Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
Mensile
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ott26


26/10/2018 15.04 

 
Per prima cosa permettetemi di ricordare che di professione faccio... diciamo il cacciatore! Più precisamente il cacciatore di cinghiali in battuta ed anche nelle altre forme di caccia come la girata, la cerca e l’aspetto. Posso garantirvi o giurarvi che tutto quello che scrivo e/o dico è frutto della mia sola ed esclusiva esperienza personale. Non ho mai scopiazzato siti stranieri né colleghi italiani, perché oltre a non essere corretto non sarebbe neanche logico. A dir la verità di cinghiali non ne ho abbattuti tantissimi, credo di non essere ancora arrivato a cinquecento, ma una discreta pratica in materia, credetemi, penso di essermela fatta. Ora, scherzi a parte, ricordo di aver scritto il mio primo articolo sulle armi e sui calibri che "io" ritenevo (e che ritengo tuttora!) più adatti alla caccia al Re incontrastato dei boschi italiani, almeno una venticinquina d’anni fa. Oggi qualcosa è cambiato, ma solo piccoli dettagli tecnico-balistici perché i cinghiali, come gli uomini, sono sempre gli stessi ed anche i calibri e le armi hanno i loro limiti. I selvatici sono un po’ più incavolati per la siccità e per il ritorno in grande stile del lupo, mentre i cacciatori sono sicuramente meglio equipaggiati e più preparati, almeno teoricamente, di come erano una volta. Mio padre e mio nonno cacciavano con i fucili calibro 12 caricati a pallettoni terzarole, oggi invece io impugno express e carabine dotati di collimatori elettronici d’ultima generazione. Il mondo è in continua evoluzione.



Ora vediamo quali sono le armi migliori per cacciare con successo il cinghiale e do per scontato se usate sempre in buone mani. E’ doveroso iniziare con l’arma rigata per antonomasia: la carabina con otturatore scorrevole girevole. Se ben bilanciata e dotata di un idoneo sistema di puntamento, che può essere di tipo metallico, ottico o elettronico, può tranquillamente essere usata anche per la caccia in battuta, ma considerando che non tiriamo di solito ad un cinghiale tutte le volte che andiamo a caccia, quando ci si presenta l’occasione di avere un incontro faccia a faccia con il “Re” è bene avere tra le mani un’arma che possa offrire una chance in più. Perché neanche le famose “Staight Pull” sono in grado di garantire una velocità di ripetizione tale da poter doppiare un cinghiale “al salto della Carrareccia”. I film western visti in gioventù ci hanno lasciato una voglia morbosa di possedere un Winchester a leva e, perché no, di poterlo utilizzare a caccia, ma come già detto per le bolt, anche le armi a leva non sono molto veloci e per il loro utilizzo necessitano di tantissimo allenamento. Esistono anche alcune carabine con funzionamento a pompa camerate in un calibro sufficiente per cacciare il cinghiale, ma non credo che in Italia abbiano molti estimatori.

Le armi basculanti, express o combinate, invece possono essere impiegate per ogni forma di caccia al cinghiale, compreso l’aspetto, dato che ultimamente, anche grazie ai nuovi sistemi di attacchi per l’ottica (splendidi quelli ideati dai fratelli Alessandro e Andrea Contessa di Marcheno-BS), è diventato abbastanza economico corredare l’arma con un cannocchiale. Il combinato può essere utilizzato come un Express, a patto di caricare la canna liscia (rigorosamente cal. 12), con una palla di buona fattura e leggermente sottocalibrata, perché di solito è a strozzatura piena. Nel drilling possiamo permetterci di caricare una delle due canne lisce anche a “settimarole”, per un ipotetico utilizzo sulla volpe.

 
Gli Express stanno conoscendo una seconda giovinezza, non c’è ditta costruttrice di armi basculanti che non abbia in catalogo almeno un modello di Express, spesso sovrapposto ma anche giustapposto. Indiscutibilmente sono armi che hanno un fascino romantico e, ultimamente, sparano tutte piuttosto bene. Queste armi, oltre a consentire una velocissima ripetizione del colpo, se dotate di estrattori automatici, consentono anche una veloce ricarica delle due canne, indispensabile quando si ha la fortuna di aver messo in movimento un bel branco di cinghiali. Per lo stesso motivo sconsiglio quegli Express (tra i più costosi) che, in fase di apertura-chiusura, inseriscono la sicura automaticamente. Ma ovviamente l’arma che ritengo d’elezione per la caccia al cinghiale è la carabina a ripetizione semiautomatica.

