Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
Mensile
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov6


06/11/2018 16.35 

 
La storia che mi appresto a raccontarvi, oltre a sembrare davvero incredibile, è una piacevole conferma che le persone di cuore, pur se diventate rarissime, esistono ancora! Che nonostante il degrado generale, la maleducazione incalzante e la crisi economica, ci sono ancora delle brave persone che sono disposte a tutto pur di aiutare le persone in difficoltà anche se appena conosciute, senza farsi alcun problema. Ma dobbiamo cominciare dall’inizio perché il racconto è piuttosto lungo e direi davvero avventuroso.

Per la quarta volta avevo deciso di ritornare in Bielorussia per cacciare l’alce perché mi ero trovato davvero molto bene e tutto era pronto per partire, quando mi arrivò una notizia inaspettata quanto una doccia fredda: Alvaro, l’amico che avrebbe dovuto accompagnarmi nella spedizione, purtroppo non avrebbe potuto più venire a causa di seri problemi familiari. Ammetto di esserci rimasto molto male, ma capisco che nella vita queste cose sono da mettere in conto, e per fortuna non avevamo mandato l’acconto ed Alex, il mio referente bielorusso, che fu molto comprensivo e con il quale ci ripromettemmo di vederci l'anno successivo. Ma comunque, la mia tanto agognata vacanza d’inizio autunno era ormai saltata. Poi, parlandone con il mio amico ungherese Làszlò, le cose cominciarono a migliorare. Làszlò, compresa la mia frustrazione e il mio disagio, mi propose di cacciare con lui il cervo a Bak, un piccolo paesino situato poco oltre il confine sloveno il cui territorio è particolarmente vocato per cacciare i grandi maschi pannonici. Un grosso problema da risolvere sarebbe stato quello di come raggiungerlo. Ormai di andare a caccia in Ungheria in aereo non se ne parlava nemmeno. Costi troppo alti e burocrazia insostenibile per quanto riguarda il trasporto delle armi. Così, sempre grazie alla tenacia del grande Làszlò e alla profonda amicizia che ci lega, riuscimmo a trovare un passaggio da una coppia di arcieri di Bologna che erano intenzionati a guadagnarsi dei grandi trofei con l’arma più antica e tradizionale del mondo. Per l’alce, visto che avrei dovuto prendere per forza l’aereo, avevo ricontrollato la taratura della mia Blaser R 93 Professional calibro 300 Winchester Magnum, molto pratica e compatta, così decisi di partire con quella. Raggiunsi la bellissima città emiliana in poco più di tre ore, poi ebbi il piacere di conoscere Francesco e Valerio, quelli che “credevo” sarebbero stati i miei compagni di avventura per alcuni giorni. Invece, come giungemmo a destinazione, ebbi subito due piccole e diciamo anche un pochino spiacevoli, notizie… Venni a sapere che Francesco, Valerio e Làszlò avrebbero cacciato insieme in una riserva, mentre io in un’altra, distante parecchi chilometri, quindi sarei stato completamente da solo! Inoltre, i miei due nuovi amici innocentemente mi confidarono che si sarebbero fermati “almeno” per una settimana!
 


Anche se ho i capelli bianchi e di battaglie ne ho combattute davvero tante nella mia vita, a sentir quelle parole ebbi comunque uno sbandamento, un attimo di panico. Non era quello che avevo previsto. In Italia avevo lasciato mia moglie da sola con una casa grande, sette cani da accudire e diversi impegni di lavoro. Comunque oramai ero in gioco e per il momento decisi di non pensarci e di godermi la vacanza, di concentrarmi su una delle cacce più belle in assoluto, quella al cervo in bramito durante il periodo degli amori. Come volevasi dimostrare, venni a sapere che Francesco e Valerio avrebbero dedicato il primo giorno di vacanza per ricontrollare i loro archi, mentre io, il mattino seguente alle cinque in punto, ero già a bordo della Ford Ranger di Giulày, la guida che mi avrebbe accompagnato per tutta la durata della spedizione. La caccia al cervo al bramito è al contempo semplice e complicata. Al mattino si pratica cerca, aspetto, cerca, mentre la sera solo l’aspetto.

