura, un’attrazione che lo portò ad abbinare l’arte ad un’altra sua grandissima passione: la caccia.
 
 
 
Una passione che coltivava da piccolo perchè gli era stata trasmessa dal padre, e che l’avrebbe portato a scoprire il più grande eden venatorio: l' Africa!

Si ritrovò a percorrere in lungo e in largo il continente nero e a vivere tante bellissime, indimenticabili ed a volte drammatiche avventure che quella terra generosa ma ancora selvaggia poteva ancora offrirgli. Erano gli inizi degli anni sessanta! Gli anni d’oro delle grandi cacce, della Bella Epoque, delle famose armerie-salotto di Casciano e di Bonvicini e dell’eterna “concorrenza” tra i facoltosi safaristi romani e milanesi. Trascorse in Africa mesi interi, immerso a studiare e a dipingere gli animali nel loro ambiente e cercando di capirne i più profondi segreti con pazienza, amore e tenacia. Negli anni il suo senso artistico, la profonda conoscenza dell'anatomia degli animali, dei segreti della pittura e dei giochi dei colori, gli fecero creare dei quadri bellissimi, unici per stile, tratto, temi ed espressioni, opere importanti, molto ricercate dagli appassionati di pittura e di caccia di tutto il mondo. Il fascino della savana era entrato talmente prepotentemente nel cuore di Fausto, che soltanto quando lui ritornava in quelle immense ed assolate distese, lontano dal mondo civile ed a stretto contatto con la natura, trovava l’ispirazione giusta. C’è anche da dire che Cristiani ha potuto realizzare molti dei suoi sogni, non solo grazie alla sua innata bravura d’artista, ma anche ad un importante incarico avuto dall’Alitalia, che gli commissionò di decorare e di arredare più di una ottantina di sedi in tutto il mondo: Egitto, Sudan, Somalia, Kenya, Nigeria, Costo d’Avorio, Tanzania, Congo, Angola, Zambia, Zimbabwe, tanto per citare alcuni dei paesi visitati dall’intraprendente ed instancabile artista. Un’occasione fantastica che il buon Fausto cacciatore–pittore colse al volo e che ancora ricorda con tanta nostalgia, ammettendo che per molti anni è riuscito ad abbinare lavoro, turismo e caccia e a farsi apprezzare e conoscere negli ambienti più prestigiosi.
 
 

Grande pittore, abilissimo cacciatore semiprofessionista, uomo colto, educato, gentile e generoso rimane sempre l’amico di tutti, Fausto Cristiani non si è mai montato la testa, neanche quando venne a sapere che un suo quadro su legno raffigurante una tigre fu battuto ad un’asta in America per la ragguardevole cifra di 15.000 dollari. Ancora oggi, alla veneranda età di ottantaquattro anni, Fausto ha una forza sia fisica sia d’animo, formidabili. E’ sempre pronto ad intraprendere un’avventura e a buttarsi a capofitto in nuove imprese. Fausto, nella sua bella casa di Fabrica di Roma (VT) lavora ancora principalmente su ispirazione, ma anche su ordinazione. Crea un limitato numero di velature su legno esotico e di quadri su tela con colori ad olio od acrilici. E’ sempre impegnatissimo, non sa cosa vuol dire annoiarsi, ma se avete l’occasione di passare da quelle parti e di andare a trovarlo, state tranquilli che Fausto mollerà tutto e si metterà a parlare con voi di caccia, di animali selvatici, di cariche di bufali, di leopardi e leoni feroci, di armi ,di calibri, di quadri, di pittura, d’Africa…

Marco Benecchi





Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.101
Aggiungi un commento  Annulla 

1 commenti finora...

Re: Fausto Cristiani. "Bwana Mucubwa"

UN GRANDE.

da gianni  16/03/2020 15.48
Cerca nel Blog
Lista dei Blog