Quando nel lontano 1976 acquistai la Browning Bar in cal. 270 W c’era poco da scegliere sul mercato; solo la Remington con il modello 742 e la Ruger 44 magnum costituivano la concorrenza; giravano anche qualche Winchester mod. 100 e delle rarissime Harrington e Richardson in cal. 308 , ma si contavano sulle dita di una mano. Oggigiorno i costruttori di carabine semiautomatiche da caccia sono tanti, e a molti verrebbe da chiedersi: quali sono le migliori? Le più affidabili? Le più diffuse? Personalmente ho un debole per le Heckler & Koch 770 K calibro 308, ma amo anche cacciare con le Browning BAR e con le Benelli ARGO Compact Black, ma in commercio ce ne sono molte altre. Come le Winchester, le Sauer, le Merkel, le Valmet, le Verney & Carron, le Voere, le Izhmash, e altre ancora. Ognuna di esse ha i suoi pregi e i suoi difetti che non stiamo qui ad elencare, per rispetto verso le une e le altre. Lascio a voi la scelta secondo i rispettivi gusti personali ed esigenze, tenendo sempre presenti le caratteristiche tecniche di ogni singolo modello. Posso soltanto dirvi come “dovrebbe essere”, secondo me, una valida carabina semiautomatica per la caccia al cinghiale in battuta.
 

Affidabile e precisa, maneggevole (max 510 mm di lunghezza canna per 3.500 gr di peso), discretamente bilanciata (purtroppo nessuna lo potrà mai essere del tutto), adattabile al fisico del tiratore tramite calcioli e pieghe supplementari. Deve avere degli organi di mira funzionali (mezza bindella o tacca aperta, tassativamente di tipo regolabile e con i riporti colorati in fibra ottica), un caricatore amovibile di facile sostituzione, ottimo optional anche il cut-off – hold open, che ci avvisa quando l’arma è scarica. E’ bene che abbia anche uno scatto decente e che sia predisposta per un comodo montaggio degli attacchi per l’ottica, sia tradizionale sia elettronica olografica o a Red Dot. Poi, visto che anche l’occhio vuole la sua parte, pretendere delle buone finiture sia interne sia esterne, bei legni con piacevoli e crimpabili zigrini, comode magliette portacinghia ed anche una leggera incisione, non mi sembra che sia chiedere troppo. Purtroppo non posso permettermi di elogiare alcune marche a discapito di altre, ma anche i meno esperti si renderanno certamente conto che il prezzo di un prodotto in sè per sè è sufficiente a determinarne la qualità.

Una carabina semiautomatica per essere definita “da caccia” non è sufficiente che spari più colpi in rapida successione senza incepparsi e che sappia frantumare bottiglie e pietre. Deve essere precisa, con gli organi di mira ben acquisibili e sapientemente tarati, giustamente proporzionata come pesi e dimensioni (ergonomia) e possibilmente dovrebbe venire “abbastanza bene” alla spalla.

Ed ora eccoci arrivati al più spinoso tra i dilemmi che affliggono i cacciatori italiani: qual è o quali sono i migliori calibri per la caccia al cinghiale? Personalmente ho abbattuto diversi cinghiali con il 243 Winchester, ma non per questo lo ritengo il calibro ideale, specialmente per i grossi solenghi, ma mi sembra doveroso cercare di chiarire le idee a chi ha voglia di ascoltarmi. I calibri che c’interessano e che vengono camerati nelle moderne carabine semiautomatiche vanno dal 243 W al 9,3 x 62. A questo punto mi permetto di esprimere il mio personale giudizio sul calibro che ritengo “veramente” ideale per la caccia al cinghiale: il 308 Winchester, perché ha soltanto pregi e nessun difetto, ma ce ne sono di simili che possono svolgere egregiamente il lavoro assegnatogli. Visto che stiamo trattando di Armi e Calibri per la caccia al cinghiale e non solo per la battuta, dobbiamo partire dalla famiglia di grandi calibri 6,5 mm-264”.
 