Partimmo con i fari spenti e percorremmo sentieri diversi appena visibili all’interno della foresta. Io e Giulày, dopo aver fatto poche centinaia di metri, parcheggiammo, scendemmo e silenziosissimi raggiungemmo e salimmo sopra ad una prima altana. Era sempre molto buio, ma qualche ombra, se ci fosse stata, sarebbe stato possibile individuarla. Sostammo in silenzio per una decina di minuti, poi scendemmo e riprendemmo la cerca. Ogni cento–duecento metri salivamo sopra ad una altana, aspettavamo un po’, poi ne scendevamo e così via… Ma quando giungemmo alla quarta, ormai era giorno fatto… Giulày aveva un’espressione un pochino afflitta, mentre io ero completamente appagato, perché stavo praticando una caccia meravigliosa in un ambiente da fiaba! Da quell’altana avevo una visuale fantastica su di un’ampia e intricatissima radura. Dall’alto non era possibile rendersi conto dell’altezza che potevano raggiungere le felci, le ortiche, i rovi e le piante di tamarici. Giulày lavorava prevalentemente con l’udito, ma a me piace più binocolare. In lontananza sentimmo bramire due, forse tre cervi, ma non riuscimmo ad avvistare niente. Alle nove eravamo già alla casa di caccia a fare una tipica colazione ungherese. Trascorsi il giorno a bighellonare e a rivedere vecchi film al computer, poi alle cinque del pomeriggio io e Giulày partimmo di nuovo.

Raggiungemmo un’ altana a ridosso di una foresta primordiale per attendere che i selvatici ne uscissero per andare a sfamarsi nei prati o in uno degli immensi campi di granoturco (cucorizza come lo chiamano i magiari!) che avevamo alle spalle. Trascorsero alcune ore tediose finché non ci fu più luce a sufficienza per poter tirare e poi ce ne andammo. Il giorno dopo, dall’alba al tramonto fu praticamente la fotocopia di quello precedente. Sentimmo bramire alcuni cervi, ma di maschi adulti a tiro neanche l’ombra. Il mattino del terzo giorno invece la caccia prese subito la svolta giusta. C’era stato un repentino calo della temperatura che doveva aver accentuato il bramito. Infatti, i cervi che sentimmo sfidarsi nella bruma mattutina erano almeno sei o sette.
Come ci fu luce a sufficienza Giulày mi indicò una grossa sagoma scura a circa centosettanta–centottanta metri ed un’altra molto più distante. Erano due giovani cervi che si sfidavano, ma con poco impegno. Comunque non c’interessavano perché nessuno dei due aveva le caratteristiche che desideravamo. Scendemmo dall’altana e silenziosissimi ne raggiungemmo un’altra distante poco lontano. Questa si affacciava su un immenso mare di cannucce, talmente fitte da sembrare impenetrabili. Il mare vegetale era tramezzato da stradoni larghi pochi metri che il cacciatore avrebbe dovuto sfruttare per poter tirare ai selvatici semmai avessero deciso di attraversarli. Dato che conoscevo già questa tecnica di caccia decisi di prepararmi. Armai il cursore - cane della Blaser, misi il correttore di parallasse del mio  2,5 – 15 x 56 a duecento metri, gli ingrandimenti a 10 e mi preparai al tiro. Giulày controllava il territorio ritmicamente come la luce di un faro da destra a sinistra e viceversa incessantemente e ad un tratto sussurrò: “Hirsch”! indicandomi delle piccole sagome rossicce che stavano attraversando uno stradone molto in lontananza. Impugnai subito l'8 x 48 HD che avevo al collo, lanciai l’impulso laser e nel display mi comparve il numero 285. Così zoommai il cannocchiale a 15 ingrandimenti e cercai di mantenere stabile la R 93 sopra ad una misera, traballante tavoletta messa di traverso.
 
 

Direttamente attraverso le limpide lenti del mio cannocchiale, vidi sfilare un piccolo trenino di femmine ed infine apparve anche un bel maschio, adulto, ma non eccessivamente grande. Giulày stimò subito il trofeo tra i cinque e i sei chilogrammi, proprio quello che stavamo cercando. Purtroppo il maschio non si presentava a “cartolina” ma quasi di culo. Così aspettai che si mettesse almeno di tre quarti prima di posizionargli il reticolo in modo da poterlo colpire d’infilata, una decina di centimetri sotto il filo schiena. Controllai che l’arma fosse sufficientemente ferma ed infine sparai. Il rinculo e l’appoggio precario m’impedirono di vedere l’esito del colpo, ma Giulày mi confermò che era andato a segno bene e che il cervo aveva accusato vistosamente il colpo. Era fatta! Aspettammo pazienti una decina di minuti, poi raccogliemmo le nostre cose ed andammo sull’Anshuss a controllare. Non si arrivava mai! Ipotizzai che la distanza fosse sensibilmente maggiore di quella stimata, comunque il gioco ormai era fatto.

