Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456
Mensile
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
dic4


04/12/2018 17.15 

 
Nell’ambiente venatorio di un certo livello è noto che esistono grandi cacciatori, o forse sarebbe meglio chiamarli grandi “Safaristi”, che pur di catturare un selvatico molto raro o dal trofeo particolarmente importante spenderebbero una fortuna sia in tempo sia in denaro. Sarebbero capaci di tutto pur di togliersi la soddisfazione di essere riusciti dove in molti hanno solo tentato. Personalmente credo che questo non sia un fenomeno da criticare, anzi, caso mai il contrario, perché quando si possiede una grande passione e i mezzi necessari per appagarla con impegno e serietà, è sempre un bene. Ovviamente manie e fissazioni sfiorano la malattia, ma se un cacciatore desidera cacciare un selvatico particolare, senza arrecare nessun male agli altri, che male c’è? Detto ciò, senza scomodare le grandi pecore asiatiche, i trofei europei Kapital e le anomalie che si possono trovare in natura come melanismo, albinismo e altre forme strane, chi di noi non ha mai avuto un sogno, diciamo venatorio, nel cassetto? Magari un cinghiale dalle difese spaventose, un camoscio di vent’anni dal grande trofeo uncinato, un cervo coronato di tredici chilogrammi o il capriolo da oltre 700 grammi di trofeo? Personalmente ho cacciato moltissimo il Folletto Rosso dei boschi, riuscendo addirittura ad abbatterne due esemplari albini, ma il mio sogno è sempre stato quello di catturare, o almeno riuscire semplicemente di vedere, un capriolo parruccato una sola volta nella vita. Invece un mio carissimo amico, non solo l’ha abbattuto…. ma l’ha praticamente catturato nei campi intorno casa, senza averlo né cercato né mai visto prima. Non oso immaginare l’emozione che ha provato Cristiano, questo è il suo nome, quando s’è reso conto di cosa gli era capitato, dell’immenso regalo che gli era stato concesso dalla vita. Purtroppo non ero con lui quando è accaduto il fatto, ma posso descrivervi com’è andata, basandomi sul racconto “fin troppo dettagliato” che mi è stato fatto dal protagonista e dal suo inseparabile compagno di caccia Leonardo.
 

La selezione estiva al capriolo era aperta già da diversi giorni e procedeva nell’intero distretto piuttosto bene. Erano stati abbattuti alcuni maschi, ma nessuno portatore di un trofeo eccezionale. Poi, una insolita quanto spietata siccità aveva drasticamente impoverito i già magri prati maremmani, riducendo di molto anche gli avvistamenti. Tutti i cacciatori erano diventati gelosi delle loro zone che monitoravano frequentemente sia il mattino sia la sera. Cristiano ed il suo amico Leonardo avevano deciso di appostarsi in una zona chiamata “Casaglia” che, in linea d’aria, si trova a non più di un chilometro e mezzo dalla torre principale di Capalbio! All’alba, da quelle splendide colline, si ha una vista verso il mare davvero mozzafiato. Ma i nostri due provetti cacciatori, entrambi poco più che ventenni, avevano gli occhi puntati verso i campi o verso il limitare del bosco, da dove speravano sarebbe potuto uscire il maschio adulto che gli era stato assegnato. Per Cristiano abbatterlo sarebbe stato anche il battesimo di sangue come neo selecontrollore perché aveva conseguito l’abilitazione appena pochi mesi prima. Loro due giurarono di no, ma io conoscendoli “molto bene fin da prima che nascessero”, me li immaginai ugualmente spalla e spalla ad attendere che il sole spuntasse ad est, tutti presi a controllare i loro profili Facebook nella placida arsura maremmana. Cristiano, che d’altronde era il più interessato essendo l’unico armato, decise di mettere mano al binocolo per controllare se nei campi adiacenti ci fossero delle novità. Fu allora che nelle limpidissime lenti del suo  8,5 x 42 avvistò una singola, quanto inconfondibile sagoma, china a cibarsi a ridosso di un folto cespuglio. Evidentemente doveva essere già fuori nel prato sin dal loro arrivo. Brucava e camminava contemporaneamente avvicinandosi sempre più al limitare del bosco. Non bisognava essere dei geni per capire che quel capriolo doveva aver già riempito il suo piccolo stomaco e che non vedeva l’ora di rientrare nel folto per ruminare in tutta tranquillità. Cristiano mollò il binocolo ed impugnò subito la sua CZ 550 calibro 243 Winchester, con sopra montato un onesto  12 x 50, fece scorrere in canna una cartuccia ricaricata da suo Zio Marco (da chi altri se no?) con palla Nosler Ballistic Tip da 95 grani e si preparò al tiro. Ma era già troppo tardi.
 