 
Per l’impiego che ne dobbiamo fare, la scelta si limita al 6,5x57 R in armi combinate. Con una palla originale RW KS da 127 grani, ho visto fare di tutto dal muflone al cervo rosso, senza che mai ci sia stato bisogno di un secondo colpo. Che dire poi del grandissimo, strausato 270 Winchester, di cui abbiamo elogiato sempre le innumerevoli doti balistiche? Personalmente l’ho impiegato molto sul cinghiale, apprezzando il suo ridotto rinculo e l’ottima resa terminale. Con le palle da 150 grani ha sempre una penetrazione eccessiva, quindi è bene usare le 130 grani. Non ho mai potuto provare direttamente le 140 grani, ma sulla carta credo che siano molto valide. Arrivati ai 7 mm, metterei subito il 7 mm. R.M. come limite massimo perché, considerando le normali distanze di tiro e la mole media di un cinghiale, la sua potenza è quasi esagerata. Rimangono il 7x57 R. e il 7x65R. che useremo senza riserve in armi basculanti, utilizzando palle intorno ai 160 grani. Poi c’è il 280 Remington (ribattezzato 7 mm Remington Express), che userà chi ancora possiede una vecchia Woodmaster 742, e il suo gemello europeo: il grandissimo 7 x 64 Brenneke, ambedue ottimi sotto tutti i punti di vista. Anche il 284 Winchester camerato, nell’omonima carabina modello 100 non è male, l’ho visto spesso in azione, impiegando con profitto la palla da 150 grani, facendomi innamorare non poco del binomio arma-cartuccia.

Infine i calibri .30-7,62 mm, i signori indiscussi della caccia al cinghiale in battuta e non solo. Tratterò il 308 W e il 30.06 Springfield sullo stesso piano dato che, impiegando le stesse palle, hanno un divario velocitario mediamente di soli 20-30 m/sec. Entrambi i calibri vengono caricati con palle di peso variabile, dai 110 ai 220 grani, ma per “tutti i cinghiali” così includo anche il carpatico, una buona palla, magari costruita con tecnologia Bonded ad espansione precoce controllata, da 150 grani spinta a oltre 900 m/sec., è sufficiente per risolvere qualsiasi situazione si possa presentare cacciando l’irsuto. Questa granatura di palle è quella che preferisco e che uso maggiormente perché da cinquant’anni ho abbracciato la filosofia del “leggero e veloce”. Chi invece preferisce il “pesante e lento”, allora può usare palle di peso superiore, almeno fino ai 180 grani, ma non maggiori. Mi sembra doveroso completare la ristretta rosa dei calibri adatti, e soprattutto sperimentati, per la caccia al cinghiale, ricordando e raccomandando due calibri per armi basculanti: l’8x57 JRS e il 9,3x74 R. L’otto millimetri in combinato o express è la scelta migliore in assoluto, il meglio di sé lo da con munizioni ricaricate con palle da 150-170 grani. Il 9,3x74 R è un calibro esuberante per il cinghiale, ma possiamo appena promuoverlo in qualità di primo calibro per cameratura in Express.
 

Per ultimo ho lasciato gli amanti delle Alte Prestazioni, se così vogliamo chiamarli. Quelli che credono di riuscire a prendere più capi dei loro colleghi perché scelgono di usare calibri più idonei ad un safari africano che alla caccia ai cinghialotti maremmani. Ecco che vedi impugnate delle carabine bolt action e, peggio ancora, delle semiautomatiche camerate in calibri come il 300 WM, il 338 WM e il 9,3 x 62 Bock. Cerchiamo di capirci: io non ho MAI detto che non sono ottimi calibri per la caccia al cinghiale all’aspetto e in battuta, ho invece sempre sostenuto e continuerò a farlo, che semplicemente NON SERVONO. Tutta quella potenza a volte è più dannosa che utile, almeno su capi fino ai 120-130 kg di peso, che in diverse occasioni ho abbattuto tranquillamente con il 243! Qualcuno sostiene a spada tratta che questi calibri “non fanno feriti” o ancora “come colpiscono un cinghiale lo fulminano sul posto”. E lo credo bene! Sono stati concepiti per selvatici di svariati quintali di peso tirati a lunga distanza. Ma cosa credete che una moderna palla calibro 30 da 150–165 grani sparata da un modesto (si fa per dire) 308 o 30.06 BEN PIAZZATA non sia in grado di abbattere pulitamente qualsiasi cinghiale? Su internet e nei video in commercio spopola il “biondino” della Aimpoint che fa strage di cinghiali nei boschi di tutta Europa. Sappiamo tutti che è un nobile tedesco che di mestiere fa solo quello, ma nulla toglie che sia davvero un tiratore eccezionale. Per chi non lo sapesse, usa delle carabine bolt action in prevalenza calibro 270 Winchester e 7 x 64 Brenneke.