Giunti dove speravamo di trovare il cervo morto avvistammo invece solo grosse tracce di sangue. Il selvatico colpito s’era infilato in quel mare di cannucce e trovarlo sarebbe stato tutt’altro che facile. Lo cercammo per una cinquantina di metri ma senza esito. Così chiesi alla mia guida di andare a cercare un buon cane da sangue. Giulày mi rispose in ungherese, anche un po’ scorbuticamente, tanto che fui costretto a telefonare a Làszlò per farmi tradurre cosa mi stava dicendo. Làszlò, che non finirà mai di stupirmi per la sua grandissima professionalità, prima si complimentò con me per l’abbattimento, poi disse che Giulày sosteneva che non sarebbe stato possibile cercare il cervo ferito con un cane, perché il bramito era ancora molto forte e non andava disturbato a discapito degli altri cacciatori che sarebbero venuti dopo di me. Avete capito? Quella notizia fu una novità anche per me che pratico quella caccia da qualche decennio! Calmati gli animi, sia Giulày sia Làszlò mi dissero di non preoccuparmi che il trofeo me lo avrebbero fatto avere comunque. Farlo avere a me? Magari un mese dopo? A me che preferisco di gran lunga conservare gelosamente dieci foto piuttosto che un cranio appeso al muro? Mi dovetti rassegnare perchè, tutto sommato, era stata mia la colpa. Avevo usato la Blaser 300 WM con munizioni Original Brenneke con palla TUG da 181 grani, invece della mia solita Steyr Mannlicher cal. 8 x 68 con palle Nosler Partition da 200 grani, che in passato non mi aveva mai tradito. Mi riproposi che non è mai salutare cambiare le buone abitudini! Ma la vita insegna, va presa per quello che è, e come disse qualcuno: le situazioni non sono mai nere o bianche ma una serie infinita di sfumature di grigio.

Raggiunsi la casa di caccia molto giù di morale, anche se ero sicuro del mio tiro e dell’efficacia della munizione utilizzata. Con un buon cane da sangue avremmo trovato il cervo facilmente, ma se le direttive erano quelle, allora dovevano essere rispettate. Mi feci una lunghissima doccia bollente poi cominciai a preparare i bagagli. Cercai di vedere il fatto positivamente. Dato che il mio cervo l’avevo comunque abbattuto, avrei almeno potuto raggiungere i miei amici bolognesi per stare in compagnia. Ma fu proprio quando pensai agli arcieri che fui ripreso dal panico, lo stesso che mi aveva afflitto qualche giorno prima. Era appena martedì mattina e Francesco e Valerio erano intenzionati a rimanere “almeno” fino alla domenica succerssiva, se non addirittura oltre. Permettetemi di confidarvelo, sono sempre stato un guerriero! Sicuramente anche avventato, incosciente, ma posso garantirvi che non mi ha mai spaventato niente e nessuno. Sono stato persino in Kyrgyzstan per oltre 25 giorni da solo a dormire in una grotta, quindi avrebbe potuto mai preoccuparmi una situazione simile?
 

Finii di fare i bagagli, smontai la Blaser e la misi nel borsone, poi telefonai a Làszlò pregandolo di venirmi a prendere. Quando mi raggiunse, sempre con suo sorriso schietto e cordiale, lo informai su quali fossero le mie intenzioni. Lo ringraziai dell’invito, della bella vacanza trascorsa ed infine lo pregai di portarmi alla stazione dei treni più vicina. L’amico ungherese comprese la mia situazione e non fece commenti, mi accompagnò volentieri alla stazione dei treni di Zalaegerszeg dove ebbe inizio la vera avventura! Neanche a farlo apposta, un provvidenziale treno per Lubiana sarebbe partito da lì a venti minuti. Facemmo veloci il biglietto, ci salutammo abbracciandoci, poi raggiunsi il binario giusto. Il treno arrivò puntuale ed era quasi completamente vuoto. M’impossessai di un intero scompartimento utilizzando tutte le prese elettriche presenti per ricaricare i cellulari e il PC portatile, indispensabile almeno quanto l’arma, quando si va a caccia all’estero. Mi sistemai comodo e riguardai qualche episodio della vecchia serie televisiva “Ho sposato uno Sbirro”. Ero talmente stanco e preso dalla simpatica Fiction che quasi non mi accorsi di essere arrivato nella capitale slovena. Raccolsi in fretta le mie cose e scesi dal treno. Erano le diciassette ed un piccolo passo verso casa era stato fatto. Non mangiavo dalla sera precedente così sentii il bisogno di nutrirmi. Acquistai un paio di panini e due bottigliette d’acqua in stazione poi andai alla ricerca di un treno per l’Italia. Uno qualsiasi che mi avrebbe avvicinato a Bologna dove avevo lasciato la mia BMW.

