Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
storie di caccia e cinofilia
mag10


10/05/2021 8.49 

Sono cresciuta in campagna e da me andavano a caccia tutti, dal bisnonno allo zio, mio padre, i suoi amici.

Era naturale vedere selvaggina, dai tordi, ai colombacci, alle lepri, ai fagiani; ai tempi dell’infanzia c’erano ancora le starne, poi scomparse in pochi anni, vuoi per l’inquinamento, vuoi per la mancanza e per la modifica dei territori.

Nonno Dante era un lepraiolo. Ricordo le imprecazioni quando il segugio Bill non tornava… ero molto piccola, ma ricordo bene quel cane dalle orecchie lunghe, esile e veloce, dall’abbaio insistente che si avvertiva in lontananza. Ricordo il mio nonnino con la doppietta in spalla, con gli occhi lucidi quando trovava le pasture… diceva – Vedi queste sono le cacche della lepre, queste sono della femmina -. Poi guardava il cielo e diceva…- Eh, le lepri vanno veloce, ma il cane le trova sempre e io le frego, sono più svelto di loro. Poi facciamo fare le tagliatelle alla nonna Eva…quelle sì che sono buone. Quando non c’era niente da mangiare, partivo la mattina e dovevo trovare qualcosa, per la famiglia. Eravamo contadini e il cappone si poteva uccidere solo a Natale, il resto era per il fattore e per i padroni. Le lepri e le starne qui ci sono sempre state, poi qualche erba buona nei campi e facevamo Natale con quello che si trovava. La natura dà sempre tutto, ma bisogna rispettarla. Per esempio Michelina, “i lepri” se hanno da figliare, tocca aspettare, e a marzo qualche uccello inizia a fare il nido. Infatti adesso a marzo a caccia non ci mandano più e fanno bene, perché molti cacciatori nuovi ste cose non le sanno”.

Io ascoltavo e comprendevo il rispetto per “le stagioni” dei vari animali e cresceva in me la voglia di imparare. Delle quaglie, invece, mi parlava sempre il nonno Delelmo, nonno di mio padre, classe 1900. Ero bambina e stavamo ore in cima alla vigna a parlare. Era già anziano, ma la furbizia di sguardi e gesti non l’ha mai persa. Pipa o toscano in bocca, maglietta della salute in estate, maglia di lana fina e cappello in inverno, era uomo dei tempi che furono, di parola, quella che chiamava “una scrittura”.

Aveva un “quaglierino” fatto da lui con un osso di mucca e la pelle nera, non so di quale animale, ma con quello chiamava le quaglie.  - Vedi, tordina del nonno - diceva - questo lo facciamo cantare come i fagianini, sì perché le quaglie sono come dei fagiani piccoli, o delle piccole galline, però loro arrivano dall’Africa come le rondini e vengono da noi per fare il nido, perché laggiù diventa un caldo infernale e invece qui da noi trovano da mangiare e da fare i figli e sono tranquille e poi rivanno via-.

I racconti erano semplici e il linguaggio poco forbito, ma tutto ciò ha contribuito ad accendere in me la curiosità per questi animali ed ho scoperto, nella semplicità delle persone della mia vita, abitudini di molti animali, oltre che i loro habitat. Nonni e bisnonni erano tutti contadini, avevano la cultura della terra e per ogni stagione sapevano quale animale sarebbe arrivato o andato via. Conoscevano nidi, specie, seppur in dialetto, mi insegnavano ciò che poi avrei approfondito da grande.

Nonno Dante era anche fissato per il passo delle palombe nel mese di ottobre, e già a 8 o 9 anni, qualche volta con la sua vespa, mi portava al palchetto. Per me era un divertimento salire sopra la quercia. Dovevo stare attenta a non farmi vedere quando i colombacci arrivavano dal mare, e col “battecco “ mandava via i volantini da richiamo. Mi spiegava cosa mangiavano e dove andavano a “svernare” e che no, non erano piccioni, e che nella padella con le cipolline erano squisiti. In effetti aveva ragione, li cucino ancora così ed anche nel ragù non sono niente male.

Grazie ai nonni, ho imparato ad apprezzare tutta la cacciagione: mi ricordo come in un sogno, me in piedi su una seggiolina, al tavolo dei bisnonni, che mi facevano assaggiare gli uccellini, e mi davano il petto, il fegatino, il cuoricino.... Erano altri tempi, tempi lontani, ma bagaglio della mia personale esperienza ed umanità. Forse proprio a quella tavola, davanti al camino, su quella piccola seggiolina, ho imparato umiltà e generosità. In fondo, basta poco per fare felice un bambino, e certi ricordi segnano per sempre la vita di ognuno. Quello di cui il mondo odierno avrebbe bisogno: la condivisione di certe esperienze e il rimetterle in pratica.

Essendo nata femmina, non ebbi il privilegio di essere introdotta alla caccia in modo “naturale”, come se fossi nata maschio! Dovetti crescere, per prendere la licenza, ma gli insegnamenti naturali di nonni e bisnonni mi hanno aperto la strada alla conoscenza, alla voglia di sapere. Quando cammino per le montagne, o in riva ad un lago, osservo attentamente, come facevano loro, piste sul terreno, rimesse, tracce, escrementi, nidi, penne, voli di uccelli, tutto ciò che si muove, consapevole di ciò che ho appreso sin dall’infanzia, sempre pronta a imparare cose nuove, perché mai si finisce di imparare, soprattutto da Madre Natura.



Michela Pacassoni
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Your email:
(Optional) Email used only to show Gravatar.
Your website:
Titolo:
Commento:


108.162.219.66
Aggiungi un commento  Annulla 

1 commenti finora...

Re: Sapere assoluto

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare i blog, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare gli argomenti proposti, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le nuove regole:
1 commentare solo l'argomento proposto.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.

da Redazione BigHunter.it  14/05/2021 10.54
 
Blog_List
 
Blog_Archive
Archivio
<ottobre 2021>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007