Vorrei concludere ricordando che non è MAI né il calibro né il peso della palla quel che conta per garantire un abbattimento corretto e pulito, quanto la FOGGIA del proiettile e dove viene indirizzato il colpo. Quindi, consiglio ogive di concezione moderna, magari anche Monolitiche (per chi è obbligato ad usare munizioni atossiche) ad alta frangibilità. Proiettili che cominciano a lavorare subito appena colpiscono il bersaglio. Ricordate che una buona combinazione calibro–peso palla–struttura è quella che ferma sul posto un cinghiale di piccole dimensioni colpito male, cosiddetto “impanciato”, mentre sui grossi capi, date retta a me, tutti i calibri con qualsiasi tipo di palla vanno bene, perché trovano molto materiale dove poter scaricare la loro esuberante energia.
 

Ho allegato alcune foto di cinghiali, sia vecchie sia nuove, che ricordano i miei abbattimenti più importanti.

Come…..

Il cinghiali più grosso in Battuta, il più grande all’aspetto, quello che mi ha caricato e le volte che ne ho abbattuti parecchi in un solo giorno!

Marco Benecchi
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.62.62
Aggiungi un commento  Annulla 

12 commenti finora...

Re: Armi e calibri per la caccia al cinghiale

Scusami ma sono abituato a dare del “lei” a tutte le persone che non conosco e soprattutto a quelle con più esperienza di me. Sai, avendo solo 19 anni non faccio fatica a trovare persone con più esperienza

da LucaGualt x MB  07/11/2018 9.38

Re: Armi e calibri per la caccia al cinghiale

Scusami ma sono abituato a dare del “lei” a tutte le persone che non conosco e soprattutto a quelle con più esperienza di me. Sai, avendo solo 19 anni non faccio fatica a trovare persone con più esperienza

da LucaGualt x MB  07/11/2018 8.18

Re: Armi e calibri per la caccia al cinghiale

Se continui a darmi del lei litighiamo prima ancora di conoscerci meglio
Ma scherziamo?????

CERTO che ricarico le BT da 165 grani nel 30.06
Come d'altronde tutte le munizioni che sparto, dal 222 al 470 Nitro

Vorresti sapere la dose?
Di solito bossoli FEDERAL e 59 grani di polvere VHT N 160

Come forse ti ho già accennato, uso la N 140 nel 30.06 solo fino a palle da 150 grani (52 grani)

Ora tieniti forte....
Le Ballistic Tip da 165 grani le ho caricate anche nei 300 Short e WM e devo dirti che come
Tritacarne erano perfette..................

Saluti
Marco

da Marco B x Luca Gualt  07/11/2018 6.34

Re: Armi e calibri per la caccia al cinghiale

Lei Marco come ricarica le bt da 165?

da LucaGualt x MB  06/11/2018 17.51

Re: Armi e calibri per la caccia al cinghiale

Per chi magari è curioso di conoscere calibri e munizioni degli abbattimenti in foto
il PRIMO è il mio record in battuta 156 kg così come è in foto, intero
UN SOLO COLPO di 308 palla SST da 150 grani spalla collo
Il SECONDO mi ha letteralmente caricato
Mi è venuto addosso a bocca aperta gli ho tirato di punta 5-6-7 colpi,
Non ricordo!!!! Comunque Ballistic Tip e TIG tutte da 150 grani 308!
IL TERZO il mio record all'aspetto
168 kg con... 375 HH Magnum..
Ma ero giovane..............
La QUARTA FOTO mi ritrae col mio record in battuta 7 cinghiali con 9 colpi in 15-20 secondi o forse meno
30.06 alternate avevo Hornady SST, da 150 grani Nosler Ballistic Tip da 165 e TIG da 150
La QUINTA FOTO è una coppia di verri 85 - 90 KG tirati all'aspetto con 7 MM rm da 140 e 168 MT PALLA NOSLER PARTITION da 160 grani

Per abbattere i cinghiali ritratti nelle altre foto ho sempre usato alternate SST, Ballistic Tip e TIG ora ID Classic da 150 grani (le BT spesso anche da 165 che nelle mie BAR sono davvero MOLTO precise!)

