HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Amiche BigHunter: Marina Lamprecht “in Namibia caccia è conservazione” Orgoglio Venatorio: lunedì 28 presidio Ispra a Ozzano dell'Emilia Richiami vivi: il decreto andrà in Senato il 24 luglio Fidc Toscana in assemblea: traguardi positivi e nuovi obbiettivi Calendario venatorio Lazio: la delusione di Arcicaccia A Recoaro Terme l'assemblea “Cosa succede alla caccia?” Al Senato in queste ore si decide sull’uso dei “richiami vivi” Anuu Lombardia all'Assessore Fava: "passi dalle parole ai fatti" Bertacchi ai Senatori: "falsi gli allarmi sui richiami vivi dagli animalisti" Stival al Governo: "modificare decreto per risolvere procedura su richiami vivi" Richiami vivi, due pesi due misure? CCT: bene deroga Toscana a storno e piccione Pantani Sicilia: illegittima legge su Parchi e riserve naturali Governo conferma legge Toscana demanio e uso civico I cacciatori in difesa dell’ibis eremita L’animalismo che vuole condizionare il Paese Appello Cpa al Senato: sui richiami l'Italia segua l'esempio di Strasburgo Rolfi si appella a Maroni "convochi gli Stati generali della caccia” Caccia in deroga a storno e piccione: come e dove in Toscana Lega Nord: su richiami vivi si mantenga testo della Legge europea Richiami vivi: per ora nessuna modifica Orgoglio venatorio: tutti a Ozzano Emilia lunedì 28 luglio 2014 Pubblicato testo calendario venatorio Lazio 2014 - 2015 Richiami vivi: è scontro nelle commissioni al Senato CRAVET: bene Calendario toscano, ma di caccia si occupi solo la Regione Emilia Romagna: ok a caccia in deroga a storno e piccione Assemblea cacciatori a Sarzana su calendario venatorio e ricorso Calendario venatorio Lazio 2014 - 2015: le anticipazioni Commissioni riunite su richiami vivi: dal PD segnali positivi Calendario venatorio Marche: si caccia dal primo settembre all'11 febbraio Lav si mobilita per "Cip e Ciop": no a decreto su specie invasive Anuu Migratoristi: ferma posizione delle associazioni su richiami vivi Miss Mondiali perde ingaggio da modella per una foto di caccia Richiami vivi, pressing al Senato anche da Pecoraro Scanio Salvadori incontra i cacciatori a Monteriggioni (SI) Conversione Decreto 91: il Senato pubblica gli emendamenti Richiami vivi: Caretta invita in Parlamento a votare contro Associazioni venatorie umbre: accentrare gestione caccia Benevento: convenzione Atc e Agronomi a tutela della biodiversità Fidc: "dall'UE pronuncia storica sui calendari venatori italiani" Commissione Ue a Zanoni: la caccia italiana è conforme alle norme Ue

News Caccia

Cani: obbligo microchip e iscrizione all'anagrafe


venerdì 8 agosto 2008
    

È stata emanata il 6 agosto dal sottosegretario alla Salute Francesca Martini un'ordinanza urgente che stimola Regioni e Comuni italiani a mettersi in regola con l'obbligo di registrare tutti i cani ad un'apposita anagrafe e marchiarli con microchip identificativi. Un provvedimento utile anche contro gli abbandoni che avvengono sistematicamente ogni estate: una registrazione capillare permetterebbe infatti di rintracciare i proprietari dei cani abbandonati e li inchioderebbe alle loro responsabilità. L'applicazione del microchip deve essere fatta da veterinari pubblici competenti per territorio o libero professionisti abilitati ad accedere all'anagrafe canina regionale, ai proprietari viene rilasciato un certificato di iscrizione che ne attesta la proprietà. Spetta ai comuni l'obbligo di registrare all'anagrafe tutti i cani randagi rinvenuti ed ospitati nei canili convenzionati e dotare le Polizie locali  di dispositivi per la lettura di microchip. L'ordinanza sottolinea anche il divieto di vendita dei cuccioli di età inferiore a 2 mesi e di cani non identificati e registrati: è al di sopra dei due mesi di età infatti che il microchip diventa obbligatorio. Entro 90 giorni dall'entrata in vigore dell'ordinanza il ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali definirà, con un provvedimento da sancire in sede di Conferenza Stato-Regioni, le modalità per assicurare l'interoperatività tra la banca dati canina nazionale e le anagrafi canine regionali. Lo stesso provvedimento individuerà un unico documento di identificazione e registrazione dei cani, che dovrà essere adottato in sostituzione della certificazione attuale.

(Ansa)

Leggi tutte le News

Leggi tutte le news

0 commenti finora...