Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
Mensile
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov8


08/11/2018 16.42 

 
Vediamo in che cosa consiste la discrezionalità della Questura, soprattutto fino a dove può spingersi e dove invece si deve fermare quando viene presentata la domanda di rinnovo della licenza di porto di fucile ad uso venatorio e questa viene rigettata per vecchie vicende giudiziarie sfociate, però, in sentenze favorevoli.


Fucile uso venatorio e motivi di diniego alla domanda di rinnovo

Per illustrare l’argomento prendiamo spunto da un’interessante pronuncia: la sentenza n. 240/2018 pubblicata il 12.01.2018 dal Tar Napoli, mai appellata.
Caso vuole che il Questore rigetti la domanda di rinnovo della licenza: come anticipato, sembra che la persona in questione abbia avuto in passato qualche disavventura giudiziale (porto di coltello fuori dall’abitazione senza giustificato motivo, ricettazione).
Il succo della decisione è questo: nel momento in cui l’Autorità si appresta a valutare se la persona interessata è capace di abusi con l’arma e, dunque, teoricamente pericolosa, deve compiere il proprio esame discrezionale adottando una motivazione reale, coerente, logica e ragionevole.

Che cosa significa tutto questo?

Ebbene, tanto equivale a dire che l’amministrazione non ha, per Legge, uno strapotere discrezionale, ma il suo potere valutativo diventa illegittimo quando sfocia nell’arbitrio.
 
Detto in altri termini: se sospetta che la persona interessata sia pericolosa, non può limitarsi a verificare che questa persona è stata coinvolta, nel passato, in alcune vicende giudiziarie, ma deve approfondire l’evoluzione di quelle denunce e quelle vecchie cause, capire se si sono concluse favorevolmente con sentenze di assoluzione, se le denunce sono state rimesse e così via.
Se non lo fa, il provvedimento che emette risulta privo di una reale motivazione e, quindi, può diventare oggetto di un ricorso.

 
Fucile uso venatorio e rimedi contro il diniego

Chiaro che di fronte ad un rigetto di questo tipo, l’interessato non ha altro rimedio che rivolgersi alla magistratura amministrativa e chiedere giustizia.
Infatti non comprende per quale motivo oggi abbia ricevuto il no dal Questore, quando invece tutte le sue cause passate si sono chiuse positivamente con sentenze di assoluzione.
Impostato dunque il ricorso e presentato al tribunale amministrativo, si mette in attesa del responso.
 

Diniego della Questura e sentenza del Tar

Secondo la magistratura, non è corretto che di una persona si dia un giudizio di inaffidabilità semplicemente basandosi sull’esistenza di vecchie denunce.
Una valutazione di questo tipo appare superficiale, in quanto non considera gli sviluppi di quei processi e, soprattutto, non valorizza la complessiva personalità del richiedente.

In definitiva, possiamo dire che rispetto una presa di posizione come quella del questore, una sentenza che possa dirsi equa e ben strutturata toccherà certamente questi punti:

a) l’amministrazione deve valutare i fatti autonomamente rispetto alle vicende penali, ma deve approfondire l’evoluzione e la conclusione di quelle vicende passate,
b) deve rendere conto dell’istruttoria che ha svolto,
c) deve valorizzare la condotta attuale della persona,
d) deve permettere a questa persona di potersi difendere in ogni singola fase del procedimento amministrativo.



Avv. Francesco Pandolfi
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com

 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.78.206
Aggiungi un commento  Annulla 

Cerca nel Blog
Lista dei Blog