HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Contributi statali agli animalisti: nuova interrogazione al Senato La Camera inizia l'esame sul Decreto 91 con le modifiche alla 157/92 Fitarco, no alla caccia. Risponde Aica "sport e caccia stiano separati" I caprioli devastano le vigne, stop a ideologie anticaccia Siena: imperversa la polemica Marche, calendario in linea con le aspettative dei cacciatori Parte campagna CCT "Con noi la caccia cambia musica" Bruzzone: in Liguria subito nuovo calendario legge Piacenza: nel nuovo calendario venatorio novità per la lepre Arcicaccia e Fidc Siena rispondono alle accuse di Anlc GIOVANI MEMORIE, Daniele Pedranghelu "Ultima giornata di caccia" Calendario venatorio Abruzzo, proposta unitaria delle associazioni venatorie Umbria, Cavu e Enci: "caccia con l’arco, scelta diversa ma non meno etica" Calendario venatorio Liguria 2014 - 2015: censura Tar su tre punti Renata Briano al PD: "su caccia evitare derive demagogiche" Cecchini difende caccia con l'arco: approvata da Ispra e prevista dalla 157/92 FOLLA DI CACCIATORI PRESIDIA LA SEDE EX INFS DELL'ISPRA Bruzzone a Ozzano Emilia (BO) per la protesta contro ISPRA Pistoia: al via prelievo non conservativo del capriolo Al figlio di Di Pietro la delega caccia in Molise Sottosegretario Pizzetti: su nutrie colmato vuoto normativo Il Decreto 91 ottiene la fiducia al Senato, il testo va alla Camera Inadempienze Ispra, arriva la risposta all'interrogazione della Lega In Senato Cirinnà si commuove per i richiami vivi Siena: approvato calendario venatorio 2014 - 2015 Anuu: sui richiami vivi ha prevalso il buonsenso Brambilla: testo su richiami e nutrie non diventi legge Umbria: lunedì 28 riunione consulta faunistico venatoria Richiami vivi, ancora bugie per screditare i cacciatori Senatori PD: nessuna barbarie, su richiami vivi e caccia troppa ideologia Associazioni venatorie e Cncn: la caccia italiana correttamente europea A Schio (VI) gremita l'assemblea ACV Confavi Lega Nord: inaccettabile testo al Senato sui richiami vivi SCONFITTI GLI ANIMALISTI SUI RICHIAMI VIVI In Umbria caccia di selezione anche con l'arco Siena: Arcicaccia e Fidc si ritirano dagli ATC A Brescia colloquio obbligatorio per le guardie volontarie Calendario venatorio Sardegna: è negativo il parere Ispra Emilia Romagna: calano danni ungulati grazie alla caccia Corte Costituzionale su legge Campania: illegittimo calendario venatorio triennale Richiami vivi: necessaria riformulazione dell'articolo 16 Pistoia: convegni Arcicaccia su caccia al capanno e cinghiale La Confederazione Cacciatori Toscani a confronto Amiche BigHunter: Marina Lamprecht “in Namibia caccia è conservazione” Orgoglio Venatorio: lunedì 28 presidio Ispra a Ozzano dell'Emilia Richiami vivi: il decreto andrà in Senato il 24 luglio Fidc Toscana in assemblea: traguardi positivi e nuovi obbiettivi A Recoaro Terme l'assemblea “Cosa succede alla caccia?” Calendario venatorio Lazio: la delusione di Arcicaccia Fidc: "dall'UE pronuncia storica sui calendari venatori italiani" Commissione Ue a Zanoni: la caccia italiana è conforme alle norme Ue

News Caccia

Cani: obbligo microchip e iscrizione all'anagrafe


venerdì 8 agosto 2008
    

È stata emanata il 6 agosto dal sottosegretario alla Salute Francesca Martini un'ordinanza urgente che stimola Regioni e Comuni italiani a mettersi in regola con l'obbligo di registrare tutti i cani ad un'apposita anagrafe e marchiarli con microchip identificativi. Un provvedimento utile anche contro gli abbandoni che avvengono sistematicamente ogni estate: una registrazione capillare permetterebbe infatti di rintracciare i proprietari dei cani abbandonati e li inchioderebbe alle loro responsabilità. L'applicazione del microchip deve essere fatta da veterinari pubblici competenti per territorio o libero professionisti abilitati ad accedere all'anagrafe canina regionale, ai proprietari viene rilasciato un certificato di iscrizione che ne attesta la proprietà. Spetta ai comuni l'obbligo di registrare all'anagrafe tutti i cani randagi rinvenuti ed ospitati nei canili convenzionati e dotare le Polizie locali  di dispositivi per la lettura di microchip. L'ordinanza sottolinea anche il divieto di vendita dei cuccioli di età inferiore a 2 mesi e di cani non identificati e registrati: è al di sopra dei due mesi di età infatti che il microchip diventa obbligatorio. Entro 90 giorni dall'entrata in vigore dell'ordinanza il ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali definirà, con un provvedimento da sancire in sede di Conferenza Stato-Regioni, le modalità per assicurare l'interoperatività tra la banca dati canina nazionale e le anagrafi canine regionali. Lo stesso provvedimento individuerà un unico documento di identificazione e registrazione dei cani, che dovrà essere adottato in sostituzione della certificazione attuale.

(Ansa)

Leggi tutte le News

Leggi tutte le news

0 commenti finora...