La bigliettaia fu molto gentile, ma riuscì ugualmente a spezzarmi il cuore. Il primo treno per l’Italia, e più precisamente per Trieste, non sarebbe partito prima delle nove del mattino seguente. M’imposi di rimanere calmo e ragionevole. Così mangiai e feci il punto della situazione. Dovevo farmi venire un’altra idea. Nel Nord-Est dell’Italia ho pochi amici, se non nessuno, ma mi vennero in mente alcuni conoscenti. Mi ricordai che un certo Gabriele di San Daniele del Friuli con cui avevo interloquito per una battuta al  cinghiale da noi in Maremma, perché non telefonargli? Rispose al secondo squillo con un entusiasmo e una disponibilità che non mi avrebbero riservato neanche mio figlio e mia moglie. “Marco come stai? Non vedo l’ora che arrivi dicembre per poterci conoscere di persona”. “Caro Gabriele, temo che forse dovremo conoscerci un po’ prima”, gli risposi, raccontandogli dall’inizio cosa mi era successo e dov’ero in quel momento. Fu come se stessi parlando con il mio migliore amico, con il classico “Tranquillo siano qui noi!”, invece che con una persona mai vista e conosciuta. Gabriele s’offrì addirittura di venirmi a prendere a Lubiana, ma dopo essermi guardato intorno, declinai l’offerta perché mi era venuta un’altra delle mie geniali idee. Ci riproponemmo di tenerci aggiornati, poi passai all’azione. Fuori della stazione di Lubiana era tutto un brulicare di persone, di taxi e… di autobus. Cercai un passante che parlasse italiano e gli chiesi se in zona fosse possibile trovare un autobus che andasse in Italia o almeno in quella direzione. Mi rispose di si e che forse ne sarebbe partito uno verso le 21-22 di sera. Alla biglietteria me lo confermarono così comunicai i nuovi sviluppi all’amico Gabriele, ancora incredulo sulla fortuna che avevo avuto a conoscerlo. Lui, senza scomporsi di una virgola, pronunciò soltanto una breve frase, senza se e senza ma. “Ti aspetto a Trieste. Vieni quando vuoi, io non ho fretta!”.

Devo confidarvi che la cosa mi commosse e non poco, per non parlare poi di quel che seguì… Arrivai alla stazione di Trieste che era mezzanotte, con la speranza di trovare un minimo di conforto e una coincidenza per Bologna quando invece… Come scesi dal comodo Bus, mi sentii chiamare. “Marco? Ben arrivato! Forza, carichiamo i bagagli in macchina e andiamo a casa mia. Mia moglie Dorotea ci aspetta, ha già preparato la cena e un letto per te. Domattina, dopo che ti sarai riposato, ti ci porto io a Bologna altrimenti a cosa servono gli amici?”.

A sentir pronunciare quelle parole mi vennero gli occhi lucidi! Per una volta in vita mia ebbi la conferma che gli angeli esistono davvero. Si, perché quello che avevo davanti non era una persona reale, ma l’Arcangelo Gabriele! Salii in macchina quasi in trance e durante il tragitto verso casa parlammo all’infinito di caccia, delle nostre famiglie, di politica e rievocammo persino di quando entrambi eravamo sotto Naja. Giunti nella sua splendida casa, l’accoglienza fu calorosissima e totale. Mangiai di gusto tutte le prelibatezze che Dorotea ci aveva preparato, poi mi coricai ripensando a quell’incredibile giornata! Che avventura! Altro che la caccia al cervo. Bellissima, certo, ma vista e rivista! Il mattino seguente ci svegliammo verso le sette, facemmo un ricca colazione poi impostammo il navigatore e, in men che non si dica, giungemmo a Bologna. Eravamo talmente felici di goderci la reciproca compagnia, che quando ci apprestammo a lasciarci fu quasi doloroso. Ci salutammo ripromettendoci di vederci in dicembre per cacciare insieme il cinghiale nei boschi di Capalbio, con una forte emozione nel cuore.