Il capriolo era sparito pochi attimi prima che il giovane selecontrollore riuscisse a determinarne sia il sesso sia l’età, neanche fosse stato uno spettro. Con l’aumentare della visibilità aumentò progressivamente anche il calore, il senso di arsura e il fastidio provocato dagli insetti, così, appena il sole fece capolino oltre le colline, i due baldi giovani raccattarono le loro cose per andarsene … ovviamente al mare. Beata gioventù!

Comunque, forse nel sublimale, Cristiano doveva aver percepito qualcosa di strano, di anormale, perché quella fugace visione lo tormentò per alcuni giorni finché decise di ritentare la fortuna nella stessa zona, ma andandoci più preparato. Poi, se quel capriolo fosse stata una bella femmina l’avrebbe lasciata andare (nonostante il calendario prevedesse anche il prelievo!) mentre se fosse stato un maschio, magari anche giovane, avrebbe deciso il da farsi sul momento, ma traguardandolo direttamente attraverso l’ottica da mira! E’ impensabile che in certi posti occorra andare a caccia così, sempre in ansia e di fretta, ma io che li frequento da trent’anni purtroppo posso confermarvelo. Ci sono delle zone in Maremma dove i selvatici sono scaltrissimi, si fanno vedere per pochissimi minuti alle ore più impensabili del giorno e quando hai la fortuna di avvistarli devi essere velocissimo nel valutare il capo e nell’eseguire il tiro. Li ricordo così quasi da sempre, ma ora che ci sono in giro MOLTI più lupi che caprioli, posso capire meglio perché gli ungulati siano diventati particolarmente diffidenti. Quando penso a certi video prodotti dai cari amici Alberto e Alessandro Lugari o quelli visti su You Tube dove i caprioli escono nei prati immacolati dell’Appennino Tosco Emiliano e ci rimangono a mangiare quasi per ore, non so se mettermi a ridere o a piangere.
 


Comunque Cristiano prenotò telematicamente un’uscita mattutina e in compagnia dell’inseparabile Leonardo ritentarono la sorte, vista la vicinanza della zona con le loro residenze. Cristiano quel mattino mise in atto tutti gli insegnamenti di papà Giampiero. Controllò la direzione del vento e cercò di far coincidere al minuto il raggiungimento del’appostamento con la luce necessaria per poter tirare con precisione. Avrebbe dovuto essere operativo appena sarebbe arrivato nel posto esatto da dove aveva avvistato il capriolo, già pronto ad ogni evenienza con la carabina carica, senza sicura e i coprilenti tolti. Leonardo, per forza di cose avrebbe dovuto attendere ben nascosto, diversi metri addietro.
 