Tutto qua
M

da Marco B x TUTTI gli amici  06/11/2018 10.56

Re: Armi e calibri per la caccia al cinghiale

Cos'è il 9'3x62?? Ma non si usava in Africa? Ci sono bufali in provincia di Siena? Dai su... lasciatemi sfogare un po'.. Ovviamente sto scherzando.. ma non sai quello che mi sono sentito dire in armeria quando ho ritirato la carabina.. Risatine..commenti da un sapientone che a voce alta commentava il mio acquisto dicendo che al secondo cinghiale andato via ferito avrei riportato la carabina in armeria e avrei comprato un 338 come aveva fatto lui che i cinghiali li ammazza davvero.. Etc etc.. Vabbè.. Chiedo scusa x l'ironia ma Caro Marco, ti rispondo così.. preferisco usare una arma di 3'1kg che ha il rinculo di un cal. 28 e che ti fa doppiare il colpo con facilità rispetto a una di quasi 4kg che picchia più forte.. È la finiamo qui va' che è meglio... Grazie ancora Maestro!
P. S. Nel fitto avrei qualche vantaggio a usare una Partition rispetto alla Hornady da'' quattro soldi'' secondo un altro '' espertone'' che ho usato ieri?

da Alle60 x MB  06/11/2018 10.48

Re: Armi e calibri per la caccia al cinghiale

Nulla da dire sui suoi trattati Marco, sempre un piacere leggerli. Caccio con il 30-06 e ho avuto la fortuna di avere una risposta dal signor Benecchi, anche se non completa, tramite mail. Ovviamente ho seguito fin da subito i suoi consigli e nel caricatore ho sempre le bellissime ballistic tip da 165 grani. Le ho caricate con la n140 invece che con polveri un po’ più lente, come da lei suggeritemi, per riuscire ad avere migliori prestazioni dalla canna da 47. Che dire.. per ora tre cinghiali arrivati e tre morti. 👍🏼👍🏼

da LucaGualt  06/11/2018 8.49

Re: Armi e calibri per la caccia al cinghiale

Sono felicissimo per il tuo bell'esordio con la nuova BAR 308,
Vedrai che anche in seguito non ti deluderà...

Piccolo intervento critico - ironico.
Pensi che con un 9,3 x 62 il tuo cinghiale lo avresti abbattuto meglio??????????????????????

Un caro saluto
M

da Marco B x Alle 60  06/11/2018 6.07

Re: Armi e calibri per la caccia al cinghiale

Un saluto a MB e a Tutti Voi. Ieri in terra Senese battesimo venatorio della '' piccola'' Traquer in 308 w. Scrofa di 70 kg in piena corsa. Cartuccia ricaricata con ricetta MB con N135 43 gn e palla Hornady Spire point Interlock da 150 gn. Primo colpo basso alla zampa anteriore con vistoso inciampo e rallentamento della preda. Secondo colpo alla spalla risolutivo. La palla è uscita dalla ascella opposta con danni notevolissimi agli organi interni del torace.
Ringraziando ancora il Maestro Benecchi, auguro a Tutti un grande IBAL

da Alle60 x MB  05/11/2018 13.08

Re: Armi e calibri per la caccia al cinghiale

Per chi volesse vedere in azione le palle HASLER ARIETE caricate nel calibro 308 Winchester sui grandi cervi ungheresi...
Può vedere il mio ultimo filmato su you tube

Saluti
Marco

da Marco B x Tutti  01/11/2018 11.43

Re: Armi e calibri per la caccia al cinghiale

Credo che la N 135 sia la più indicata per il 308 W, specialmente in canna corta...
E' davvero un ottimo propellente per questo calibro,
Dalla vivacità giusta!
Io gli preferisco la N 140 perché la uso anche per molti altri calibri, per comodità logistica, ma semmai decidessi di caricare SOLO il 308, la scelta cadrebbe sulla 135.
Con questa dose 43 grani tondi per la solita palla da 150 grani!
Innesci LR Standard,
Non farti venire idee strane ad usare i Bench Rest in una carabina a canna corta da battuta!

Saluti
M

da Marco B x Alle60  29/10/2018 7.05

Re: Armi e calibri per la caccia al cinghiale

Apro questo post augurando a tutti un grande IBAL e sperando che non ci siano più incidenti come quelli riportati dalle cronache nei giorni scorsi. La prudenza è la cosa più importante in questa nostra passione affinché rimanga fonte di emozioni positive e non si trasformi in una tragedia per la propria e altrui famiglia. Detto questo i aggiorno sulle mie prove con la mia nuova BAR TRAQUER 308w.Risolto il problema inceppamento.. Imbracciando meglio! Circa la precisione sto nei 5 cm di diametro ai 50 m con Red dot. Le munizioni usate sono state Rws TiG, Winchester Extreme Point, ricaricate come da suggerimento di MB con N140 46 gn e palla Sierra PH, tutte rigorosamente da 150gn. Chiedo solo se qualcuno ha esperienza di ricarica con polvere N135 data la canna da 18,5''.
Ringrazio per l' aiuto e i suggerimenti.

da Alle60  26/10/2018 23.53
Cerca nel Blog
Lista dei Blog