Ecco, questa è la fedele cronaca di una spedizione in terra magiara iniziata bene e finita ancora meglio, durante la quale ho avuto il piacere di conoscere nuove persone, visitare nuove zone, apprendere nuove tradizioni venatorie e trovare un nuovo, grandissimo amico di nome Gabriele, proprio come l’Arcangelo! Spero solo d’avere in futuro l’occasione di poter ricambiare tanta disponibilità e tanta cortesia. Per ora altro non saprei dire se non.. Grazie ancora di tutto Gabriele, a te e alla tua cara moglie. Non so come avrei fatto senza il Vostro prezioso aiuto.

Un caro abbraccio, Marco!


Marco Benecchi
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.78.224
Aggiungi un commento  Annulla 

12 commenti finora...

Re: Caccia al cervo in Ungheria: l'arcangelo Gabriele!

Sono Cacciatore, figlio di cacciatore e nipote di cacciatore.
Praticamente credo che in tutte le generazioni trascorse ho sempre avuto almeno un cacciatore in famiglia, ma
MAI mi è stato raccontato quello che ho visto questa mattina con i miei occhi.

E ve lo voglio raccontare perché la vicenda ha davvero dell'incredibile e mi farebbe piacere sapere se un fatto simile è potuto capitare anche a qualcuno di voi.

Tutte le mattine, indipendente se vado a caccia o meno (quasi sempre....)
Vado in campagna dove ho un piccolo appezzamento di terreno (circa un ettaro) a governare i mie cani

In campagna ho una casetta, un ricovero attrezzi, una piccola officina, più o meno tre - quattro canili e... un pollaio con circa una ventina di galline da uova...
Fin qua tutto regolare..
Nella norma!
Solo che il mio terreno confina proprio con il bosco...
Potrei praticamente cacciare a 20 mt dai canili e quindi dal.... pollaio...
Tanto che quando faccio uscire i cani devo mettergli il satellitare BS Planet....

Questa mattina sono andato di buon ora a dar da mangiare ai miei cani, perché ho anche una JAGD TERRIER con 7 cuccioli,
E quando sono andato a sistemare quelli che ho "adiacenti" al canile,
li ho trovati tutti contenti che stavano giocando con..

una VOLPE morta!!!!!!!

Da non credere..
Ora le cose sono due:
O era una volpe suicida che ha deciso di farla finita entrando nella fossa dei leoni, perché due Jagd Terrier sono più o meno la stessa cosa
Oppure la "furbacchiona" di notte e sotto vento deve aver fatto male i suoi calcoli scalando la rete del canile molto più bassa e pratica di quella del pollaio............

Ma gli ha detto male!

Questo è quanto...

Mi è sembrato davvero un fatto MOLTO insolito

Saluti
Marco

da Marco benecchi x TUTTI GLI AMICI  14/11/2018 18.53

Re: Caccia al cervo in Ungheria: l'arcangelo Gabriele!

Ciao Marco,

è un pò che non ci sentiamo, ma visto che stiamo parlando di angeli, avrei bisogno anch'io
di un aiuto da parte tua.
Posseggo un Khales multizero del quale ho perso la chiavetta di regolazione multikey.
Credo che ora della Khales se ne occupi la swarovski come pezzi di ricambio in Italia.
Non riuscendo ad ottenere risultati presso le armerie della mia zona, ti chiedo se potresti con le
tue conoscenze, indicarmi a chi posso rivolgermi per avere una nuova multikey.
Grazie in anticipo per quanto potrai fare.
Fabio

da grillo parlante  14/11/2018 7.25

Re: Caccia al cervo in Ungheria: l'arcangelo Gabriele!

Marco è tutto vero non hai deviato niente,
lo sai anche io ho i capelli bianchi e ne ho di licenze
per gli amici cacciatori sono sempre disponibile
un saluto e un abbraccio
Gabriele

da gabriele  07/11/2018 19.38

Re: Caccia al cervo in Ungheria: l'arcangelo Gabriele!