Grazie al vento favorevole, poco più di una leggerissima brezza ma d’importanza cruciale, Cristiano riuscì a strisciare a ridosso ad una provvidenziale piccola murcia di sassi, dove posizionò la carabina sul bipiede direttamente puntata verso il cespuglio da dove aveva visto apparire giorni addietro il capriolo. Il giovane non credette ai suoi occhi quando se lo trovò praticamente all’interno dell’obiettivo. Non solo era dove sperava che fosse, ma doveva essere anche un bel maschio, perché una grossa ombra scura gli sovrastava il cranio. Sempre seguendo gli insegnamenti paterni, il giovane si concesse solo un piccolo, grande lusso: la stima esatta della distanza. All’interno del display del suo piccolo telemetro  apparve la cifra: 188. Perfetti. Né pochi ma neanche troppi. Mise il reticolo al centro della spalla quattro dita sopra il centro e poi, senza neanche armare lo stecher, sparò.

Cristiano non riuscì a sentire se la palla aveva colpito qualcosa di solido, ma fu abbastanza ottimista perché non vide nessuna sagoma correre dopo lo sparo. Ormai quel che doveva essere fatto era stato fatto. Alle sue spalle una voce lo fece sussultare: ”Allora? Come è andata?” Leonardo era apparso come un folletto, impaziente di conoscere l’esito di quell’unico colpo! Cristiano rispose che sicuramente era andato bene, ma che avrebbero dovuto avvicinarsi per averne la certezza. Era ancora praticamente notte! La mattinata era cominciata decisamente bene, c’era da sperare che sarebbe finita ancora meglio. Ed infatti un corpo giaceva immobile a pochi metri dal grosso cespuglio, ma dalla loro posizione non riuscivano ancora a vedergli il trofeo. Allorché, come presi da una strana premura, i due amici corsero per pochi passi e quello che videro gli tolse letteralmente il fiato: Cristiano aveva abbattuto un bellissimo e rarissimo capriolo parruccato, sogno di molti cacciatori nel mondo! E addirittura in un campo praticamente dietro casa. Papà Giampiero sarebbe stato sicuramente felicissimo dell’abbattimento, e chissà che faccia avrebbe fatto quando lo avrebbe visto, lui che in cinquanta anni di caccia non ne aveva mai visto uno!

Dopo le immancabili foto di rito, lo marcarono con la fascetta numerata, lo eviscerarono sul posto, poi lo stiparono nello zaino e Cristiano se lo caricò in spalla. Avrebbero dovuto fare due–trecento metri di strada per arrivare alla macchina, ma non sarebbe stato un problema percorrerla persino con il piacevole fardello, perché era tutta in discesa. E poi, da dov’erano, potevano davvero godere di una visuale splendida, potevamo vedere il solo illuminare progressivamente Capalbio, Manciano, Vallerana, Monteti ed anche moltissimi campi e prati, insomma, stavano vivendo un sogno in un ambiente da favola. Credo che le fotografie non siano in grado di esprimere al meglio la bellezza e l’unicità di quel magnifico trofeo, davvero non gli rendono giustizia. A Cristiano, da parte mia e credo anche da parte tutti i selecontrollori italiani, va il nostro più caloroso Weidmannsheil! Il nostro sincero augurio a continuare per questa strada, perché è davvero quella giusta. Bravo!



Marco Benecchi


 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.68.65.238
Aggiungi un commento  Annulla 

10 commenti finora...

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Il capriolo della vita nel prato dietro casa!

Niente affatto,
La tua era la mia stessa curiosità
Invece aveva tutte e due i testicoli integri ma erano molto piccoli
Pochissimo sviluppati..
Chissà, forse una malattia....

da Marco B x Little  10/12/2018 18.57

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Il capriolo della vita nel prato dietro casa!

Il capriolo è commestibile come tutti gli altri..l’unico problema deve averlo avuto ai testicoli che non producendo più testosterone fanno si che il palco non smetta di crescere e quindi anche di ossificare a dovere. Sarei curioso di sapere se i testicoli erano ipotrofici o comunque danneggiati magari dal filo spinato di qualche recinzione

da Little John  10/12/2018 18.02

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Il capriolo della vita nel prato dietro casa!