Sei l'Eroe del racconto

Un grande abbraccio
Marco


NB almeno puoi confermare se ho "deviato" di una virgola dalla realtà dei fatti..............

da Marco B x Gabriele  07/11/2018 19.02

Re: Caccia al cervo in Ungheria: l'arcangelo Gabriele!

Guarda,
una buona 170 - 175 grani in 7 mm RM non ha niente da invidiare ad una 180 tirata da un 300 WM.
Ho VISTO CON I MIEI OCCHI abbattere un alce di 600 kg da 150 mt con una Vulcan Norma da 170 grani
Come grossi cervi (ed un orso!) con le Partition da 175............
Le energie erogate sono più o meno le stesse,
Non è che 4 decimi sul diametro di differenza siano poi molti 7,2mm il 7 mm RM e 7,62 il 300

E' ovvio che scegliendo certe granature anche le palle devono avere una certa consistenza!

Non la vedrei adatta una Hollow Point di peso superiore ai 150 grani come anche una Nosler Ballistic Tip o similare...

Buona
M

da Marco B x Andrea  07/11/2018 19.00

Re: Caccia al cervo in Ungheria: l'arcangelo Gabriele!

Ciao Marco, sono Gabriele magari fossi arcangelo,
comunque saluti e a presto.
G.

da gabriele  07/11/2018 18.53

Re: Caccia al cervo in Ungheria: l'arcangelo Gabriele!

Verissimo, Marco. Ma non solo per il sinistro e non solo in Ungheria.

da bansberia  07/11/2018 17.45

Re: Caccia al cervo in Ungheria: l'arcangelo Gabriele!

Ciao Marco. Bel racconto, e bella fortuna avere amici tanto disponibili (io al massimo ti ho portato un paio di panini a Valdichiana...). Comunque il calibro c'entra poco. Ti devo far avere il filmato del mio cervo ungherese, tirato con un 300 Winchester Magnum a circa 270 metri, da un'altana come quelle da te descritte. Dopo lo sparo si vede il cervo partire di corsa, e mentre il guardia mi dice "repetiert" o qualcosa del genere, insomma che dovevo sparare nuovamente, l'animale crolla dopo trenta o quaranta metri. Non voglio dire che sono stato più bravo, ma che la palla (una EVO, che so bene non ti entusiasma) ha lavorato ottimamente, e il calibro è stato più che sufficiente. Ammetto che il cervo era in una radura vastissima, al pulito, ma sono convinto che - dati i pochi metri percorsi dopo essere stato colpito - si sarebbe ritrovato anche nel folto

da Filippo 53  07/11/2018 17.43

Re: Caccia al cervo in Ungheria: l'arcangelo Gabriele!

In quel caso un BUON CANE e la voglia di fare...
Sarebbero ritornati utili.
Il cervo NON è stato ritrovato,
Almeno fino ad oggi
Laszlo mi ha confidato che ne trovano molti durante le battute invernali, ma a quel punto addio trofeo,
Che tutto sommato non era neanche eccezionale.....

Il discorso dei "troppi feriti" durante la caccia al cervo è la scarsa accuratezza di tiro dalle altane ungheresi oltre i 150-200 metri...
Provare per credere.

Io ho fatto cervi con abbattimenti NETTISSIMI sul posto (ma con l'8 x 68...)
da 180 - 200 - 240 - 265 mt, ma sempre stando in terra col bipiede

Le altane ungheresi fatte di tavole sono tremende e non offrono MAI l'appoggio per il gomito debole

Saluti
M

da Marco B x Little e Bansberia  07/11/2018 17.21

Re: Caccia al cervo in Ungheria: l'arcangelo Gabriele!

In questo caso una termocamera (se la temperatura non è troppo elevata) poteva tornare utile!

da Little John  07/11/2018 16.59

Re: Caccia al cervo in Ungheria: l'arcangelo Gabriele!

Un bel racconto e una bella amicizia. Ma il cervo è stato trovato?
IBAL

da bansberia x marco  07/11/2018 10.02

Re: Caccia al cervo in Ungheria: l'arcangelo Gabriele!

Ciao Marco, bellissimo racconto, come sempre.
La caccia è passione e valori, a differenza di quanto gli anticaccia professano.
Bisognerebbe insistere su questo.
Una curiosità, secondo te in 7rm, quale è la munizione che più si avvicina agli effetti ed alla potenza della Uni da 181 gr in 300 wm?
Con stima
Andrea

da Andrea  07/11/2018 8.22
Cerca nel Blog
Lista dei Blog