Il capriolo è commestibile come tutti gli altri..l’unico problema deve averlo avuto ai testicoli che non producendo più testosterone fanno si che il palco non smetta di crescere e quindi anche di ossificare a dovere. Sarei curioso di sapere se i testicoli erano ipotrofici o comunque danneggiati magari dal filo spinato di qualche recinzione

da Little John  10/12/2018 18.02

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Il capriolo della vita nel prato dietro casa!

chiedo scusa ma: non è che sia una malattia o un'anomalia dell'animale????
con tutto quel po - po- di bitorsoli sul trofeo??? mi farebbe senso lavorarlo. salute a tutti e
buon fine settimana giancarlo
scusate se non sono molto erudito nello scrivere

da carlo48  08/12/2018 15.26

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Il capriolo della vita nel prato dietro casa!

Ho bisogno di una cortesia da TUTTI Voi,
Mi è capitata tra le mani una carabina calibro 242 Rimless Niitro Express..
Ovviamente il proprietario NON aveva MAI avuto una sola munizione..

Non è che per caso qualcuno di VOI ne ha mai sentito parlare?

Mi accontenterei di riuscire ad avere un solo BOSSOLO per poterne rilevare le misure..
Poi magari ci penserei io ad assemblarmi le munizioni,
Ma ALMENO un bossolo mi occorre!

Cordiali saluti
Marco

da MARCO BENECCHI X TUTTI GLI AMICI  07/12/2018 15.57

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Il capriolo della vita nel prato dietro casa!

Quello che dice MB è giusto, anche se occorre sempre adottare la tattica nell'avvicinamento più adeguata possibile alla situazione logistica. Io caccio in selezione in una zona collinare, molto boscata; a volte mi è capitato un "punto sparo" perfettamente riparato nella macchia, che si affacciava su una radura sottostante. In questi casi sono sempre riuscito ad appostarmi senza problemi, prima dell'alba. In zone più aperte invece occorre seguire le stesse accortezze di Marco

da Filippo 53  06/12/2018 9.54

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Il capriolo della vita nel prato dietro casa!

D’accordissimo con Marco.. a chi non è capitato di uscire la mattina presto col buio e sentire i caprioli che abbaiano spaventati?

da Little john  06/12/2018 9.50

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Il capriolo della vita nel prato dietro casa!

Arrivare sul posto mezz'ora prima o anche di più è l'errore che MOLTI se non il 90% dei cacciatori a palla fanno quando decidono di uscire al mattino...
E te ne spiego il motivo
TU o chiunque altro Arrivando mezz'ora , un ora prima in zona, quindi con buio pesto

HAI LA CERTEZZA CHE NEL PRATO NON CI SIA GIA' NIENTE??????????????????????

Quando IO invece ho Quasi sempre la certezza che quando arrivi qualcosa c'è quasi sempre nel prato.
Animali che TU non vedi, ma che LORO ti sentono
Mentre se invece arrivi che c'è luce a sufficienza, con la dovuta cautela,
Hai ottime probabilità di tirare
Arrivando presto, quando ancora non c'è visibilità, spessissimo può capitare di spaventare (senza accorgersene!) i capi che speravi che invece uscissero nel prato a giorno fatto!!!!

Molto semplice..
Comunque La burocrazia venatoria vieta di sparare di notte, non di raggiungere il proprio appostamento a qualsiasi ora!
Buona
M

da Marco B x Bansberia  05/12/2018 17.10

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Il capriolo della vita nel prato dietro casa!

prenotazione telematica la schifezza più schifezza che possa essere stata creata nel mondo della caccia

da Sput  05/12/2018 14.34

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Il capriolo della vita nel prato dietro casa!

Bell'abbattimento, ben descritto. Ma perchè Cristiano ha fatto coincidere "al minuto il raggiungimento del’appostamento con la luce necessaria..."? Non poteva arrivare mezzora prima? Forse lo vietava la burocrazia venatoria che richiede la prenotazione telematica?
WEidmannsheil a Cristiano e anche a te.

da bansberia  05/12/2018 12.41
Cerca nel Blog
Lista dei Blog